Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Accademia di musica di Pinerolo Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Accademia di musica di Pinerolo Thu, 23 Jan 2020 19:13:42 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/23733/1 Il grande pianista bendetto Lupo inaugura la Stagione di Pinerolo Thu, 17 Oct 2019 14:26:59 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603451.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603451.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo

Apre martedì 22 ottobre con il pianista Benedetto Lupo, celebrato dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo, il cartellone della Stagione concertistica 2019/20 dell’Accademia di Musica di Pinerolo che con i suoi 16 appuntamenti in programma promette una grande varietà di temi e programmi, con importanti protagonisti della scena musicale mondiale, aprendosi ai linguaggi artistici contemporanei con prestigiose collaborazioni.

 

Accanto a grandi interpreti pianistici, come Benedetto Lupo e Alexander Romanovsky, troviamo l’interesse per le nuove generazioni di musicisti in diversi appuntamenti della stagione: il giovanissimo pianista Ryan Bradshaw, le voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”, l’Orchestra dell’Accademia di Musica formata dagli allievi della stessa. 

 

Nel 2020 celebriamo due importanti anniversari. Per i 250 anni dalla nascita del grande compositore di Bonn, ma anche nel segno della continuità della programmazione beethoveniana, proponiamo un intero ciclo sviluppato attraverso le diverse formazioni per piano solo con Gabriele Carcano e Aleksander Romanovsky, per duo con Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, e per trio con il Trio Italiano d’Archi concludendo con due delle più grandi sinfonie in collaborazione con OSN RAI

Ricordiamo il trentennale del crollo del muro di Berlino con un suggestivo programma, eseguito in quell’occasione dal grande violoncellista Mstislav Rostropovich, con Marco Rossi ed Esperance Ripanti

 

L’interesse per la musica contemporanea, come necessità imprescindibile per chi crede come noi nell’importanza di promuovere la diffusione dei nuovi linguaggi, è rappresentato dai concerti de La Musica Spiegata. Ne sono testimonianza il concerto dedicato a Olivier Messiaen, con il quartetto d’eccezione composto da artisti come Lukas Hagen, Enrico Bronzi, Andrea Lucchesini e Gabriele Mirabassi, ma anche il programma di musica francese contemporanea dell’Ensemble Seta

 

Infine le collaborazioni, le co-produzioni e i progetti multidisciplinari con altre istituzioni artistiche. Accanto all’ormai consolidato legame con Estovest Festival, troviamo l’importante accostamento fra la musica da camera e l’arte circense, in uno spettacolo di nuovissima concezione con Flic Scuola Circo Torino. E ancora l’altrettanto inedita partecipazione della Scuola Holden Torino al sopra citato concerto dedicato a Messiaen e la serata incentrata sulla figura di Giacomo Puccini nel teatro musicale proposto dalla Compagnia Teatro d’Ombre Controluce.

 

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia, Galup, Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


]]>
22 ottobre Inaugurazione Stagione concertistica - Accademia di Musica Thu, 17 Oct 2019 14:26:52 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603496.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603496.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo

STAGIONE CONCERTISTICA 2019/20

INAUGURAZIONE

 22 ottobre 2019 �“ 3 giugno 2020, Pinerolo e Torino

Accademia di Musica, Teatro del Lavoro, Scuola Holden, Auditorium RAI Arturo Toscanini


 16 concerti in abbonamento

con protagonisti di assoluto rilievo artistico

1 serata in convenzione con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai




Apre martedì 22 ottobre con il pianista Benedetto Lupo, celebrato dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo, il cartellone della Stagione concertistica 2019/20 dell’Accademia di Musica di Pinerolo che con i suoi 16 appuntamenti in programma promette una grande varietà di temi e programmi, con importanti protagonisti della scena musicale mondiale, aprendosi ai linguaggi artistici contemporanei con prestigiose collaborazioni.


Accanto a grandi interpreti pianistici, come Benedetto Lupo e Alexander Romanovsky, troviamo l’interesse per le nuove generazioni di musicisti in diversi appuntamenti della stagione: il giovanissimo pianista Ryan Bradshaw, le voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”, l’Orchestra dell’Accademia di Musica formata dagli allievi della stessa. 


