Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Thu, 13 Aug 2020 02:11:42 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/924/1 Take it off. Nuovo video contro l'omofobia lanciato al Perugia Pride Village 2014 Mon, 30 Jun 2014 12:59:02 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/323244.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/323244.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
Take it off come togliersela; togliersi la maschera dell’omofobia e ancor più quella maschera di indifferenza che da troppo tempo ormai ha messo in standby le problematiche del bullismo omofobico e del mancato riconoscimento di diritti civili alla comunità LGBT.
Indifferenza  verso tematiche che per ancora molte persone non sono abbastanza urgenti o degne di attenzione e rispetto. 

In un ritmato e intenso video di 6 minuti, i ragazzi del Gruppo Giovani Omphalos mettono in scena una marcia verso una meta agognata: maggior rispetto, maggiore sensibilità  e soprattutto maggiore consapevolezza. 

#TAKEITOFF è anche l’hashtag che accompagnerà la promozione del video e con il quale l’associazione invita tutti a condividerlo sui social network.

Link al video: http://youtu.be/hiEWo-OOmt0

Per info sulle attività  e campagne dell’associazione è possibile visitare www.omphalospg.it


]]>
CORSO CAVOUR E BORGO XX GIUGNO SI TINGONO DI ARCOBALENO Tue, 24 Jun 2014 09:50:57 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/322546.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/322546.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
ASPETTANDO IL PERUGIA PRIDE VILLAGE. CORSO CAVOUR E BORGO XX GIUGNO SI TINGONO DI ARCOBALENO

In occasione della Giornata Mondiale dell’Orgoglio LGBT (lesbico, gay, bisessuale e transessuale), che si celebra in tutto il mondo il 28 Giugno di ogni anno, oltre 500 bandierine arcobaleno sono state installate questa mattina a Perugia in Corso Cavour e Borgo XX Giugno. I filari colorati, che addobberanno lo storico quartiere perugino per una settimana, faranno da cornice alle iniziative del Perugia Pride Village 2014, che si terrà Sabato 28 e Domenica 29 Giugno ai Giardini del Frontone.

«La bandiera arcobaleno a sei colori - spiegano i co-presidenti di Omphalos Arcigay Arcilesbica, Patrizia Stefani e Emidio Albertini - rappresenta in tutto il mondo i colori della comunità LGBT (lesbica, gay, bisessuale e trans). Vederla sventolare in uno dei quartieri più importanti di Perugia è un segnale importante per le persone omosessuali e transessuali di questa città».

La giornata del “Pride” verrà celebrata in Italia in 13 grandi città (Torino, Milano, Venezia, Bologna, Perugia, Roma, Napoli, Alghero, Lecce, Reggio Calabria, Palermo, Catania e Siracusa) con manifestazioni ed eventi legati al tema dei diritti e dell’uguaglianza. Anche a Perugia, l’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica, la principale associazione umbra di promozione dei diritti e della cultura LGBT, si è impegnata nella realizzazione di un grande evento, il PERUGIA PRIDE VILLAGE, che dopo il successo della prima edizione, vuole continuare ad offrire alla cittadinanza uno spazio inclusivo dove socializzare, informarsi e divertirsi.

«La seconda edizione del Perugia Pride Village - continuano i co-presidenti dell’associazione - è una due giorni di eventi ed iniziative di carattere culturale e politico, che vedrà la partecipazione di oltre 30 associazioni del territorio perugino. L'iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Perugia e della Regione Umbria, offrirà alla città un programma ricco di attività, dibattiti, presentazioni di libri, film, spettacoli e musica».

A fare da anteprima all’apertura del Pride Village è anche in programma una “Notte Arcobaleno”, organizzata in collaborazione con il Distretto del Sale, che animerà le strade di Borgo Bello per tutta la notte di Venerdì 27 Giugno.

LA SS.VV. È INVITATA A PARTECIPARE ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL PERUGIA PRIDE VILLAGE CHE SI TERRÀ MERCOLEDÌ 25 GIUGNO ALLE ORE 11:30 PRESSO LA SALA DELLA PARTECIPAZIONE DI PALAZZO CESARONI.


Contatti:
Stefano Bucaioni, Ufficio Stampa Omphalos, tel. 3398508056
]]>
Conferenza Stampa di Presentazione del Perugia PRIDE Village 2014 Mon, 23 Jun 2014 17:40:35 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/322500.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/322500.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
Mercoledì 25 Giugno ore 11:30
Sala della Partecipazione di Palazzo Cesaroni a Perugia


L’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia (www.omphalospg.it), in occasione della Giornata Mondiale dell’Orgoglio LGBT (lesbico, gay, bisessuale e transessuale), che si celebra in tutto il mondo il 28 Giugno di ogni anno, ha organizzato per i giorni 28 e 29 Giugno 2014 presso i Giardini del Frontone la seconda edizione del Perugia Pride Village (www.perugiapride.it).

In Italia, quest’anno, la giornata del “Pride” verrà celebrata in 13 grandi città (Torino, Milano, Venezia, Bologna, Perugia, Roma, Napoli, Alghero, Lecce, Reggio Calabria, Palermo, Catania e Siracusa) con manifestazioni ed eventi legati al tema dei diritti e dell’uguaglianza. Anche a Perugia, l’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica, la principale associazione umbra di promozione dei diritti e della cultura LGBT, si è impegnata nella realizzazione di un grande evento, il PERUGIA PRIDE VILLAGE, che dopo il successo della prima edizione, vuole continuare ad offrire alla cittadinanza uno spazio inclusivo dove socializzare, informarsi e divertirsi. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di Perugia e della Regione Umbria.

Durante la conferenza stampa verranno illustrati gli obiettivi ed il programma della due giorni ed interverrà anche il portavoce della Coalizione Perugia Capitale Europea dei Giovani 2017, partner importante di questa edizione del Perugia Pride Village.

TUTTE LE REDAZIONI SONO INVITATE A PARTECIPARE


Contatti:
Stefano Bucaioni, Ufficio Stampa Omphalos, tel. 3398508056
]]>
Perugia per Tutti - documento politico Sun, 27 Apr 2014 13:02:23 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/316405.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/316405.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
-- CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE TRA I CANDIDATI IN LISTA AL COMUNE DI PERUGIA -- 

In occasione delle elezioni amministrative 2014 per il Comune di Perugia, Omphalos Arcigay Arcilesbica, associazione che da oltre vent’anni si occupa di rivendicare e tutelare i diritti delle persone e delle coppie LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali), chiede a tutti i candidati il proprio impegno a favore di politiche inclusive per riconoscere pari diritti e dignità alle persone e alle coppie LGBT.

