Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Massimo Rosa Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Massimo Rosa Fri, 27 Nov 2020 10:32:54 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/374/1 Mostra applicazioni VaRiaBiLi | 22 giugno 2006 ore 21,30 | supperclub Roma Wed, 14 Jun 2006 10:38:00 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/26775.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/26775.html Massimo Rosa Massimo Rosa
Spett.le Redazione,

segue il comunicato della mostra in oggetto e l'invito per l'inaugurazione. Cordiali saluti e buon lavoro.

Massimo Rosa


applicazioni VaRiaBiLi
 
un progetto BARCAMP
 
di Donatella Bartoli e Teresa Campioni
 
a cura di Massimo Rosa
 
Inaugurazione:
22 giugno 2006 |  21.30
 
Periodo:
dal 22 giugno al 2 luglio
 
Sede:
supperclub
Via de’ Nari 14
00186 Roma

Info:
Tel. +39 06 68807207
 
Ingresso libero
 
Web:
www.supperclub.com

Cartella stampa completa di testi ed immagini disponibile per il download nella sezione press del sito www.studiomarte.com
 

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

 Può un processo matematico emozionare?

 Secondo Donatella Bartoli e Teresa Campioni, conosciute attraverso l’acronimo BARCAMP, si. E’ questa la domanda alla base della loro ricerca artistica ed è ciò che tenteranno di (di)mostrare nel corso dell’esposizione “applicazioni VaRiaBiLi” che si terrà dal 22 giugno al 2 luglio 2006 presso il supperclub Roma.
 
Una riflessione, quella del rapporto tra matematica ed arte, sicuramente non nuova alla storia dell’arte: si pensi agli studi a noi pervenuti dalla civiltà classica greca in cui si riteneva la proporzione e la simmetria degli oggetti alla base della loro “bellezza”. E via via a seguire nel corso degli anni all’applicazione nelle arti visive di tutti quegli studi sulla prospettiva e sullo spazio, dal rinascimento al cubismo passando per l’astrattismo fino ad arrivare ai nostri giorni in cui la tecnologia è entrata prepotentemente nella vita quotidiana modificando anche in maniera violenta il nostro modo di fare e di parlare d’arte.

Su di essa si sono creati nuovi linguaggi e nuove forme di comunicazione. A volte anche molto complessi e poco, o per nulla, percettibili all’istante da chi ne entra in contatto. A volte invece la sua naturale complessità si risolve nella creazione di un oggetto di semplice comprensione che contribuisce indubbiamente a migliorare le nostre vite e a rendere tutte le articolate operazioni giornaliere molto più facili da affrontare.

Nel caso di BARCAMP la matematica è allo stesso tempo fine e principio di tutto.  Osserveremo come due diversi lavori pittorici possano essere, tramite un lavoro di taglio, letteralmente distrutti per riprendere vita in un unica, diversa e mai esistita creatura semplicemente riassemblando il tutto seguendo delle variabili costanti nello spazio bidimensionale tracciato da un sistema di assi cartesiani.

Per assurdo, da due lavori finiti, tramite un procedimento del tutto razionale, potremo assistere alla nascita di un numero infinito di effetti visivi ed emozionali.

La matematica assume quindi un ruolo fondamentale nel processo creativo. Ne è soffio vitale e forza motrice. E la sua unione con l’artigianalità e la manualità manifesta tale forza  in un risultato che può essere colto ad occhio nudo e non necessariamente filtrato dalla conoscenza. Requisito indispensabile per poter presentare dei lavori come opere d’arte.


]]>
cs A-Zone Thu, 24 Nov 2005 01:42:41 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/17357.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/17357.html Massimo Rosa Massimo Rosa

COMUNICATO STAMPA

                                                                                                                     in collaborazione con

 

 

 

 

 

 

 

     Agenzia Roma Settembrini

 

Damiano Calì - Claudio Di Carlo – Daniela Papadia – Giuseppe Rado - Sandro Taliani

 

                           A - ZONE

 

a cura di Massimo Rosa

 

dal 2 al 30 dicembre 2005

 

Vernissage: 2 dicembre 2005 ore 21:00

 

UGC Ciné Cité - Parco Leonardo

Via Portuense 2000 – Fiumicino (RM)

 

 

Inaugura venerdi 2 dicembre 2005 alle ore 21:00, presso l’ UGC Ciné Cité di Parco Leonardo in Roma, la mostra A-ZONE curata da Massimo Rosa in cui gli artisti Damiano Calì, Claudio  Di Carlo, Daniela Papadia, Giuseppe Rado e Sandro Taliani, esibendo una selezione dei propri lavori tra pittura, fotografia e video installazione, sfrutteranno integralmente le “zone” espositive del cinema.

 

Un ennesimo esperimento contemporaneo di decontestualizzazione dell’immagine artistica. Assistiamo sempre più frequentemente negli ultimi anni a fughe dai consueti spazi espositivi per inserirsi in contesti di quotidianità con la ferma volontà di far vivere il “prodotto” artistico anche a chi non ha molta occasione di farlo per i più disparati motivi; vuoi per la pigrizia culturale che contraddistingue un periodo storico come quello che stiamo vivendo, vuoi per la scarsità dell’ informazione, a volte veicolata solo in canali non facilmente accessibili al grande pubblico,  vuoi per il timore reverenziale che in un certo senso l’arte provoca nel “non addetto ai lavori”.