Nel 2020 celebriamo due importanti anniversari. Per i 250 anni dalla nascita del grande compositore di Bonn, ma anche nel segno della continuità della programmazione beethoveniana, proponiamo un intero ciclo sviluppato attraverso le diverse formazioni per piano solo con Gabriele Carcano e Aleksander Romanovsky, per duo con Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, e per trio con il Trio Italiano d’Archi concludendo con due delle più grandi sinfonie in collaborazione con OSN RAI

Ricordiamo il trentennale del crollo del muro di Berlino con un suggestivo programma, eseguito in quell’occasione dal grande violoncellista Mstislav Rostropovich, con Marco Rossi ed Esperance Ripanti


L’interesse per la musica contemporanea, come necessità imprescindibile per chi crede come noi nell’importanza di promuovere la diffusione dei nuovi linguaggi, è rappresentato dai concerti de La Musica Spiegata. Ne sono testimonianza il concerto dedicato a Olivier Messiaen, con il quartetto d’eccezione composto da artisti come Lukas Hagen, Enrico Bronzi, Andrea Lucchesini e Gabriele Mirabassi, ma anche il programma di musica francese contemporanea dell’Ensemble Seta


Infine le collaborazioni, le co-produzioni e i progetti multidisciplinari con altre istituzioni artistiche. Accanto all’ormai consolidato legame con Estovest Festival, troviamo l’importante accostamento fra la musica da camera e l’arte circense, in uno spettacolo di nuovissima concezione con Flic Scuola Circo Torino. E ancora l’altrettanto inedita partecipazione della Scuola Holden Torino al sopra citato concerto dedicato a Messiaen e la serata incentrata sulla figura di Giacomo Puccini nel teatro musicale proposto dalla Compagnia Teatro d’Ombre Controluce.


La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia, Galup, Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


APERTURE

martedì 22 ottobre 2019 - Accademia di Musica

h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto

Benedetto Lupo pianoforte

Leoš Janáček 

Sonata 1.X.1905 Z Ulice (Nella strada)

Predtucha (Presentimento)

Smrt (Morte)

Nino Rota 

15 Preludi 

Aleksandr Skrjabin 

24 Preludi op. 11 

Il celebre pianista e didatta Benedetto Lupo, celebrato dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo, presenta un programma molto interessante anche se poco conosciuto. A dialogare saranno due raccolte di preludi, quelle di Nino Rota e di Aleksandr Skrjabin. Famoso per la sua vasta produzione di colonne sonore, su tutte quelle per Il Padrino, Nino Rota fu tra i protagonisti della vita musicale italiana del novecento e scrisse anche molta musica strumentale. Questi preludi rappresentano un esempio emblematico per l’estetica del compositore italiano lontana dalle speculazioni razionali della musica mitteleuropea, ma dedita al predominio della melodia e della piccola forma. I Preludi di Skrjabin fanno da eco all’opera, ben più nota, di Chopin che rappresenta il padre e l’esempio musicale più importante e più significativo per lo sviluppo della prima maniera del compositore russo. A preludiare queste due opere, la prima sonata di Leoš Janáček, la più ampia dedicata al pianoforte solista, è un urlo in favore della nascita e dello sviluppo della cultura e della tradizione ceca.

