Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Rosario Muto Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Rosario Muto Thu, 09 Jul 2020 14:05:23 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/8007/1 La mia denuncia alla NOBIL METAL azienda truffatrice nel dentale. Tue, 10 Mar 2020 17:58:24 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/623652.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/623652.html Rosario Muto Rosario Muto La nobil metal se le cavata perché i prodotti analizzati sono li in azienda ma, non sono stati lavorati dall'odontotecnico e non sono andati in bocca al paziente, non sono stati analizzati secondo i test di citotossicità secondo cui a contatto con il sistema biologico umano.

Hanno avuto a che fare con organi di controllo più ignoranti di loro.

Se il dispositivo costruito con questo materiale non viene analizzato per il suo fine, che senso ha indagare solo per il materiale in se e non vengono controllati i test di citotossicità prima di essere immesso in bocca a contatto con la bocca?

NOBIL METAL, voi vi prendete per il culo voi stessi, non avete capito con chi avete a che fare.

 

Ne vedremo delle belle.

La dichiarazione riguardo la mia denuncia ha basi solide e veritiere a tutti gli effetti.

L'azienda distribuisce un prodotto servizio di un materiale tossico cancerogeno a tutti gli effetti

La conformità non può essere solo al momento della vendita del materiale con il suo lotto di produzione perché al momento dell'acquisto e manipolazione o trasformazione lo stesso lotto non è più riconducibile.

E' l'odontotecnico responsabile di quello che può accadere dei vizzi occulti nel momento in cui il dispositivo è a contatto con il sistema biologico del paziente.

La sua responsabilità è soprattutto il rilascio del certificato di un qualcosa che non ha il supporto di citotossicità finale del dispositivo stesso.

Ecco la corretta informazione..........

Fatevi furbi coglioni che questi vi stanno inculando solo per difendere i propri interessi e il proprio culo.

Comunque questa lettera pubblicata sulle dichiarazioni della mia denuncia riguardo la tossicità dei materiali le procure con le proprie indagini sono ancora in corso e ne vedremo le conseguenze.

 

Cordialmente Rosario Muto

]]>
C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale. Sat, 07 Mar 2020 10:42:41 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/623379.html http://content.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/623379.html Rosario Muto Rosario Muto C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale.

Rosario Muto Odontotecnica Protesi biocompatibili bioinerti Consulenza legale per chiunque ha subito danni in ambito protesico dentale, soprattutto riguardo i materiali dentali o in ambito ortopedico, oggettistico.

Consulenza C.T.U. per tutti gli odontotecnici che hanno bisogno di risolvere problemi o contenziosi giudiziari o supporto tecnico in ambito pratico.

Ci avvaliamo del lABORATORIO BIO-TOSSICOLOGICO

I test di biocompatibilità consentono di valutare la presenza o l’assenza di un rischio potenziale connesso al utilizzo del dispositivo sul uomo. I test da eseguire sono stabiliti dalla norma guida UNI EN ISO 10993-1 e/o USP in base alla tipologia di dispositivi, alla loro invasività e alla durata / tipo di contatto con i tessuti umani. I test di biocompatibilità realizzati sono condotti nel rigoroso rispetto e in accordo alle specifiche norme identificate per ogni tipo di prova e secondo le metodologie riconosciute a livello internazionale. il laboratorio è in grado di offrire un qualificato supporto per la stesura di un dettagliato programma di studio per ogni tipologia di dispositivo medico.

 

Per alcuni di questi test, il Lab si avvale della collaborazione di Laboratori esterni qualificati, accreditati e certificati

SERVIZI:

 

Citotossicità

Sensibilizzazione Allergica

Irritazione cutanea, oculare, delle mucose

Reattività intracutanea

Tossicità sistemica acuta

Tossicità subacuta

Tossicità subcronica

Genotossicità (Test di Ames in vitro)

Impianto muscolare, sottocutaneo, osseo, intraoculare

Emocompatibilità

Attività antinfiammatoria

 

Basta inviarmi una e-mail : rosario.muto@odontotecnicanaturale.it e richiedere documentazione per essere assistito.

Per qualsiasi tipo di consulenza in ambito protesico, è possibile telefonare al n. tel. 0574 635856 - cell. 338 9302983

* Le telefonate che hanno il numero non disponibile o invisibili , non saranno prese in considerazione.

Eseguiamo analisi di qualsiasi dispositivi protesici e per qualsiasi materiale utilizzato.

]]>
C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale. Sat, 07 Mar 2020 10:42:04 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/623378.html http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/623378.html Rosario Muto Rosario Muto C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale.

Rosario Muto Odontotecnica Protesi biocompatibili bioinerti Consulenza legale per chiunque ha subito danni in ambito protesico dentale, soprattutto riguardo i materiali dentali o in ambito ortopedico, oggettistico.

Consulenza C.T.U. per tutti gli odontotecnici che hanno bisogno di risolvere problemi o contenziosi giudiziari o supporto tecnico in ambito pratico.

Ci avvaliamo del lABORATORIO BIO-TOSSICOLOGICO

I test di biocompatibilità consentono di valutare la presenza o l’assenza di un rischio potenziale connesso al utilizzo del dispositivo sul uomo. I test da eseguire sono stabiliti dalla norma guida UNI EN ISO 10993-1 e/o USP in base alla tipologia di dispositivi, alla loro invasività e alla durata / tipo di contatto con i tessuti umani. I test di biocompatibilità realizzati sono condotti nel rigoroso rispetto e in accordo alle specifiche norme identificate per ogni tipo di prova e secondo le metodologie riconosciute a livello internazionale. il laboratorio è in grado di offrire un qualificato supporto per la stesura di un dettagliato programma di studio per ogni tipologia di dispositivo medico.