 

L’immagine del passante col barattolone del popcorn in mano intento ad entrare in una sala cinematografica e, poco prima di entrarvi, soffermarsi ad ammirare un’opera d’arte interrogandosi sul suo significato, era troppo ghiotta ed accattivante per non essere colta al volo dagli artisti. Ognuno di loro, a modo suo, ruba quell’ attimo allo spettatore esaltando ancor di più il suo ruolo di osservatore e sviluppando in lui, ancor prima dell’ingresso in sala, un atteggiamento critico.

 

Damiano Calì ci offre uno spaccato di contemporaneità in cui l’illusione sembra farla da padrona su tutto ma senza mai abbandonare radici forti nella realtà. La velatura digitale che egli stende sulle sue opere gli consente di approdare a situazioni a volte illusorie, a volte utopiche o completamente irreali partendo da un dato oggettivo e reale: appunto la fotografia. Non mancano alti riferimenti alla storia dell’arte sia nell’ elegante aspetto formale dell’opera sia nelle tematiche da lui affrontate.

 

Sanguigno ed immediato è Claudio Di Carlo. Niente illusione o sogno. Fisicità, passione ed immediatezza. La sua pittura arriva immediatamente e prepotentemente nell’occhio, nella testa e nel cuore del fruitore come oggi ci arrivano allo stesso modo milioni di immagini dai video e dalle riviste. Ma al contrario di alcune immagini, a volte difficili o scomode da osservare, le sue risultano essere piacevolmente invadenti.

Fisicamente sospesa sopra le teste dei visitatori sarà la video installazione di Daniela Papadia. Ma lo sarà anche concettualmente. Un’entità  inserita in un “non luogo” senza tempo e senza spazio, ciclicamente potrà stimolare l’occhio dell’osservatore producendo in lui una tensione emotiva provocata dal contrasto tra flusso e stasi, identità e molteplicità.

 

Saranno invece gli sguardi delle affascinanti Ani-Me di Giuseppe Rado, recentemente premiate con la targa d’oro per la fotografia in occasione del Premio Arte 2005, figure femminili che prendono vita dal mondo dei fumetti e delle animazioni giapponesi ad accompagnare i passanti con fare accattivante e malinconico allo stesso tempo.

 

Infine scopriamo i dipinti di Sandro Taliani che continuano a porci domande, a volte anche inquietanti ma sicuramente pertinenti, sulla nostra quotidianità. I suoi personaggi sono persone comuni immersi in un mare di dubbi e perplessità che contraddistinguono il viaggio dell’uomo a cavallo della sua vita. Volti immersi in uno schermo televisivo, passivi e dubitativi, si interrogano su cosa rimarrà della loro essenza. Probabilmente un paio di scarpe usate.

 

--

 

A – ZONE

 

di Damiano Calì - Claudio Di CarloDaniela PapadiaGiuseppe Rado - Sandro Taliani

 

a cura di Massimo Rosa

 

Inaugurazione:

2 dicembre 2005 ore 21:00

 

Periodo:

dal 2 al 30 dicembre 2005

 

Sede:

UGC Ciné Cité – Parco Leonardo

Via Portuense 2000 – Fiumicino (RM)

 

Orari:

lun/ven 16:50/23:00

sab 16:50/01

dom 14:50/23:00

 

Ufficio stampa ed info:

UGC Ciné Cité

Maria Rosa Bellomo

Giusi Sanzone

Tel. 06 97 611002

 E mail: dir.fiumicino@ugcitalia.com

             seg.fiumicino@ugcitalia.com

 

Organizzazione:

Studiomarte

Tel:  +39 392 4072677

Fax: +39 0774 353639

Email: info@studiomarte.com

Web:   www.studiomarte.com

 

Sponsor evento:

RAS – Agenzia Roma Settembrini

Via Don Giovanni Verità 3

00195 Roma

Tel. +39 06 328561

 

- cartella stampa completa di immagini è scaricabile dal sito www.studiomarte.com nella sezione Press dell’area download documenti -

]]>
metal.morphosis Sun, 31 Jul 2005 15:36:16 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/14473.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/14473.html Massimo Rosa Massimo Rosa

 

 

Rosa Mastronardi Enzo De Simone

metal.morphosis

 

a cura di Massimo Rosa

 

inaugurazione: mercoledì 10 agosto 2005 ore 19:00

 

dal 10 al 20 agosto 2005

 

Convento Padri Filippini – Corso Garibaldi, Agnone (IS)

 

 

Inaugura mercoledì 10 agosto alle ore 19:00 la doppia personale dei due giovani artisti di Agnone Rosa Mastronardi ed Enzo De Simone dal titolo “metal.morphosis” curata da Massimo Rosa.

 

Insolito ed accattivante esperimento quello di accostare arte orafa a pittura digitale e creare una mostra che possa trovare un filo conduttore non tanto nell’aspetto estetico dei lavori presentati, quanto nell’atteggiamento creativo espresso dai due giovani artisti molisani: l’uso del metallo che, sapientemente lavorato attraverso una elaborazione tutta artigianale, arriva a trasformarsi in qualcosa di culturalmente più elevato: un’ opera d’arte.