Considerato dalla critica internazionale come uno dei talenti più interessanti e completi della sua generazione, Benedetto Lupo si è imposto all’attenzione del mondo musicale con l’affermazione nel 1989, primo italiano, al prestigioso Concorso Internazionale Van Cliburn. Da qui la collaborazione con le più importanti orchestre americane ed europee quali la Philadelphia Orchestra, la Boston Symphony, la Chicago Symphony, la Los Angeles Philharmonic, la Baltimore Symphony, l’Orchestre Symphonique de Montréal, la Seattle Symphony, la Vancouver Symphony, la London Philharmonic, la Gewandhaus Orchester di Lipsia, la Rotterdam Philharmonic, l’Hallé Orchestra, la Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino, l’Orquesta Nacional de España, l’Orchestre Philharmonique de Monte Carlo, l’Orchestre Philharmonique de Liège, la Bergen Philharmonic, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, su invito di direttori quali Yves Abel, Vladimir Jurowski, Bernard Labadie, Juanjo Mena, Kent Nagano, solo per citarne alcuni. La sua intensa attività concertistica lo vede ospite regolare delle principali sale da concerto e festival internazionali fra cui il Lincoln Center di New York, la Salle Pleyel di Parigi, la Wigmore Hall di Londra, la Philharmonie di Berlino, il Palais des Beaux Arts di Bruxelles, il Festival di Tanglewood, il Festival Internazionale di Istanbul, il Festival “Enescu” di Bucarest e il Tivoli Festival di Copenaghen. Tra i momenti salienti della stagione 2017-18 ricordiamo il debutto con l’Orchestra Nazionale della RTVE di Madrid, la tournée con l’Orchestra da Camera di Mantova nei concerti di Salieri, Mozart e Beethoven; l’acclamato ritorno con la London Philharmonic nel Concerto per la mano sinistra di Ravel, e i recital monografici dedicati a Debussy, in Italia e all’estero, fra cui alla National Gallery di Washington nel giorno del centenario della morte del compositore (“il recital Debussy di Benedetto Lupo è stato un’esperienza musicale, sensuale e sonora assolutamente eccezionale” Le Devoir �“ “le interpretazioni di Lupo, libere da qualsiasi prevedibilità e routine, sono interamente personali, meditate e fresche. Durante l’intero concerto, il pubblico lo ha ascoltato in quel rapito silenzio, riservato al miglior modo di far musica” Washington Post). Nel 2019 tornerà, fra l’altro, alla Società del Quartetto di Milano e con l’Orchestra Nazionale dell’Accademia di S. Cecilia diretta da Stanislav Kochanovsky. Oltre alle registrazioni per numerose radiotelevisioni europee e statunitensi, Benedetto Lupo ha inciso per TELDEC, BMG, VAI, NUOVA ERA, nonché l’integrale delle composizioni per pianoforte e orchestra di Schumann per la ARTS. Nel 2005 è uscita una nuova incisione del Concerto Soirée di Nino Rota per Harmonia Mundi che ha ottenuto numerosi premi internazionali, tra i quali il “Diapason d’Or”. Nato a Bari, Benedetto Lupo ha iniziato gli studi musicali nella sua città, sotto la guida di Michele Marvulli e Pierluigi Camicia, perfezionandosi successivamente con Sergio Perticaroli, Aldo Ciccolini e frequentato le masterclass di Carlo Zecchi, Nikita Magaloff, Jorge Bolet e Murray Perahia. Dopo il debutto a tredici anni con il Primo Concerto di Beethoven, si è anche affermato in numerosi concorsi internazionali, tra i quali il “Cortot”, “Robert Casadesus”, “Gina Bachauer” e nel 1992 con il Premio “Terence Judd” a Londra. Pianista dal vasto repertorio, Benedetto Lupo ha al suo attivo anche un’importante attività cameristica e didattica; tiene master class presso importanti istituzioni internazionali, è spesso invitato nelle giurie di prestigiosi concorsi pianistici internazionali e, dall’anno accademico 2013/2014, è titolare della cattedra di pianoforte nell’ambito dei corsi di perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, istituzione della quale, dal dicembre 2015, è Accademico effettivo. Presso l’Accademia di Musica di Pinerolo tiene masterclass di perfezionamento e Light Course.


]]>
Il grande pianista bendetto Lupo inaugura la Stagione di Pinerolo Thu, 17 Oct 2019 14:25:11 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603450.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/603450.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo

Apre martedì 22 ottobre con il pianista Benedetto Lupo, celebrato dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo, il cartellone della Stagione concertistica 2019/20 dell’Accademia di Musica di Pinerolo che con i suoi 16 appuntamenti in programma promette una grande varietà di temi e programmi, con importanti protagonisti della scena musicale mondiale, aprendosi ai linguaggi artistici contemporanei con prestigiose collaborazioni.

 

Accanto a grandi interpreti pianistici, come Benedetto Lupo e Alexander Romanovsky, troviamo l’interesse per le nuove generazioni di musicisti in diversi appuntamenti della stagione: il giovanissimo pianista Ryan Bradshaw, le voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”, l’Orchestra dell’Accademia di Musica formata dagli allievi della stessa. 