 

Per alcuni di questi test, il Lab si avvale della collaborazione di Laboratori esterni qualificati, accreditati e certificati

SERVIZI:

 

Citotossicità

Sensibilizzazione Allergica

Irritazione cutanea, oculare, delle mucose

Reattività intracutanea

Tossicità sistemica acuta

Tossicità subacuta

Tossicità subcronica

Genotossicità (Test di Ames in vitro)

Impianto muscolare, sottocutaneo, osseo, intraoculare

Emocompatibilità

Attività antinfiammatoria

 

Basta inviarmi una e-mail : rosario.muto@odontotecnicanaturale.it e richiedere documentazione per essere assistito.

Per qualsiasi tipo di consulenza in ambito protesico, è possibile telefonare al n. tel. 0574 635856 - cell. 338 9302983

* Le telefonate che hanno il numero non disponibile o invisibili , non saranno prese in considerazione.

Eseguiamo analisi di qualsiasi dispositivi protesici e per qualsiasi materiale utilizzato.

]]>
C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale. Sat, 07 Mar 2020 10:41:42 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/623377.html http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/623377.html Rosario Muto Rosario Muto C.T.U. Consulente Tecnico Esperto Odontoprotesico e dei materiali metallici in generale.

Rosario Muto Odontotecnica Protesi biocompatibili bioinerti Consulenza legale per chiunque ha subito danni in ambito protesico dentale, soprattutto riguardo i materiali dentali o in ambito ortopedico, oggettistico.

Consulenza C.T.U. per tutti gli odontotecnici che hanno bisogno di risolvere problemi o contenziosi giudiziari o supporto tecnico in ambito pratico.

Ci avvaliamo del lABORATORIO BIO-TOSSICOLOGICO

I test di biocompatibilità consentono di valutare la presenza o l’assenza di un rischio potenziale connesso al utilizzo del dispositivo sul uomo. I test da eseguire sono stabiliti dalla norma guida UNI EN ISO 10993-1 e/o USP in base alla tipologia di dispositivi, alla loro invasività e alla durata / tipo di contatto con i tessuti umani. I test di biocompatibilità realizzati sono condotti nel rigoroso rispetto e in accordo alle specifiche norme identificate per ogni tipo di prova e secondo le metodologie riconosciute a livello internazionale. il laboratorio è in grado di offrire un qualificato supporto per la stesura di un dettagliato programma di studio per ogni tipologia di dispositivo medico.

 

Per alcuni di questi test, il Lab si avvale della collaborazione di Laboratori esterni qualificati, accreditati e certificati

SERVIZI:

 

Citotossicità

Sensibilizzazione Allergica

Irritazione cutanea, oculare, delle mucose

Reattività intracutanea

Tossicità sistemica acuta

Tossicità subacuta

Tossicità subcronica

Genotossicità (Test di Ames in vitro)

Impianto muscolare, sottocutaneo, osseo, intraoculare

Emocompatibilità

Attività antinfiammatoria

 

Basta inviarmi una e-mail : rosario.muto@odontotecnicanaturale.it e richiedere documentazione per essere assistito.

Per qualsiasi tipo di consulenza in ambito protesico, è possibile telefonare al n. tel. 0574 635856 - cell. 338 9302983

* Le telefonate che hanno il numero non disponibile o invisibili , non saranno prese in considerazione.

Eseguiamo analisi di qualsiasi dispositivi protesici e per qualsiasi materiale utilizzato.

]]>
La corruzione dei prof universitari nel libro paga a nero delle aziende. Thu, 13 Feb 2020 14:23:26 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620073.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620073.html Rosario Muto Rosario Muto

In tutti questi anni della mia vita professionale ho avuto a che fare non solo con una classe di deficenti incapaci medici ma ho anche collaborato con diverse aziende del dentale, ho anche vissuto tutta una serie di incontri universitari e assistito a ingiustificate transazioni di denaro tra prof, universitari cui iscritti nei famosi libretti per appunti dove i titolari di aziende segnavano, un rapporto clientelare dove il potere no è superpartes ma un rapporto collusivo dove non conta la verità ma solo il Dio denaro e chi se ne frega della salute del povero paziente.
Ecco a cosa servono le università e le competenze tanto millantate.
Uno schifo totale dove il semplice cittadino non conta più un cazzo.
Vogliamo fare i nomi?

]]>
Sapete perché i dentisti preferiscono la zriconia anche se è tossica cancerogena e radioattiva? Thu, 13 Feb 2020 14:21:29 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620072.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620072.html Rosario Muto Rosario Muto Sapete perché i dentisti preferiscono la zriconia anche se è tossica cancerogena e radioattiva?
La totalità dei dentisti non sa preparare i monconi.
La totalità dei dentisti non sa prendere le impronte.
La totalità dei dentisti non sa gestire la protesizzazione e soprattutto la cementazione.
La totalità dei dentisti non vuole riconoscere la professionalità di un buon lavoro protesico dell'odontotecnico e non lo vuole pagare o pagare elemosine.
La totalità dei dentisti ha l'idea che meno paga e più guadagna e quindi un buon lavoro protesico fatto da un buon odontotecnico ha troppi problemi e lo pagherebbe il giusto compenso e lui non può più speculare.
Sapete quanto costa la zirconia? Nulla, è tutto uno scarto nucleare.
E secondo voi chi ci rimette?
Il paziente paga una Ferrari e riceve una ciabatta.
E secondo voi queste merde non vanno denunciate per truffa?