 

E tali sono i gioielli che presenta Rosa Mastronardi in occasione della sua prima mostra: sculturine da indossare. Mini opere d’arte da portare con noi nella vita di tutti i giorni per esaltare le nostre linee corporee ma soprattutto, riprendendo significati che da sempre vengono attribuiti alle pietre preziose incastonate nei suoi lavori, recuperare una sempre più abbandonata spiritualità. Tutti i gioielli presentati assumono questo significato simbolico fin dalle prime fasi di lavorazione: attraverso un processo di fusione del metallo seguito dalla successiva fase di colatura, che Rosa lascia appositamente incontrollata, possiamo osservare la nascita di una nuova entità libera e senza alcun vincolo formale. Ed il risultato finale, attraverso questa attitudine creativa, ci consente di ammirare come un freddo metallo possa trasformarsi in un più caldo e nobile oggetto di piacere.  

 

Enzo De Simone invece sembra essere abituato a situazioni creative insolite. Ama la contaminazione tra le arti e ne diviene lui stesso fervente promotore. In questa occasione esibirà il suo personale progetto “la presa dell’olimpo” esposto già con successo in giugno 2005 al supperclub Roma durante la mostra “cAoS”. Porterà le sue divinità schierate sul monte Olimpo e come in un gioco inviterà i presenti a sfidarli ad uno ad uno per verificare se i valori da essi rappresentati, come l’amore, la cultura, la bellezza e tantissimi altri, possano essere ancora oggi considerati valori guida o solamente romanticherie attinenti al passato della nostra umanità. Importante anche in questo caso è la tecnica utilizzata: da un primo approccio fotografico all’opera si passa in men che non si dica alla pittura, alla stampa digitale ed infine all’assemblaggio manuale del tutto su plexiglass e lastre di alluminio con l’intento di riuscire a rendere tridimensionali figure che in origine non lo sono affatto.

 

--------------------------------------------------------------------------------------

 

 

SCHEDA EVENTO

 

metal.morphosis

di Rosa Mastronardi ed Enzo De Simone

 

a cura di Massimo Rosa

 

con il patrocinio del Comune di Agnone – Assessorato alla Cultura e Turismo

 

in collaborazione con la Pro Loco di Agnone

 

con il prezioso contributo di:

 

  • Marco Amicone
  • Maurizio Cacciavillani
  • Emilio Carosella
  • Paolo Carlomagno
  • Giuseppina Catauro
  • Mario Catolino
  • Felice Cerbasi
  • Giacomo Crolla
  • Marco D’Ottavio
  • Giovanni Del Papa
  • Carlo Di Toro
  • Franco Di Toro
  • Sonia Iacovone
  • Germano Labbate
  • Felice Marcovecchio
  • Enzo Masciotra
  • Angelo Pallotto
  • Mario Porrone
  • Rosella Sabelli
  • Armando Sammartino
  • Francesco Serafini

 

Inaugurazione:

mercoledì 10 agosto 2005 ore 19:00

 

Sede:

Convento Padri Filippini

Corso Garibaldi

86081 Agnone (IS)

 

Periodo:

dal 10 al 20 agosto 2005

 

Orari:

tutti i giorni dalle 18:00 alle 23:00

 

Ingresso gratuito

 

Ufficio stampa ed Info:

Studiomarte

Tel e fax: +39 0774 353639

Cell: +39 392 4072677

Email: info@studiomarte.com

 

Cartella stampa completa di testi ed immagini scaricabile dal sito www.studiomarte.com dalla sezione downloads documenti nella categoria Press

]]>
Comunicato stampa del 06/07/2005 Wed, 06 Jul 2005 11:59:51 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/14050.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/14050.html Massimo Rosa Massimo Rosa

COMUNICATO STAMPA

 

L'Associazione FUORI BOLLA, con il contributo della Provincia e del Comune di Roma, presenta:

 

QUARTA A COLORI

 

dal 7 al 9 luglio 2005

 

3 giorni di video, arte e teatro nel IV Municipio

 

Parco di Largo R. Angiolillo (angolo via Monte Cervialto)

 

 

La manifestazione nasce per portare nel grigio cemento del nuovo salario i colori dell'arte, della cultura, della creatività. L'evento vuole offrire agli abitanti e alle realtà presenti nel territorio (associazioni, laboratori teatrali, circoli, ecc.) un occasione diretta e naturale per conoscersi e comunicare: un evento organizzato dal basso che sfrutti le risorse già presenti sul territorio per una riqualificazione del quartiere.

 

 

Il Programma della Manifestazione:

 

 

Giovedì 7 luglio

 

19:00   Inaugurazione della manifestazione. Aperitivo offerto dall'organizzazione e presentazione del programma delle attività.

20:00 Studiomarte presenta: “QuattroxQuarta” con Cecilia Addone, Alex Mezzenga, Giuseppe Rado e Sandro Taliani, esposizione collettiva d’arte contemporanea

22:30 Proiezione del film "Un silenzio particolare" di Stefano Rulli

 

 

Venerdì 8 luglio

 

19:00 Dibattito: "Oltre l'Ikea: idee, progetti e proposte per la riqualificazione territoriale del Nuovo Salario"

21:30 Proiezione del documentario "Fidene memorie da una periferia" di Enzo Berardi

22:30 Proiezione del documentario "Il 25 aprile è la festa mia" di Marco Fornarola e Santi Minasi

Nel corso della serata: esposizioni e performance artistiche

 

 

Sabato 9 luglio

 

19:00 Performance musicale di G. The King cover di Elvis e Santana

21:30 Proiezione del corto "Era di giugno" di Tonino Forcisi

22:00 Proiezione del documentario "Baghdad Habibi" di Gisella Ianiri

23:00 Concerto elettro-pop del duo Lanzi-Sodano

 

 

INGRESSO GRATUITO

 

 

per informazioni: Associazione FUORI BOLLA - infofuoribolla@yahoo.it - 3496480558

