Comunicati.net - Comunicati pubblicati - FUTURGUERRA Comunicati.net - Comunicati pubblicati - FUTURGUERRA Fri, 23 Aug 2019 03:34:43 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/4697/1 Giornalismo e Futurologia, i soliti Media Wed, 21 Aug 2019 09:43:55 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590958.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590958.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA https://revoluzione.unoeditori.com/transumanesimo-la-religione-del-futuro/

Ennesimo articolo approssimativo e distopico sul futurismo transumanista:  in questo caso sul piano storico, anche nel senso di certo futuro anteriore ancora insospettato (ma nel "nostro" a più voci T.Day. Transumanesimo della vita quotidiana (Armando editore) ,  alcuni autori quali Bruni, Rocchio, lo stesso Foschi l'hanno persino dimostrato), l'autore  ha ben focalizzato  il Futuro .. in discussione,  ottimamente ha evidenziato  quel Julian Huxley, umanista scientifico,  convenzionalmente il fondatore di certa futurologia. 
Tuttavia, alla fine  regredisce nel solito tecnofobismo, pseudo umanista, solito elogio dei limiti umani assolutizzati e  non - come sempre- relativizzati e dinamici. Soprattutto ma - siccome anche in Italia esiste già una ampia letteratura, come spesso capita , insomma molti critici  disquisiscono del transumanesimo  in chiave giornalistica, ignorandola:  i famosi 5 volumi  editi qualche anno fa dall'AIT di Milano non esistono (tra numerosi altri)?  vero e proprio, troppi critici, anafabetismo scientifico. E poco importa  segnalare magari un testo mica male Cyberuomo. Dall’intelligenza artificiale all’ibrido uomo-macchina (Arianna Editrice) di Enrica Perucchietti. ma con analoghi bachi...

]]>
Ferrara, Asino Rosso eBook, il Sito Wed, 21 Aug 2019 09:14:41 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590957.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590957.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA L’AsinoRosso ha una nuova HomePage. Il sito di Roberto Guerra, ormai da lungo tempo diventato editore neofuturista e cyberpunk, si rimette a nuovo e propone una soluzione più razionale per trovare le pubblicazioni che vi interessano; scavate a fondo, esplorate…


]]>
Ferragosto, Italia mia non ti conosco Sat, 17 Aug 2019 16:20:59 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590181.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590181.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA
Da: oscarbartoli  blog "Letter from Washington".  ( www.oscarb1.blogspot.com)
 
]]>
Armando Editore news, IT’S ONLY THE BEGINNING. Di Angelica Negretti Sat, 17 Aug 2019 16:18:41 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590180.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/590180.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

*In uscita da fine agosto

Pagine 192, prezzo 14,00 euro


Konrad, ragazzo estremamente sensibile, è tormentato da misteriosi incubi ricorrenti. Nonostante tutte le difficoltà che incontra, resiste imperterrito e affronta la vita con grande coraggio e determinazione. Solo alla fine, scoprirà di essere in possesso di un dono prezioso, destinato a cambiare per sempre la sua vita.

Angelica Negretti è una giovane artista, scrittrice, fotografa e chitarrista. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Never stop dreaming (Sovera, 2017) e It’s not the end (Sovera, 2018), di cui questo libro è il naturale proseguimento.


*Asino Rosso


]]>
La fine del grillismo... Mon, 12 Aug 2019 14:19:26 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/589163.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/589163.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA di R. Guerra

Il dado o il web è tratto! Almeno per la prima grande novità politica post Internet, almeno negli anni scorsi.. che già sembrano, vita la parabola dei 5 Stelle un'eternità.  Primo partito non partito , movimento, più degli stessi  svaniti subito Partiti Pirata, effetto  della net generation,  un visionario futuristico come Casaleggio senjor, non banale, anzi, un artista come Beppe Grillo.  Un 'ascesa travolgente che occultava quasi il deficit cognitivo strutturale del "nuovo movimento", sempre liminare e borderline tra futurismo sociale e tecnotupico e neoprimitivismo luddista.
Infine alla velocità quasi della luce, all'apice è scomparso antitempo Gian Roberto Caseleggio, Grillo stesso sì è quasi defilato sul più bello, avanti un esercito Brancaleoni di dilettanti e di folli teorici della decrescita felice. Crolli elettorali dopo l'effimero trionfo dell'8 3   con la Lega,  il fallimento della democrazia elettronica ma malintesa (like rousseau et similia assurdi senza alcun filtro  meritocratico, conoscitivo, persino cognitivo- gente no vax  no tav  new age ecc.,  come posibile stupirsi dei flop Raggi e  Appennino a Roma e Torino?).  Nè i 5 stelle sono ormai prossimi alla parabola in picchiata  crash per l'anno circa di governo con la Lega. Anzi era paradossalmente l'ultima vitamina  ma tra No appunto luddisti e redditi di esistenza mal organizzati (mera propaganda per gli stakanovisti.. del Sud...) ora finalmente, a governo giallo verde esaurito anzi tempo, non certo per colpa di Salvini che per scongiurare la fine anticipata si era ridotto ormai a invocare la madonna in ogni comizio!.., hanno raggiunto l'obiettivo: una Decrescita Felice letterale. Almeno se ne vadano nell'archeologia della politica senza  inciuci necrofili con lo zombie PD!
]]>
Armando editore news: VENTO E PAROLE (e se balbetto?). di Alice Tavoni Mon, 12 Aug 2019 14:04:08 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/589147.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/589147.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

*in uscita da fine agosto '19


VENTO E PAROLE (e se balbetto?). Di Alice Tavoni

Pagine 16, pezzo 7,00 euro


Una breve, gradevolissima storia che racconta la balbuzie infantile con intelligenza e sensibilità. Una favola a colori che, dando voce a un bambino balbuziente, affronta questo argomento cercando di alleggerirne la portata, pur non negandone la complessità. L’invito dell’Autrice - rivolto a chi vive questo disagio, ma più in generale a tutti i bambini che percepiscono come problematica la propria diversità - è quello di cercare di uscire da un atteggiamento di isolamento difensivo. E il tema che attraversa la vicenda narrata è, nella sostanza, anche quello dell’inclusione. Niccolò, il piccolo protagonista del libro, dopo un rimprovero comincia a balbettare e si chiude in una dimensione di insicurezza. Saranno l’aiuto di un’amichetta, la fuga in un sogno e la presenza rassicurante del suo amato cane a restituirgli fiducia permettendogli di relativizzare il proprio imbarazzo e di andare a una festa, ritrovando il piacere della socialità uscendo simbolicamente dalla solitudine.

ALICE TAVONI, nata nel 1972 a Pisa, dove vive e lavora, si occupa di arte, grafica e illustrazione. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Storia dell’Arte, ha successivamente approfondito, attraverso stage e corsi di perfezionamento, l’interesse per il settore della tutela e della promozione dei Beni Culturali. Lavora presso il Sistema Museale dell’Università di Pisa. Ha pubblicato articoli, recensioni e ha curato allestimenti espositivi e cataloghi di mostre. Coltiva da tempo la passione per i libri destinati al pubblico dei bambini, ambito al quale si dedica come autrice e come illustratrice.


