Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Celebrity Centre Firenze Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Celebrity Centre Firenze Fri, 28 Jan 2022 20:19:31 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/24075/1 Si fa presto a dire Marijuana: cosa stai veramente fumando? Thu, 27 Jan 2022 03:41:47 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755782.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755782.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Batteri fecali e genitali, droghe allucinogene: questo è altro è stato rilevato in campioni di marijuana acquistati per prova da un ricercatore negli Stati Uniti.

La maggior parte delle persone che usano marijuana non si preoccupano gran ché di ciò che stanno fumando, purché li faccia sballare. Chi sostiene l’uso di marijuana dovrebbe invece preoccuparsi del fatto che la loro droga potrebbe essere contaminata. È interessante esaminare il rapporto pubblicato da un ricercatore biologo che ha esaminato la composizione chimica di alcuni lotti di marijuana su cui è stato in grado di mettere le mani.

Il ricercatore ha acquistato l’erba nello stato di Washington, uno degli statu USA dove attualmente è legale comprare e vendere cannabis per scopi ricreativi. I primi due campioni testati erano contaminati con alcuni batteri: Enterobacter Asburia e Gardnerella Vaginalis, microorganismi che si trovano rispettivamente nelle feci e nella vagina. Chiunque abbia fumato la marijuana dai lotti che sono stati testati ha quindi ingerito tali batteri, senza nemmeno saperlo. Come ci sono finiti i batteri nella droga? Si può supporre che sia stata una questione di scarsa igiene personale da parte di chi ha confezionato la droga.

Un altro contaminante comunemente trovato nella marijuana è la muffa, che cresce sulle droghe durante la loro conservazione non ottimale. Probabilmente che fuma marijuana non ha mai neanche lontanamente pensato che potrebbe esserci qualcosa del genere nella loro canna! Al contrario, la maggior parte dei sostenitori della marijuana trascorrono il loro tempo a esaminare i presunti benefici della droga, sostenendo che è più sicura di qualsiasi altro stupefacente.

La scoperta dei contaminanti batterici nei campioni di marijuana dello stato di Washington è abbastanza allarmante, ma serve solo a evidenziare una questione più ampia nel contesto del consumo di cannabis. Infatti, è impossibile essere sicuri al 100% certo di ciò che stai fumando. Questo perché ci sono molte varietà diversi di marijuana, che vengono coltivate per ottenere particolari proprietà. Alcune sono più forti di altre per la concentrazione di tetraidrocannabinolo (THC), la sostanza chimica che è responsabile per lo “sballo”, altre hanno maggiori concentrazioni di cannabidiolo (CBD), la sostanza chimica a cui vengono attribuiti i possibili effetti medicinali della marijuana.

Un rischio ancora maggiore sta nel fatto che la marijuana acquistata in strada è spesso tagliata con altre droghe come LSD o “Polvere d’Angelo”, il risultato è che lo sballo può risultare molto diverso, potente e dannoso di quello che ci si aspetta. Non si può mai essere sicuri di cosa si sta acquistando. Perché correre il rischio di ingerire batteri potenzialmente pericolosi o farmaci allucinogeni?

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
La potenza della marijuana cresce mentre la percezione del rischio decresce Thu, 27 Jan 2022 03:34:50 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755780.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755780.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Sembra un paradosso: più la marijuana diventa potente al passare dei decenni, più i giovani sono convinti che sia innocua.

A partire dal 1991, la “percezione del rischio” degli studenti delle scuole superiori ha cominciato a diminuire. In altre parole, i ragazzi adolescenti hanno cominciato a pensare che l'uso regolare della marijuana non era così pericoloso. Tale percezione ha continuato a diminuire di anno in anno da allora. Ora come ora, meno del 40% degli studenti percepisce come un pericolo l'uso regolare di marijuana.

È noto che la marijuana di oggi è molto più concentrata, e quindi potente, di quella di qualche decennio fa, Nel 1975, la potenza media era inferiore all’1%, in termini di concentrazione di tetraidrocannabinolo (THC, la sostanza allucinogena che sballa). Questa potenza è aumentata lentamente fino alla fine degli anni '90, quando ha iniziato a salire rapidamente. È interessante notare che la prima legalizzazione dell'uso medico della marijuana è stato nel 1996 in California.

A partire dal 2012, la potenza media dei campioni sequestrati era del 12,3%. Naturalmente, alcuni campioni avevano concentrazioni molto più alte. Se acquisti la marijuana per uso medico, puoi trovare anche concentrazioni di THC al 20%. Il campione più alto testato nel Mississippi aveva più del 37% di THC.

Queste alte potenze sono compensate da una marijuana di potenza inferiore che proviene dal Messico. La cattiva notizia è che i produttori di droga messicani stanno aumentando la potenza dei loro prodotti in modo che possano competere con i ceppi ad elevata potenza coltivati ​​negli Stati Uniti e in Canada.

Non è stato ancora condotto uno studio scientifico su questo tema, ma sarebbe logico credere che la marijuana più potente dia maggiore dipendenza. Attualmente, un adolescente su sei che iniziano a fumare marijuana, ne diventerà dipendente, secondo l'Istituto nazionale sull'abuso di droghe.

 “Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Fumare cannabis da adolescenti può causare disabilità da adulti Thu, 27 Jan 2022 03:27:30 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755779.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/755779.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Uno studio svedese ha dimostrato che chi ha abusato di marijuana da ragazzo, ha il 30% di probabilità in più di diventare disabile quando raggiungerà la mezza età.

Fumare marijuana quando sei giovane non è un gran problema, purché tu smetta di farlo quando diventi adulto, giusto? E se hai usato marijuana quando eri un adolescente, perché dovresti impedire a tuo figlio di fare lo stesso? Uno studio recente, condotto in Svezia, ha esaminato le conseguenze dell’uso di cannabis negli adulti che avevano fumato quando erano ragazzi, con particolare attenzione a coloro che ne avevano fatto pesantemente uso.

Lo studio ha scoperto che l'uso di marijuana in gioventù predispone a soffrire di problemi nell'età adulta. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che i soggetti dello studio avevano maggiori probabilità di diventare disabili quando raggiungevano l'età di 59 anni, rispetto ai loro coetanei che non erano stati forti fumatori di erba.

Per completare lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati raccolti in un periodo di 39 anni, comprendendo un ampio campione della popolazione maschile. I dati riguardano gli uomini svedesi nati tra il 1949 e il 1951, che svolsero il servizio militare obbligatorio tra il 1969 e il 1970, si parla di circa 50.000 uomini. Al momento dell’arruolamento dovettero rispondere a varie domande sull’uso di tabacco, alcol e droghe, le risposte hanno fornito i dati per la ricerca. Gli uomini sono stati raggruppati in categorie secondo la frequenza d’uso della marijuana: 1-10 volte, 11-50 volte o più di 50 volte, e sono stati quindi esaminati per vedere com’è andata la loro vita nei decenni successivi.

La frequenza con cui i giovani avevano fatto uso di marijuana è risultata correlata ai loro problemi man mano che crescevano, secondo i dati acquisiti dalle agenzie governative svedesi, tra cui il dipartimento delle assicurazioni sociali, dell'istruzione e delle statistiche sul lavoro.

A esempio è stato riscontrato che i fumatori di erba finiscono per ricevere sussidi di invalidità con più frequenza rispetto ai loro coetanei che non avevano fumato. E questo non è vero per un piccolo margine, ma per un grande divario che non lascia spazio a equivoci. I giovani che hanno ammesso di aver usato marijuana più di 50 volte prima del loro 18° compleanno hanno poi scoperto che avevano il 30% in più di probabilità di finire con una pensione di invalidità una volta raggiunta la mezza età.