 

Nel 2020 celebriamo due importanti anniversari. Per i 250 anni dalla nascita del grande compositore di Bonn, ma anche nel segno della continuità della programmazione beethoveniana, proponiamo un intero ciclo sviluppato attraverso le diverse formazioni per piano solo con Gabriele Carcano e Aleksander Romanovsky, per duo con Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, e per trio con il Trio Italiano d’Archi concludendo con due delle più grandi sinfonie in collaborazione con OSN RAI

Ricordiamo il trentennale del crollo del muro di Berlino con un suggestivo programma, eseguito in quell’occasione dal grande violoncellista Mstislav Rostropovich, con Marco Rossi ed Esperance Ripanti

 

L’interesse per la musica contemporanea, come necessità imprescindibile per chi crede come noi nell’importanza di promuovere la diffusione dei nuovi linguaggi, è rappresentato dai concerti de La Musica Spiegata. Ne sono testimonianza il concerto dedicato a Olivier Messiaen, con il quartetto d’eccezione composto da artisti come Lukas Hagen, Enrico Bronzi, Andrea Lucchesini e Gabriele Mirabassi, ma anche il programma di musica francese contemporanea dell’Ensemble Seta

 

Infine le collaborazioni, le co-produzioni e i progetti multidisciplinari con altre istituzioni artistiche. Accanto all’ormai consolidato legame con Estovest Festival, troviamo l’importante accostamento fra la musica da camera e l’arte circense, in uno spettacolo di nuovissima concezione con Flic Scuola Circo Torino. E ancora l’altrettanto inedita partecipazione della Scuola Holden Torino al sopra citato concerto dedicato a Messiaen e la serata incentrata sulla figura di Giacomo Puccini nel teatro musicale proposto dalla Compagnia Teatro d’Ombre Controluce.

 

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia, Galup, Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


]]>
7 CONCERTI di fine maggio a Pinerolo con l'Accademia di Musica Tue, 07 May 2019 12:12:16 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/553006.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/553006.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo

7 CONCERTI DI FINE MAGGIO A PINEROLO

17 maggio 2019, Accademia di Musica - MARATONA PIANISTICA
23 e 25 maggio 2019, Cortile della Libreria Mondadori - CORTILI MUSICALI
24 maggio 2019, Sala Tajo - VENERDì DEL CORELLI
26 maggio 2019, Accademia di Musica - LA NOTTE DELLE MUSE

A_web_concerti-maggio-accademiadimusica.jpg

Terminata con grande successo di pubblico la Stagione concertistica 2018/19, l’Accademia di Musica di Pinerolo chiude il mese di maggio con 7 concerti in città che vedono protagonisti sia gli studenti dei propri corsi di alto perfezionamento musicale tenuti da docenti di fama internazionale, sia i borsisti di Professione Orchestra, il progetto in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica nazionale della RAI. “I nostri studenti sono avviati verso la carriera professionale e hanno ottenuto premi e riconoscimenti in occasione di importanti concorsi internazionali, racconta il Direttore artistico dell’Accademia di Musica Laura Richaud. Vivono in altre regioni italiane o all’estero e vengono da noi a Pinerolo per perfezionarsi. Ci fa piacere presentarli alla città in eventi come La Notte delle Muse, I venerdì del Corelli e la nuova iniziativa del Comune di Pinerolo Cortili Musicali”.

Venerdì 17 maggio presso l’Accademia di Musica (viale Giolitti, 7 Pinerolo) si tiene una Maratona pianistica: alle 11:30 suona Michela Sara De Nuccio (Debussy, Murail, Beethoven, Chopin, Schumann); alle 18:00 Roberta Pandolfi (Solbiati, Kagel, Ginastera, e alle 20:00 Bruno Mereu (Beethoven, Mozart, Liszt).