]]>
Armando Editore News - FASCISMO AL FEMMINILE. La donna fra focolare e mobilitazione. Di Valentino Rubetti Sun, 11 Aug 2019 14:09:53 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588868.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588868.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA *in uscita da fine agosto '19

FASCISMO AL FEMMINILE. La donna fra focolare e mobilitazione. Di Valentino Rubetti

Pagine 208, prezzo 15,00 euro


Secondo il paradigma antifascista-resistenziale, tutto il Ventennio è stato un periodo di profonda involuzione, non solo sul piano politico, ma anche su quello dei costumi. Ne deriva che la letteratura - peraltro scarsa e di esclusiva origine femminista - sulla condizione femminile in tale periodo si sia adagiata sul cliché della donna sottomessa dal patriarcato fascista, alla quale era precluso il lavoro come mezzo di emancipazione, buona solo come riproduttrice di figli da mandare a combattere o da essere immessi sul mercato del lavoro come manodopera a basso prezzo. Il libro analizza in chiave critica questi assunti dimostrando piuttosto il contrario, cioè che è proprio nel periodo fascista che la figura della donna, sia pure tra luci e ombre, tra colpi di freno e di acceleratore, nelle inevitabili contraddizioni di un Paese sulla via della modernizzazione, acquisisce una posizione inedita. In tale processo un ruolo chiave viene giocato dalla mobilitazione politica di massa, che coinvolge milioni di donne, pre-condizione necessaria, anche se non ancora sufficiente, per la nuova collocazione della donna nella società post-bellica. Un capitolo a parte è dedicato alle ausiliarie della RSI e al grande femminicidio di cui furono vittime. Pur non facendo parte di reparti combattenti, esse costituirono, di fatto, la quintessenza della donna fascista e pagarono un prezzo altissimo in termini di sangue a conflitto ormai concluso.

VALENTINO RUBETTI si occupa degli aspetti politici, culturali e artistici del Novecento italiano. È laureato in Filosofia, Sociologia, Storia dell’Arte, Antropologia ed Epistemologia delle Religioni. Ha pubblicato, per le nostre edizioni, Fascismo, Resistenza e Costituzione tra storia e mito (2017) e Don Milani in controluce (2017).


https://www.amazon.it/Fascismo-al-femminile-Valentino-Rubetti/dp/8869925811


]]>
The Futuresist Cure: Notes from the Front Lines of Transhumanism (English Edition) Formato Kindle di Zoltan Istvan (Autore) Fri, 09 Aug 2019 15:34:22 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588755.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588755.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA



ZOLTAN ISTVAN

"Leader of a movement attempting to beat death through technology."
-Discovery Channel


After publishing his bestselling novel The Transhumanist Wager in 2013, Zoltan Istvan began frequently writing essays about the future. A former journalist with National Geographic, Istvan's essays spanned topics from the Singularity to cyborgism to radical longevity to futurist philosophy. He also wrote about politics as he made a surprisingly popular run for the US Presidency in 2016, touring the country aboard his coffin-shaped Immortality Bus, which The New York Times Magazine called "The great sarcophagus of the American highway...a metaphor of life itself." Zoltan's provocative campaign and radical tech-themed articles garnered him the title of the "Science Candidate" by his supporters. Many of his writings--published in Vice, Slate, Quartz, The Guardian, Gizmodo, TechCruch, Psychology Today, Salon, New Scientist, Business Insider, The Daily Dot, Maven, Cato Institute, Metro, International Business Times, Wired UK, The San Francisco Chronicle, Newsweek, and The New York Times--went viral on the internet, garnishing millions of reads and tens of thousands of comments. His articles--often seen as controversial, provocative, and secular--elevated him to worldwide recognition as one of the de facto leaders of the burgeoning transhumanism movement. For the first time, here are many of those watershed essays again, organized, edited, and occasionally readapted by the author in this comprehensive nonfiction work, The Futuresist Cure: Notes from the Front Lines of Transhumanism--part of a forthcoming box set book collection of his work focusing on futurism, secularism, life extension, politics, philosophy, transhumanism and his early writings. Enjoy reading about the future according to Zoltan Istvan.

    

"Zoltan's obsessions are weird, but so was Al Gore's fascination with climate change in the '80s." 
-Vox 

"Istvan is a dynamic personality, as polarizing as he is engaging." 
-Breitbart 


"The physical embodiment of the Californian, libertarian, start-up culture tech-utopian dream." 
-BBC 



"Charismatic...a plausibly Presidential aura." 
-The New York Times 


https://www.amazon.com/Futuresist-Cure-Notes-Front-Transhumanism-ebook/dp/B07VSZZHWS



]]>
Armando Editore, FELLINI METAFISICO. La riconciliazione tra sogno e realtà. Di Monica Vincenzi e Luigi Casa Fri, 09 Aug 2019 15:30:13 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588751.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588751.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

 *in uscita da fine agosto  '19


Pagine 416, prezzo 23,00 euro


Questo libro è dedicato al grandissimo Maestro riminese Federico Fellini e a sua moglie Giulietta Masina. I loro film, oltre ad essere capolavori della storia del cinema, contengono una miriade di personaggi e di simboli che si manifestano spesso in una dimensione metafisica del reale. La caratteristica peculiare del cinema è quella di raccontare storie con immagini veloci in movimento, con le stesse modalità dei nostri sogni notturni, realizzando una diretta corrispondenza con i meccanismi dell'inconscio. In definitiva, è una sorta di racconto in una dimensione simile a quella di un sogno ad occhi aperti. Riconoscere che i sogni non solo hanno un significato, ma sono intimamente connessi alla vita diurna, è un concetto che non tutti riescono ad accettare. Siamo stati abituati per secoli a separare completamente queste due dimensioni, quindi riunirle non è semplice. È giusto riconoscere questo grande merito a Federico Fellini, senza il cui contributo non saremmo giunti così in fretta a questa importantissima riappacificazione. Nel libro, gli Autori analizzano le opere più importanti per tradurle in insegnamenti pratici per la vita di ogni giorno. La dimensione metafisica ci conduce direttamente all'essenza dei fenomeni e dell'arte, in definitiva della vita e della natura umana in genere. In questo caso ci mostra la struttura dei film nei loro aspetti di contenuti, di trame, di contesti relazionali nei quali i personaggi si muovono e di significati archetipici che rappresentano.

Monica Vincenzi è Pedagogista Clinica e Mediatrice Relazionale, iscritta all’Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici (ANPEC) e all’Albo Europeo dei Pedagogisti Clinici, specializzata in Tecniche Espressive con formazione in Italia e in Argentina.

Luigi Casa ha pubblicato alcuni racconti sul sito online “Wu Ming Foundation” e sulla rivista “Il grande fiume”, poi raccolti nell’antologia Otto sorrisi del destino.