Gli effetti a lungo termine del consumo di cannabis possono cambiare la vita e avere implicazioni di vasta portata.

Uno dei motivi è che il cervello di un giovane non finisce di crescere fino a circa 25 anni, quindi l'uso di marijuana in giovane età può causare danni permanenti alla struttura del cervello. Inoltre, l'uso di droghe da giovane instaura abitudini e schemi di comportamento che tenderanno a preparare il terreno per una futura vita di abuso anche di altre sostanze, con tutti i problemi fisici e mentali che ne deriveranno.

Perché mettere a rischio il tuo futuro?

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
L'abuso farmaci da prescrizione tra i giovani atleti Thu, 13 Jan 2022 02:23:25 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753162.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753162.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Ai giovani che praticano uno sport vengono spesso prescritti antidolorifici in seguito a degli infortuni. Questo può causare una dipendenza dal farmaco, e qualche giovane potrebbe usare il farmaco come droga da strada per sballarsi.

Negli USA, come in tutto il mondo, ci si sta rendendo conto che il problema dell'abuso di farmaci da prescrizione è maledettamente serio. Antidolorifici come Vicodin e OxyContin, potenti farmaci una volta usati solo per fornire sollievo ai malati di cancro e a quelli con malattie terminali, sono ora tra i farmaci più comunemente prescritti. Queste vere e proprie droghe provocano una dipendenza sorprendente e stanno uccidendo più persone per overdose di quante ne uccidano eroina e cocaina messe insieme.

Oltre ai circa 17.000 americani che ogni anno muoiono per overdose di antidolorifici, molte altre centinaia di migliaia soffrono per i problemi legati all’abuso e alla dipendenza da tali farmaci.

I tossicodipendenti di antidolorifici appartengono a tutti i ceti sociali, ma un recente studio pubblicato sul Journal of Child & Adolescent Substance Abuse rivela che alcuni dei soggetti più a rischio di diventare dipendenti dalle pillole per il dolore sono i giovani atleti delle scuole superiori.

Lo studio ha analizzato le risposte un sondaggio effettuato da circa 2.300 studenti delle scuole superiori negli USA. Questo sondaggio è stato sponsorizzato dal National Institute on Drug Abuse e includeva domande sulle attività atletiche di ogni studente, tra cui baseball, football, basket, atletica leggera, nuoto e immersioni.

Uno dei risultati chiave del sondaggio è stato che gli atleti facevano un maggiore uso di droghe rispetto ai loro coetanei! Inoltre i ragazzi avevano maggiori probabilità di essere tossicodipendenti rispetto alle ragazze; gli studenti bianchi erano più comunemente tossicodipendenti rispetto agli studenti ispanici o neri. Infine, è stato riscontrato che i giocatori di football guidavano la classifica in termini di consumo di droghe. Gli studenti hanno riferito di aver utilizzato un’ampia serie di droghe, comprese le comuni droghe da strada, ma una delle tendenze inquietanti rilevate dal sondaggio è stata che sempre più giovani stanno abusando di farmaci da prescrizione, compresi gli antidolorifici.

Secondo l'indagine, il 12% dei ragazzi e l'8% delle ragazze ha ammesso di aver abusato di antidolorifici tra cui codeina e morfina, cifre che rappresentano un aumento rispetto agli anni precedenti. A differenza di molti altri farmaci, gli studenti che usano antidolorifici in genere non comprano le pillole da uno spacciatore: assumono i farmaci dopo che gli sono stati prescritti da un medico.

Un infortunio sportivo spesso comporta la prescrizione di Vicodin, OxyContin o un altro comune antidolorifico oppioide. Il meccanismo è semplice e allo stesso tempo aberrante: il ragazzo comincia ad assumere il farmaco, ma quando l’infortunio si risolve potrebbe essere diventato dipendente da tale farmaco sentendone un forte bisogno fisico e mentale, oppure potrebbe aver scoperto come abusarne per “sballarsi”, usandolo come un droga da strada. In entrambi i casi, si è innescata una vera e propria tossicodipendenza.

Ecco che il ragazzo, a infortunio risolto, tornerà dal medico fingendo di avere ancora i sintomi legati all’infortunio, facendosi prescrivere ancora e ancora il farmaco di cui è ormai dipendente.

Tali farmaci non solo possono alleviare il dolore di un infortunio, ma possono anche provocare euforia, una gradita fuga dallo stress che di solito provano gli adolescenti.

Questa ricetta per il disastro è particolarmente presente tra gli atleti delle scuole superiori come i giocatori di football, che sono spesso sotto forte pressione per la prestazione in campo così come per quella in classe. Un altro fattore che tende ad aggravare la situazione è la tendenza comune tra i giovani a sballarsi come un modo per sentirsi liberi, per ribellarsi all'autorità o mettersi socialmente alla prova, e uno studente con in mano una prescrizione di antidolorifici potrebbe approfittarne per ottenere uno sballo potente. Inoltre, c'è il fatto che il cervello di un adolescente non è ancora completamente sviluppato ed è vulnerabile ai cambiamenti causati dall'uso di droghe.

Gli oppioidi come gli antidolorifici e l'eroina causano i loro effetti interferendo con la chimica naturale del cervello e questa interferenza può avere un impatto duraturo sul cervello di un giovane, specialmente nell’uso prolungato. La tendenza all'aumento dell'abuso di antidolorifici da parte dei giocatori di calcio e di altri atleti delle scuole superiori è certamente allarmante e deve essere invertita per proteggere le generazioni future.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
La dipendenza da una droga si può curare con dei farmaci? Thu, 13 Jan 2022 02:12:30 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753160.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753160.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Come mai moltissimi tossicodipendenti appena usciti dai centri di recupero ricadono subito nel vecchio vizio? Il motivo principale è costituito da trattamenti errati, che non risolvono alla radice il perché la persona aveva cominciato a drogarsi in primo luogo.

Ci sono molte opinioni su cosa sia realmente la dipendenza da una sostanza stupefacente, da un farmaco o da uno psicofarmaco. Fa davvero molta differenza quale definizione è corretta? Sì, lo fa. Diverse forme di trattamento per il recupero dei tossicodipendenti si basano su questi diversi concetti e definizioni di dipendenza. Se la definizione di base di dipendenza è errata, il trattamento basato su tale definizione potrebbe mancare il bersaglio.

Prendiamo in considerazione il concetto di “malattia della dipendenza”. Questo concetto presuppone che si tratti di una malattia fisica simile al diabete, alle malattie cardiache o qualsiasi altra patologia del corpo. Quindi, se la dipendenza è definita come una malattia, sembrerebbe logico trattare quel problema con i farmaci. Infatti ci sono programmi di riabilitazione che utilizzano farmaci da prescrizione all'inizio, durante, alla fine del programma di trattamento e anche dopo che la persona ha lasciato il centro di recupero.

Ma ci sono milioni di persone in tutto il mondo che sono coinvolte nelle riunioni dei “Dodici Passi”. Quando una persona riesce a riprendersi dalla dipendenza in questo modo, mette concretamente in dubbio una definizione di dipendenza che prevede il concetto di malattia, poiché il procedimento dei Dodici Passi non include alcun trattamento farmacologico per la malattia.