]]>
Sapete perché i dentisti preferiscono la zriconia anche se è tossica cancerogena e radioattiva? Thu, 13 Feb 2020 14:20:00 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620071.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/620071.html Rosario Muto Rosario Muto Sapete perché i dentisti preferiscono la zriconia anche se è tossica cancerogena e radioattiva?
La totalità dei dentisti non sa preparare i monconi.
La totalità dei dentisti non sa prendere le impronte.
La totalità dei dentisti non sa gestire la protesizzazione e soprattutto la cementazione.
La totalità dei dentisti non vuole riconoscere la professionalità di un buon lavoro protesico dell'odontotecnico e non lo vuole pagare o pagare elemosine.
La totalità dei dentisti ha l'idea che meno paga e più guadagna e quindi un buon lavoro protesico fatto da un buon odontotecnico ha troppi problemi e lo pagherebbe il giusto compenso e lui non può più speculare.
Sapete quanto costa la zirconia? Nulla, è tutto uno scarto nucleare.
E secondo voi chi ci rimette?
Il paziente paga una Ferrari e riceve una ciabatta.
E secondo voi queste merde non vanno denunciate per truffa?

]]>
Alla C. A. della Procura della Repubblica di Prato Denuncio l'odontotecnico Elenco nominativi in allegato pagine 143, per attentato alla salute pubblica e violazione dei diritti di informazione in materia sanitaria, nonché per elusione delle leggi vigenti in ambito della normativa europea per la tutela della salute in campo protesico dentale a danno dell'ignaro Paziente fruitore. Tue, 30 Jul 2019 15:49:51 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/585678.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/585678.html Rosario Muto Rosario Muto Alla C. A. della Procura della Repubblica di Prato

Denuncio l'odontotecnico Elenco nominativi in allegato pagine 143, per attentato alla salute pubblica e violazione dei diritti di informazione in materia sanitaria, nonché per elusione delle leggi vigenti in ambito della normativa europea per la tutela della salute in campo protesico dentale a danno dell'ignaro Paziente fruitore.
Tutto in relazione alla incompetenza professionale dell'operatore odontoiatra con cui “prescrive” il tipo di manufatto, in base a pressioni truffaldine e collusive da parte delle aziende produttrici e distributrici dei materiali per la costruzione dei manufatti stessi, in base a rapporti clientelari dei centri stessi dove certificano i materiali stessi.

La normativa EU è chiara e indica precise linee guida, gli odontotecnici eludono tutto, stiamo parlando di impiego di materiali tossici altamente pericolosi cancerogeni e radioattivi.

Per cui la tossicità dei materiali cui sono sempre prodotti chimici altamente pericolosi, da manipolare sempre e solo con le dovute precauzioni ma dopo la manipolazione per la costruzione del suddetto dispositivo protesico l'odontotecnico deve assumersi le responsabilità della propria innocuità.
Le regole comunitarie CE93/42, le linee guide sono abbastanza chiare e impongono l’uso di materiali certificati, marchiati CE ma in associato ogni materiale deve essere accompagnato da una scheda tecnica e di una di sicurezza.

L’odontotecnico dopo aver manipolato, trasformato i materiali per costruire i propri dispositivi protesici dentali deve garantire la propria bontà tecnica e di bio qualità, di non citotossica a favore della l’incolumità, deve rilasciare il detto certificato di conformità! Come fa l'odontotecnico ad assicurare la veridicità di non cito tossicità o come lo può fare visto che non solo non ha le competenze e ne gli strumenti, e non ha nessun tipo di accredito presso le istituzioni competenti ?
Esistono dei centri di sperimentazione accredidati proprio per la valutazione di ricerca biologica cito tossicità e di dati di controllo per la valutazione e per garantire non solo la operatività ma anche e soprattutto come indica la normativa, la tutela della salute del consumatore. Al momento tutti i laboratori di produzione artigianale odontotecnica immettono sul mercato attraverso gli odontoiatri, loro clienti, consapevoli di tutti il malaffare, dispositivi protesici tossici cancerogeni con dichiarazioni false, certificato di conformità falso e non solo, violando, discriminando la salute del cittadino e anche tutto quelle leggi in relazione alla consapevolezza e trasparenza per cui la conoscenza è un diritto.
Cordialmente C.T.U. Rosario Muto Via Dell’Alberaccio 69/f – 59100 –Prato
Tel. 0574 635856 cell. 338 9302983