]]>
Ferrara, Tiemme...Insetti e Eclissi, a cura di Riccardo Roversi Fri, 09 Aug 2019 15:21:20 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588746.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/588746.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

Comportamento degli insetti durante le Eclissi: Illustrato Formato Kindle

di Antonio Villa (Autore)  Euro 3.00
Questo rarissimo e prezioso libro riunisce quattro curiose e sorprendenti ricerche dello studioso Antonio Villa: Note su alcuni insetti osservati nel periodo dell’eclissi dell’8 luglio 1842, Osservazioni entomologiche durante l’eclissi del 9 ottobre 1847, Osservazioni zoologiche eseguite durante l’eclissi parziale di sole del 18 luglio 1860 e Riflessioni sugli insetti e nuove osservazioni sui medesimi durante l’eclissi del 6 marzo 1867. In questa edizione il testo è stato controllato e prudentemente normalizzato.
Nuova Chicca on line disibernata da Tiemme digitali/TED.  Una eccezionale ricerca sul mondo degli insetti e il loro comportamento durante l' eclissi, un focus  - dell'autore -  raro , scritto oltre 150 anni fa!  Testo affascinante, relativamente anche  datato ovviamente, eppure - come suplus storico - nel divenire dei tempi, di grande fascino anche letterario, sembra quasi una ricerca su alieni. (R.G.)
http://www.ted.onweb.it/it/ebook-arte
]]>
Mary Blindflowers da Londra: intervista per La Nuova Sardegna Thu, 01 Aug 2019 09:16:14 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/586299.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/586299.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA Nemo profeta in patria? A volte, alla lunga anche i media seguono normale logica meritocratica e  giusta attenzione "local" anche quando il protagonista  si fa notare all'estero . Con eccellente sobrietà, sia giornalistica che autoriale, la scrittrice e pittrice sarda Mary Blindlflowers, per molti anni anche a Roma, è stata recentemente intervistata da La Nuova Sardegna a fiirma Piras (blog d'autore, tra l'altro, a doppia firma in effetti, Piras Moreno).  La Blindflowers, emersa nel panorama letterario contemporaneo in Italia, da qualche anno si è trasferita a Londra e nell'Isola britannica si è affermata anche come pittrice. Sulla Blindflowers pittrice, nello specifico il focus di una lunga intervista dove l'artista ha presentato ulteriormente il proprio percorso culturale, cosiddetto Destrutturalismo (da anni  un blog ben segnalato in Italia, che attualmente - rinnovato- si chiama Antiche Curiosità) sorta di surrealismo 2.0, con tanto di manifesto e a rotazione diversi collaboratori. Per una cifra globale sperimentale ma rigorosa, colta e iconoclasta anche contro tutti i bachi dell'editoria e di certa letteratura italiana prevalente spesso puramente manierista e sopravvalutata. Di seguito, dopo alcuni estratti, vedi link, l'intervista integrale.

.....

di Claudio Piras Moreno

Un vecchio mulino dei primi dell’Ottocento, nella regione dell’Essex, e ora adibito a museo. È lì che espongono artisti locali e non. Ed è lì che Mary Blindflowers ha esposto per la prima volta, nel 2017, alcuni dei suoi dipinti. E da allora per lei si sono succedute, in United Kingdom, diverse esposizioni e personali con un turnover sempre più serrato, dovuto soprattutto all'originalità dei suoi lavori, alla simbologia che li permea, ai significati profondi e alla padronanza di diverse tecniche pittoriche, nonché alla costante ricerca di materiali e messaggi da proporre all'osservatore con il linguaggio dell’immagine, tutti elementi che hanno suscitato l’attenzione di addetti ai lavori e non. Di questa artista partita dalla Sardegna nel 1999, sappiamo che dopo la laurea in Letteratura Moderna all'Università di Sassari ha conseguito un Master in Criminologia all'Università La Sapienza di Roma, che ha svolto diversi lavori, sempre legati alla cultura e agli oggetti d’arte antichi, e che è dedita alla letteratura da tanti anni. Varie sono le pubblicazioni editoriali frutto del suo lavoro incessante e scrupoloso: opere sia di saggistica che romanzi, e innumerevoli sono le sue collaborazioni per riviste letterarie, forum e blog. Attualmente risiede a Londra, e un suo saggio si trova nella biblioteca della Yale University. Ha creato un movimento, Destrutturalismo (Controcomune buonsenso), e un blog (antichecuriosita) dove continua a occuparsi di cultura, arte e società. È grazie a questo blog che l’ho conosciuta. A colpirmi è la sua vasta cultura, sua e di alcuni suoi collaboratori, e la pubblicazione periodica delle immagini dei suoi dipinti, di cui ho potuto osservare la costante evoluzione ed estrema ecletticità.

.........................

Tanti tuoi dipinti sono caratterizzati da un uso ragionato dei colori, non posso non credere che anche nella scelta di ogni colore ci sia dietro un significato, che tipo di forza espressiva ha per te ogni colore? In che modo la utilizzi per i tuoi fini?

Il colore gioca una parte fondamentale nei miei lavori perché decide cosa deve essere messo in evidenza e cosa no, a seconda del significato che si vuole dare al dipinto e anche a seconda di quanto e come si voglia catturare l'osservatore o distrarlo anche, dipende. E non sempre ciò che è in evidenza è la parte più importante del lavoro, anzi spesso è il contrario perché vorrei un fruitore capace di scovare i significati, come vorrei altresì un lettore che sappia leggere tra le righe. Spesso l'aspetto più significativo è lasciato all'intuizione e all'immaginazione di chi fruisce, è così che l'arte diventa polimorfa e polisemantica, un'arte che non si morde uroboricamente la coda nella sua esaltazione patetica del quanto son bella, ma comunica, e di certo non risolve problemi, ma li mette quantomeno in luce e invita lo spettatore ad essere protagonista, a sostituirsi all'autore, pensando.

....................





]]>
Oscar Bartoli: "Come è possibile?" Wed, 31 Jul 2019 18:25:08 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/586171.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/586171.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

Da: oscarbartoli < 

"Come è possibile?"

https://oscarb1.blogspot.com/2019/07/come-e-possibile.html

blog "Letter from Washington".  ( www.oscarb1.blogspot.com)


Mail priva di virus. www.avg.com
]]>
Partanna (TRAPANI) - Al via Artemusicultura 2019 Sat, 27 Jul 2019 16:47:36 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/584829.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/584829.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

Da: Letizia Loiacono

....sull'edizione di Artemusiculura che prenderà il via domani e si concluderà il 28 settembre.


Città di Partanna



Comunicato Stampa


Partanna, al via domani la 16esima edizione della kermesse “Artemusicultura”

Catania: “Due mesi ricchissimi di eventi, concerti e spettacoli di grande richiamo”