Se la dipendenza fosse veramente una malattia fisica, magari di origine genetica, nascosta nei tessuti del cervello, allora i farmaci potrebbero essere una buona soluzione, così come lo sono quando i batteri invadono i polmoni di una persona. Se fosse una malattia, non ci sarebbe nessun "fallimento morale" coinvolto nella dipendenza. Una persona che desidera guarire da una malattia potrebbe pensare che non c'è bisogno di esaminare il danno che ha fatto a se stesso o agli altri. Dopotutto, è solo una malattia di cui l'individuo stesso non è responsabile, come se si prendesse un raffreddore.

Ma c’è quindi un “fallimento morale” coinvolto in una dipendenza? L’incapacità di gestire al meglio la propria vita a volte porta una persona a cercare di risolvere i propri problemi con la droga. Questo, a sua volta, porta a una diminuzione della razionalità e della capacità di rispettare i propri convincimenti morali, così come e quelli stabiliti dalla società. Le seguenti affermazioni di ex tossicodipendenti, che hanno completato il programma di riabilitazione dei centri “Narconon”, forniscono esempi reali di questo:

"Attraverso il programma Narconon, mi sono reso conto che non sapevo come vivere. Passare attraverso il programma, apprendere le abilità della vita e capire come gestire la vita mi ha dato la capacità di vivere davvero la mia vita e gestire le cose senza fuggire o scappando e facendo uso di droghe. Finalmente avevo il controllo di me stesso e della mia vita".

“Prima di [questi corsi] pensavo che non dovessi essere totalmente onesto nella vita fintanto che dicevi la verità per la maggior parte del tempo. Poi ho iniziato a capire quanto fosse importante l'onestà e cosa significasse veramente prendere le decisioni giuste nella vita. E poi, una volta che ho iniziato a operare in quel modo, ho iniziato a fare cose giuste per tutte le persone coinvolte, non solo per me. Quando ho iniziato a essere onesto, ho notato una tale differenza nella qualità della mia vita. È stato scioccante per me quello che l'onestà e l'integrità possono fare per una persona".

“Una delle cose che mi ha fatto usare così tanto la droga era che stavo facendo queste cose cattive e non avevo modo di rettificare quello che stavo facendo o assumermi la responsabilità per questo. Stavo vivendo uno stile di vita criminale, mi sentivo male e colpevole. [I corsi sulle abilità di vita al Narconon] mi hanno insegnato la responsabilità e mi hanno dato un metodo per correggere i miei errori e assumermi davvero la responsabilità di me stesso. E dopo, è stato come se pesassi mezzo chilo. Voglio dire, mi sentivo così leggero".

 

Quando una persona inizia a fare uso di droghe o a ubriacarsi regolarmente, rinuncia a qualche parte di responsabilità per la sua vita e il suo futuro. Se non è in grado di cambiare queste abitudini, potrebbe scoprire che le sue condizioni si stanno deteriorando. Potrebbe iniziare a danneggiare le persone che ama di più, abusando del coniuge o derubando la sua famiglia.

Se entra in cura e gli vengono somministrati solo farmaci come soluzione, non ha possibilità di riabilitare la propria condizione spirituale e morale. Questo è lo scopo della parte relativa alle abilità di vita del programma Narconon.

Quini vediamo bene come una definizione errata di dipendenza possa spiegare il perché alcune persone ricadono subito nel vizio appena tornano a casa finito il trattamento. Quando una persona ha la possibilità di esaminare e riparare qualsiasi deterioramento morale verificatosi prima o durante il periodo in cui ha trascorso una dipendenza, si è veramente guadagnato il diritto di rimanere sobrio.

Naturalmente la scena ideale nel mondo della tossicodipendenza è non diventare tossicodipendenti in primo luogo! Quindi, ben prima dei centri di recupero, la nostra società ha bisogno di informazione e prevenzione, semplici azioni che possono risparmiare dolore, sofferenza e morte a milioni e milioni di persone su questo pianeta.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
I pericoli nascosti della marijuana medica Thu, 13 Jan 2022 02:02:59 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753159.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/753159.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Se è legale allora è sicura? No, la marijuana medica è pur sempre marijuana, quindi si tratta di una droga che è tossica e che dà dipendenza.

Negli USA la marijuana è inclusa nel gruppo di droghe denominate “Tabella 1” della Drug Enforcement Administration. Si trova in compagnia di eroina, LSD, ecstasy e funghi allucinogeni. In base a tale classificazione è legalmente considerata come una delle droghe più pericolose, con il più alto potenziale di dipendenza. Nemmeno la cocaina è inclusa nella Tabella 1.

Gli oppositori della classificazione della DEA stanno guadagnando terreno nella lotta per legalizzare la droga. Lo stato di Washington e il Colorado hanno approvato leggi per legalizzare la marijuana, e diversi altri stati l’hanno depenalizzata.

La depenalizzazione significa che un adulto che viene trovato in possesso di una piccola quantità di droga non verrà arrestato ma riceverà una citazione, simile a una multa. Alcuni di questi stati hanno legalizzato la marijuana medica: Arizona, New Mexico, Montana, Illinois, Michigan, New Hampshire, New Jersey e Delaware. Se gli elettori di così tanti stati hanno scelto di rendere legale la marijuana medica, qualcuno potrebbe essere portato a pensare che tale droga sia sicura per l'uso. I sostenitori della marijuana medica affermano che la droga può rivelarsi vantaggiosa per i pazienti in molti modi diversi, tra cui: sollievo dal dolore, riduzione della nausea durante la chemioterapia, sollievo dal glaucoma dell'occhio, cura dell'insonnia, riduzione della spasticità.

Molti pazienti che usano marijuana per scopi medicinali riferiscono di provare sollievo dai loro sintomi, ma questo non significa che il farmaco sia sicuro. Infatti, secondo un rappresentante del database online MarijuanaDoctors.com, solo 1-2 medici su 500 affermano che consiglieranno a un paziente di usare marijuana medica. La maggior parte degli altri medici semplicemente non ritiene che i benefici superino i rischi.

Uno dei maggiori rischi associati alla marijuana medica, che i sostenitori probabilmente non menzioneranno, è il fatto che l'erba di oggi non è assolutamente la stessa di quella che veniva fumata negli anni '60. I produttori coltivano le piante allo scopo di renderle più potenti, in questo modo una persona può sballarsi con una quantità minore di droga. Di conseguenza, la cannabis è ora fino a 20 volte più potente di quanto non fosse nei decenni passati. I benefici medicinali della marijuana sono associati a composti noti come cannabinoidi, di cui circa 80 sono presenti nella marijuana. Il più noto di questi è il tetraidrocannabinolo, più frequentemente indicato come THC, la sostanza chimica responsabile dello sballo di chi fuma marijuana.

La coltivazione della marijuana nel corso degli anni ha costantemente aumentato la quantità di THC in modo del tutto sproporzionato rispetto agli altri cannabinoidi, così che la droga è ora molto più potente in termini di sballo, mentre molti degli altri cannabinoidi che contribuiscono all'effetto medicinale sono meno presenti. Di conseguenza, la marijuana crea sempre più dipendenza. Le persone che fumano marijuana possono diventare dipendenti fisicamente, oltre diventarne dipendenti mentalmente desiderando sempre di più la droga per trovare sollievo dallo stress. La marijuana medica può creare dipendenza tanto quanto l'erba fumata per scopi puramente ricreativi. In fondo si tratta proprio della stessa droga!