In allegato il documento che vi chiediamo di sottoscrivere. Le adesioni possono essere inviate a perugiapertutti@omphalospg.it e saranno visibili su www.perugiapertutti.it.


Ufficio Stampa Omphalos
tel. 3398508056
]]>
PERUGIA IN FINALE PER CAPITALE EUROPEA DEI GIOVANI 2017 Wed, 23 Apr 2014 17:11:15 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/316162.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/316162.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
PERUGIA IN FINALE PER CAPITALE EUROPEA DEI GIOVANI 2017.
OMPHALOS: PREMIATA LA CONDIVISIONE E L’INTEGRAZIONE TRA LE DIVERSE REALTA’ GIOVANILI DELLA CITTA’

Omphalos Arcigay Arcilesbica esprime grande soddisfazione per l’ingresso di Perugia nella short-list delle 5 città finaliste nel percorso di candidatura per la Capitale Europea dei Giovani 2017. Un esempio concreto dei risultati che questa città può ottenere quando associazioni, istituzioni e società civile lavorano insieme verso un comune obiettivo.

L'associazione Omphalos, con il suo Gruppo Giovani, è stata sin dall'inizio in prima fila nella promozione di questo percorso verso il 2017, credendo fermamente nel valore della collaborazione tra realtà differenti. Sono infatti oltre 50 le associazioni perugine e umbre che hanno sottoscritto il patto di coalizione per supportare la candidatura e per la costituzione del primo Forum Regionale dei Giovani.

«Vogliamo fare di Perugia una città davvero libera per tutte e tutti �“ commenta Lorenzo Ermenegildi, responsabile del Gruppo Giovani Omphalos �“ uno spazio di condivisione e crescita culturale per le nuove generazioni nel segno dei diritti, dell'integrazione e della partecipazione sociale.»

«Perugia, nella sua dimensione di città media �“ conclude Ermenegildi �“ rappresenta da oltre 20 anni un esempio positivo di dialogo aperto e costruttivo tra le istituzioni e la comunità LGBT (lesbica, gay, bisessuale e transessuale). Sono fiducioso del fatto che questa nuova sfida possa rivelarsi una concreta possibilità di essere esempio per altre città nella direzione europeista di apertura ai diritti.»


Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel. 3398508056
]]>
CS - SENTINELLE IN PIEDI. OMPHALOS: SOLO UNA SCUSA PER CONTINUARE A DISCRIMINARCI Sat, 29 Mar 2014 17:44:09 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/313745.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/313745.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Comunicato Stampa - Perugia, 29 Marzo 2014

SENTINELLE IN PIEDI. OMPHALOS: SOLO UNA SCUSA PER CONTINUARE A DISCRIMINARCI


Questo pomeriggio si è svolta a Perugia la manifestazione delle Sentinelle in Piedi, un gruppo di clerico-fascisti reazionari che nascondendosi dietro la difesa della libertà d’espressione, alimenta pregiudizi contro le persone omosessuali e transessuali.


«Una manifestazione di stile fascista nei modi e nei contenuti – commenta Patrizia Stefani, co-presidente dell’Omphalos Arcigay Arcilesbica – non a caso in diverse piazze d’Italia questi eventi hanno visto la partecipazione della destra fanatica e dei movimenti integralisti religiosi, tutti uniti a favore del disprezzo e della discriminazione. Si nascondono dietro la difesa della libertà d’espressione, ma il loro intento, neanche troppo nascosto, è quello di combattere apertamente l’uguaglianza e il rispetto delle persone omosessuali e transessuali.»


La manifestazione, infatti, oltre ad essere faziosamente ed ideologicamente schierata con quanti fanno dei loro pregiudizi omo-transfobici una vera e propria battaglia contro la libera espressione delle individualità personali, risulta essere particolarmente fuorviante per chi vi assiste, per il messaggio apparentemente buonista che nasconde la reale volontà di bloccare il processo di uguaglianza in questo paese.


Si tenta di far passare il disegno di legge contro l’omofobia presentato dal Partito Democratico come un “bavaglio alla libertà di opinione”, quando invece la legge non fa alcun riferimento a limitazioni del libero pensiero, ma anzi, sin troppo chiaramente si rivolge ad azioni istiganti violenza nei confronti di persone omosessuali e transessuali. La legge Mancino-Reale, che il DDL vuole integrare, è molto chiara e precisa, e individua condotte che vanno ben al di là della semplice manifestazione di un'opinione. Infatti, essa punisce l'istigazione a commettere una discriminazione o una violenza, non mere opinioni, quand'anche esse esprimano un pregiudizio.


«Infine, per quanto riguarda la notizia della manifestazione data da alcuni quotidiani locali nei giorni scorsi – conclude il responsabile del Gruppo Giovani Lorenzo Ermenegildi – riteniamo che sia dovere dei mezzi d’informazione garantire l’esattezza delle notizie divulgate, al fine di evitare strumentalizzazioni dell’opinione pubblica e spiacevoli episodi d’incomprensione che contribuiscono al dilagare di atteggiamenti ostili alle persone LGBT (Lesbiche, gay, bisessuali, transessuali).»


Ufficio Stampa Omphalos Perugia

tel. 3398508056

]]>
CS - LEGGE REGIONALE CONTRO L'OMOFOBIA. OMPHALOS: UNA LEGGE DI CIVILTÀ CHE VA APPROVATA VELOCEMENTE Wed, 19 Mar 2014 12:15:55 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/312565.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/312565.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
Comunicato Stampa - Perugia, 19 Marzo 2014

LEGGE REGIONALE CONTRO L’OMOFOBIA. OMPHALOS: UNA LEGGE DI CIVILTÀ CHE VA APPROVATA VELOCEMENTE.

Questa mattina il gruppo consiliare del Partito Democratico ha presentato il disegno di legge regionale contro le discriminazioni e violenze per orientamento sessuale. La proposta di legge contiene importanti norme per la prevenzione ed il superamento delle discriminazioni e delle violenze verso persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. In particolare si prevedono interventi in ambito formativo, lavorativo, nella pubblica amministrazione, nella sanità, nonché nell’accesso ai servizi turistici e commerciali. Una legge che rimarca l’importanza della prevenzione e dell’informazione nella lotta all’omofobia e alla transfobia.