PARTANNA. Giusy Ferreri (10 agosto), Max Gazzè (20 agosto), Le Vibrazioni (24 agosto) e Giordana Angi (4 agosto) direttamente dal talent show “Amici”. E ancora Teo Mammuccari (22 agosto) con il suo live “Più bella cosa non c'è”, il teatro di qualità e le commedie dialettali, festival enogastronomici come lo “Street food fest” che quest'anno si dividerà in due appuntamenti il 17 e 18 agosto, le classiche “Notti bianche” (10 e 24 agosto) e la rassegna “Chateau jazz” (l'1, il 9 e il 29 agosto) per gli amanti del genere e non solo, passando per le innumerevoli iniziative programmate grazie al contributo di artisti, delle associazioni e dei club attivi sul territorio o in collaborazione con le scuole locali. Senza dimenticare infine il meglio della comicità isolana al “Sicilia cabaret live show” (7 agosto), spettacolo all'insegna della risata. Un programma ricchissimo di appuntamenti quello messo in piedi dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Nicolò Catania, in sintonia con il vicesindaco con delega al Turismo, Sport e Spettacolo Angelo Bulgarello, per la 16esima edizione di “Artemusicultura” e la 13esima “Rassegna culturale Castello Grifeo” al via da domani e la cui conclusione è prevista per il 28 settembre. La rassegna, più volte ai primi posti fra quelle di grande richiamo e intrattenimento turistico finanziata dalla Regione siciliana per la qualità, longevità e varietà degli eventi promossi, quest'anno si avvarrà anche dell'importante collaborazione di sponsor privati. E per la prima volta anche del supporto promozionale dell'Ente Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria che nel corso di quest'anno ha inserito i beni culturali della cittadina, in particolare il Castello Grifeo con l'annesso Museo della Preistoria della Basso Belice, fra quelli di competenza dello stesso parco il cui direttore Bernardo Agrò, al fine anche di promuovere un turismo condiviso e reciproco, si pone l'ambizioso obiettivo di aumentare considerevolmente l'afflusso di visitatori anche nel comune belicino. “Due mesi di eventi e spettacoli per una kermesse, quella di 'Artemusicultura' - afferma il primo cittadino Nicolò Catania - che negli anni ha conquistato una posizione di rilievo nel panorama culturale siciliano grazie all'impegno degli amministratori, dei consiglieri comunali in particolare di maggioranza, dei dirigenti dei vari settori (Utc, Polizia Municipale e Servizi di manutenzione) dell'ente locale e degli uffici comunali tutti a cominciare da quelli del Quarto settore dedicato a Turismo, Servizi sociali, Servizi alla persona, Sport, Spettacoli e Grandi eventi, coordinati dalla dirigente Doriana Nastasi, delle associazioni e dei club locali ma anche di semplici cittadini. Artemusicultura rappresenta senza ombra di dubbio una opportunità di aggregazione sociale e culturale che nel tempo è anche diventata occasione di sviluppo economico del territorio, un riferimento per gli operatori turistici della provincia di Trapani e non solo che ci incoraggia sempre più a migliorare la proposta al fine di consolidare l'offerta turistica che il nostro territorio può vantare con le sue bellezze naturalistiche, architettoniche, monumentali e archeologiche. Un doveroso ringraziamento va in questo senso al neo assessore regionale Manlio Messina per il supporto e la disponibilità dimostrati già all'indomani del suo insediamento e al direttore dell'Ente Parco archeologico di Selinunte Bernardo Agrò per la preziosa collaborazione.”. “Artemusicultura - aggiunge il vicesindaco Angelo Bulgarello - è diventata nel tempo un simbolo di Partanna. Il nostro Comune, infatti, gestisce la rassegna completamente in house, ovvero avvalendosi esclusivamente del personale dirigenziale e dei dipendenti degli uffici dell'ente locale che in questi anni hanno raggiunto ottime abilità in termini di capacità organizzativa e di attenzione per la cultura e l'intrattenimento declinato in tutte le sue forme. Una rassegna, il cui programma è consultabile anche sul sito del comune www.partanna.gov.it, della quale siamo orgogliosi e che anche quest'anno racchiude tanti eventi di grande richiamo non solo per Partanna ma per tutta la Valle del Belice”.

La portavoce del sindaco

Letizia Loiacono

email:letizialoiacono80@gmail.com

ufficiostampa@partanna.gov.it




]]>
Dinanimismo X - intervista a Zairo Ferrante (bonus....ricordo di Girolamo Melis) Wed, 24 Jul 2019 15:39:14 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583881.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583881.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA
Dinanimismo 2009-2019... Autori Vari,  a cura di Zairo Ferrante e Roberto Guerra (Asino Rosso eBook, 2019)

intervista a Zairo Ferrante, auotore e curatore

D -La poesia come Fare Anima  nell'era del computer?
Poesia come fare anima sempre!!! Non soltanto oggi, nell'era del computer. 
E' ovvio che, come ho scritto in un manifesto del movimento, […] credo che, proprio in questi tempi "iper-tecnologici", l’Anima sia fondamentale e indispensabile per la sopravvivenza dell’uomo; ritengo che questa Sconosciuta possa essere l’unica risorsa in grado d’aiutare l’essere umano ad affrontare e gestire nel migliore dei modi il progresso illimitato che, altrimenti, potrebbe segnare la fine dell’umanità. Ed è proprio in questo scenario, in cui l’Anima e la Coscienza rappresentano l’unica risorsa intrinseca dell’uomo, che la Poesia e i Poeti hanno nuovamente la possibilità di risorgere ed elevarsi a “maestri dell’Animo umano”. 
Poesia come vincastro dell’Anima in quest’era nuova e veloce. 
Poesia come supporto e compagna dell’uomo in questo futuro viaggio alla scoperta di “nuovi mondi, sfavillanti galassie e infiniti universi”.
D- Uno zoom  autobiografico?
Uno zoom...!?!?!? Facciamo un flash!!!
Sono orgogliosamente originario del Cilento (Aquara - SA) - per intenderci la stessa terra di Parmenide, Zenone e San Lucido (quest'ultimo  Santo, Concittadino e Uomo di profonda saggezza filosofica, tanto da diventare consigliere personale del Principe Guaimaro) -.
Attualmente vivo, altrettanto orgogliosamente, a Ferrara (terra del Tasso e di Savonarola... solo per citarne due tra Tanti) dove lavoro come Medico Radiologo.
Quattro raccolte di poesia all'attivo (anche con qualche premio), diverse antologie collettive e tanti Amici che mi accompagnano in questa bellissima esperienza... insomma, mi diverto così!!!
D- Il dinanimismo, la tua personale visione?
La mia personale visione?!?!
Un modo - poetico - per combattere il pecora-pensiero.
Il compito della Poesia e dell’Arte in quest'era digitale e veloce, deve essere quello di costringere l’Uomo a riflettere. A guardarsi dentro. A prendere consapevolezza dei i propri reali bisogni.

Questo è per me “dinanimismo”!!!

D- Il futuro della poesia, come lo immagini?

Sinceramente non lo immagino. Credo soltanto che fino a quando esisterà l'Uomo (inteso come azione-pensiero-anima) dovrà per forza esistere anche la Poesia. In fondo, la necessità di doversi comprendere è già essa stessa Poesia.

D - Nell'e-book dei 10 anni del dinanimismo hai deciso di inserire anche uno scritto del grande Girolamo Melis, scomparso da poco... Cosa vuoi dire a riguardo?

Beh sì! Si tratta di uno scritto pubblicato sul nostro blog nel 2011.

 Un modo per ricordarlo. 

Girolamo Melis... un Uomo di grandissima cultura e, per quel che mi riguarda, un Maestro e un Amico.

E' stato uno dei primi a credere nel Dinanimismo... il suo "Journal" era la nostra seconda casa. Pensa che ha inserito il dinanimismo anche in un numero di "Style - Voglia d'Italia" (ndr. inserto Nazionale del quotidiano "Il Giornale"). 

Un Pensatore ma, al tempo stesso, anche un seminatore di parole, di idee e di fatti... insomma non solo un Architetto ma anche un Muratore.