]]>
c A o S al Supperclub di Roma dal 5 al 15 giugno 2005 Thu, 26 May 2005 19:39:36 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/13412.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/13412.html Massimo Rosa Massimo Rosa

 

Enzo De Simone – Federico Massimiliano Mozzano

 

c     A     o     S

 

opening: 5 giugno 2005 ore 19:30

 

Supperclub

Via de’ Nari 14 – Roma

 

 

“c A o S” è il titolo della nuova performance artistica che Federico Massimiliano Mozzano ed Enzo De Simone presenteranno al Supperclub di Roma dal 5 al 15 giugno 2005. I due imprevedibili e poliedrici artisti già da qualche tempo amano cimentarsi, come da loro spesso affermato, su progetti a “quattro mani” realizzando mostre ed esposizioni con uno spirito particolare. Non per dimostrare che le loro idee siano le più giuste in senso assoluto, ma esclusivamente per verificare se le proprie ipotesi possano essere valide o meno, confrontandosi con più persone possibili e possibilmente tra loro molto diverse. Li abbiamo già visti scontrarsi come pugili sopra un ring; combattersi a suon di forme e colori per comprendere alla fine che, nonostante la diversità tecnica da loro utilizzata, giungevano ad affermare molto spesso le medesime cose seguendo due percorsi analitici completamente differenti tra loro nel punto di partenza (la visione del mondo che li circonda) ma verosimilmente simili nei risultati. E figlia naturale di questa predisposizione d’animo e filosofia operativa è questa nuova esposizione, la cui concettualità e forza comunicativa sarà enfatizzata dall’uso di lavori fotografici processati in digitale, da interventi pittorici e della creazione di installazioni.

 

In principio era il

c A o S

Gli Dei disponevano a loro piacimento del destino dell’umanità. Poi nacque Brain e l’Olimpo fu preso dall’uomo nel tentativo di divenire artefice del proprio destino. Ma quando l’uomo cominciò ad assaporare il potere detenuto da secoli nelle mani degli Dei, fu nuovamente

c A o S

 

 

Don’t  touch “mai” brain di Federico Massimiliano Mozzano sintetizza, attraverso un accurato lavoro di ricerca, la presa di coscienza dell’artista del mondo che lo circonda e di quanto sia importante oggi poter affermare la propria individualità di persona pensante. Attraverso immagini molto suggestive pone se stesso al centro di una riflessione sulla reale libertà di vivere la vita odierna seguendo il proprio pensiero e non quello indotto. Prendendo spunto dalla moda, dalla musica, dalla televisione e dagli incessanti messaggi pubblicitari che quotidianamente invadono il nostro pensiero, pone l’attenzione sulla consueta attività di creazione “ad hoc” di fenomeni di pensiero di massa. Siamo veramente liberi di scegliere in un mondo in cui costruiscono tutto intorno a noi? A Federico Massimiliano Mozzano sembra gli stiano costruendo una gabbia attorno, magari  dorata, ma pur sempre una gabbia.

 

Conseguentemente ad una presa di coscienza si ha sempre una reazione. Questa reazione è affidata alle mani, al cuore ed alla testa di Enzo De Simone che in modo, anche molto presuntuoso, presenta il suo progetto La presa dell’Olimpo. L’artista si prepara ad una battaglia decisiva contro gli Dei oramai schierati sul campo cosciente che questo sarà uno scontro decisivo. Si scaglierà contro tutto ciò che essi hanno rappresentato da millenni: il potere. Ma, nell’istante in cui ci si scaglia contro un potere così forte, è assolutamente lecito dubitare di se, delle proprie forze e della giustezza delle proprie convinzioni. D’altronde quegli stessi Dei sono anche simboli di alcuni tra i più alti valori dell’umanità: arte, bellezza, scienza, amore. Che l’artista si stia sbagliando? Farebbe meglio a lasciare tutto così com’è oppure tentare in ogni caso un rovesciamento totale dell’ordine delle cose nella speranza di ottenere un cambiamento positivo? O sarà, in caso di riuscita,  negativo? Non lo sappiamo, e non lo sa, molto probabilmente, anche Enzo De Simone. Ma comunque vada ci godremo un interessante spettacolo. Qualcuno si farà male, altri godranno, altri invece, qualunque sia l’esito dello scontro, continueranno a vivere come se nulla fosse accaduto, probabilmente perché nessuno li avrà avvisati del cambiamento.

 

 

 

 

c A o S

 

di Enzo De Simone e Federico Massimiliano Mozzano

 

a cura di Massimo Rosa

 

Opening:

5 giugno 2005 ore 19:30

 

Periodo:

dal 5 giugno al 15 giugno 2005

 

Sede:

Supperclub

Via de’ Nari 14

000186 Roma

Tel. +39 06 68807207

 

Web:

www.supperclub.com

 

Ufficio Stampa ed Info:

Tel e fax:          +39 0774 353639

Gsm:                +39 392 4072677

Email:               info@studiomarte.com

]]>
Ani-Me do Giuseppe Rado Sat, 07 May 2005 14:55:53 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/13040.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/13040.html Massimo Rosa Massimo Rosa

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Giuseppe Rado

 

Ani-Me

 

dal 18 al 29 maggio 2005

 

Inaugurazione: 18 maggio 2005 ore 19:30

 

t&t - TiepolArte

Via Tirso 26 – Roma

 

 

Inaugura mercoledì 18 maggio 2005 alle ore 19,30 la mostra personale di Giuseppe Rado in cui esporrà alcune opere del suo ancora inedito progetto “Ani-Me” presso il t&t di Roma per il consueto appuntamento “TiepolArte” curato da Massimo Rosa.