]]>
Vuoi assicurarti la biocompatibilità del tuo dispositivo protesico? Tue, 28 May 2019 07:28:03 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/559923.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/559923.html Rosario Muto Rosario Muto Ebbene.... da quando è entrata in vigore la normativa europea la 93/42 , tutti i produttori di dispositivi protesici per legge sono obbligati a redigere e rilasciare il certificato di conformità per ogni dispositivo emesso sul mercato, bene... chi non lo fa gli viene applicato una sanzione €. 5000,00 per ogni dispositivo.
La normativa prevede che tutti i prodotti utilizzati per la costruzione di detti dispositivi devono essere certificati con il marchio CEE, siamo sicuri che essi lo sono?
Naturalmente ... anche se lo fossero, purtroppo quando l'operatore trasforma il materiale, per tutta una serie di motivi di interfereze e dinamiche chimiche, il marchio diventa inesistente, non sussiste più. A questo punto, visto la normativa che tutela la salute del consumatore e la trasparenza riguardo la consapevolezza di ciò che viene venduto, gli operatori ( odontotecnici) per assicurare il prodotto e la sua biocompatibilità nel redigere il certificato, siccome loro non hanno le competenze, non hanno la tecnologia, ne le conoscenze scientifiche e non sono accreditati presso le istituzioni come laboratori di ricerca biologica, prima di farlo, devono procedere con la richiesta ad un laboratorio propriamente di ricerca biologica di effettuare dei test di citotossicità con dei provini a campione secondo i loro protocolli di lavoro, per dimostrare che la loro lavorazione e i loro dispositivi prodotti non sono citotossici, sono biocompatibili.
https://www.ttsvgel.it/il-protocollo-ttsvgel/181-dichiarazione-di-conformita-2019-pdf.html

]]>
Gli odontotecnici insieme ai dentisti stanno attentando la salute e inquinando l'ambiente e il mondo con materiali tossici e radioattivi. Wed, 01 May 2019 11:08:34 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/547670.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/547670.html Rosario Muto Rosario Muto https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10216811381230519&set=pcb.331875380860514&type=3&theater&ifg=1

Alla C. A. del Comando dei NAS Carabinieri di Firenze

Denuncia per l’elusione delle leggi vigenti in ambito della normativa europea per la tutela della salute in campo protesico dentale in quanto il settore è totalmente avvolta da interessi collusivi a danno dell'ignaro Paziente fruitore.
Mentre da una parte la normativa EU è chiara, dall'altra le aziende eludono di tutto, stiamo parlando di materiali tossici, altamente pericolosi cancerogeni e radioattivi.

Per cui a parte la tossicità dei materiali cui sono sempre materiali chimici e quindi da manipolare sempre e solo con le dovute precauzioni non solo per gli operatori ma dopo la manipolazione per la costruzione del suddetto dispositivo protesico chi si assume le responsabilità della propria innocuità ?
Le regole comunitarie CE93/42, le linee guide sono abbastanza chiare e impongono l’uso di materiali certificati, marchiati CE ma in associato ogni materiale deve essere accompagnato da una scheda tecnica e di una di sicurezza che al momento visto i tanti ricorsi in tribunale per problemi seri alla salute, queste schede sono al quanto contraddittorie o nulle e controverse dove l’interlocutore stesso non ci capisce nulla e si affida solo alla bontà di quanto gli viene comunicato.

Se l’odontotecnico dopo aver manipolato, trasformato i materiali per costruire i propri dispostivi protesici dentali e garantire la propria bontà tecnica e bioqualità citotossica per l’incolumità, per la tutela della salute del fruitore del bene, come lo assicura?
Deve rilasciare il detto certificato di conformità!
Come fa a assicurare la veridicità di non cito tossicità o con quali competenze lo può fare visto che non solo non ha le competenze e ne gli strumenti, ma non ha nessun tipo di accredito presso le istituzioni competenti ?
Esistono dei centri di sperimentazione accreditati proprio per la valutazione di cito tossicità e di dati di controllo per la valutazione tecnica laboratoristica e citotossicità per garantire non solo la operatività ma anche e soprattutto come indica la normativa, la tutela della salute del consumatore.
Al momento tutti i laboratori di produzione sia industriale che artigianale odontotecnica immettono dispositivi protesici tossici cancerogeni ( preparati con lega al titanio, lega cromo-cobalto e zirconia ) con dichiarazioni false, certificato di conformità falso e non solo violano, discriminano la salute del cittadino ma violano anche tutto quelle leggi in relazione alla consapevolezza e trasparenza per cui la conoscenza è un diritto.


Cordialmente C.T.U. Rosario Muto

Firenze, 30 aprile 2019


Via Dell’Alberaccio 69/f – 59100 –Prato
Tel. 0574 635856 cell. 338 9302983

______________________

 

]]>
Condizionati dai metalli pesanti il libro di Rosario Muto Sat, 23 Mar 2019 12:16:06 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/535094.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/535094.html Rosario Muto Rosario Muto https://www.ttsvgel.it/blog/179-condizionati-dai-metalli-pesanti-il-libro.html

]]>
Condizionati dai metalli pesanti il libro di Rosario Muto Sat, 23 Mar 2019 12:15:36 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/535092.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/535092.html Rosario Muto Rosario Muto https://www.ttsvgel.it/blog/179-condizionati-dai-metalli-pesanti-il-libro.html

]]>
Lo stimatissimo scienziato Stefano Montanari, titolare del laboratorio Nanodiagnostics, considerato - insieme alla moglie dr.ssa Gatti - uno dei cento migliori scienziati europei, nell'ambito di una conferenza pubblica conferma che le scie che vediamo ogni giorno nei nostri cieli NON SONO NORMALI; "le scie chimiche le vedo anch'io, e sono molto preoccupato. Wed, 14 Nov 2018 16:52:04 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/503193.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/503193.html Rosario Muto Rosario Muto Lo stimatissimo scienziato Stefano Montanari, titolare del laboratorio Nanodiagnostics, considerato - insieme alla moglie dr.ssa Gatti - uno dei cento migliori scienziati europei, nell'ambito di una conferenza pubblica conferma che le scie che vediamo ogni giorno nei nostri cieli NON SONO NORMALI; "le scie chimiche le vedo anch'io, e sono molto preoccupato. Non sono normali".