Il primo appuntamento di Cortili Musicali, l’iniziativa del Comune di Pinerolo in collaborazione con Accademia di Musica e Istituto Civico Musicale Arcangelo Corelli, è per giovedì 23 maggio alle ore 17:00 con Le Quattro Stagioni - Il cimento dell’armonia e dell’inventione di Antonio Vivaldi, protagoniste del concerto presso il Cortile della Libreria Mondadori (piazza Barbieri, 15). La loro esecuzione è affidata all’Orchestra da Camera Accademia- che sempre riscuote grande successo di pubblico e critica e che ha collaborato con nomi come Uto Ughi. L’Orchestra è diretta da Adrian Pinzaru e accompagnata dagli studenti dell’Istituto Musicale Arcangelo Corelli. Solista è Sawa Kuninobu, che ha appena vinto il Concorso per violino di fila presso l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino. Ingresso libero

Tra i nove concerti della nuova edizione de I venerdì del Corelli, tre appuntamenti sono con gli allievi dell’Accademia di Musica. L’ultimo in programma vede in concerto i vincitori delle Borse di Studio di Professione Orchestra, progetto nato dalla collaborazione tra l’Accademia di Musica Pinerolo e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. L’appuntamento è venerdì 24 maggio alle 21:00, nella Sala I. Tajo (via San Giuseppe, Pinerolo). Protagonisti sono Elisa Spremulli violino, Christian Cutrona viola, Emanuela Mosa violoncello, Dario Triscari clarinetto, Matteo Forla oboe e Alessandro Mosca pianoforte. Eseguono brani di Schumann, Simpson, Beethoven, Brahms. Ingresso libero

Il secondo concerto di Cortili Musicali, l’iniziativa del Comune di Pinerolo in collaborazione con Accademia di Musica e Istituto Civico Musicale Arcangelo Corelli, è in programma per sabato 25 maggio alle ore 17:30 presso il Cortile della Libreria Mondadori (piazza Barbieri, 15), nell’ambito de La Notte delle Muse. Protagonisti sono il Coro degli abbonati dell’Accademia di Musica diretto da Marco Robino e Il Coro femminile e quello da Camera dell’Istituto Musicale Arcangelo Corelli diretti da Walter Gatti, accompagnati da un Quintetto d’archi (Esther Zaglia, violino; Clara Mezzanatto, violino; Asja Mosconi, violoncello; Matteo Giai, contrabbasso; Marco Gentile, viola). Eseguono musiche corali di Verdi, Beethoven, Mendelssohn e Ola Gjeilo più la Pipposuite (Pippo non lo sa, Tulipan, Se piove e vaghi per la città). Ingresso libero

Domenica 26 maggio, nell’ambito de La notte delle Muse, sono due i concerti previsti a partire dalle ore 18 nella sala concerti dell’Accademia di Musica (viale Giolitti, 7 Pinerolo). Apre con Trio n. 2 in si minore op. 76 di J. Turina il Trio Serendip (Datca Ayben Soytuna Dutto, violino; Arianna Massara, violoncello; Vincenzo Cristiani, pianoforte). A seguire, il Trio Dalla Massara, Zanovello, Maderni (Giulio Zanovello, violino; Enrico Maderni, violoncello; Mauro Dalla Massara, pianoforte) esegue il Trio in do minore op. 1 n. 3 di L. van Beethoven.

I concerti dell’Accademia di Musica sono realizzati con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


PROGRAMMA

venerdì 17 maggio, Accademia di Musica (viale Giolitti, 7)
MARATONA PIANISTICA

I CONCERTO - ore 11.30
Michela Sara De Nuccio, pianoforte

C. Debussy, da Prèludes I libro: Danseuses des Delphes, Le vent dans la pleine 
T. Murail , da Estuaire: Près de rives 
L. van Beethoven, Sonata in mi maggiore op. 109
F. Chopin, 4 Mazurke op. 24 
R. Schumann, Carnevale di Vienna op. 26 

II CONCERTO - ore 18.00
Roberta Pandolfi, pianoforte

A. Solbiati, Sonata Seconda
M. Kagel, Rossignol Enrhumés
M. Kagel, A Deux Mains-impromptu: Impromptu II, Ragtime-Waltz
A. Ginastera, Sonata n. 1 op. 22

III CONCERTO - ore 20.00
Bruno Mereu, pianoforte

L. van Beethoven  Sonata in do diesis minore op. 27 n. 2 
W. A. Mozart Adagio in si minore K. 540 
F. Liszt Sonata in si minore 

giovedì 23 maggio, ore 17, Cortile della Libreria Mondadori (Piazza Barbieri, 15)
CORTILI MUSICALI
Ingresso libero
Orchestra da Camera Accademia
Adrian Pinzaru, direttore
Sawa Kuninobu, violino solista