Un altro importante problema da considerare sull'argomento della marijuana medica è il fatto che il suo utilizzo può ancora metterti nei guai con la legge. Si può essere arrestati se la si porta in uno stato in cui non è legale, ed anche negli stati in cui è legale un consumatore può comunque essere arrestato in diverse circostanze. Potresti essere sorpreso a possedere più della quantità consentita. Potresti scoprire che stai coltivando più piante di quelle consentite. Potresti anche essere arrestato per guida in stato di ebbrezza e vederti sospendere la patente. Questi sono solo alcuni dei rischi associati alla marijuana medica.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Testimonianze di chi è passato dalla marijuana ad altre droghe Wed, 05 Jan 2022 22:09:56 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751740.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751740.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La marijuana non è necessariamente una droga di passaggio, ma è senz’altro vero che chiunque sia arrivato alla cocaina o all’eroina ha iniziato con gli spinelli

I giovani tendono a guardare ai loro amici più grandi come modello, ecco che la cattiva influenza di un amico che fa uso di droga può essere determinante. Leggendo le testimonianze di ex tossicodipendenti risulta chiaro come si passa dal bere al fumare l’erba, e quindi all’uso di altre droghe persino più potenti e mortali.

Se un ragazzo non capisce chiaramente e con convinzione perché l'uso di droghe è pericoloso, e non ha preso una ferma decisione di astersi dalle sostanze tossiche, allora può succedere di tutto.

Quelle che seguono sono alcune citazioni di ex tossicodipendenti che raccontano come sono stati coinvolti in un giro di stupefacenti:

“Al liceo ho iniziato a fumare la marijuana con i miei amici. Mi hanno detto che non c'era niente di sbagliato in questo, che era normale e che lo facevano tutti. Quindi mi sono semplicemente unito e ho iniziato a fumare marijuana".

"Quando ho iniziato a usare la marijuana, ero alle medie e avevo circa 12 anni, non sapevo davvero chi fossi come persona. Mi sono guardato intorno per vedere come volevo essere, cosa volevo sforzarmi di essere. Volevo integrarmi, volevo essere una persona sociale. E questo è uno dei motivi per cui ho iniziato a usare la marijuana".

“Quando ho iniziato a usare marijuana, ero una matricola al liceo. Ero fuori a festeggiare e bere e qualcuno lì aveva dell'erba. Quindi l'ho fumata. Le mie decisioni non sono state delle migliori, ero un po' ubriaco. E poi un paio di giorni dopo il mio amico ha detto: ‘Ehi, vuoi fumare di nuovo?’ Io dissi ‘Certo, perché no’. L'avevo già fatto prima."

Quello che dovrebbe davvero preoccupare un genitore è quanto sia stato facile passare a droghe più pesanti, che danno più dipendenza e più letali. Ecco come alcuni ex tossicodipendenti hanno descritto questa progressione verso l'uso di eroina, cocaina o metanfetamina:

"Per quanto riguarda il passaggio dal fumare erba ogni giorno all'uso di droghe più pesanti, mi sono imbattuto in qualcuno che ha detto: 'Ehi, ho dell'oppio', e io pensavo: 'Oppio, va bene, è come l'erba. volte dieci. 'E prima che me ne rendessi conto, eravamo seduti nella mia macchina a fumare eroina. E poi lui ha detto, ‘Allora amico, ci siamo appena fatti di eroina". E dissi, ‘Cosa?’ Ma è stato incredibile, e pensavo, 'Oh, fantastico.' "

“Ho iniziato a fumare erba per integrarmi con tutti. E sembrava che tutti si stessero divertendo. E mi hanno detto: 'Nessuno è morto per aver fumato erba'. Così l'ho fatto ed è progredito verso la cocaina e l’eroina, la mia vita andava solo verso il precipizio. "

“Da quel momento in poi, è andato tutto a gonfie vele. Sono stato d'accordo a provare altre droghe, questa e l'altra. Non è che ho deciso di essere un eroinomane, non credo che nessuno lo faccia, ma alla fine è andata così. Prima che me ne rendessi conto ero troppo dentro fino al collo per tirarmi fuori".

“La mia passione per la metanfetamina è iniziata con il mio migliore amico. Sua sorella aveva iniziato a usarla, si facevano spesso e mi sentivo come se stessi perdendo il mio migliore amico; quindi, la mia curiosità è cresciuta davvero forte. Ero abbastanza determinato a usarla, a quel punto, volevo capire cosa stavano facendo che sembrava così divertente. Sì, quindi è stato abbastanza facile usarla dopo aver già usato tutte le altre droghe".

Non è la cosa più facile parlare di droga con i tuoi figli. Ma queste storie mostrano cosa può succedere se non lo fai.

La prima cosa che puoi fare è conoscere le droghe che vanno di moda in questo periodo, le droghe che potrebbero essere offerte ai tuoi figli. E prenditi il ​​​​tempo per spiegare gli effetti e i pericoli associati a ciascuna sostanza. Tutte le informazioni le trovi qui: www.noalladroga.it

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
I volontari di Mondo Libero dalla Droga tornano in azione nella zona di Novoli a Firenze Wed, 05 Jan 2022 22:01:27 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751739.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751739.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La droga non è più un problema dei sobborghi degradati: tutte le fasce sociali e di età ne fanno uso, sotto forme diverse

Molti ragazzi cominciano da adolescenti con alcool e marijuana e continuano con ecstasy e metanfetamine, molti adulti abusano di psicofarmaci e alcuni di cocaina, molti anziani sono schiavi degli antidolorifici. La droga, sotto varie forme, è un problema che permea la società in maniera del tutto trasversale. La figura del “tossico eroinomane” non ha mai cessato di esistere, ma ormai è una figura minoritaria che ha lasciato il posto a modalità di abuso decisamente meno visibili ma altrettanto pericolose.

È di pochi giorni fa la notizia della morte per overdose di psicofarmaci di un famoso attore italiano, e sono nella memoria di tutti le morti di Michael Jackson, Amy Winehouse, George Michael, Prince e molti altri, tutti per abuso volontario o involontario di svariate sostanze.

I volontari “Mondo Libero dalla Droga”, ormai da molti anni attivi a Firenze, hanno come scopo informare per prevenire: il loro obiettivo è quello di arrivare a informare ragazzi prima che lo facciano gli spacciatori, prima che lo facciano “gli amiconi che la sanno lunga”, prima che lo facciano le serie TV, prima che lo facciano i promotori della “cannabis light”.

Questa settimana i volontari hanno visitato le attività commerciali al pubblico del quartiere di Novoli, a Firenze, lasciando a titolo del tutto gratuito un espositore contenente opuscoli che trattano i principali tipi di droga. I clienti di tali negozi avranno l’opportunità di venire a conoscenza di fatti e testimonianze sulle sostanze tossiche, e potranno approfondire le tematiche sul sito www.noalladroga.it

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Anche i ragazzi vedono le pubblicità di alcool e cannabis light Wed, 05 Jan 2022 21:52:12 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751737.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/751737.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Quasi tutti quelli che fanno uso di droghe pesanti hanno cominciato con alcool e marijuana da ragazzi. Sembra incredibile, ma è permesso fare pubblicità di alcool e marijuana, e i ragazzi le vedono.

Mio figlio farà uso di droga? Si tratta di una preoccupazione comune a qualsiasi genitore di ragazzi adolescenti, giustificata dal fatto che i 42% tra i 14 e i 25 anni il 42% dei giovani ha fatto uso di droga almeno una volta nella vita, mentre il 32% ne ha fatto uso nell’ultimo mese (dati Ospedale S. Raffaele di Milano).

Secondo un'altra statistica del National Center on Addiction and Drug Abuse della Columbia University, chi riesce a crescere i propri figli sino a 21 anni senza che si droghi, è praticamente certo che non inizieranno mai.