«Un segnale importante quello che arriva dal Partito Democratico dell’Umbria – commenta Patrizia Stefani, co-presidente di Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia - che va nella giusta direzione e contribuisce a far crescere una regione più inclusiva e attenta ai bisogni di tutti i suoi cittadini. A differenza della proposta di legge nazionale in discussione al Senato, che interviene sul codice civile prevedendo giuste sanzioni per comportamenti discriminatori, la legge regionale crea le basi per un importantissimo lavoro di prevenzione ed informazione sulle tematiche dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.»

La proposta di legge passa ora nelle mani della III Commissione, alla quale l’Omphalos chiede di procedere speditamente nella discussione, per portare la legge ad una rapida approvazione. L’Umbria è una delle poche regioni con uno Statuto avanzato in tema di diritti civili, è giunto il momento di trasformare i valori ed i buoni propositi in leggi e norme che permettano ai cittadini di questa regione, siano essi omosessuali o eterosessuali, di vivere meglio nel rispetto di tutte e tutti.

«Ci preme infine ricordare – conclude Emidio Albertini, co-presidente dell’associazione – che questo disegno di legge fu inizialmente proposto alla Regione direttamente dal Consiglio Comunale di Perugia, grazie al preziosissimo lavoro dell’allora Consigliera Comunale Maria Pia Serlupini. La legge rimase poi ferma nei cassetti della Regione per ben sei anni, fin quando l’altrettanto prezioso lavoro del Consigliere Regionale Manlio Mariotti, ha riportato il testo all’attenzione dell’Assemblea Regionale.»

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel. 3398508056
]]>
CS - LEGGE REGIONALE CONTRO L'OMOFOBIA. OMPHALOS: UNA LEGGE DI CIVILTÀ CHE VA APPROVATA VELOCEMENTE Wed, 19 Mar 2014 12:15:52 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/312564.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/312564.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
Comunicato Stampa - Perugia, 19 Marzo 2014

LEGGE REGIONALE CONTRO L’OMOFOBIA. OMPHALOS: UNA LEGGE DI CIVILTÀ CHE VA APPROVATA VELOCEMENTE.

Questa mattina il gruppo consiliare del Partito Democratico ha presentato il disegno di legge regionale contro le discriminazioni e violenze per orientamento sessuale. La proposta di legge contiene importanti norme per la prevenzione ed il superamento delle discriminazioni e delle violenze verso persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. In particolare si prevedono interventi in ambito formativo, lavorativo, nella pubblica amministrazione, nella sanità, nonché nell’accesso ai servizi turistici e commerciali. Una legge che rimarca l’importanza della prevenzione e dell’informazione nella lotta all’omofobia e alla transfobia.

«Un segnale importante quello che arriva dal Partito Democratico dell’Umbria – commenta Patrizia Stefani, co-presidente di Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia - che va nella giusta direzione e contribuisce a far crescere una regione più inclusiva e attenta ai bisogni di tutti i suoi cittadini. A differenza della proposta di legge nazionale in discussione al Senato, che interviene sul codice civile prevedendo giuste sanzioni per comportamenti discriminatori, la legge regionale crea le basi per un importantissimo lavoro di prevenzione ed informazione sulle tematiche dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.»

La proposta di legge passa ora nelle mani della III Commissione, alla quale l’Omphalos chiede di procedere speditamente nella discussione, per portare la legge ad una rapida approvazione. L’Umbria è una delle poche regioni con uno Statuto avanzato in tema di diritti civili, è giunto il momento di trasformare i valori ed i buoni propositi in leggi e norme che permettano ai cittadini di questa regione, siano essi omosessuali o eterosessuali, di vivere meglio nel rispetto di tutte e tutti.

«Ci preme infine ricordare – conclude Emidio Albertini, co-presidente dell’associazione – che questo disegno di legge fu inizialmente proposto alla Regione direttamente dal Consiglio Comunale di Perugia, grazie al preziosissimo lavoro dell’allora Consigliera Comunale Maria Pia Serlupini. La legge rimase poi ferma nei cassetti della Regione per ben sei anni, fin quando l’altrettanto prezioso lavoro del Consigliere Regionale Manlio Mariotti, ha riportato il testo all’attenzione dell’Assemblea Regionale.»

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel. 3398508056
]]>
Arcigay Omphalos in piazza a Perugia per tutti gli innamorati senza diritti Fri, 14 Feb 2014 09:22:06 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/308911.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/308911.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
SAN VALENTINO: ARCIGAY OMPHALOS IN PIAZZA A PERUGIA PER TUTTI GLI INNAMORATI SENZA DIRITTI

Come ogni anno l’Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia scende in piazza nel giorno di San Valentino per ricordare a tutti che in Italia ci sono ancora coppie di serie B. Il 14 Febbraio le coppie di tutto il mondo festeggiano il loro amore. Alcune non ne hanno il diritto.

“Siamo innamorati senza diritti, fidanzati senza promesse, sposi senza anelli. Vorremmo poter amare qualcuno come fa chiunque altro, senza doverne chiedere il permesso ad un Paese intero. Noi vogliamo quello che per tutti gli altri è un diritto scontato. “

L'appuntamento è per VENERDI' 14 FEBBRAIO dalle ore 17:00 in Piazza della Repubblica con il banchetto informativo e alle ore 19:00 in Piazza IV Novembre per il Flash-mob!

Le nostre richieste:
- il riconoscimento del matrimonio civile per le coppie formate da persone dello stesso sesso come sollecitato dalle sentenze 138/2010 della Corte Costituzionale e dalla 4184/2012 della Corte di Cassazione.
- il riconoscimento pubblico delle unioni civili, per coppie dello stesso sesso o di sesso diverso, attraverso una normativa differente da quella del matrimonio.
- un nuovo sistema di diritti di singoli in un’ottica di welfare individuale, per continuare a inventare differenti forme di relazione, reti affettive complesse e articolate, amori multiformi che lasciano spazio alla libera scelta e all’imprevisto.

Per le nostre famiglie e per i nostri figli vogliamo:
- l’estensione al partner o al genitore non biologico della co-responsabilità sul minore;
- l’estensione della possibilità di adozione alle coppie formate da persone dello stesso sesso o a persone singole;
- l’abolizione della Legge 40, definendo una nuova legge che permetta l’accesso alla procreazione assistita per singoli e coppie, anche dello stesso sesso.

C'è chi a San Valentino può chiedere anche solo un Bacio, noi dobbiamo ancora combattere per averne il diritto.