Studenti dell'Istituto Musicale Corelli
Antonio Vivaldi, Le Quattro Stagioni
Il cimento dell’armonia e dell’inventione


venerdì 24 maggio, ore 21, Sala Italo Tajo (Via San Giuseppe)
I VENERDì DEL CORELLI
Ingresso libero
Borsisti di Professione Orchestra
Elisa Spremulli, violino
Christian Cutrona, viola
Emanuela Mosa, violoncello
Matteo Forla, oboe
Dario Triscari, clarinetto
Alessandro Mosca, pianoforte

R. Schumann, Marchenbilder op. 113 
C. Schumann, 3 Romanze op. 22
D. L. Simpson, da Trio in mi bemolle maggiore: Adagio 
L. van Beethoven, Sonata in la minore op. 23
J. Brahms, Trio in la minore op. 114


sabato 25 maggio, ore 17:30, Cortile della Libreria Mondadori (Piazza Barbieri, 15)
CORTILI MUSICALI
Nell’ambito della Notte delle Muse
Ingresso libero

Coro degli abbonati dell'Accademia di Musica 
Marco Robino, maestro del coro
G. Verdi, Va' pensiero
L.v. Beethoven, Inno alla gioia
Pipposuite (Pippo non lo sa, Tulipan, Se piove e vaghi per la città)
Coro femminile dell'Istituto Musicale Corelli
Valentina Chirico, solista
Walter Gatti, maestro del coro
Ola Gjeilo, Tundra

Coro da Camera dell'Istituto Musicale Corelli
Walter Gatti, maestro del coro
F. Mendelssohn,  Richte mich. Gott

I Cori saranno accompagnati da un Quintetto d’archi
Esther Zaglia, violino primo
Clara Mezzanatto, violino secondo
Asja Mosconi, violoncello
Matteo Giai, contrabbasso
Marco Gentile, viola


domenica 26 maggio, ore 18, Accademia di Musica (viale Giolitti, 7)
LA NOTTE DELLE MUSE

Trio Serendip 
Datca Ayben Soytuna Dutto, violino
Arianna Massara, violoncello
Vincenzo Cristiani, pianoforte
J. Turina , Trio n. 2 in si minore op. 76

Trio Dalla Massara �“ Zanovello �“ Maderni 
Giulio Zanovello, violino
Enrico Maderni, violoncello
Mauro Dalla Massara, pianoforte

L. van Beethoven, Trio in do minore op. 1 n. 3



ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, dal 1995 organizza la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori. 
L’Orchestra da Camera Accademia è formata da allievi ed ex allievi che collaborano già con importanti istituzioni, ensemble cameristici ed entità orchestrali (Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Rai, per citarne solo alcune), ha al suo attivo concerti che hanno riscosso grande successo di pubblico e critica, e può vantare la presenza e la collaborazione di importanti ospiti quali Riccardo Donati, Giampaolo Pretto, Simone Rubino e Uto Ughi. 
Il Coro dell’Accademia di Musica è nato per coinvolgere il pubblico dell’Accademia, invitandolo a provare un’esperienza musicale attiva e socializzante e la partecipazione è aperta a tutti. Il repertorio è vario e spazia dalle arie d’opera alla musica popolare, alle canzoni degli anni venti. Il repertorio è trascritto e adattato dal direttore, Marco Robino. Il Coro si avvale della collaborazione di un quintetto d’archi e si ritrova il lunedì sera presso i locali dell’Accademia di Musica di Pinerolo.

ISTITUTO MUSICALE ARCANGELO CORELLI
Dal 1965 il "Corelli" si distingue per la pluralità degli itinerari didattici proposti e perseguiti. Dalla produzione professionale dei musicisti, all'educazione musicale dei semplici cultori della buona musica, con una offerta che copre praticamente l'intera gamma orchestrale, con corsi collettivi di coro per giovani, adulti e di voci bianche, musica da camera, vari insiemi strumentali ed esercitazioni orchestrali. Il civico Istituto Musicale Corelli ha sede in due palazzine costruite nei primi del novecento (una villa padronale con dependence acquistate nel 1966 dal Comune) situate all'interno di un parco ubicato nella zona precollinare della città. Sono a disposizione degli allievi, complessivamente, 22 aule e un salone per le prove dell’Orchestra e del Coro.