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=4dl6bAxAFu4&feature=youtu.be

]]>
MioDottore e la verità sui materiali metallici protesici Sat, 12 May 2018 07:51:26 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/479040.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/479040.html Rosario Muto Rosario Muto

Attenzione MioDottore

(v. MEDNAT.ORG e TTSVGEL.IT), che sconsigliano ... - MioDottore


Prima di fare affermazioni improfessionali, leggete e studiate attentamente quello che vi scrivo!

Il titanio come elemento puro descritto nella tabella periodica degli elementi ha caratteristiche che da solo non può essere utilizzato come allo scopo protesico sanitario, il titanio per l'appunto in campo protesico è una lega a tutti gli effetti ed è costituito dai seguenti elementi: vanadio, tungsteno, titanio, ferro, alluminio, nichel, tantalio e ultimamente la zirconia.
E così anche il famoso cromo cobalto è costituito da: cromo cobalto, ferro, nichel e alluminio.
Se studiamo bene la chimica e guardiamo bene ciò che afferma l'ente Youpak possiamo capire il perchè e come sulle leghe, il perchè dell'elettrogalvanismo, le loro interferenze biochimiche, il loro comportamento biofisico e il perchè ossidano e sono altamente pericolose,la stessa cosa dicasi per la zirconia, un agglomerato di metalloidi, ossidi metallici cui tra l'altro ricavati dalle sacche di uranio.
Quello che rende instabilità biofisica di una materia è la presenza dell'ossigeno e dell'idrogeno all'interno del reticolo cristallino della lega.
ATTENZIONE..........queste cose sono a disposizione di tutti che siano professionisti che persone normali, basta interrogare internet per sapere, non prendete per il culo il prossimo e non scrivete cazzate perchè la gente mi chiama e io gli spiego tutto e gli vendo il mio libro o gli invio documentazione via mail.
Ormai sono ovunque e visto la vostra arroganza e prepotenza mi organizzo e faccio come mi pare.
I dispositivi protesici che io costruisco sono totalmente bioinerti, stabili, sono privi di ogni tipo di reazione.
Cordialmente Rosario Muto

 

]]>
Consulenza per materiali tossici usati indiscrinatamente in odontoiatria Thu, 03 May 2018 15:51:16 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/477977.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/477977.html Rosario Muto Rosario Muto

Ecco l'ennesima storia di persone che mi contattano per i soliti problemi legati alle prcedure e ai materiali tossici usati indiscrinatamente per i soli interessi in odontoiatria.
Oltre alla sua storia allego anche un esame allergologico.
Per cui il sottoscritto Rosario Muto è disponibile a sostenerlo e ad aiutarlo a denunciare a tutte le autorità competenti anche perchè a parte il suo diritto come cittadino lo è anche un dovere perchè le autorità intrevengono in questo schifoso settore di cialtroni dementi.

-------- Messaggio Inoltrato --------
Oggetto: storia dei miei denti
Data: Sun, 22 Apr 2018 15:16:01 +0000 (UTC)
Mittente:
A: rosariomuto58@gmail.com

Salve signor Muto, abbiamo parlato al cell poco fa.
Come promesso, le allego una copia della "storia dei miei denti" nonché una copia del referto medico allergologico. Confido nella sua discrezionalità nel mantenere categoricamente il mio anonimato, quello che mi muove è solo agire eticamente a scopo informativo per evitare ad altre persone di incorrere in situazioni spiacevoli. Non ho intenzione di esporre denunce, almeno per il momento. La ringrazio di nuovo della piacevole conversazione e soprattutto dell'attività di ricerca e di controinformazione che lei fa da anni.
La terrò aggiornata sui futuri sviluppi dei miei denti e cmq parlerò a chi potrebbe averne bisogno (amici, parenti,..., nonché io stesso) della sua attività e delle alternative bioinerti TTSVGEL.
Buona serata.
Ecco la storia dei miei denti
Sono un soggetto maschile di 38 anni. Avevo poco più di 30 anni quando mi è stata diagnosticata una cisti ossea ed un granuloma, i quali hanno portato alla rimozione di 3 molari che non potevano essere più salvati. Quando si perdono denti così presto gran parte della responsabilità è del dentista che, attraverso devitalizzazioni fatte male e materiali tossici come le amalgame, li ha compromessi. Successivamente, circa 3 anni fa, per rimpiazzare i denti perduti, ho inserito 3 impianti in titanio (grado5: lega di titanio-alluminio-vanadio) con corone in cromo-cobalto, si tenga conto che avevo anche 4 amalgame dentali (rimosse l’anno scorso). Fatto sta che dal giorno in cui ho messo gli impianti il mio stato di salute, fino ad allora ineccepibile, è crollato; riporto i sintomi principali:
- Scosse al cervello nei momenti di dormiveglia
- Laringite cronica h24
- Tachicardia postprandiale e a volte notturna
- Brufoli perenni su una guancia
- Accelerazione della caduta dei capelli
- Muco retro nasale perenne
- Cisti sotto il mento
- Maggiore acidità di stomaco
- Disturbi alla tiroide
Rimuovendo (in modalità protetta) le 4 amalgame le scosse al cervello in dormiveglia sono diventate solo piccoli rumorini, la cisti sotto il mento è scomparsa, scomparsi anche i disturbi alla tiroide, il resto permane. Ho appena scoperto, attraverso patch-test, di essere allergico al cloruro cobalto, procederò al più breve alla rimozione delle corone in cromo-cobalto sperando di risolvere anche gli altri sintomi. 22/4/2018.