Un giorno mi dedicò - sempre dalle pagine del suo "Journal" - perfino una Poesia... diventata, poi, strada da seguire:

IN QUALCHE TERRA TRA IL TIGRI E

L’EUFRATE HO INCONTRATO… 

da http://girolamo.melis.it/2011/11/in-qualche-terra-tra-il-tigri-e.html

Zaìro Ferrante,
viandante dell’essere

Zaìro nella bisaccia gavetta tascapane non pane e vino conservi
per te
Hai avuto tutto e non chiedi i nomi dei passanti
A volte nemmeno il viso vuoi svelare
né aspetti che la mano magra
si tenda
Tu lasci in tovaglioli annodati di sopravvivenza
lontano da casa
agli angoli della fame e all’aperto della dignità
il pane e il sale
l’olio dell’accoglienza
affinché a Dio e non a te si rivolga il viso
del viandante tenuto in vita.
Del mondo antico hai la parola di Omero
narratore d’ogni contrada
all’origine del linguaggio
in cambio d’una sedia
forse una yurta
un riparo
al dimorante andare


biografia e info

Zairo Ferrante : Medico Radiologo, Poeta e Scrittore, è nato in provincia di Salerno nel 1983, ha vissuto ad Aquara (piccolo paese nel cuore del Cilento) fino all’età di 19 anni e, dopo aver conseguito la maturità Scientifica, si è trasferito a Ferrara, dove si è laureato in Medicina e Chirurgia e dove tutt’oggi esercita la sua Professione.

Autore di libri di Poesia e di prosa, nel 2009 ha fondato il “DinAnimismo”(Movimento Poetico/Artistico Rivoluzionario Delle Anime), un movimento poetico/artistico già riconosciuto come neo-avanguardia da una parte della critica letteraria.

Ad oggi è possibile leggere suoi scritti su molteplici riviste e periodici culturali on-line e cartacei. Alcune sue poesie sono state inserite in antologie collettive ed anche tradotte in Inglese, Spagnolo e Francese.  Ha ottenuto diversi riconoscimenti e premi sia in Italia che all’Estero.

LIBRI PUBBLICATI:

- “ITACA, PENELOPE E I MAIALI” (2019) - silloge - ( Autore: Zairo Ferrante - Editore: Il Foglio - ISBN:9788876067969 )

- “COME POLVERE DI CASSETTI - Mentre gli Angeli danzano per l’universo” (2015) - silloge - ( Autore: Zairo Ferrante - Editore: David and Matthaus/Divisione: ArteMuse - ISBN:978-88-6984-054-8 ).

- “I bisbigli di un’anima muta” (2011) - raccolta di saggi e poesie - ( Autore: Zairo Ferrante - Editore: CSA-editrice 2011 - ISBN: 978-88-96703-52-6 ).

- “D’amore, di sogni e di altre follie” (2009) - raccolta di saggi e poesie -  (Autore: Zairo Ferrante - Editore: este-edition 2009 - ISBN: 978-88-89537-91-6)

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,.

*Continua

https://e-bookdinanimismo.myblog.it/zairo-ferrante/
a cura di R. Guerra

Info http://poesia.blog.rainews.it/2013/08/la-vostra-voce-zairo-ferrante/
http://www.ilfoglioletterario.it/fabio-strinati-presenta-zairo-ferrante-dinamismo/


EBOOK  INFO
https://www.amazon.it/Dinanimismo-2009-2019-avanguardia-poetico-artistica-poetico-letteraria-ebook/dp/B07TMBDMJ8/ref=mp_s_a_1_1?keywords=dinanimismo&qid=1561800323&s=gateway&sr=8-1 
https://www.mondadoristore.it/Dinanimismo-2009-2019-10-anni-a-cura-di-Zairo-Ferrante-e-Roberto-Guerra/eai978883414531/

 



]]>
Ferrara: GALLERIA LACERBA - ULTIME NOVITA' SUL SITO DELLA GALLERIA Wed, 24 Jul 2019 14:51:52 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583871.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583871.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

Da: GALLERIA LACERBA  
 

GALLERIA LACERBA  

Via Goretti 5/7 - 44123 - Ferrara - Tel. 0532/768307 

www.lacerba.com   

ULTIME NOVITA' IN GALLERIA

immagine

La Galleria informa che sul sito www.lacerba.com sono visibili numerose novità di artisti quali Roberto Crippa, Mario Schifano, Toti Scialoja, Franz Borghese, Marcello Jori, Giancarlo Cazzaniga, Tano Festa, Giuseppe Chiari. 

Tutte le opere sono visibili anche presso il nostro punto espositivo di Via Goretti 5/7 a Ferrara.

In foto: Roberto Crippa - Olio su Tela - 1951 - Cm. 40x35. Autentica e archivio su foto a cura di Roberto Crippa Junior                            

          

  

 

]]>
La Zona Morta magazine (Luglio II, 2019) Tue, 23 Jul 2019 10:03:46 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583227.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583227.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

Menù “La Zona Morta”

Ecco il nuovo numero della Newsletter de “La Zona Morta”: ogni 15 giorni tante notizie, anticipazioni, classifiche, aggiornamenti… e molto, molto di più! Seguiteci su www.lazonamorta.it...

E ANCHE SUI PRINCIPALI SOCIAL NETWORK

ANTIPASTI

Creative Network numero 08 a cura della redazione

La Zona Morta Magazine N° 25 di Davide Longoni

PRIMI PIATTI

L’ombra di Rol  a cura della redazione

I cavalieri che fecero l’impresa di Gordiano Lupi

Piccirilli di Fernando Sorrentino

L’horror estivo di Nero Press a cura della redazione

SECONDI PIATTI

Fantascienza Story 237 di Giovanni Mongini

Mera suggestione di Fernando Sorrentino

Il nascondiglio di Gordiano Lupi

La leggenda degli amanti del lago a cura della redazione

CONTORNI - LE CRONACHE DI  

L’impero dei Mizar a cura della redazione

Intervista a Riccardo Rosati di Davide Longoni

FRUTTA

Mille anni nella prigione di rame a cura della redazione

Imageland 04 di Myriam Ambrosini

DESSERT

Doctor Who - Nucleo rovente a cura della redazione      

BEVANDE

Alfred Hitchcock nei film della Universal

Trieste Science + Fiction Festival 2019

Leiji Matsumoto a Torino

EXTRA

Diamo spazio ora agli extra iniziando con alcune segnalazioni direttamente dal mercato home-video. Per cominciare siete tutti invitati a giocare per la vostra stessa sopravvivenza nel disturbante survival thriller Escape Room, che è disponibile da qualche giorno in Dvd, Blu-ray e Digital HD con Universal Pictures Home Entertainment Italia. Capace di catturare l’essenza adrenalinica delle popolari stanze in cui si devono risolvere alcuni indizi e misteri, il regista Adam Robitel (Insidious: The Last Key) costruisce ad arte un film che piega e lascia in sospeso la mente con un cast vario e di talento, con Taylor Russell (Lost in Space - Perduti nello spazio), Logan Miller (Tuo, Simon), Deborah Ann Woll (True Blood), Jay Ellis (Insecure), Tyler Labine (New Amsterdam) e Nik Dodani (Atypical), con la partecipazione di Yorick van Wageningen (Millennium - Uomini che odiano le donne). Incentrato sulle vicende di sei sconosciuti che devono risolvere quesiti ideati con estrema malvagità e superare sfide al limite della sopravvivenza in ambienti rischiosi, con moltissimi colpi di scena inaspettati, l’edizione Dvd e Blu-ray di Escape Room contiene al suo interno un inizio e un finale alternativi e totalmente inediti del film, sei scene eliminate e quattro featurette. Scoprirete poi insieme al regista Adam Robitel e al cast come gli spazi e il design a 360° del film si dimostrino dei veri e propri antagonisti in “Gioco, partita, incontro”. Successivamente, scoprite come Escape Room è stato costruito con effetti speciali pratici e nessuno schermo verde mentre il cast e la troupe vi portano con loro in “I sopravvissuti raccontati dal cast e dalla troupe”. Tante novità e contenuti speciali da non perdere!