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel.3398508056
]]>
Comunicato Stampa - OMPHALOS PERUGIA ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE “Love is right” Fri, 06 Dec 2013 10:06:29 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/302496.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/302496.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
OMPHALOS PERUGIA ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE “Love is right” - Il 7 dicembre a Roma per i diritti di gay, lesbiche e trans

Visto lo stallo delle istanze LGBT nel dibattito politico italiano, aggravato dal silenzio delle istituzioni del nostro Paese dinanzi alle condotte anti-gay messe in campo in territori prossimi al nostro, numerose associazioni che compongono il movimento LGBT (Arcigay, Arcilesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, M.i.t., Associazione radicale “Certi diritti”, Equality Italia) hanno indetto per sabato 7 dicembre 2013 a partire dalle 15 una manifestazione nazionale a Roma, in piazza dei Santi Apostoli, dal titolo “Love is right”.

Da Perugia, l’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica parteciperà alla manifestazione con un autobus che porterà a Roma decine di persone che hanno a cuore la libertà, l’uguaglianza e i diritti civili. A fianco dell’Omphalos, parteciperà anche l’UDU (Unione degli Universitari) di Perugia, che da anni ha messo le tematiche LGBT al centro della propria azione di sindacato studentesco.

Le associazioni che compongono il movimento LGBT hanno scelto di scendere in piazza per rivendicare un sistema di leggi che garantisca le libertà, l’autodeterminazione, i diritti civili.

- Una reale estensione della legge Mancino che contrasti la discriminazione omofobica;
- Il matrimonio egualitario per le persone omosessuali;
- Altri istituti che tutelino le coppie di fatto lesbiche, gay ed etero;
- Riconoscimento e tutela della genitorialità omosessuale;
- Il cambio dei dati anagrafici senza l’obbligo di interventi di riattribuzione dei genitali per le persone transessuali;
- La riscrittura della legge 40;

La manifestazione verrà condotta sul palco da Vladimir Luxuria e vedrà alternarsi gli interventi dei rappresentanti delle associazioni, di volti noti del mondo dello spettacolo e di storie di vita e di diritti negati dalle voci di cittadini e cittadine gay, lesbiche e trans.

La partenza dell’autobus da Perugia è prevista per sabato mattina alle ore 9:30 da via Palermo, per poi rientrare per le 22 dello stesso giorno. La quota è di soli 10€ (a/r) e i pochi posti ancora disponibili possono essere prenotati contattando direttamente l’associazione via mail a info@omphalospg.it.


Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel.3398508056
]]>
VOLLEY INTERNAZIONALE NEL NOME DEI DIRITTI GAY Wed, 13 Nov 2013 15:42:00 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/299735.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/299735.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
Oltre 150 atleti da diversi Paesi europei per dire “no alla discriminazione”
VOLLEY INTERNAZIONALE NEL NOME DEI DIRITTI GAY
Tre giorni di pallavolo al Palaevangelisti organizzata dall'Omphalos Perugia


PERUGIA �“ “No alla discriminazione: sì allo sport e ai diritti gay”. E' questa la filosofia con cui viene annunciato dal 15 al 17 novembre prossimi al Palaevangelisti il “1st Volley Omphalos tournament Perugia”. Evento sportivo nazionale ed europeo a cui prenderanno parte venti squadre di pallavolo ed oltre 150 atleti, uniti dalla volontà di riaffermare i diritti della comunità gay, lesbica e trans italiana ed internazionale. Ad organizzare l'evento l'associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia, impegnata in tante attività socio-politico-culturali rivolte prevalentemente alla comunità omosessuale.

“Il 1st Volley Omphalos tournament Perugia �“ hanno spiegato gli organizzatori �“ è uno dei progetti promossi dall'associazione in ambito sportivo. Assieme ai tanti atleti è previsto l'arrivo di centinaia di supporter al seguito che rimarranno in città per questi tre giorni, seguendo la sfida a suon di schiacciate tra le numerose squadre partecipanti al torneo. Si tratta di un evento che intende ribadire la centralità del tema della parità di diritti della comunità omosessuale �“ è stato detto durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi alla sala Partecipazione di Palazzo Cesaroni �“ ma anche un importante appuntamento sportivo a vocazione nazionale ed internazionale”.

Per Emidio Albertini, copresidente di Omphalos, “a Perugia, dopo il successo del Pride Village, c'è un altro importante evento per la comunità LGBT umbra e per la città tutta: anche nel mondo dello sport c'è bisogno di sensibilizzazione verso le tematiche dell'omofobia e questo appuntamento va proprio in quella direzione”. A sottolineare “l'importante visibilità e sensibilizzazione dell'appuntamento per chi non ci considera solo polvere da nascondere sotto il tappeto” è Patrizia Stefani, copresidente Omphalos. Mentre Fabio Cappuccini, responsabile sportivo della squadra, ha spiegato come “momenti di aggregazione della comunità gay come questi sono di solito appannaggio esclusivo delle grandi città italiane ed europee, ma grazie allo sforzo dei volontari dell'associazione siamo riusciti ad organizzarlo a Perugia. Una città �“ ha concluso �“ dove si ritrova un forte radicamento delle associazioni LGBT”.

Gli atleti verranno accolti venerdì 15 dalle ore 19 con un drink di benvenuto presso il Caffè Ferrari. Il torneo vero e proprio si svolgerà nella giornata di sabato presso il Palaevangelisti (livello A\B+ e C) e presso il Palazzetto dello Sport di San Sisto (livello B-) dalle ore 9 alle ore 18, per poi proseguire al ristorante City di Città della Domenica per la cena e le premiazioni. Il sabato si concluderà poi con una serata speciale del Be Queer (l’appuntamento disco della comunità LGBT umbra) al Lido di Ponte San Giovanni. Nella giornata di domenica gli atleti avranno modo di visitare la città di Perugia e dintorni.

L'evento ha raccolto il patrocinio del Comune di Perugia, della Regione Umbria ed il sostegno di sponsor come Liomatic, SandraGioielleria e Be Queer.


Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel.3398508056
]]>
Conferenza Stampa di presentazione del 1st Omphalos Volley Tournment Perugia Mon, 11 Nov 2013 13:38:15 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/299394.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/299394.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia

1st OMPHALOS VOLLEY TOURNMENT PERUGIA


Mercoledì 13 novembre ore 11,30
Sala della Partecipazione di Palazzo Cesaroni a Perugia


L'associazione Arcigay Arcilesbica Omphalos di Perugia (www.omphalospg.it) ha organizzato per i giorni 15/16/17 novembre 2013 al Palasport Evangelisti di Perugia, il 1st Omphalos Volley Tournment Perugia.