 

Bellezza e femminilità. Sono questi l’oggetto del desiderio della ricerca artistica di Giuseppe Rado: desiderio vissuto a volte in atmosfere tristi, cupe e disincantate, ma sempre in un ottica giocosa. Le sue figure prendono chiaramente ispirazione dal vasto mondo delle animazioni giapponesi. Il contenuto estetico delle forme, confessa l’artista, esplora elementi di cultura alta e cultura bassa mettendoli in contrapposizione tra di loro fino a produrre una vera e propria metamorfosi iconografica: Lamù e Paolina Borghese, reale ed irreale si incontrano dando vita a qualcosa di nuovo, mai esistito. Una mutazione naturale e, al tempo stesso, artificiale di un corpo sulle orme di una generazione post-umana in cui l’intento, il fine ultimo di tale trasformazione è solamente quello di restituirci una visione di qualcosa di vero e soprattutto desiderabile: nuovi idoli in carne ed ossa. Nei lavori presentati da Giuseppe Rado il profano assume un carattere sacro, epico e contemplativo lasciando allo spettatore la facoltà di gustare delle nuove icone di bellezza e sensualità.

 

Note Biografiche

 

Giuseppe Rado nasce a Brindisi il 14/05/1970. Vive e lavora a Bologna. La sua attività spazia attraverso varie esperienze artistiche: dalla pittura al cinema, dalla fotografia alla performance fino alla fotografia  alla manipolazione iconografica. Tra le molte sue performance ed esposizioni, si ricorda la recente mostra fotografica “Click.it” presso la galleria Kamaver  Kunsthause di Lecco nel luglio 2004.

 

 

 

 

ANI-ME

di Giuseppe Rado

 

a cura di Massimo Rosa

 

Periodo:

dal 18 al 29 maggio 2005

 

Sede:

t&t – TiepolArte

Via Tirso 26

00198 Roma

 

Orari:

19,30 - 02,00

Escluso domenica

 

Info:

+39 392 4072677

 

Cartella stampa completa di testi ed immagini disponibile su Studiomarte al seguente indirizzo: http://www.studiomarte.com/Downloads-index-req-viewdownload-cid-6.html

 

 

 

___________________________________________________

 

This email and any files transmitted with it are confidential and intended solely for the use of the individual or entity to whom they are addressed. If you have received this email unintentionally, please notifiy us immediately.
Thank you.

 

Massimo Rosa
Via Catania 21
00011 Villalba di Guidonia (RM)
Tel. e Fax:     +39 0774 353639

Gsm:              +39 392 4072677

 

 

]]>
Comunicato Prigioni di Sandro Taliani Tue, 26 Apr 2005 12:27:23 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/12825.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/12825.html Massimo Rosa Massimo Rosa

Sandro Taliani

 

Prigioni

le celle della coscienza

 

Inaugurazione: 4 maggio 2005 ore 19:30

 

t&t - TiepolArte

Via Tirso 26 – Roma

 

 

Inaugura mercoledì 4 maggio alle ore 19:30 la mostra personale di Sandro Taliani dal titolo Prigioni per l’appuntamento “TiepolArte” presso il t&t di Roma.

 

Oscillando tra realismo ed iperrealismo le sue opere tracciano un percorso di ricerca personale ed impulsiva che spinge Sandro Taliani ad esplorare diverse tecniche e a sperimentare i volumi e le cromie in senso assoluto. La selezione dei dipinti in esposizione evidenzia un interesse spostato su itinerari dove ragione ed istinto si combinano proponendosi come la sola guida nella sua personale ricerca rivolta all’ Uomo.

 

E’ la figura umana in relazione al suo ambiente che muove la sua riflessione; l’individuo e le sue prigioni psichiche e fisiche, ma prima ancora, le sue inquietudini claustrofobiche e demofobiche e la sopraffazione della sua individualità. Le opere si presentano come la traduzione di visioni in rappresentazioni pittoriche; appunti personali, concetti ed interpretazioni vengono raccolti come istantanee mentali e conseguentemente illustrate in una sintesi artistica contenente elementi figurativi misti ad astrazioni surreali in cui non mancano frequenti riferimenti alla storia dell’arte e sapientemente attualizzati.

 

Sandro Taliani nasce a Roma 1960. Dopo il conseguimento della maturità artistica frequenta per diversi anni la facoltà di Architettura che successivamente abbandona per dedicarsi completamente alla pittura. Ne sussegue un ampio periodo di formazione autodidatta in cui approfondisce le tecniche di disegno e pittoriche, soprattutto olio e acquerello. Il traguardo ed il miraggio, rappresentati dalla volontà di avvicinarsi artisticamente a certe opere di Caravaggio, Vermeer ed in seguito a quelle dagli artisti dell'iperrealismo americano, hanno rappresentato la spinta necessaria a crescere e ad evolversi fino al grado di saper dipingere qualsiasi tipo di soggetto. Oggi il suo interesse è catalizzato attorno alla figura dell'uomo e al rapporto con il suo ambiente ed è proprio nelle sue opere che l'artista ne catalizza i suoi sogni, le sue speranze e le sue riflessioni.