Ma quali sono i forti interessi privati coinvolti in questa faccenda? Chi potrebbe avere un chiaro intento del tuto opposto a quello dei genitori? Basta rispondere a una semplice domanda: chi vorrebbe che fumassero sigarette, che bevessero alcolici o che iniziassero a fumare marijuana light prima di arrivare a 21 anni? Facile, le aziende di sigarette, i produttori di alcolici e i produttori di cannabis light.

In Italia non è permessa la pubblicità del tabacco, mentre si può fare tranquillamente pubblicità ad alcolici e alla marijuana. In alcuni stati esteri invece è permessa anche la pubblicità al tabacco, negli USA per esempio.

Esiste un interessante studio condotto dall’associazione senza scopo di lucro Tobacco-Free Kids. Questo gruppo ha scoperto documenti interni di alcune aziende produttrici di tabacco, rivelando le loro reali intenzioni. Ecco alcuni estratti:

"L'adolescente di oggi è il potenziale cliente abituale di domani e la stragrande maggioranza dei fumatori inizia a fumare quando è ancora adolescente... I modelli di fumo degli adolescenti sono particolarmente importanti per Philip Morris".

"Ora sono disponibili prove che indicano che il gruppo di età compresa tra i 14 ei 18 anni è un segmento in aumento della popolazione fumatori. RJR-T [RJ Reynolds] deve presto stabilire un nuovo marchio di successo in questo mercato se vogliamo mantenere la nostra posizione nel settore a lungo termine. "

http://www.tobaccofreekids.org/research/factsheets/pdf/0008.pdf

L'industria degli alcolici dovrebbe seguire un codice di autoregolamentazione per evitare di esporre i giovani a qualsiasi quantità di pubblicità di bevande alcoliche. A quanto pare, tale codice sistema non funziona molto bene. Come ha notato David Jernigan in un recente articolo dell'Huffington Post:

"Nel 2009, abbiamo scoperto che il giovane medio di età compresa tra 12 e 20 anni ha visto 366 annunci di alcolici solo in televisione, una media di uno al giorno solo dalla TV!"

Un rapporto della Johns Hopkins School of Public Health ha anche osservato che "i bevitori minorenni di età compresa tra 18 e 20 anni vedono più pubblicità sulle riviste rispetto a qualsiasi altra fascia di età".

Passiamo ora alla marijuana. Secondo il sondaggio annuale sugli adolescenti di Monitoring the Future, i giovani tendono a non percepire più che l'uso di marijuana sia veramente dannoso. Seguendo il link qui sotto si ottiene un grafico che mostra il numero di studenti delle scuole superiori che pensano che l'uso regolare o occasionale di marijuana possa essere dannoso. Puoi vedere come questi numeri stiano scendendo rapidamente.

http://monitoringthefuture.org//pubs/monographs/mtf-vol1_2013.pdf

 

Secondo un sondaggio USA del 2013, quasi la metà di tutti gli studenti delle scuole superiori aveva usato marijuana ad un certo punto, il 35% l'ha usata nell'ultimo anno e il 23% nell'ultimo mese. Uno su 15 la usava quotidianamente nel mese prima del sondaggio. Quindi chi potrebbe prendere di mira tuo figlio per l'uso di marijuana? Dipende da dove vivi. Potrebbe essere uno spacciatore di droga. Oppure potrebbe essere una pubblicità che sta girando sugli autobus in Alaska, allo scopo di promuovere l'approvazione di un disegno di legge pro-marijuana.

Come potrebbero gli adolescenti, che usano spesso i mezzi pubblici, perdersi questo messaggio?

È molto probabile che queste tre sostanze (tabacco, alcool e marijuana) siano quelle con cui i giovani inizieranno, e alcuni di loro purtroppo passeranno ad altre droghe ancora più pericolose per la vita come eroina, cocaina, metanfetamine, ecstasy e molte altre.

Se tuo figlio sta già usando queste droghe che vengono pubblicizzate, agisci. Se non le sta ancora usando, informalo. Se la scuola di tuo figlio non parla di queste tematiche, contatta i dirigenti. Queste semplici azioni potrebbero salvargli la vita.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Ripulita via Baracchini grazie all’azione dei Ministri Volontari di Scientology Thu, 30 Dec 2021 00:22:30 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750419.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750419.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology di Firenze si sono presi cura di una strada cittadina della zona di Novoli, ripulendola a fondo.

 

Lo scorso 21 dicembre 2021 un gruppo di 16 Ministri Volontari della Chiesa di Scientology di Firenze è entrato in azione a favore del decoro cittadino. Il loro lavoro si è concentrato nella zona di Novoli, in via Baracchini, che hanno ripulito da terra, erbacce e rifiuti vari.

I Ministri Volontari di Firenze non sono nuovi a questo tipo di operazioni, recentemente avevano ripulito un parco pubblico sempre nella zona di Novoli.

Creato da Ron Hubbard per rimediare al decadimento spirituale della società, il gruppo dei Ministri Volontari è diventato una grande forza indipendente di soccorso in tutto il mondo quando il sig. David Miscavige, leader ecclesiastico di Scientology, pubblicò un appello all’azione in seguito a drammatici fatti dell’11 settembre 2001.

Accomunati dal motto “Si può fare qualcosa a riguardo”, da allora sono intervenuti in oltre duecento luoghi nei quali era appena accaduto un cataclisma o un disastro provocato dall’uomo.

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.

 

Per ulteriori informazioni: https://www.ministrovolontario.it/

]]>
I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology di Firenze donano il sangue Thu, 30 Dec 2021 00:16:13 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750418.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750418.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze In collaborazione con l’AVIS di Firenze, i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology hanno donato il loro sangue presso l’ospedale IOT di Firenze.

 

Aiutare dove c’è bisogno dovrebbe essere una priorità per tutti, e di sangue ce n’è sempre bisogno. Associazioni come l’AVIS assicurano al sistema sanitario nazionale una costante disponibilità di prodotti ematici, mettendo gli ospedali in grado di rispondere alle emergenze che si presentano.

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology non mancano mai di contribuire alla missione dell’AVIS, con cui collaborano ormai da molti anni. Durante i giorni precedenti al Natale, numerosi Ministri Volontari fiorentini hanno donato il proprio sangue presso la sede AVIS dell’ospedale IOT. Anche in altre città italiane, negli stessi giorni, i Ministri Volontari delle chiese di Scientology locali hanno risposto alla chiamata dell’AVIS.

Ron Hubbard per rimediare al decadimento spirituale della società, il gruppo dei Ministri Volontari è diventato una grande forza indipendente di soccorso in tutto il mondo quando il sig. David Miscavige, leader ecclesiastico di Scientology, pubblicò un appello all’azione in seguito a drammatici fatti dell’11 settembre 2001.

Accomunati dal motto “Si può fare qualcosa a riguardo”, da allora sono intervenuti in oltre duecento luoghi nei quali era appena accaduto un cataclisma o un disastro provocato dall’uomo.

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.

 

Per ulteriori informazioni: https://www.ministrovolontario.it/

]]>
Sono iniziate le lezioni di Mondo Libero dalla Droga nelle scuole Pisane Thu, 30 Dec 2021 00:10:35 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750417.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750417.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La scuola Fibonacci inaugura il programma di prevenzione sulla droga promosso dal Comune di Pisa

La droga non ha mai cessato di essere un problema di rilevanza nazionale, neanche durante i momenti più duri della pandemia. E i volontari dell’Associazione Mondo Libero dalla Droga non hanno mai cessato di informare i giovani sui pericoli delle droghe, diffondendo in ogni modo possibile il loro materiale informativo.