  L'immagine può contenere: una o più persone
   

 

 

]]>
AIOP Protesi dentali non a norma: un grave rischio per la salute Fri, 13 Apr 2018 20:42:16 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/476224.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/476224.html Rosario Muto Rosario Muto

Attenzione che i materiali dentali sono sempre prodotti chimici e per motivi prettamente di tutela salutare sia per gli operatori stessi e soprattutto perchè a contatto diretto con i tessuti biologici umani seguono una normativa europea detta CE 93/42 per cui il rilascio della certificazione di produzione da parte dell'odontotecnico non è una opzione ma è per il paziente un diritto, anzi il paziente ha diritto in preventivo prima di iniziare una qualsiasi terapia o dispositivo protesico di sapere, di conoscere trasparentemente e in periscritto un progetto tecnico con elencato tutte le possibilità di eventuali reazioni chimiche occulte, tutti i materiali utilizzati con tutte le schede tecniche e di sicurezza di ogni singolo materiale.
Lo dice soprattutto l'istituto superiore di sanità che ha recepito la normativa
NON E' UNA SCELTA MA E' UN DIRITTO DEL PAZIENTE
Il titanio, il cromo cobalto, la zirconia, il disilicato sono tossici e radioattivi, e i materiali plastici con tutte le resine sono tutti materiali tossici.

https://www.zz7.it/protesi-dentali-non-a-norma-un-grave-rischio-per-la-salute/

Protesi dentali non a norma: un grave rischio per la salute.
La DENTSPLAY è stata costretta dalla sanità californiana a dichiarare sulla scheda tecnica e di sicurezza del proprio cromo cobalto "Materiale altamente cancerogeno", visto che ormai tutti lavorano con il CAD CAM con il cromo cobalto, chi lo dichiara nel certificato di conformità?

Per maggior informazioni in facebook :
ORRORI DENTALI INCOMPETENZE E MALAFEDE
 

 

E' finita la pacchia per tutti e come tutti dovranno avere per ogni se pur piccolo materiale la scheda tecnica e la scheda di sicurezza.
Gli odontoiatri dovranno preventivare ogni forma di possible reazione patologica occulta.

Gli odontotecnici dovranno preventivare ogni forma di possible reazione patologica occulta ai materiali utilizzati per la costruzione dei dispositivi e aggiungere alla certificazione di conformità tutte le schede tecniche e di sicurezza.
Le aziende produttirici e distributrici non potranno più redigere documenti dove dichiarano che non sono a conoscenza di eventualità.
Siamo arrivati al mio dunque, quello espresso dalla comunità europea a difesa della salute del consumatore.

 Tutti eludono la normativa europea.......quando l'odontotecnico rilascia il certificato di conformità segnala che il materiale è altamente cancerogeno?
Purtroppo no, la salute non interessa niente a nessuno.

]]>
La Dott.ssa Gatti e l'intervista sulle nanotecnologie e nano patologie Sat, 10 Mar 2018 16:05:51 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/472693.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/472693.html Rosario Muto Rosario Muto Chi poteva aiutarmi, chi più di lei poteva aprirmi di più il varco verso una verità di cui da tempo espongo con grande consapevolezza, conoscenza e preparazione tecnica?
La Dott.ssa Gatti e l'intervista sulle nanotecnologie e nano patologie
Grande ricercatrice unica nel suo genere e consulente mondiale.
Guardate e ascoltate fino in fondo quello che afferma.
Una intervista proibita.
Saranno cazzi per tutti........
Studiate e fatevene una cultura.
https://www.youtube.com/watch?v=8ljl3WTMyFc
]]>
Pericolo: protesi tossiche. Fri, 09 Mar 2018 10:53:20 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/472491.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/472491.html Rosario Muto Rosario Muto Pericolo: protesi tossiche.

Peligro: Prótesis tóxicas. - Implantes dentales y prótesis. Odontología ...
www.bredent.es/peligro-protesis-toxicas/

12 dic 2014 - Tanto es así que, a mediados de este año, el Colegio de Protésicos Dentales de Madrid lanzó una campaña advirtiendo de los riesgos reales que conlleva tal práctica. La razón de que se incremente la importación de materiales de países asiáticos es que su coste es, por supuesto, infinitamente más bajo.
http://www.bredent.es/peligro-protesis-toxicas/

Pericolo: protesi tossiche.

Di Max in Advice , Implants , Prosthesis Published 12 dicembre 2014 Nessun commento

Un uomo d'affari che vende e posiziona vasche da bagno può acquistare il suo prodotto in Cina e guadagnare molti soldi. Inoltre un altro che commercia con mobili da cucina. Questo perché i loro costi sono molto bassi e i loro margini sufficientemente alti da essere in grado di cambiare il prodotto per uno totalmente nuovo se il primo è difettoso. Benvenuto al basso costo !!! Non è male ... se siamo consapevoli di ciò che stiamo comprando.