 

 

 

 

PRIGIONI

le celle della coscienza

 

di Sandro Taliani

a cura di Massimo Rosa

 

Periodo:

dal 4 al 15 maggio 2005

 

Sede:

t&t – TiepolArte

Via Tirso 26

00198 Roma

 

Orari

Tutti i giorni dalle 10,00 alle 23,00

Escluso la domenica

 

Info:

Massimo Rosa: +39 392 4072677

 

Cartella stampa completa di testi ed immagini disponibile su www.studiomarte.com nella sezione press dei downloads

 

]]>
13.01.05 - La rassegna di videoarte 'Palp' chiude la mostra 'Les jeux sont prets' Fri, 07 Jan 2005 13:50:54 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/10321.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/10321.html Massimo Rosa Massimo Rosa PALP

Shortpeople touching HanselUndGretel

rassegna di videoarte

13 gennaio 2005 ore 20:30

fuzzybar bottiglieria, Via degli Aurunci 6, Roma

 

Si chiude con una proroga di una settimana rispetto al programma previsto la mostra personale "Les jeux sont prêts" di Cecilia Addone presso il fuzzybar bottiglieria di S. Lorenzo in Roma. "Palp" è una rassegna di 5 video d'arte realizzati da Shortpeople ed HanselUndGretel che verranno proiettati esclusivamente nell'arco della serata. Particolarmente adatti i 5 video alla chiusura della mostra che trovano come punto di contatto la tematica della celebrazione dell'assurdo.

I video proiettati:

  • PILSEPULSE - 5 poems by Gretel (2004) di HanselUndGretel e Shortpeople con la regia di Cecilia Addone

Durata: 5' 11''

Sinossi: Videopulsione del poetico al femminile. Un gusto giocoso a commento di diari di identità sensuali.

  • LO SCAMBIO (2003) di Shortpeople

Durata: 7' 30''

Sinossi: In un'epoca post apocalittica le fonti di energia scarseggiano; chi le possiede è disposto a cederle solo in cambio di un estremo baratto...

  • SINE (2002) di Shortpeople

Durata: 6' 00''

Sinossi: Quando si è nella terza età non è detto che la vita riservi solo dolore e rassegnazione; il vecchio protagonista di questa storia è ancora alla ricerca di una visione alternativa...

  • MR. BINGO: OPERAZIONE VENDETTA (2003) di Shortpeople

Durata: 5' 45''

Sinossi: Un burattino fa il verso ai grandi gangster della storia...

  • IL PROTAGONISTA (2001) di Shortpeople

Durata: 8' 30''

Sinossi: Le conseguenze di un incontro fortuito non sono calcolabili: violenza, dolore, perversione; tutte dettate dal caso...

 


PALP
Shortpeople touching HanselUndGretel
 
rassegna di videoarte
 
13 gennaio 2005 ore 20.30
 
Sede:
Fuzzybar bottiglieria
Via degli Aurunci 6
Roma
 
Orari:
21.00 - prima proiezione
22.30 - seconda proiezione
 
Info:
Fuzzybar
Tel. 06.4451162
 
Web:
 
 
Ufficio Stampa:
Massimo Rosa
Via Catania 21
00011 Villalba di Guidonia (RM)
Tel. e Fax: +39 0774 353639
GSM: +39 392 4072677
email:
info@studiomarte.com
http://www.studiomarte.com
]]>
lasciati toccare Wed, 08 Dec 2004 12:36:27 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9867.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9867.html Massimo Rosa Massimo Rosa
lasciati toccare ...

Art Contest

Federico M. Mozzano VS Enzo De Simone

La donna e l'ombrello café

Via Tuscolana 30 - Roma


I° round > mercoledì 15 dicembre 2004 ore 19,00


Mai ironiche e cordialmente minacciose. Questi i tratti caratteristici delle opere di Enzo De Simone e Federico Massimiliano Mozzano. Veniamo invitati a prender parte ad un gioco tanto vero ed accattivante quanto pericoloso. Lo spettatore, per quanto potrà provare ad uscirne fuori, si renderà conto man mano di quanto questo gioco l'abbia già coinvolto. I due artisti daranno vita ad un singolare contest artistico sfidandosi come due pugili sopra un ring. Il primo round di questo particolare “incontro/scontro” avrà luogo mercoledì 15 dicembre 2004 alle ore 19:00 presso La donna e l'ombrello café di Roma. I seguenti round, sempre alle ore 19:00, si svolgeranno ogni mercoledì fino al 05 gennaio 2005. Lasciati toccare ... anzi sei stato già toccato!


Federico M. Mozzano, nasce a Roma il 9 dicembre 1970 dove tuttora vive e lavora. La passione per le arti figurative lo porta prima a diplomarsi nel 1990 l'istituto di stato di cinema e televisione Roberto Rossellini, poi alla facoltà la Sapienza di Roma in lettere e filosofia con indirizzo storico-artistico. Il suo lavoro si basa su una costante ricerca visiva contaminata e mescolata alle arti fotografiche. La sua figurazione, che non nega riferimenti con il passato, è frutto di un lungo processo creativo, un analisi profonda del viver quotidiano, come lui stesso descrive: "eseguo i miei lavori in una veranda colma di luce, vivo e lavoro tra giorno, notte, caldo e freddo,...ed essere in quell'ambiente è come entrare in una dimensione sognante, nella quale percepisco suoni, luci, odori e rumori lontani dalla realtà, è una percezione vincolante che non mi abbandona mai... per fortuna." Predilige performance e live exhibition piuttosto che le tradizionali esposizioni vedendo in questo la possibilità di coinvolgere un numero sempre più crescente di persone verso le tematiche da lui affrontate. Tra le sue recenti esibizioni si ricordano:

Trattista blu” - performance pittorica nell’ambito della manifestazione ‘Gira e Rigira’ promossa dal Comune di Roma - assessorato alle politiche culturali, Sana Video e il VI Municipio del Comune di Roma;

In bilico perfetto” - performance al C.S. Brancaleone di Roma per lo spazio ArtBox di Firewater.