Passiamo ad altro… Alcuni passi sono più importanti di altri. Questo lo sappiamo bene, soprattutto grazie a quel 20 luglio di 50 anni fa, in cui l’uomo posò per la prima volta piede sull’affascinante suolo lunare. Satellite, riferimento, ha ispirato e continua ad ispirare artisti, innamorati e, non ultimo… il cinema. In occasione di questo anniversario importante, Universal Pictures Home Entertainment Italia ha deciso di dedicare il mese di luglio alla Luna, celebrando i capolavori del cinema del grande catalogo Universal dedicati proprio al nostro satellite, su cui vi ha portato innumerevoli volte grazie ai suoi film indimenticabili.

Si parte con la nuova edizione nell’esclusivo formato 4k Ultra HD del piccolo grande cult Moon, il film di Duncan Jones nato quasi per caso dieci anni fa proprio per mano del figlio di David Bowie, in uscita in questi giorni.

Imperdibili i film che trattano da vicino la storia dell’allunaggio, e quindi ecco First Man - Il primo uomo del premio Oscar Damien Chazelle - disponibile in Dvd, Blu-ray e 4k Ultra HD - per rivivere la storia attraverso la vicenda umana di Neil Armstrong che l’ha portato ad essere il primo uomo sulla Luna.

Impossibile poi non citare Apollo 13, celeberrimo ancora oggi per “Houston, abbiamo un problema”, che racconta la missione spaziale omonima fallita con protagonisti Tom Hanks e Kevin Bacon, inserito di diritto nella lista del New York Times dei 1000 migliori film di sempre. Il film è disponibile in Dvd e Blu-ray nel suo formato standard, e in Dvd all’interno della collana Cult on the Wall che contiene all’interno l’esclusivo poster del film.

Segue nella carrellata Oblivion - disponibile in Dvd e Blu-ray - l’avventura fantascientifica che vede Tom Cruise protagonista alle prese con le catastrofiche conseguenze della distruzione della Luna.

Per chi invece non è appassionato di universi distopici post-apocalittici, sarà facile godersi il grande successo del primo film del franchise di Cattivissimo Me, disponibile in Dvd, Blu-ray e 4k Ultra HD, che vede il brontolone Gru in compagnia degli adorabili Minions impegnati in una missione a dir poco fuori dal mondo: rubare la Luna!

Ce n’è davvero per tutti i gusti!

Veniamo ora alla narrativa per segnalarvi la pubblicazione de I disinnamorati (200 pagine) di Frank Iodice, pubblicato in Italia da Eretica Edizioni e già edito in francese col titolo Les désamoureux, pubblicato da Le Lys Bleu éditions su traduzione di Félicia Lignon.

Se ci sentiamo completi soltanto quando siamo con un’altra persona,

vuol dire che con le nostre stesse mani ci siamo resi inadatti a rimanere da soli.

I disinnamorati è un romanzo che parla dell’inconoscibilità dell’amore. Antonino Bellofiore è un giovane agente di polizia, un flic. Fuma sigarette di contrabbando e indossa calzini spaiati. Bellofiore è un personaggio tormentato, destinato a soffrire perché consapevole dell’assurdità dell’animo umano. Anisetta è una ragazza molto più matura della sua età, ha il collo delicato e gli occhi grandi e gialli come quelli dei gatti. Entrambi sono alla ricerca di un significato concreto da attribuire all’amore: lui per definire una natura sfuggente che non sa vivere appieno, lei per un motivo legato ai suoi studi di psicologia, che la pongono in una posizione di superiorità rispetto ad Antonino, una posizione in cui comprende ciò che desidera e ciò che non vuole. Bellofiore invece non sa lasciare andare, si ostina a indagare nonostante le ferite e il dolore alla gamba, intrattiene deliranti conversazioni allo specchio, in cui cerca risposte a domande che non dovrebbero più avere importanza. Dovrà alla fine comprendere che ha stretto sempre tutto a metà. Le indagini sulle cartoline recapitate con trent’anni di ritardo sono il pretesto per far emergere il vuoto della relazione tra i due protagonisti, il non detto, o il detto a metà. Delle semplici cartoline riescono a instillare il dubbio nella mente di entrambi, riescono a generare un corto circuito da cui non ne usciranno, o meglio, ne usciranno disinnamorati.

Un romanzo intenso, che gioca col lettore seminando indizi, rivolgendosi direttamente a lui; una storia che svela pian piano il suo intento e riesce a sorprendere con i suoi complessi e umanissimi personaggi.

Per le Edizioni Kimerik vi segnaliamo l’uscita del libro La ragazza dell'ex Jugoslavia (362 pagine; 25 euro) di Marina Jurjevic: il destino talora sembra accanirsi contro un individuo. È quello che accade a Tamara, protagonista di questo romanzo, costretta a subire violenze e soprusi senza un'apparente ragione. Tamara è una donna ferita, distrutta da quella sofferenza contro la quale combatte sin dalla più tenera età, è sola, non sa che fare, si sente sempre più legata a colui che non l'ha mai amata ma l'ha resa più fragile tendenzialmente a causa della paura di un nuovo abbandono. Un romanzo da apprezzare pagina dopo pagina, denso di spunti di riflessione che fanno stringere il cuore. Ci si commuove, si spera, si assumono nuove consapevolezze. Si impara a credere che, oltre le difficoltà e le disavventure che la vita possa riservare, vi sarà sempre uno spiraglio di luce, una piccola goccia di speranza, vero lume dell'esistenza.

Chiudiamo infine con una serie di novità targate Persiani Editore. Cominciamo con Dopo la pioggia (284 pagine; 14,90 euro) di Antonio Rapacciuolo: 1943. Luca è un diciottenne bolognese. Ha due grandi amori, Silvia e i volumi della libreria di suo padre. Divora di tutto, libri d’avventura, classici greci e latini, poesie. «Raccontami una storia», gli chiede Silvia di continuo, con occhi trasognati. Ma la guerra incombe, con il suo carico di orrori e devastazioni. Inevitabilmente le strade dei due ragazzi si separano. Solo una promessa rimane a legare i loro destini: «Scriverò una poesia per te».

2016. Paolo è un trentenne napoletano. Di buona famiglia, ha un lavoro da giornalista. Eternamente insicuro e indeciso, sogna di fare lo scrittore senza riuscire a concludere un romanzo. Due vite. Due mondi. Così distanti, così diversi. Ma le poesie di Luca viaggiano nello spazio e nel tempo, trascinate da un amore che non avrà mai fine. Toccherà a Paolo e ai suoi amici Max e Giulia ricomporre le trame che esse hanno disegnato, fino all’inatteso epilogo.

Proseguiamo con il libro intitolato Camei (124 pagine; 14.90€) di Ario Gnudi, che ci racconta storie di alcuni di noi che si sono imbattuti in personaggi famosi. A volte capita di imbattersi, più o meno per caso, in personaggi eccezionali… incontri che possono cambiarci la vita. Paragonando l’esistenza a un lungometraggio questi incontri sono dei veri e propri camei: apparizioni straordinarie e fugaci che si cristallizzano, momenti irripetibili che spezzando la consuetudine portano il sorriso sulle labbra, lasciando ricordi gradevoli o dolceamari. Attraverso l’escamotage dei “camei esistenziali” Ario Gnudi propone dieci racconti nei quali vengono ripercorse storie e colloqui con personaggi più o meno famosi, tutti comunque da annoverare tra i vip. Una narrazione scorrevole e a tratti ironica nella quale l’autore non rinuncia a mettere un po’ di sé e della propria esperienza umana, intrecciando le varie vicende autobiografiche con quelle dei personaggi noti. Il lettore, smarrito tra queste avventure - spesso sognate ma che poche volte capita di vivere - è chiamato in causa per decidere quali siano reali e quali frutto dell’immaginazione e della creazione letteraria.