Un appuntamento sportivo internazionale legato alla pallavolo, patrocinato dal Comune di Perugia e dalla Regione Umbria, che coinvolgerà circa 150 atleti provenienti dall'Italia e da diversi Paesi europei. Al centro la necessità di sensibilizzare le persone attorno ai temi della parità dei diritti della comunità omosessuale. Sono previste venti squadre di pallavolo della scena nazionale ed europea, unite dalla comune volontà di rimuovere gli ostacoli che tuttora la società, direttamente ed indirettamente, frappone ad una piena dignità del vivere gay.


TUTTE LE REDAZIONI SONO INVITATE A PARTECIPARE


Contatti:
Stefano Bucaioni, Ufficio Stampa Omphalos, tel. 3398508056
]]>
Comunicato Stampa - MISS TRANS UNIVERSO 2013 ELETTA DOMENICA A PERUGIA Fri, 25 Oct 2013 11:22:57 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/297592.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/297592.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
MISS TRANS UNIVERSO 2013 ELETTA DOMENICA A PERUGIA

Laviny Albuquerque, giovane brasiliana di 27 anni, è stata incoronata Miss Trans Universo 2013 durante il concorso di bellezza conclusosi la scorsa domenica a Perugia. La bionda Laviny, 1.77 91/65/89, è stata premiata da Nicole Fontanelli, vincitrice dell’edizione 2012. La cerimonia di premiazione, che ha visto la partecipazione di oltre quindici Miss provenienti da ogni angolo del mondo, si è svolta nella serata di Domenica 21 ottobre, presso il Teatro Bertolt Brecht di Perugia, con la presentazione di Francesco Lammardo e Caroline D'Lamark.

La nuova Miss Trans Universo, che nei suoi otto anni di carriera ha già vinto diversi altri titoli di bellezza, indossava per l’occasione un abito tipico e un abbagliante abito da sera della stilista Josie Marie. La coordinatrice dell’evento, Caroline D'Lamark, soddisfatta della riuscita del concorso e del risultato, dichiara: «Sono sicura che Laviny saprà onorare il titolo di Miss Trans Universo. La ragazza possiede una eleganza ineguagliabile.»

Le altre vincitrici della concorso sono: Rafaella Petronetto (Miss Simpatia), Isabella Viana (Miss Web), Attina Lima (Miglior abito da sera), Laviny Albuquerque (Miglior costume tipico), Beatrice Andrade (6° posto), Mariah Fernanda (5° posto), Attina Lima (4° posto), Aida Armani (3° posto), Isabella Viana (2° posto).

La giovane Miss Trans Universo, raggiunta dalle domande dell’ufficio stampa dell’Omphalos, risponde cosi:

Come ti senti sapendo che sei la più bella tra le belle? «Contenta e realizzata, mi sono preparata per un anno intero a questa giornata, perché l’anno scorso avevo raggiunto il secondo posto.»
Perché pensi di meritarti il titolo di Miss Trans Universo? «Per tutto, penso di avere tutte le caratteristiche che la giuria cercava e sono stata brava soprattutto nella rispondere alle domande che mi sono state fatte. Essere una miss non vuol dire solamente essere bella, devi avere tutte le caratteristiche giuste: bellezza esteriore e interiore, eleganza e anche intelligenza.»
Come ti sei preparata al concorso? «Con uno studio centrato sulla dieta, fitness, abiti, trucco, capelli e intraprendenza.»
Ora sarai la rappresentante della bellezza di tutte le transessuali. Senti il peso di questa corona? «Sono molto emozionata lo ammetto. Per me è un onore. Sarò degna e sempre presente, portando con eleganza e importanza questo titolo.»
Cosa vuoi dire alle ragazze che pensano di partecipare a Miss Trans Universo? «Se questo concorso e come per me un sogno, devano prepararsi bene, credere in se stesse e mai desistere dall’obiettivo.»

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
cel.3398508056
]]>
PRECISAZIONI IN MERITO ALL’EPISODIO D EL QUESTIONARIO DIFFUSO AL LICEO CLASSICO MARIOTTI Mon, 23 Sep 2013 14:18:38 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293602.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293602.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
PRECISAZIONI IN MERITO ALL’EPISODIO DEL QUESTIONARIO DIFFUSO AL LICEO CLASSICO MARIOTTI

In seguito ai numerosi articoli e dichiarazioni che si sono susseguite sull’episodio del questionario diffuso al Liceo Classico Mariotti di Perugia, Omphalos Arcigay Arcilesbica vuole precisare la propria posizione e chiarire alcuni punti emersi dalla discussione.

Riguardo alle reali intenzioni del professore, che da alcune dichiarazioni risultano essere state positive e non discriminatorie, ci sembra però chiaro che nel questionario, la "colpevolezza" dei comportamenti elencati è espressa esplicitamente, dando quindi un giudizio nella domanda stessa, che non è stata posta in maniera neutra. Il questionario, a nostro giudizio, è nella migliore delle ipotesi stato fatto molto male, nella peggiore tendenzioso e provocatorio per portare avanti tesi integraliste e discriminatorie.

Se l’intento del professore fosse stato quello di valutare la percezione degli alunni verso tematiche socialmente rilevanti, come si legge dalle dichiarazioni di alcuni studenti del Liceo, avrebbe dovuto parlare di “temi” e non di “colpe”. Questa modifica era, tra l’altro, già stata richiesta da numerosi studenti, che negli anni passati avevano segnalato l’assurdità del questionario sia al professore che al Dirigente Scolastico.

Gli studenti che hanno segnalato l’episodio, così come l’associazione che ha deciso di renderlo pubblico, non intendono dare un giudizio sul professore in questione, ma sul metodo utilizzato e sul questionario diffuso. Se l'intento del professore fosse stato genuinamente non discriminatorio, questa sarebbe senza dubbio una buona notizia. Ciò non toglie che l’utilizzo di un tale metodo educativo in una scuola pubblica del 2013 sia comunque deplorevole e che il questionario in oggetto, fatto molto male, andava cambiato in passato, già alle prime segnalazioni degli studenti.

Ci auguriamo che il questionario venga eliminato o, almeno, modificato e che questo episodio rappresenti l’occasione per il Liceo Mariotti di intraprendere percorsi di formazione contro l’omofobia, come ad esempio il progetto dell'UNAR contro la violenza, più volte proposti dalla nostra associazione ma che nel Liceo perugino non hanno mai avuto seguito.