WALTER GATTI
Laureato in discipline musicali nelle specializzazioni di Clavicembalo, Organo e Composizione Organistica, Musica corale e Direzione di coro presso i conservatori Antonio Vivaldi di Alessandria e Giuseppe Verdi di Torino, Walter Gatti ha inoltre conseguito la laurea di specializzazione in Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio di Torino. Ha studiato direzione di coro con S. Korn e D. Tabbia e composizione con R. Piacentini. Si è perfezionato in organo con L. Romiti, R. Jaud, E. Corti, C. Kent, J.C. Zehnder e R. Saorgin. Ha ottenuto il diploma di merito alla VI edizione del Torneo Internazionale di Musica, sezione organo, ed il premio speciale di interpretazione Paola Bernardi al IV concorso di esecuzione clavicembalistica Gianni Gambi a Pesaro. Dal 1988 svolge regolare attività concertistica sia in veste di solista che di accompagnatore di cori, solisti e orchestre in Italia e all’estero. E’ titolare dell'organo Pinchi del Tempio Valdese di Torino, ove dirige il Coro Valdese. Insegna presso il Civico Istituto Musicale Arcangelo Corelli di Pinerolo, la Scuola di Musica Intercomunale della Val Pellice e la Scuola Diocesana di Musica Sacra di Pinerolo. Nel 2010, costituitasi l'Accademia Organistica Pinerolese, ne è stato nominato direttore artistico.

ADRIAN PINZARU
Nato nel 1974 in Romania, ha iniziato giovanissimo gli studi di violino a Iaşi presso la Scuola di Musica “O. Băncila” diplomandosi in seguito a Bucarest al Liceo di Musica “G. Enescu”. Nel 1993, grazie a una borsa di studio, si trasferisce in Italia dove, dopo aver studiato presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, consegue il diploma in violino e viola presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino sotto la guida del M. Christine Anderson e M. Davide Zaltron. Nell’arco degli anni si perfeziona con Stefan Gheoghiu, Mariana Sirbu, Dora Schwarzberg, Sadao Harada (Tokyo String Quartet), Franco Rossi (Il Quartetto Italiano), Valentin Berlinsky (Quartetto Borodin) e Milan Skampa (Quartetto Smetana). Dal 1997 al 2006 è stato primo violino del Quartetto Casorati. Dal 2006 è primo violino dello Xenia Ensemble, gruppo che si dedica all’esecuzione della musica contemporanea. Dal 2007 è il primo violino del Delian Quartett con il quale svolge un’intensa attività concertistica internazionale. E’ regolarmente ospite come solista o camerista di importanti società concertistiche come: Musik Verein Wienn, Unione Musicale di Torino, Festival MiTo Settembre Musica, Ludwigsburger Schloßfestspiele, Schlezwig-Holstein Musik Festival, Festival Internacional de Musica de Espinho, Berlin Philharmonie, Essen Philarmonie, ecc. collaborando, nel repertorio cameristico, con artisti come Gilles Apap, Mario Brunello, Gérard Caussé, José Luis Estellés, Igor Kamenz, Alfredo Perl, Menahem Pressler, Danilo Rossi, Dora Schwarzberg, Giovanni Sollima e l’attore Bruno Ganz. Ha suonato per varie televisioni e radio come Rai, Radio France, Televisione Rumena (TVR), �-sterreichische Rundfunk (ORF), HR, SWR, WDR, BR. Incide regolarmente per la casa discografica Oehms Classics, con la quale ha pubblicato, nel 2008, un CD interamente dedicato a Robert Schumann �“ nominato “CD consigliato del mese” dalla Bayerische Rundfunk- e uno dedicato a Haydn �“ che ha ricevuto la nomination per Echo Prize 2010. Nel 2013 è stato pubblicato un CD dedicato a Beethoven. Nel 2015 uscirà un CD dedicato a Schostakovich. Svolge anche attività didattica come assistente di violino di Dora Schwarzberg e come insegnante presso l’Accademia di Musica di Pinerolo e come docente di musica da camera al “Corso di Musica da Camera per Giovani Strumentisti ad Arco” a Pra Catinat. Suona un violino Giovanni Battista Rogeri 1699.