Ma che dire dei prodotti high-tech? E con quelli che influenzano direttamente la nostra salute? Andiamo avanti, non vogliamo demonizzare tutto ciò che viene dalla Cina o dai paesi circostanti, ma è un dato di fatto che, dopo alcuni anni, potrebbe essere rilevato un aumento significativo dell'uso di protesi da quel paese. incidono seriamente sulla salute dal momento che non sono fabbricati con requisiti europei in materia di salute. Tanto che, a metà di quest'anno, il College of Dental Prosthetics di Madrid ha lanciato una campagna di avvertimento sui rischi reali coinvolti in tale pratica.

La ragione per l'aumento dell'importazione di materiali dai paesi asiatici è che il loro costo è, naturalmente, infinitamente più basso. Quindi, molti trattamenti a basso costo sono stati lanciati per l'acquisto di protesi cinesi. Ma sai cosa mettono nella bocca dei loro pazienti? O dovremmo chiamarli clienti? Sai qual è la tua esatta composizione? E il laboratorio che li ha fatti? Quali garanzie offrite? Quando l'obiettivo del trattamento è massimizzare il beneficio, la nostra salute non è più in buone mani.

La domanda è: sappiamo cosa mettiamo in bocca? La presenza di piombo in una protesi dentale - o cadmio, benzene o berillio - può causare danni irreversibili alla nostra salute. E la verità è che il semplice sospetto sulla composizione di queste protesi dovrebbe essere una ragione sufficiente per provocare il rigetto. Cosa fare allora? Richiedere che i materiali da utilizzare provengano da produttori che soddisfano tutti i requisiti richiesti dalla legislazione europea. Questo è l'unico modo per raggiungere questo obiettivo, come sottolinea Joaquín Madrueño, membro del Colprodecam - Istituto di protesi dentaria di Madrid - che l'odontotecnico può "realizzare una guida di produzione che viene conservata per cinque anni, in cui i tipi di materiali sono indicati e lotti "e che consente di conoscere la tracciabilità dei materiali utilizzati nella fabbricazione della protesi. Cioè, chi è il produttore e quali prodotti presentano nella loro composizione.

Il paziente può conoscere la composizione e l'origine della protesi che verrà impiantata? Sì. E questo è quanto prevede la legislazione spagnola. Da un lato, possiamo richiedere al nostro dentista un certificato che includa tutte le informazioni che dobbiamo sapere sulla nostra protesi. Qualcosa che, oltre a darci sicurezza, sarà utile, ad esempio, se cambiamo il dentista o la clinica a basso costo a cui chiudiamo senza preavviso e no, non stiamo esagerando: vedi l' articolo delle Province che abbiamo postato giorni fa -. Ma è anche il fatto che la legge consente al paziente di richiedere al dentista di rompere il conto in modo che possa conoscere il prezzo dei suoi impianti indipendentemente dal costo del trattamento.

Perché ora che abbiamo materiali veramente biocompatibili, è un peccato valorizzare la nostra salute in termini economici e portare alla nostra bocca materiali che sono stati a lungo considerati obsoleti in Europa, ma altamente dannosi.

credito fotografico :: Tesomar con licenza creativecommons.org

Un empresario que vende y coloca bañeras puede comprar su producto en China y ganar mucho dinero. También otro que comercie con muebles de cocina. Esto…
bredent.es
]]>
Sicurezza, certificazione a tutela della salute in campo protesico Sat, 20 Jan 2018 14:50:44 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/466661.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/466661.html Rosario Muto Rosario Muto Salve Dott.
pensi un po a quello che la normativa obbliga e come invece la disinformazione lavora......
La normativa europea 93/42 e successive modifiche impone le lnee guida per l'appunto in campo sanitario per la tutela della salute del cittadino comunitario. A prescindere dalle abitudini e cullarsi nella eterna fanta fantsia per tenersi lontano da ogni evenienza di colpevolezza, ci sono determinate inconsapevolezze praticate che ognuno da solo si da la zappa sui...mi scusi il termine.......sui propri coglioni.
Spiego il motivo.
La normativa obbliga a tutti indistintamente all'obbligo delle documentazione informativa di ogni materiale o dispositivo che a tutti gli effetti tali sono definiti perchè parliamo sempre di materiali chimici, o per contatto esterno o perchè invasivi con il corpo umano possono interferire chimicamente, per cui chi li prepara industrialmente o artigianalmente è costretto a allegare informazioni con la scheda tecnica che soprattutto con la scheda di sicurezza ove troviamo i detti 16 art con le relative attenzioni e rischi connessi.
Al 16 art...giustamente per quello che dichiara l'azienda produttrice, il materiale fin quando è  confezionato, certificato (illecitamente), siggillato e stoccato nella propria azienda, non sussiste nessun problema ma al momento che chi decide di utilizzarlo è responsabile della propria scelta, della propria lavorazione/
manipolazione, quindi la dichiarazione dell'azienda è: nel momento in cui si evidenziassero effetti collaterali a operatori o al fruitore del dispositivo l'azienda non ne risponde. Ma l'odondotecnico che obbligato e firmatario del certificato di conformità ha capito che dopo la realizzazione del dispositivo possono emergere situazioni di reazioni avverse e incorrere in seri problemi giudiziari?
L'odontotecnico firma un documento come il certificato di confermità di cui a tutti gli effetti è in sostituzione al marchio CEE e si assume cose che lui non conosce perchè tutto il mondo del dentale ha creato una grande confusione permettendo una falsa elusione generale e dico falsa elusione, oltretutto convinto che tutta la responsabilità sia totalmente del medico prescrittore. Nel momento in cui il Medico prescrive e accetta il dispositivo con tale certificato falso a tutti gli effetti, si assume ogni sorta di responsibilità giudiziaria penale e civile.
Ne vogliamo parlare?
Non è megli proporre un test di citotossicità finale a dispositivo finito pronto per essere consegnato e con il certificato di conformità dove si garantisce la totalità della qualità in essere?
Cordialmente Rosario Muto ]]>
Troppo Connessi? Metalli elettrodi e patologie. Tue, 16 Jan 2018 12:27:22 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/466120.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/466120.html Rosario Muto Rosario Muto