Infine segnaliamo La prossima estate (238 pagine; 16.90€), un requiem per il noir scritto da Alessandro Bruni: affrontiamo grandi eventi nelle nostre vite che sono fondamentali, e finiscono per cambiare la rotta del nostro destino: matrimoni, trasferimenti, successi lavorativi… A volte però sono sufficienti piccole coincidenze affinché si incastrino i pezzi di un puzzle più grande, che finisce per stravolgerci in maniera irrimediabile. Matteo e i suoi più cari amici si ritrovano dopo tanto tempo: elementi apparentemente insignificanti si allineeranno scardinando la realtà che credevano di conoscere, e, dopo quella che doveva essere un’innocente rimpatriata, la vita di quattro uomini non sarà mai più la stessa.

LA CLASSIFICA

I cinque articoli più letti nelle ultime due settimane:

  1. Fantascienza Story 239 di Giovanni Mongini
  2. Fantascienza Story 238 di Giovanni Mongini
  3. Imageland 05 di Myriam Ambrosini
  4. Inseguire un fantasma di Frank Iodice
  5. Il vero volto di “Dracula” di Roberto Volterri



    PROSSIMAMENTE

    Intervista a Roberta Guardascione, Luca Bertossi e Mauro Mogliani; Fantascienza Story;SplattArt; i racconti surreali di Fernando Sorrentino; “Imageland” di Myriam Ambrosini; novità da Marte; scoperti nuovi esopianeti; suoni e musiche misteriose dal cosmo; Supervixens; The Toxic Avenger; Star Trek - tutte le serie tv; Il villaggio dei dannati; la saga di Vampires; Tru calling; The ward - Il reparto; Terry Brooks; La stirpe dei dannati; Stephen King; tutti gli “Starman”; Planet of the apes: la nuova trilogia; Maniac Cop 3; Michael Moorcock; Space Invaders; la bella ‘mbriana; alla scoperta di Mercurio; Oumuamua; il pianeta X; una stella rara; l’Atlantide ritrovata; propulsione 2050: verso la velocità della luce; i segreti di Plutone; Racconti fantastici; A cena col vampiro; Kronos, l’uomo della seconda Preistoria; Spiderman: un nuovo universo; Spiderman: Far from home; X-Men: Dark Phoenix; Aladdin; Midsommar - Il villaggio dei dannati; Il caso del mostro; La morte correva sul video; novità La Sirena Edizioni e Resh Stories; Gli strani casi di Ulisse Bonamy; Header 2; Batman - The Killing Joker; L’esorcista a teatro; Sette petali d’argento; Livello scarlatto; Woyzeck di Dino Battaglia; T-Day - Transumanesimo della Vita Quotidiana; Egitto proibito; DVD Generation volume 1; Cinque controsensi; tutto Flash Gordon: un saggio imperdibile; Teologia del domino; un nuovo trailer per “Scary stories to tell in the dark”.



    Arrivederci nell’aldilà!

    Davide Longoni

]]>
Franceschini? Benvenuta eutanasia politica..... Tue, 23 Jul 2019 10:00:13 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583208.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583208.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA di Benito Guerrazzi

Persino "trombato" alle ultime elezioni,  il cavaliere oscuro- eterno voltagabbana- ministro ferrarese (oggi dopo la svolta leghista e la fine del PD) esce in modo effimero dal meritato oblio e come uno spettro e  "divaneggia" il futuro del Governo! Persino Renzi, esasperato, lo ha rigettato tra gli ectoplasmi archeopolitici (peccato che dovrebbe farsi un selfie,,, analogo, visto che la fine delle rottamazioni a suo tempo  promesse, nel suo governo- nato come una rivoluzione- poi finito si sa come- coincise anche proprio con un Franceschini (fino al giorno prima bersaniano) ministro della cultura!
Comunque ecco la ricetta del ferrarese:  ribaltone e governo  PD-5 Stelle! 
A parte il fatto che se dovesse verificarsi questo scenario (mica fantapolitico, per carità, si sta tramando chiaramente in questo senso), sarebbe un golpe (altra questione la fine della credibilità grillina nell'attuale governo a trazione leghista ma con tale zavorra), quindi priorità subito  all'ordine pubblico interno, il nostro rivela ancora di più il suo stato politico terminale. Dispiace anche   questo autoaccanimento a sinistra,  di Franceschini, Zingaretti o anche Renzi: i primi due, una ventennale illusione meritocratica, l'ultimo uno scherzo dei media o di qualche matrix (leggi... Montaalbano...), il terzo quasi un enigma: aveva l'Italia ai suoi piedi come Rottamatore e Stil Novo, è riuscito a tempo di record, trasformarsi in un pessimo "artigiano" e in un  rimatore di provincia, tipo proprio la fu Ferrara del PD!
]]>
Ferrara: Intervista a Anna Ferraresi, neoconsigliere comunale (Lega), pittrice, veterinaria e animalista 2.0 Tue, 23 Jul 2019 08:36:19 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583047.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/583047.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA  a cura di R. Guerra

D- Anna, neo-eletta per la "rivoluzione" leghista a Ferrara, la tua prima volta e al primo colpo; chapeau, sei una pittrice e veterinaria, ti muoverai quindi in questo senso meritocratico? 
Nonostante abbia un indole artistica ciò non toglie che io sia pragmatica nel senso più incisivo del termine. Non sia mai detto che le due anime si scontrino nel caos dell’inconcludenza. La mia peculiarità è sempre stata la ricerca del nuovo e la sperimentazione concreta delle mie possibilità, per questo motivo non mi sono  risparmiata nello studio  e nell’applicazione dei contenuti teorici nell’esperienza pratica. La meritocrazia è per  me un valore incontestabile ed essenziale. Lo prova anche la mia precedente esperienza lavorativa , dove ho ricoperto la carica di area manager nel settore tecnico scientifico veterinario  meritocramente  raggiunto con la volontà e l’autodeterminazione e la consapevolezza che la conquista richiede sacrifico e perseveranza. Non a caso la frase “Gutta cavat lapidem “ mi rispecchia in pieno.

D- Anna, l'arte a Ferrara, che cosa ci vuole per ottimizzare le risorse autoctone, artisti spesso fuori dalle grazie del passato regime? 
Sono d’accordo con te nel descrivere il passato un regime in cui la liturgia politica dogmatizzata e spenta ha escluso il nuovo e il diversamente “artistico” se non accomunato dalla stessa ideologia politica.
Penso si possano creare nuovi spazi, nuove opportunità a quelle risorse come chiami tu autoctone, affinchè finalmente l’espressione artistica in tutte le sue sfumature possa dar voce e colore all’arte vera, in cui l’unico credo è l’arte in se stessa.