L’Omphalos, che da anni è impegnato in progetti formativi svolti in collaborazione con tante scuole della provincia di Perugia, rimane a disposizione del Liceo Mariotti per un confronto sull’accaduto.

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel.3398508056
]]>
Comunicato Stampa: OMOFOBIA AL LICEO CLASSICO MARIOTTI Sun, 22 Sep 2013 11:37:38 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293508.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293508.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
OMOFOBIA AL LICEO CLASSICO MARIOTTI

“Attribuisci un voto da 0 a 10, in ordine di gravità sulle principali colpe di cui ci si può macchiare” è la consegna affidata da un docente di religione del Liceo Classico Mariotti di Perugia, durante le ore curriculari, nella propria classe. Il lungo elenco chiuso, fornito ai discenti menziona l’omosessualità tra diciture quali: “fare la guerra”, “omicidio”, “evadere il fisco”, “metodi contraccettivi”, “esperienze prematrimoniali” e “infettare con l’AIDS”.

Il bizzarro episodio si è consumato durante l’ora di religione ed ha lasciato increduli gli stessi alunni, tanto da denunciarne l’accaduto all’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia: «Vogliamo denunciare con forza quanto accaduto al Liceo Classico Mariotti �“ commenta Emidio Albertini, Co-Presidente dell’Omphalos �“ che in una scuola pubblica si propinino simili esercitazioni, con evidente impatto nella sfera psico-emotiva degli alunni è veramente sbalorditivo; mentre le cronache ci raccontano tanti casi di giovani ragazzi omosessuali, che arrivano al suicidio perché si sentono soli, emarginati e derisi dai propri compagni, la scuola si mostra spesso carente nel fornire garanzia di inclusione a qualunque individuo nel gruppo classe, mancando inevitabilmente l’obiettivo fondamentale di disperdere atti di bullismo e discriminazione. Di certo, la richiesta di esprimere un voto alla “colpa” di essere omosessuali, all’utilizzo del preservativo o ai rapporti prematrimoniali contribuisce ad allontanare i ragazzi da una scoperta di sé e dell’altro civile e responsabile.»

Un vero e proprio minestrone di contenuti alienati dai vari contesti e impilati in una folle rincorsa a “chi la fa più grossa”, senza alcun ordine logico e cognitivo, l’omosessualità se la batte con reati contro l’ambiente (inquinamento), la società (rubare) e l’umanità (infliggere la pena di morte). Che obiettivi specifici didattici si è prefisso questo docente? E quali sono gli indicatori del raggiungimento degli stessi? Un adulterio non continuato senza metodi contraccettivi? A dimostrazione della scarsa attenzione alla consapevolezza civile e sociale, vi è, inoltre, la frivolezza con la quale è stata inserita la tematica delle malattie sessualmente trasmissibili, il cui contagio viene enucleato nell’elenco come peccato di competenza religiosa, preceduta da un’altra riga: "metodi contraccettivi", facendo presupporre l'esclusione automatica delle persone sieropositive da una regolare e protetta vita sessuale, alimentando un potenziale bacino di emarginazione per questi ultimi, oltre all’evidente intento di dissuadere i giovani dall'utilizzo di condom, arma indiscutibile contro l'HIV.

«Cosa ne pensa il Dirigente Scolastico? �“ si chiede Emidio Albertini �“ È veramente possibile accettare simili contenuti in una scuola pubblica del 2013? Ci aspettiamo una ferma censura da parte del Dirigente e un richiamo al Docente responsabile di questi metodi medioevali.»

«Abbiamo già presentato una denuncia all’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni del Ministero per le Pari Opportunità �“ continua Patrizia Stefani, Co-Presidente dell’Omphalos �“ e chiediamo con forza anche l’intervento della Regione con una netta presa di posizione dell’Assessore Carla Casciari. Pratiche medioevali e discriminatorie come questa non dovrebbero trovare spazio nelle nostre scuole pubbliche.»

Eppure, questi provvedimenti non dovrebbero più essere necessari da tempo, dato che anche la scuola italiana ha ricevuto istruzioni precise riguardo l’inclusività e l’interculturalità: condizioni imprescindibili che i docenti debbono far rispettare nelle classi, per uno sviluppo pieno delle competenze personali e della libera espressione di ciascuno. Molto probabilmente il docente in causa, non frequenta gli aggiornamenti pedagogici e didattici da qualche anno, forse, dal “periodo dell’Inquisizione”.

«Collegandoci alla recente approvazione della legge contro l’omofobia alla Camera �“ conclude Patrizia Stefani �“ ci chiediamo se è questa la libertà d’espressione che l’onorevole Verini (PD) insieme all’onorevole Gitti (SC) hanno voluto preservare con i loro emendamenti. Quegli emendamenti danno protezione proprio a comportamenti come questi, che non solo sono fuori da ogni pratica di buona istruzione, ma creano ancora più solitudine e emarginazione tra i nostri giovani.»

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel. 3398508056
]]>
Comunicato Stampa - Legge contro l'omofobia: una legge cosi non la vogliamo! Fri, 20 Sep 2013 18:02:29 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293447.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/293447.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
LEGGE CONTRO L’OMOFOBIA: UNA LEGGE COSI NON LA VOGLIAMO!

L’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia è molto allarmata e preoccupata per l’approvazione della legge contro l’omofobia ieri alla Camera dei Deputati.

L’approvazione del testo con l’emendamento Verini (PD) ed in particolare con il sub-emendamento Gitti (SC) è una scelta folle, grave e del tutto irresponsabile, che sdogana il razzismo organizzato e istituzionalizza la discriminazione, facendo fare all’Italia tre passi indietro. Non solo: di questo grave arretramento questo Parlamento scarica la responsabili sulla comunità LGBT. Se da oggi in Italia ospedali, scuole, luoghi di culto e associazioni potranno essere zone franche per il pensiero discriminatorio, ci vuole dire il Parlamento, questo lo si deve a chi oggi ha chiesto l’estensione di quella legge.

Questa non è certo la legge che il Partito Democratico e che i parlamentari umbri si erano impegnati a sostenere in campagna elettorale e di questo la comunità LGBT avrà buona memoria. La maggioranza c’era, ma il Partito Democratico, che su questo provvedimento poteva contare sull’appoggio di SEL e del Movimento 5 Stelle, ha preferito approvare una legge disastrosa con i voti di Scelta Civica, parte del PDL e della Lega!