A dicembre 2021 è nata una collaborazione a dir poco preziosa con il Comune di Pisa, che ha introdotto la campagna informativa di Mondo Libero dalla Droga nelle scuole pisane. La prima scuola ad implementare il programma di prevenzione è stata la media inferiore Fibonacci, dove i volontari hanno tenuto lezioni informative alle classi terze.

Le lezioni, di due ore ciascuna, si basano sul materiale informativo cartaceo e multimediale di Mondo Libero dalla Droga, prodotto negli USA e tradotto nelle principali lingue di tutto il mondo. Le lezioni coinvolgono gli studenti con frequenti interazioni, portandoli a comprendere il perché un giovane possa iniziare ad assumere sostanze tossiche, analizza il meccanismo di come ne rimane schiavo, fa comprendere i danni fisici e mentali a cui va incontro.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Volontari antidroga in Piazza dei Miracoli Wed, 29 Dec 2021 01:38:11 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/750171.html http://content.comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/750171.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze I volontari di Mondo Libero dalla Droga hanno distribuito centinaia di opuscoli informativi sulla droga ai cittadini pisani e ai turisti in Piazza dei Miracoli.

Lo scorso 11 dicembre i volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono ritrovati a Pisa, in Piazza dei Miracoli, allo scopo di distribuire materiale informativo sui pericoli delle droghe.

È, ancora oggi, importante informare sui pericoli delle droghe dato che il consumo di sostanze stupefacenti non accenna a diminuire. Provate a chiedere a un bambino di 10 anni, che abbia anche una vaga idea su cosa sia una droga, se nel futuro vuole diventare un tossicodipendente: il 100% dei bambini vi risponderà “No!”. Ma è un dato di fatto che (da uno studio del San Raffaele di Milano) il 42% dei giovani tra i 14 e i 25 ha fatto uso di droga almeno una volta nella vita, il 32% ne aveva fatto uso nell’ultimo mese e il 25% si è ubriacato nell’ultimo mese.

Quindi, cosa succede tra i 10 anni e l’adolescenza? Come mai così tanti ragazzi cambiano punto di vista sulle droghe?

Questo è il motivo che spinge i volontari di Mondo Libero dalla Droga ad andare per le strade e le piazze di tutta Italia per informare i giovani e gli adulti, in quanto genitori. Un ragazzo ben informato sui pericoli delle droghe, il che corrisponde in genere a un ragazzo cresciuto in una famiglia dove si affronta l’argomento in modo serio e documentato, molto difficilmente sarà tentato di provare sulla propria pelle l’effetto di sostanze tossiche stupefacenti.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione”. Questo è il principio su cui si basano le azioni dei volontari di Mondo Libero dalla Droga: educare i giovani per salvare le loro vite.

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Inalanti e sciroppo per la tosse: droghe disponibili ovunque Wed, 29 Dec 2021 01:27:42 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750170.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750170.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Lo sciroppo per la tosse può essere abusato come una droga, ugualmente ci si può sballare con altre sostanze inalanti comunemente presenti nelle bombolette spray che abbiamo in casa.

Se ci sono adolescenti o bambini nella tua famiglia, è vitale per te conoscere i farmaci che potrebbero essere tentati di “provare”: inalanti e medicine per la tosse.

Gli inalanti sono disponibili ovunque. In una casa normale, risulta persino difficile mettere sotto chiave tutte le sostanze che potrebbero essere inalate per “sballarsi”: ciò significherebbe che ogni lattina di panna montata, solvente o correttore dovrebbe essere nascosta. Ogni pennarello, smacchiatore, bomboletta di vernice spray o spolverino per computer. La benzina nel tosaerba e il diluente per vernici nel capannone: tutto quanto. Anche lacca per capelli!

Come genitore, può essere molto difficile immaginare che i ragazzi siano così folli da inalare intenzionalmente queste sostanze. Ma lo fanno! E la cosa terribile degli inalanti, oltre alla possibilità di danni fisici e dipendenza, è che possono uccidere un ragazzo la prima volta che li prova.

L'altra possibilità è rappresentata dalle medicine per la tosse. Molti sciroppi contengono una sostanza calmante come la codeina o la prometazina, sostanze che possono essere abusate come vere e proprie droghe se abusate.

Per capire come questo possa accadere, c'è la storia emblematica di una giovane attrice di New York che si è quasi uccisa durante il liceo e il college a causa del suo continuo abuso di medicine per la tosse. Ecco il link: https://www.huffpost.com/entry/cough-syrup-addiction_b_5439076

L’articolo racconta la sua storia: l'abitudine di provare una sostanza dopo l'altra, culminata nel consumo costante di medicine per la tosse, aveva rovinato la sua vita.

È così che inizia la dipendenza per la maggior parte delle persone: dopo un po’ di esitazione, si prova e si sperimenta qualche beneficio o sollievo che sembra derivare dall'uso della droga stessa. C’è chi si sente più a suo agio, chi non è più timido, chi non sente più l'ansia o chi non si sente più inferiore agli altri quando è fatto.

Ma pochissime persone usano una sola droga per tutta la vita, senza mai passare a qualcos’altro. Come la ragazza dell’articolo, molte persone iniziano con l'alcol che è legale e culturalmente accettato, o magari con la marijuana che molte persone ritengono innocua "perché viene data alle persone malate". Da queste sostanze si passa poi alle droghe da strada o ad altre sostanze come lo sciroppo per la tosse.

Per salvare le vite delle future generazioni, è necessario far sì che le ragazze non si droghino in primo luogo. Per ottenere questo è necessaria una campagna di informazione capillare e precoce, che parta dalla scuola dell’obbligo.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
I genitori devono parlare ai figli dei pericoli della marijuana? Wed, 29 Dec 2021 01:13:01 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750169.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/750169.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Patrick Kennedy raccomanda ai genitori di non trascurare la dipendenza dei loro figli dalla marijuana, che molti considerano erroneamente innocua

I genitori di oggi possono essere terribilmente confusi sull'opportunità o meno di insistere che i loro figli stiano lontani dalla marijuana. Potrebbe essere difficile spiegare a un adolescente curioso il motivo per cui un medico potrebbe raccomandare la marijuana a una persona malata, mentre lui non può usarla. Potrebbe essere difficile, ma potrebbe essere una delle lezioni più importanti che tu abbia mai insegnato ai tuoi figli.

L'ex membro del Congresso USA Patrick Kennedy ha espresso alcuni punti molto positivi nel suo articolo pubblicato su USA Today, intitolato "Legalizing Pot Endangers Children" (“Legalizzare la marijuana mette in pericolo i ragazzi”). Ecco un paio di citazioni da quell'articolo:

“Ultimamente si è parlato molto di marijuana. Si discute sulle entrate fiscali, sui benefici per la salute, sulla riduzione della violenza e sulla libertà individuale. Ma un problema è andato completamente perso nella discussione: il cervello in via di sviluppo dei nostri figli. L’industria sa che deve puntare sui giovani per ottenere profitto. Il motivo è che, se non inizi a usare nessuna droga entro i 21 anni, difficilmente lo farai mai...”