Urban Act#2” - Studio 14 - Roma


Enzo De Simone nasce ad Agnone ( IS ) il 10/10/1976. All’età di 18 anni comincia a dedicarsi attivamente e regolarmente alla pittura studiando e perfezionando il disegno. Si occupa all’inizio di tele di piccole dimensioni che però non gli consentono di poter procedere nell’opera senza alcun vincolo; di qui la decisione di “costruire” per intero ogni suo quadro, partendo dal telaio, realizzato in maniera molto rozza, fino alla tela. In effetti ogni dipinto è realizzato su semplice tela da fodera resa quasi impermeabile con l’uso del fissativo. Questa poca “raffinatezza” nei particolari è poi fondamentalmente l’idea di base da cui parte l’intera opera. L’esigenza di dare libero sfogo a tutte le pulsioni rifiutando completamente l’ordine e la tecnica, prendendo spunto dalla strada, dai suoi protagonisti, dalle sue vibrazioni, dagli eroi che la popolano, è l’elemento chiave dell’idea artistica del pittore. Molto attiva e concreta la sua attività espositiva della quale si citano le più recenti esibizioni:

Incipit” a cura di Giusy Caroppo - Galleria Artissima 35, Barletta (BA)

Premio Massenzio Arte” - Roma

Urban Act#2” - Studio 14 - Roma


lasciati toccare ...

Art Contest di Federico M. Mozzano ed Enzo De Simone


dal 15 dicembre 2004 al 5 gennaio 2005


Appuntamenti:

I° round > mercoledì 15 dicembre 2004 ore 19,00

II° round > mercoledì 22 dicembre 2004 ore 19,00

III° round > mercoledì 29 dicembre 2004 ore 19,00

IV° round > mercoledì 05 gennaio 2005 ore 19,00


Sede:

La donna e l'ombrello café

Via Tuscolana 30 - Roma

Ufficio Stampa ed Informazioni:

Massimo Rosa

Tel e Fax: +39 0774353639

GSM: +39 3924072677

email: info@studiomarte.com

web: www.studiomarte.com

]]>
Les jeux sont prêts Thu, 02 Dec 2004 13:40:51 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9734.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9734.html Massimo Rosa Massimo Rosa Les jeux sont prêts.

di Cecilia Addone

Inaugurazione giovedi 9 dicembre 2004 ore 19,00

fuzzybar bottiglieria - Via degli Aurunci 6, Roma

____________

Si  inaugura giovedì 9 dicembre, al fuzzybar di San Lorenzo a Roma, la nuova personale di Cecilia Addone.

In netta contrapposizione al famoso detto "I giochi sono fatti", Les jeux sont  prêts vuole essere piuttosto un punto di partenza verso una totale rivisitazione in chiave stilistica e tematica dell'attività dell'artista. Facendo uscire "oltre la cornice", insieme a materia e colori, anche importanti spunti di riflessione sul mondo che ci circonda, l'artista punta ad innescare un dialogo con il pubblico e la scelta dello spazio espositivo non fa altro che sottolineare questo intento.
 
Note Biografiche:
 
CECILIA ADDONE vive e lavora a Roma. La sua attività artistica si svolge parallelamente a quella di grafica professionista. Da un esordio di matrice pop e geometrico-grafico con influenze di tipo "optical", dal 2002 ha concentrato la sua ricerca sulla luce e la materia approdando a risultati "informali". Usa materiali inconsueti o di riciclo, crea la sua opera sull’esaltazione del colore, in una gamma che spazia da quello più sintetico e saturo fino ai toni naturali. La sua attività inoltre si concentra su una costante necessità di confronto con gli altri artisti e le altre forme d’arte, facendosi così promotrice e partecipe di incontri e di happening culturali. Attualmente è concentrata su progetti di installazioni che vedono una rivisitazione temporale della sua attività accanto a un occhio assurdo sul mondo contemporaneo.
 
--------------------------------------------------------------------------------
 
Les jeux sont prêts.
 
Inaugurazione:
giovedì 9 dicembre 2004 ore 19,00
 
Periodo:
9 dicembre 2004 - 7 gennaio 2005
 
Sede:
fuzzybar
via degli Aurunci n. 6
Roma
 
Info:
fuzzybar Tel:  064451162
web: www.cecilia.addone.it
 
Ufficio stampa:
Massimo Rosa
Studiomarte.com
Tel e Fax: +39 0774353639
GSM: +39 392 4072677
]]>
In bilico perfetto Fri, 12 Nov 2004 18:22:42 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9294.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/9294.html Massimo Rosa Massimo Rosa

Mercoledi 17 novembre Cecilia Addone e Federico Massimiliano Mozzano saranno ospiti di Artbox, appuntamento mensile del Brancaleone che propone realtà artistiche e creazioni dei giovani emergenti nell'effervescente panorama romano.