L’approvazione del testo con questi emendamenti è un colpo basso inaccettabile e un pessimo servizio reso a tutto il Paese, al solo fine di trovare una intesa innaturale su questi temi. È il momento che tutte e tutti ci mobilitiamo per scongiurare questa sciagurata deriva.


Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel.3398508056
]]>
Comunicato Stampa - Episodi di omofobia e transfobia in umbria Fri, 23 Aug 2013 15:29:34 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/290359.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/290359.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
EPISODI DI OMOFOBIA E TRANSFOBIA IN UMBRIA: URGENTE APPROVARE LA LEGGE REGIONALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dopo il recente episodio di omofobia ai danni dell’attivista politico Salvatore Savastano a Foligno, un’altra denuncia di transfobia arriva da Perugia, dove il vice-presidente dell’associazione, Giuliano Foca, si è ritrovato questa mattina con i vetri della propria auto incisi con simboli fallici.

L’associazione Arcigay Arcilesbica Omphalos nell’esprimere la sua massima solidarietà e vicinanza a Salvatore e Giuliano, condanna duramente questi vili attacchi anonimi, che evidenziano come ignoranza e violenza si annidano indistintamente anche nelle città apparentemente più aperte e rispettose.

«Siamo venuti a conoscenza di questi episodi perché a denunciarli sono stati attivisti politici e della nostra associazione �“ spiega Patrizia Stefani, presidente dell’Omphalos �“ ma ci sono tantissimi altri casi che rimangono nell’ombra per paura di ritorsioni o per timore di subire ulteriori discriminazioni. Quando poi la vittima non è un attivista e non ha gli strumenti per superare questi momenti, ai danni materiali si aggiungono anche i danni psicologici e si rovinano intere vite.»

L’associazione Arcigay Arcilesbica Omphalos nel ribadire l’urgenza dell’estensione della Legge Mancino ai reati di omofobia e transfobia, chiede ancora una volta alla Regione Umbria di fare la sua parte, portando in discussione in Consiglio Regionale la legge contro le discriminazioni, proposta nel 2007 dal Consiglio Comunale di Perugia.
«Questi attacchi incivili ci ricordano ancora una volta quanta importanza abbia approvare velocemente una serie di norme contro l’omofobia e la transfobia sia a livello nazionale che locale �“ precisa Emidio Albertini, presidente del Comitato Provinciale Arcigay Perugia �“ La legge contro l’omofobia in discussione in parlamento è urgente, così come altrettanto urgente è la legge regionale anti-discriminazioni, in attesa di discussione al Consiglio Regionale umbro da oltre 5 anni.»

«Mentre la legge nazionale è orientata a sanzionare civilmente e penalmente l’atto di omofobia o transfobia �“ continua Emidio Albertini �“ la proposta di legge regionale contiene importanti norme per la prevenzione e il superamento delle discriminazioni delle persone lesbiche, gay e transessuali nella quotidianità locale. In particolare vi sono previsti interventi in ambito formativo, lavorativo, nella pubblica amministrazione, nella sanità, nonché nell’accesso ai servizi turistici e commerciali.»

Ufficio Stampa Omphalos Perugia
tel. 3398508056

]]>
GIORNATA MONDIALE CONTRO L'OMOFOBIA: INIZIATIVE A PERUGIA Tue, 13 May 2008 15:20:00 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/56459.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/56459.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA: INIZIATIVE A PERUGIA

Il 17 maggio 1990 l’assemblea dell’organizzazione mondiale della sanità
(OMS) cancellava l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali,
mettendo fine a secoli di pregiudizi, discriminazioni e violenza. Per tutti
gli omosessuali questo giorno rappresenta una data storica ed un simbolo
forte. In oltre trenta paesi del mondo si è deciso di intitolare questo
giorno come “Giornata Mondiale contro l’omofobia” ed anche a Perugia, come
ogni anno, Arcigay organizza una serie di iniziative per ricordare tale
data, sensibilizzare la cittadinanza e far conoscere quanto sia diffusa la
patologia dell’omofobia e quanto gli episodi di violenza, intolleranza e
discriminazione siano diffusi in Italia.

«L’omofobia - spiega Stefano Bucaioni segretario di Arcigay Perugia - è
l’avversione ingiustificata ed ossessiva verso l’omosessualità; gli omofobi
non riconoscono valore al sentimento dell’amore omosessuale e non vogliono
vederne riconosciuta l’esistenza. Un’ossessione da cui si può guarire grazie
ad una corretta informazione ed alla conoscenza dei gay e delle lesbiche. E
proprio per stimolare questa informazione e conoscenza - continua Bucaioni -
anche quest’anno abbiamo organizzato iniziative in piazza e tra la gente.»

Con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Sociali e dell’Ufficio
Differenze e Pari Opportunità del Comune di Perugia, il programma delle
iniziative per la IV Giornata mondiale contro l’omofobia prevede la
proiezione e l’incontro con i registi di due film-documentari sull’omofobia
“AltroMondo” di Fabiomassimo Lozzi (Giovedì 15 ore 21 presso l’Oratorio S.
Cecilia - via Fratti 2) e “L’omofobia non esiste” di Roberto Mauri (Sabato
17 ore 23 presso l’Omphalos - via Fratti 18), l’elezione di Miss DragQueen
contro l’omofobia (Venerdì 16 ore 23 presso l’Omphalos - via Fratti 18) e
l’apertura alla città del centro di documentazione lgbt dell’Omphalos
(Giovedì 15 dalle ore 15 presso l’Omphalos - via Fratti 18).

Evento conclusivo sarà l’iniziativa “Adotta un finocchio” che si terrà
Sabato 17 in piazza Italia e che vuole puntare l’attenzione sull’utilizzo di
termini offensivi come finocchio o frocio, entrati ormai a far parte del
comune linguaggio. Dalle ore 17, oltre duecento piantine di finocchio
verranno regalate ai passanti come simbolo di un impegno concreto contro
l’omofobia. Nel volantino che accompagnerà le piantine, oltre ai consigli su
esposizione ed innaffiamento, ci saranno anche preziose informazioni
sull’origine e significato dei termini offensivi comunemente rivolti a gay e
lesbiche.


Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia
UFFICIO STAMPA: TEL. 339 8508056 - FAX 0757823220 - uff.stampa@omphalospg.it
]]>
[comunicato] AI GAY E ALLE LESBICHE UMBRE: VOTATE CHI HA FIRMATO IL PATTO Fri, 11 Apr 2008 12:10:00 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/54766.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/54766.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
AI GAY E ALLE LESBICHE UMBRE: VOTATE CHI HA FIRMATO IL PATTO

Si è conclusa la raccolta di sottoscrizione al Patto proposto da Arcigay ai
candidati alle elezioni politiche in posizione eleggibile. Si tratta di un
documento che ricalca la piattaforma rivendicativa del movimento lgbt
italiano approvata in occasione per Pride dell'anno scorso. E' molto
importante che a livello nazionale il patto sia stato sottoscritto da
esponenti di tutta la sinistra e del centro sinistra, a riprova che i nostri
temi sono considerati importanti da un vasto schieramento di personalità.

I nove punti proposti prevedono di garantire "alle coppie dello stesso sesso
parità di diritti rispetto alle coppie ed alle famiglie tradizionali, con il
sostegno della parità dei diritti, attraverso l'estensione del matrimonio
civile o istituto equivalente." Il documento inoltre precisa che "Nel
rispetto delle differenti modalità di legami sentimentali, ed in linea con
ciò che è avvenuto in Europa è inoltre necessaria la creazione di istituti
differenti e distinti dal matrimonio che prevedano il riconoscimento
giuridico pubblico delle unioni civili". Il patto sottoscritto richiede
inoltre, un' apposita legge sul tema della responsabilità genitoriale dei
partner di fatto, anche dello stesso sesso, nell'interesse delle migliaia di
figli di lesbiche e gay presenti nel paese; una legge contro ogni forma di
discriminazione per orientamento sessuale ed identità di genere. Altri punti
qualificanti della piattaforma la richiesta di revisione della legge 164 del
1982 sul cambiamento di sesso, per consentire il cambio anagrafico di nome
proprio e identificativo di genere senza l'obbligo di intervento chirurgico
genitale, la gratuità delle terapie necessarie alla transizione di genere e
che si affronti il tema dell'intersessualismo; la profonda modifica della
legge 40 sulla fecondazione medicalmente assistita.

Tutti i sottoscrittori si sono, infine, impegnati a far parte di un
Coordinamento Intergruppo sulle tematiche lgbt in stretto rapporto con
Arcigay. Visto che in queste ore continuano ad arrivare adesioni è
ragionevole ipotizzare la nascita nel prossimo Parlamento di un intergruppo
composto almeno da un centinaio di deputati e senatori.

I candidati in posizione eleggibile nelle liste umbre che hanno sottoscritto
il patto con Arcigay sono Maria Luisa Boccia e Giuseppe Mascio, in lista per
Sinistra Arcobaleno alla Camera, Paolo Brutti e Stefano Vinti, in lista per
Sinistra Arcobaleno al Senato. Inoltre, anche se non in posizione
eleggibile, hanno firmato anche Flavia D’Angeli (candidata premier), Luigino
Ciotti e Jacopo Manna in lista per Sinistra Critica alla Camera.

Tra gli altri sottoscrittori del patto a livello nazionale ricordiamo:
Grillini, De Simone, Luxuria, Silvestri, Concia, Benedino, Soggia, Hutter,
Scalfarotto, Omero, Bertinotti, Boselli, Ferrero, Cuperlo, Nanni, Bonelli,
Di Salvo, Menapace, Balducci, Amendola, Donati, Boccuzzi, Negri,
Francescato, Migliore, Zanotti, Della Seta, Sasso.


Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia

UFFICIO STAMPA: TEL. 339 8508056 - FAX 0757823220 - uff.stampa@omphalospg.it
]]>
[comunicato] SINISTRA ARCOBALENO SOTTOSCRIVE IL PATTO CON ARCIGAY Mon, 07 Apr 2008 14:20:00 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/54483.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/54483.html Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia
SINISTRA ARCOBALENO SOTTOSCRIVE IL PATTO CON ARCIGAY

Sabato sera, durante la festa mensile della comunità gay e lesbica umbra al
Lido Village di Ponte San Giovanni, il senatore Paolo Brutti e la senatrice
Maria Luisa Boccia, rispettivamente capolista al senato e capolista alla
camera per la Sinistra Arcobaleno in Umbria, hanno sottoscritto la
piattaforma rivendicativa del movimento lgbt per le elezioni politiche 2008.
La serata ha visto la partecipazione di oltre settecento persone, per la
maggior parte gay e lesbiche ma anche tante e tanti etero, indice di come,
soprattutto tra le nuove generazioni, l’integrazione e l’assenza di
pregiudizi sono già realtà. Alla piattaforma hanno poi aderito, sempre per
la Sinistra Arcobaleno, anche Giuseppe Mascio (secondo in lista alla Camera)
e Stefano Vinti (secondo in lista al Senato).

I punti programmatici della piattaforma sottoscritta impegnano i firmatari a
lavorare costituendo un intergruppo parlamentare in stretta relazione con
Arcigay, occupandosi di precisi temi, quali: parità dei diritti delle coppie
omosessuali (estensione del matrimonio civile), contrasto alle
discriminazioni e l’omofobia (estensione della legge Mancino),
responsabilità genitoriale dei partner di fatto, modifica della legge 40
sulla procreazione assistita e miglioramento della legge 164 sul cambiamento
di sesso.

« Boccia, Brutti, Vinti e Mascio - commenta Stefano Bucaioni, Segretario di
Arcigay - sono gli unici candidati delle liste umbre ad aver sottoscritto
integralmente e senza alcuna riserva la piattaforma proposta da Arcigay per
queste elezioni politiche. In queste settimane, infatti, Arcigay ha proposto
la piattaforma a tutti i partiti di centro sinistra, registrando un
imbarazzato silenzio. Solo la Sinistra Arcobaleno ha avuto il coraggio di
esporsi senza timori e questo non può che essere da noi fortemente
apprezzato. »

« Non ci aspettavamo certo - continua Bucaioni - la sottoscrizione del
Partito Democratico, che ha candidato proprio nella nostra Umbria come
capolista al Senato, il peggior nemico di tutta la comunità lgbt: Francesco
Rutelli. Qualche speranza in più la nutrivamo per il Partito Socialista, che
in tutta Italia ha puntato con forza sul tema dei diritti civili e della
laicità ma che in Umbria, evidentemente, ha ancora molta strada da fare. »


Omphalos Arcigay Arcilesbica Perugia
UFFICIO STAMPA: TEL. 339 8508056 - FAX 0757823220 - uff.stampa@omphalospg.it
]]>