Inoltre: “La marijuana di oggi non ha niente a che vedere con la marijuana sperimentata dalla maggior parte dei figli del boom economico. Quella di ora è una droga del tutto diversa. Quindi non sorprende che il Dipartimento della Salute USA abbia riferito l'anno scorso che la marijuana è il motivo più frequente principale per cui i ragazzi sono nei centri di recupero per tossicodipendenti. È per questo motivo che ho ricevuto lettere da innumerevoli genitori: famiglie che ora sono senza un soldo perché hanno dovuto spendere i fondi, che avevano messo da parte per l’università dei loro figli, per disintossicarli da una droga che loro stessi pensavano fosse innocua. È per questo motivo che sento sempre più storie di tossicodipendenti in fase di recupero che dicono: ‘Tutto è iniziato con l'erba…’"

È difficile decifrare la verità in mezzo a tutte le pressioni per la legalizzazione della marijuana, o per la marijuana medica, che sono attualmente in corso. Vanno apprezzati gli sforzi per chiarire questi punti ai genitori, fatti da Patrick Kennedy che ha dovuto lottare a causa della sua stessa tossicodipendenza.

Quindi, che la droga in questione sia legale o illegale, come impedire che i giovani corrano il rischio di diventare tossicodipendenti? È necessaria una prevenzione capillare e precoce che informi i ragazzi sui pericoli delle droghe.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Le prescrizioni di antidolorifici possono portare alla dipendenza Wed, 15 Dec 2021 21:38:52 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747496.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747496.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Molte persone a cui vengono prescritti antidolorifici oppioidi ne diventano dipendenti e alcuni, terminata la prescrizione medica, passano a ciò che di più simile c’è sul mercato illegale: l’eroina.

Sono molto frequenti, in questi ultimi anni, le notizie riportate dai media sull’abuso di antidolorifici da prescrizione. Questo è sia un bene che un male: è un male perché significa che l’abuso è molto diffuso, ma è un bene perché sempre più persone stanno diventando più consapevoli che c’è un problema sociale da risolvere. Se le persone sono più consapevoli, saranno anche in grado di proteggere i loro cari dall’abuso di antidolorifici.

Gli antidolorifici più diffusi vengono definiti “oppioidi” perché si tratta di sostanze chimiche molto simili all’eroina e alla morfina. Gli antidolorifici oppioidi più comuni sono Morfina, Fentanyl, Codeina, Ossicodone, Vicodin, Metadone e molti altri.

Negli USA, secondo il National Survey on Drug Use and Health, l'abuso di eroina è in aumento. Ma non tutti i nuovi eroinomani sono i classici tossici che cominciano con la marijuana o l’alcool: molti di loro provengono dall’abuso di antidolorifici.

Per molti, il problema della tossicodipendenza è iniziato con gli antidolorifici. Forse a un paziente sono stati prescritti antidolorifici dal dentista, oppure in seguito a un infortunio o un intervento chirurgico. E probabilmente, un giorno che il dolore non passava, quel paziente ha preso una pillola o due in più del necessario. Quando poi ha provato a tornare alla quantità prescritta, ha scoperto che “aveva bisogno” di pillole anche se il dolore era ormai passato. E quando le pillole erano terminate, non si sentiva così bene. È quindi tornato dal dottore, gli ha detto mentendo che il dolore persisteva e si è fatto prescrivere più pillole.

Per alcuni, il loro uso è diventato cronico e gradualmente sono diventati incapaci di affrontare la vita con successo, perché tutta la loro vita ora gira intorno al procurarsi le pillole di cui hanno assolutamente bisogno per “funzionare”.

Se a un certo punto il medico non prescrive più le pillole, l’unica soluzione è ricorrere al mercato illegale: alcuni spacciatori vendono Fentanyl o Vicodin, altri spacciano la classica eroina, sicuramente più economica. Sulle prime pagine dei giornali di provincia si legge spesso della morte di un giovane drogato eroinomane. Ma nessun media pubblica alcuna notizia quando l’overdose uccide una casalinga, un professionista, un operaio: nessuno racconta la loro storia.

Secondo un articolo dell'Huffington Post, moltissimi soldati di ritorno dalle missioni all’estero, circa il 15%, soffrono di dolori cronici e assumono antidolorifici oppiacei. Molti di questi soldati possono involontariamente cadere nella stessa trappola che porta le persone a fare uso di eroina.

Non ci vuole molto tempo perché il corpo si adatti alla presenza di oppiacei o oppiacei. Un certo grado di dipendenza fisica può svilupparsi anche solo dopo pochi giorni di “terapia narcotica”.

Che la droga in questione sia legale o illegale, come impedire che i giovani corrano il rischio di diventare tossicodipendenti? È necessaria una prevenzione capillare e precoce che informi i ragazzi sui pericoli delle droghe.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
Il passaggio dalle droghe legali o leggere all'eroina Wed, 15 Dec 2021 21:28:14 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747494.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747494.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Nessuno comincia a iniettarsi l’eroina senza prima essere passato da altre droghe: la stragrande maggioranza degli eroinomani ha cominciato con marijuana o alcool.

Probabilmente la ragione migliore per impedire ai giovani di iniziare a fare uso di droghe legali o leggere (alcol, tabacco e marijuana) è per la facilità con cui potrebbero passare a usare droghe letali come l'eroina.

Ecco cosa ha dichiarato un ex tossicodipendente appena uscito da un programma di riabilitazione: "L'uso della marijuana ha aperto la porta ad altre droghe, ad altre persone, ho smesso di preoccuparmi della vita. Ho smesso di andare a scuola. Non avevo più obiettivi. Mi hanno fatto conoscere l'eroina, la cocaina. E ho iniziato a usarle".

Eccone un altro: “Ho iniziato a fumare erba per inserirmi nel gruppo. E sembrava che tutti si stessero divertendo! Mi avevano detto che ‘nessuno è morto per aver fumato erba’. Così l'ho fatto, poi sono passato alla cocaina e all’eroina, e la mia vita è andata in rovina".

Nessuno può descrivere questa transizione meglio di una persona che l'ha vissuta. Ma ovviamente è difficile spiegarlo a un adolescente o un giovane adulto che vuole fare ciò che fanno i suoi amici, che sembrano divertirsi molto mentre lo fanno.

I risultati di una ricerca dell'Università dello stato di Washington riporta: "Due risultati chiave includono il continuo aumento delle patologie e della mortalità dovute all'eroina, nonché l'aumento della disponibilità e delle conseguenze delle metanfetamine".

Questa è una delle ragioni principali per cui è così importante tenere d'occhio i ragazzi, quelli che potrebbero non aver preso una decisione ragionata e razionale riguardo all'uso di droghe. Se mostrano segni di stare abusando di alcool o marijuana, la cosa più intelligente da fare è aiutarli a smettere subito prima che siano tentati o invitati a passare a eroina, cocaina, droghe sintetiche o altre sostanze che possono minacciare la loro vita.

Per salvare le vite delle future generazioni, è necessario far sì che le ragazze non si droghino in primo luogo. Per ottenere questo è necessaria una campagna di informazione capillare e precoce, che parta dalla scuola dell’obbligo.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
I motivi per cui la marijuana non è innocua Wed, 15 Dec 2021 21:19:04 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747492.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/747492.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La marijuana, definita come “droga leggera”, o addirittura una “non droga”, è una sostanza che mette a serio rischio la vita di milioni di persone ogni giorno. I suoi effetti non vanno affatto sottovalutati.

Se credi a tutti gli attivisti che promuovono la marijuana medica o la cannabis ricreativa, sentirai dire che si tratta della più benefica delle sostanze. In alcuni stati degli USA è legale per uso medico, e in altri anche per uso ricreativo. Ma quanto può essere dannosa la marijuana? In fondo si tratta sempre di una droga che ha degli effetti sulla mente, oltre che sul corpo.