IN BILICO PERFETTO

Un'installazione nata dalla necessità di sperimentare una coesione tra il moto perpetuo dell’elemento tridimensionale e la volontà di realizzare un'opera fruibile indipendentemente dall’angolazione del punto di vista e dalle condizioni di luce. Gli autori di questa idea, Cecilia Addone e Federico Massimiliano Mozzano, in arte FXXI, si presentano in modo originale, con una visione propria dell'arte in continuo movimento ma in grado di creare una staticità riconducibile alla volontà dell'osservatore che potrà esser parte dell'opera non con la semplice contemplazione di essa, ma vivendola personalmente. Una sorta di ricostruzione dell'ambiente domestico nel quale artista e spettatore entreranno in contatto continuamente, cercando un'impatto visivo e mentale limitato a quell'unico istante.

CECILIA ADDONE vive e lavora a Roma. La sua attività artistica si svolge parallelamente a quella di grafica professionista. Da un esordio di matrice pop e geometrico-grafico con influenze di tipo "optical", dal 2002 ha concentrato la sua ricerca sulla luce e la materia approdando a risultati definibili "informali". Usa materiali inconsueti o di riciclo, crea la sua opera sull’esaltazione del colore, in una gamma che spazia da quello più sintetico e saturo fino ai toni naturali. La sua attività inoltre si concentra su una costante necessità di confronto con gli altri artisti e le altre forme d’arte, facendosi così promotrice e partecipe di incontri e di happening culturali. Attualmente è concentrata su progetti di installazioni che vedono una rivisitazione temporale della sua attività accanto a un occhio assurdo sul mondo contemporaneo.

FEDERICO MASSIMILIANO MOZZANO nasce a Roma il 9 dicembre 1970 dove tuttora vive e lavora. La passione per le arti figurative lo porta prima a diplomarsi nel 1990 presso l'istituto di stato di cinema e televisione Roberto Rossellini, poi alla facoltà di lettere e filosofia con indirizzo storico-artistico. Il suo lavoro si basa su una costante ricerca visiva contaminata e mescolata alle arti fotografiche. La sua figurazione, che non nega riferimenti con il passato, è frutto di un lungo processo creativo, un'analisi profonda del viver quotidiano che lui stesso descrive come una miscela di sensazioni, odori, luci, rumori…questo a testimoniare la sua lontananza dalla realtà nei momenti di creazione. Predilige performance e live exhibition in grado di coinvolgere maggiormente lo spettatore donandogli una percezione visiva immediata anche tramite l'utilizzo di smalti industriali, spray e materiali urbani.


IN BILICO PERFETTO
C. ADDONE & F.M.MOZZANO

Mercoledi 17 novembre - ore 22,00
in concomitanza con l'evento

FRANCESCO FARFA DJ SET

Sede: Brancaleone

Via Levanna 11
Roma

Ingresso: € 10,00

info: 06 82000959
email:
info@brancaleone.it

web: http://www.firewater.it

Ufficio Stampa

Massimo Rosa

info@studiomarte.com

www.studiomarte.com

]]>
Acqua olio e foglia d'oro Fri, 06 Aug 2004 13:34:25 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/8036.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/8036.html Massimo Rosa Massimo Rosa

COMUNICATO STAMPA

Scandriglia (RI) - 18-21 agosto 2004

 

Il Comune di Scandriglia ospiterà dal 18 al 21 agosto 2004, la mostra delle pittrici Fernanda Satta e Viola Di Massimo dal titolo " Acqua olio e foglia d‘oro". L’esposizione accoglierà acquarelli e cornici di Fernanda Satta e gli Olii di Viola Di Massimo. Gli acquarelli, ispirati a fotografie di viaggi, raccontano emozioni di incontri e paesaggi; le cornici sono lavorate con le tecniche della doratura e del restauro apprese dai maestri artigiani ed impreziosite dall’uso dei quarzi.Gli olii ci regalano immagini di figure femminili che si muovono in uno scenario irreale e misterioso contornato da simboli e improbabili personaggi.…un mondo che è fuori dal mondo.

 Fernanda Satta nasce a Firenze nel 1955, dopo gli studi classici si appassiona alla pittura cimentandosi nello studio del nudo presso l’atelier del pittore Roberto Ascolese. Negli anni ottanta frequenta la bottega dell’arte della ceramica di Paolelli a Roma dove impara a trattare, forgiare e decorare la creta. Verso la fine degli anni novanta sotto la guida della pittrice Barbara Duran, segue diversi corsi di illustrazione. Da tre anni vive a Scandriglia, nell’alta sabina, dove lavora alternando l’arte della pittura, dell’ illustrazione, della ceramica e delle preziose cornici.

Viola Di Massimo nasce a Roma nel secolo scorso dove tutt’ora vive e lavora. Attratta dai colori e dalle forme prima frequenta il liceo artistico , poi l’Accademia di Belle Arti di Roma nel corso di pittura tenuto dal professor Trotti dove si diploma nel 1994; trova la sua dimensione tra colori pennelli e tele dove si rifugia creando mondi irreali e misteriosi. Vive così tra colori e fantasia in equilibrio tra ironia irrealtà ed incanti, dove i colori accesi sono sempre accompagnati da sfumature lunari.

SEDE: Sala espositiva di Scandriglia - Via Ludovico Vignoli,30, Scandriglia (RI)

PERIODO: dal 18 a l 21 agosto 2004

ORARI: 18.00-24.00

INGRESSO: Gratuito

INFO: 333 4578823 - www.violadimassimo.com

ALTRE INFOwww.studiomarte.com

_______________________________________________________________________________
  IncrediMail - il mondo della posta elettronica si è finalmente evoluto - Clicca Qui
]]>