Tutti gli oggetti in metallo come tutti i tipi di protesi in metallo non stabilizzato a contatto con il corpo umano divengono elettrodi e si comportano come delle vere e proprie antenne cui assorbono energia libera e interferiscono sulla energia biologica dando atto a una vera e propria guerra biologica con tutta una infinita serie di patologie debilitanti.

Leggi un estratto dal libro di Martin Blank "Troppo Connessi?"
In tanti incontri, quando inevitabilmente mi si chiede cosa faccio per vivere, segue spesso uno scambio interessante. «Lavoro sugli effetti biologici dei telefoni cellulari, del Wi-Fi e dei dispositivi correlati» rispondo. Arriva quindi la domanda posta con una certa ansia: «Sono pericolosi, dunque?». Quando dico che esiste una mole considerevole di evidenze che mostrano un rischio significativo, la conversazione solitamente finisce lì, spesso con un commento del tipo: «Beh, per me è impossibile fare a meno del cellulare».
Queste esperienze mi hanno confermato che nello scrivere questo libro avrò davanti una strada tutta in salita.
Le persone si preoccupano per la loro salute, ma si preoccupano anche di fronte alla possibilità di dover rinunciare alla fantastica tecnologia che è divenuta così fortemente parte della loro vita. Permettetemi, quindi, di mettere le cose in chiaro fin dall'inizio: non c'è alcun bisogno che abbandoniate i dispositivi di quest'era elettronica.
Ma c'è una lunga serie di modi per affrontare il problema, modi che stanno fra la rinuncia totale di tali dispositivi e l'uso senza limiti che oggi se ne fa. Basti pensare alla storia delle bombolette spray per vedere come si sono trovate alternative più sicure una volta individuato il problema. Quando le bombolette spray hanno fatto la loro comparsa, venivano viste come qualcosa di miracoloso, come spesso avviene con tante novità tecnologiche.
Poi, negli anni Settanta del secolo scorso, gli studi hanno dimostrato che i propellenti usati stavano danneggiando lo strato dell'ozono, così importante per la vita sulla terra. Organizzazioni nazionali ed internazionali si sono mobilitate e si è arrivati ad un diffuso ed efficace divieto di utilizzo dei propellenti più dannosi.
Il risultato è che oggi abbiamo ancora le bombolette spray, ma l'emissione di sostanze che danneggiano l'ozono è in diminuzione.
Malgrado siano sempre di più le argomentazioni che suggeriscono di adottare maggiori limitazioni, la tipica linea tenuta dalle aziende è «non ci sono prove certe del rischio». Ho scritto questo libro proprio per dimostrarvi che non è così.
C'è un'ampia mole di solida scienza che dimostra come le radiazioni elettromagnetiche, sotto-prodotto del nostro mondo super tecnologico, abbiano molti effetti diversi sulla nostra biologia. È arrivato il momento di sostituire il solito ritornello «non ci sono prove certe del rischio» con «è tempo di riconoscere il pericolo e di agire di conseguenza».
Sono tanti i passi necessari per cambiare. Ecco due dei più importanti:
1. Stabilire criteri che rendano la tecnologia più sicura per gli utilizzatori e per tutto ciò che sta nell'ambiente circostante.
Fortunatamente tali criteri non sono difficili da tradurre poi nella pratica e ci sono molti modi per ridurre la quantità di esposizione. Ciò di cui c'è bisogno è riconoscere che il cambiamento è necessario e attuabile.
2. Fare in modo che la cittadinanza sia informata.
Quando le persone sono informate, sono anche responsabilizzate. Abbiamo visto bene cosa può fare la popolazione quando si mobilita per agire. La politica di aziende e governi può modificarsi radicalmente.
Questi obiettivi sono centrali per le idee esposte nel libro.
Conoscendo i fatti, potete prendere decisioni informate su come utilizzare la tecnologia e potete anche diventare parte del processo necessario per ridurre i potenziali danni causati dalle radiazioni elettromagnetiche.

Martin Blank
Dr. Martin Blank, esperto di effetti sulla salute dei campi elettromagnetici, ha studiato la materia per oltre trent’anni. Ha ottenuto il suo primo PhD alla Columbia University in chimica fisica e il secondo all’Università di Cambridge in scienze colloidali.
Dal 1968 al 2011 ha insegnato come professore associato alla Columbia University, dove oggi lavora come docente a contratto.
Il dottor Blank ha ricoperto il ruolo di consulente esperto sulla sicurezza dei CEM per il Parlamento canadese, per la House Committee on Natural Resources and Energy (HNRE) in Vermont e la Corte suprema federale brasiliana.

]]>