D- Anna, l'università a Ferrara come ulteriormente ottimizzarla? Più nello specifico, per la sperimentazione animale, sarà possibile in futuro ridurla al minimo in certo senso sfruttando le nuove tecnologie, la simulazione artificiale o realtà virtuale come alternativa? 
Anche nell’Università l’ottimizzazione si può ottenere seguendo il criterio sopradescritto della meritocrazia. In ogni campo è essenziale il merito. Poi è ovvio che ogni aspetto è concatenato ad un altro ; un po’ come una cellula o un organo è parte di un apparato e di un sistema più ampio. Tutto funziona perfettamente se l’intero sistema è sano, giusto per fare paragone medico. In effetti anche la medicina convenzionale se da un lato ha fatto progressi incredibili, dall’altro ha dimenticato l’aspetto originario  dell’immagine integrata dell’uomo che permette di conoscere e studiare tutti gli aspetti in cui la vita umana si esprime e si realizza, e la concezione unitaria attraverso la quale si può operare in senso razionale  tenendo conto dell’evoluzione fisica, biologica, psichica e spirituale dell’uomo.
Sono  contraria alla sperimentazione animale, che ritengo un atto crudele ed inadeguato e spesso inutile e che rappresenta invece un interesse economico per scienziati, industrie farmaceutiche, università,riviste scientifiche, allevatori , mezzi d’informazione.  Tutti quanti hanno un guadagno diretto o indiretto sulla sperimentazione animale. Ricordo che “animale” deriva  dal lat. animalis «che dà vita, animato», der. di anĭma «anima». Come può l’uomo concepire l’idea di infliggere sevizie ad un essere dotato di anima?
Io mi impegnerò affinchè il Comune di Ferrara intenda proseguire rispettando i valori etici per i quali siano introdotte metodologie scientifiche sostitutive all’utilizzo di animali vivi, come enunciato dall.art 2 punto 4 del Regolamento Comunale sulla tutela degli animali, in particolare sull’attuazione di un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Ferrara per il NON utilizzo di animali vivi a scopi didattici.
L’alternativa può essere la simulazione artificiale o realtà virtuale, dove però manca l’elemento “vitale” inscindibile dall’essere umano. La scienza ha il dovere di ricercare metodi in cui l’animale non venga sfruttato a fini economici e nello stesso tempo non arrivare ad una tecnologia  così altamente avanzata da sopprimere il reale con il virtuale.  

D- Anna- Nel tuo nuovo ruolo di Consigliere comunale quali saranno le tue priorità?
Prima di tutto rispondere con i fatti e non solo a parole alle problematiche che mi si presenteranno . Il mio impegno è rispettare la volontà di quei cittadini che mi hanno votata,  mi stimano e che mi hanno dato fiducia.
Una cosa è certa: la priorità principale è mantenere integro il mio principio morale in cui l’espressione massima è la libertà di pensiero sempre e ovunque!

https://www.facebook.com/anna.ferraresi.1614



Mail priva di virus. www.avg.com
]]>
Ferrara, dopo Xibalbà, A.V., il secondo romanzo di Franco Cavazzini Fri, 19 Jul 2019 15:32:11 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/582368.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/582368.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA

A.V Copertina flessibile - Stampa grande, 17 nov 2018

di FRANCO CAVAZZINI (Autore)

Formato Kindle Eu O.O    cartaceo Eu 4.58

Dopo Xibalbà, nuovo romanzo  molto intressante per Franco Cavazzini, ferrarese.  In Xibalbà un lavoro fantastico -misterico- ambientato tra il Messico e Ferrara (echi dello stesso "etnico-local" e "mitico" Mago Chiozzino) sulla scia del celebre Castaneda, nuovo romanzo intitolato A.V., iniziali di uno dei principali protagonisti e figura focus: in questo caso un originale psiconoir, a forti tinte anche esistenziali da un lato e dall'altro sullo sfondo dinamiche tra il mondo della droga e della malavita organizzata calabrese e non solo. Il maresciallo Raisi è il protagonista, tra Bologna e la stessa natia Calabria. (R.G.)

Più precisamente:
Il Maresciallo Salvatore Raisi, calabrese originario di Castrovillari trapiantato da più di vent’anni a Bologna, è il protagonista della vicenda narrata. Dai modi rudi e scostanti, cinico e sprezzante, è ossessionato dal fallimento del proprio matrimonio e la crisi familiare che ne consegue si ripercuote sul proprio lavoro, che ormai vive con indolenza e noia.Entra in caserma, in un giorno di riposo, per chiedere una licenza e poter tornare nell’amata Calabria, ma si ritrova a dover seguire il caso dell’ennesima morte per overdose dovuta ad una partita di eroina “tagliata male”, che circola in città.Vede così frustrato il suo desiderio di evasione e, intrappolato dal dovere, affronta gli accertamenti e le pratiche di routine del caso, che lo portano a conoscere Rita, una delle coinquiline della vittima. Emerge sin da subito un odio viscerale nella direzione di Alessandro Vicini, la vittima. Le indagini portano Raisi a Piacenza, città natale di A.V., da dove rientra a Bologna con un “nulla di fatto”. In questo viaggio si delinea in controluce l’orizzonte culturale di riferimento: una società che ancora non si è emancipata dai pregiudizi e dai tabù che sono riconducibili, di volta in volta, alla divisa che indossa il Maresciallo o al paese da cui proviene, o al genere a cui appartiene. Orizzonte che farà da sfondo a tutta la narrazione e che, nello stesso tempo, si sgretola progressivamente, fino a franare seguendo la deriva e la dissoluzione dello stesso protagonista.Raisi ottiene la licenza e fa ritorno alla tanto agognata Calabria. Il conforto per il ritorno però dura soltanto il tempo della lauta colazione preparata dalle abili mani materne. Raisi si ritrova, infatti, di fronte alla cruda realtà, rimasta inalterata negli anni e fatta di “quaquaraquà” morti ammazzati, di omertà, di splendidi luoghi sfregiati, di Famiglie e Capi Famiglia che comandano al di sopra delle istituzioni. Così come a Bologna, vive la condizione esistenziale di “straniero in terra straniera” e ricorda le motivazioni che in gioventù lo hanno portato lontano dalla propria terra. Ritornato a Bologna, Raisi riprende svogliatamente la quotidianità fatta di solitudine e di un lavoro che è sempre più svuotato di significato. Incontra Rita, dalla quale era rimasto “stregato” già durante il primo colloquio per gli accertamenti del “caso Vicini“. Abbandona ora qualsiasi indugio o contegno e inizia a frequentarla. Quest’ultima lo porta a conoscenza dell’esistenza di una agenda che stava tenendo il Vicini e gliela consegna. Agenda che, nonostante venga tenuta in scarsa considerazione dal Maresciallo per quasi tutta la narrazione, sarà un elemento chiave al termine del romanzo.Raisi viene contattato da Marta, ex fidanzata di A.V., che ancora profondamente innamorata di Alessandro non riesce a darsi pace per la sua scomparsa e fa pressioni su Raisi per la risoluzione del caso.

https://www.amazon.it/V-FRANCO-CAVAZZINI/dp/1731471807



]]>
Ferrara-Italy - Teatro, Il Gioco dei Semi di Riccardo Roversi . da Fiori di Mario Sergio, Ferrara Darsena, 18 luglio 21.30, ingresso libero Tue, 16 Jul 2019 14:00:23 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/580650.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/varie/580650.html FUTURGUERRA FUTURGUERRA  
--


]]>