Un recente studio rileva che, quando si tratta di guidare, l'uso di marijuana incrementa più del doppio le probabilità di avere un incidente. Lo studio è pubblicato su Epidemiological Review. Se poi il consumatore di marijuana avesse anche bevuto, le probabilità di un incidente sono ancora maggiori. Negli ultimi anni, la tendenza universale tra i consumatori di droga va verso la poliassunzione, cioè il consumo di più di una droga alla volta.

Gli autori dello studio su Epidemiologic Review hanno notato che più di 10 milioni di americani hanno guidato sotto l'influenza di droghe illecite durante l'anno precedente al sondaggio, e che i test sui conducenti che muoiono in un incidente stradale rilevano che Il 28% risulta positivo a droghe diverse dall'alcol: la marijuana è al primo posto nella lista.

I ricercatori hanno anche valutato altri studi svolti in altre nazioni, concludendo che dopo l'uso di marijuana le capacità di guida sono gravemente compromesse almeno per le tre o quattro ore successive.

I risultati di questo studio gettano una luce un po' diversa sull'immagine innocua della marijuana, propagandata da coloro che sostengono la depenalizzazione o l'uso medico della droga.

Inoltre, il Rapporto mondiale sulla droga 2011 dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, rileva un numero significativamente crescente di persone che si sottopongono a riabilitazione per l'uso di marijuana. Circa un terzo ha meno di 18 anni. Più della metà sono studenti e più della metà ha iniziato a usare marijuana quando aveva 14 anni o anche prima. Un terzo di loro ha iniziato tra i 15 ei 17 anni.

Forse questo può essere dovuto, almeno in parte, al fatto che la cannabis coltivata dai trafficanti di droga oggi è molto più forte rispetto ai decenni passati, alcuni dicono quasi il doppio.

In Europa, tra i giovani (15-19 anni) in corso di riabilitazione, l'83% ha riferito che la droga principale con cui avevano problemi era la cannabis. La maggior parte dei consumatori di cannabis ha segnalato anche l'uso di una seconda droga, solitamente alcol o cocaina.

Nei test di guida, la marijuana ha dimostrato di causare i seguenti problemi di capacità e di giudizio:

·         Aumento dei tempi di reazione

·         Diminuzione delle prestazioni di guida dell'auto

·         Sonnolenza

·         Ridotta coordinazione motoria

·         Ridotta attenzione alla guida

·         Ridotta capacità di stimare il tempo e la distanza.

Negli Stati Uniti, più di 22 milioni di persone usano una droga illecita ogni mese, con la marijuana in testa alla classifica. Più di due milioni di persone iniziano a usare marijuana negli Stati Uniti ogni anno. In tutto il mondo, tra 150 e 270 milioni di persone fanno uso di droghe, di cui circa tre quarti usano cannabis. Ci sono milioni di conducenti con problemi di salute legati all’abuso di marijuana.

Vanno aggiunte molte altre persone, dipendenti dalla marijuana, impiegate in lavori che richiedono tempi di reazione e percezione accurati, inclusi operai edili, meccanici ed elettrici, medici, infermieri, personale di supporto aeroportuale, capitani di navi, vigili del fuoco e forze dell'ordine, solo per citarne alcuni.

Come prevenire che i giovani comincino ad abusare di alcool in primo luogo? Il modo migliore è la prevenzione tramite l’informazione, che deve necessariamente cominciare dalla prima adolescenza.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione”. Questo è il principio su cui si basano le azioni dei volontari di Mondo Libero dalla Droga: educare i giovani per salvare le loro vite.

Giovanni Trambusti

 

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
L’abuso di alcool tra i minorenni Thu, 02 Dec 2021 13:41:36 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/744779.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/744779.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Molti ragazzi bevono molto di più di quanto non pensino gli adulti: si tratta di un comportamento che non solo mette a rischio la loro salute, ma li può persino portare a provare altre droghe.

Nonostante le leggi, nonostante il fatto che molti genitori mettano in guardia i propri figli dall'uso di alcool quando sono minorenni, la stragrande maggioranza dei nostri adolescenti beve alcoolici. E cominciano a bere sempre più presto.

Ecco un fatto che molti genitori potrebbero non sapere: la metà dell’alcool in commercio viene acquistato da bevitori minorenni o da coloro che bevono in modo eccessivo. Lo afferma la “Partnership for Drug-Free Children”. Il consumo di alcool da parte dei minorenni rappresenta il 20% dell'alcool venduto, il consumo eccessivo di alcool rappresenta un altro 30%.

È probabile che molti genitori non si rendano conto che i loro figli abbiano cominciato a bere regolarmente alcool, dato che molti ragazzi tendono a farlo solo quando sono in giro con i loro coetanei.

Essere genitori al giorno d’oggi significa essere costantemente vigili, per individuare qualsiasi abuso di droghe o alcool da parte dei figli. Questa responsabilità include l’assicurarsi che i figli comprendano i danni che possono derivare dal bere alcool o dall'usare di droghe: danni immediati, danni a lungo termine, danni derivati dal passaggio ad altre droghe.

Come prevenire che i giovani comincino ad abusare di alcool in primo luogo? Il modo migliore è la prevenzione tramite l’informazione, che deve necessariamente cominciare dalla prima adolescenza.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione”. Questo è il principio su cui si basano le azioni dei volontari di Mondo Libero dalla Droga: educare i giovani per salvare le loro vite.

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>
I tossicodipendenti più giovani sono i neonati, partoriti da madri drogate Thu, 02 Dec 2021 13:31:11 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/744776.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/744776.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Una madre tossicodipendente, se non si astiene completamente dalle droghe durante la gravidanza, può mettere a serio rischio la vita futura del proprio figlio. Mentre è nel grembo materno, il feto assorbe la droga contenuta nel sangue della madre, trasportato attraverso la placenta e il cordone ombelicale.

Questi bambini, una volta venuti al mondo, devono affrontare sintomi di astinenza simili a quelli delle loro madri. Sono spesso inconsolabili e piangono all'infinito, possono soffrire di convulsioni e crampi. Se la droga della madre è un oppiaceo, i bambini possono essere svezzati dalla droga assumendo piccole dosi di metadone o morfina. La dose viene gradualmente ridotta fino a zero, ma non si tratta di un percorso semplice o privo di sofferenza.

C'è una lunga lista di ritardi nello sviluppo, difficoltà di apprendimento, problemi di personalità e altri problemi di salute che possono capitare a questi bambini una volta che hanno superato la fase neonatale.

Questi bambini non hanno scelto di drogarsi, e hanno diritto a nascere sani e a svilupparsi normalmente senza i difetti congeniti che possono derivare dall'uso di droghe illecite, dall'abuso di farmaci prescritti o alcool.

La madre adottiva di un bambino partorito da una ragazza tossicodipendente (che assumeva metanfetamine), ha descritto le cure di cui il piccolo ha avuto bisogno: fisioterapia, logopedia, chirurgia oculare; il bambino è ipotiroideo, ha una lieve paralisi cerebrale e potrà avere problemi sensoriali.

Quando una ragazza è dipendente da una sostanza tossica, ben difficilmente riuscirà ad astenersi dall’assumerla per i nove mesi della gravidanza. Per non parlare delle prime settimane durante le quali potrebbe non essere neppure consapevole di essere incinta.

Quindi, per salvare le vite delle future generazioni, è necessario far sì che le ragazze non si droghino in primo luogo. Per ottenere questo è necessaria una campagna di informazione capillare e precoce, che parta dalla scuola dell’obbligo.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga” Toscana

]]>