MARCO ROBINO
Marco Robino è compositore, violoncellista, concertista, fondatore e leader del complesso da camera Architorti. Ha scritto musiche di scena per il teatro e il cinema, e realizzato numerose installazioni sonore per mostre, manifestazioni, eventi; conduce da anni laboratori di formazione musicale nelle scuole. Il progetto Architorti nasce nel 2000 come Quintetto d'archi che si esibisce in forma di concerto e lavora su trascrizioni di Marco Robino affrontando ogni genere musicale. Negli anni successivi, sotto la direzione artistica, imprenditoriale e tecnica di Marco Robino, il progetto si evolve e Architorti si trasforma in una vera e propria "officina musicale". Gli strumentisti che gravitano intorno ai vari progetti sono oltre quaranta e l'attività si articola in vari settori. 



Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 il contenuto e gli allegati di questo messaggio sono strettamente confidenziali, e ne sono vietati la diffusione e l'uso non autorizzato. Qualora il presente messaggio Le fosse pervenuto per errore, Le saremmo grati se lo distruggesse e, via e-mail, ce ne comunicasse l'errata ricezione all'indirizzo newsaccademiapinerolo@gmail.com Tale indirizzo è utilizzabile anche per esercitare i Vs. diritti di cui agli articoli dal 12 al 23 del Regolamento.


]]>
7 maggio - Fabrizio Bosso e Julian Mazzariello in Accademia con Tandem Tue, 30 Apr 2019 12:37:36 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/551718.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/551718.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

web_01_Bosso_Mazzariello_ph_Simone_Cecchetti.jpg

TANDEM
martedì 7 maggio, h 21, Accademia di Musica
Fabrizio Bosso tromba                           
Julian Mazzariello pianoforte

L’ultimo appuntamento della Stagione concertistica dell’Accademia di Musica (viale Giolitti, 7 Pinerolo) è martedì 7 maggio alle ore 21:00 con Fabrizio Bosso, la tromba più virtuosistica del jazz italiano, e Julian Oliver Mazzariello, pianista di innata versatilità. La loro complicità, maturata nel corso di un’amicizia ventennale grazie alla comune passione per la sperimentazione tra generi musicali, diventa ritmo condiviso in Tandem, un concerto che alterna canzoni e temi della musica internazionale come Lady Be Good di George Gershwin o Luiza di Antonio Carlos Jobim o, ancora, il tema di Taxi Driver a brani originali a firma di entrambi (Biglietti: 15 € Ridotto: 12, 8, 5€ | Tel 0121 321040).

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.

LA SCHEDA DI SALA

TANDEM
martedì 7 maggio 2019, h 21, Accademia di Musica
Fabrizio Bosso tromba                           
Julian Mazzariello pianoforte

Tandem significa pedalare insieme, con lo stesso ritmo e con complicità. Tandem è, non a caso, il titolo del progetto (e dell’omonimo disco) di Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello, legati da un’amicizia ventennale e da una comune passione per la musica e la sperimentazione tra generi.
La formula del duo è così intima, scarna ed essenziale che �“ha detto Bosso- “ti permette di esplorare territori anche più lontani, difficili”. Ed è così che nei loro concerti, ogni volta nuovi, ogni volta diversi e costantemente in dialogo con gli spettatori sul filo delle emozioni condivise, si alternano canzoni e temi della musica internazionale come "Oh Lady Be Good" di George Gershwin o "Luiza" di Antonio Carlos Jobim o, ancora, il tema di "Taxi Driver" a brani originali a firma di entrambi.

FABRIZIO BOSSO
Fabrizio Bosso inizia a suonare la tromba all’età di 5 anni e a 15 si diploma al conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Da allora una carriera inarrestabile caratterizzata da una grande versatilità, ma anche da una spiccata e riconoscibile personalità. Moltissimi i dischi e le collaborazioni sia con colleghi jazzisti (da Enrico Pierannunzi a Luciano Biondini, da Stefano Di Battista a Javier Girotto), sia con esponenti del pop italiano di qualitàa (Sergio Cammariere, Simona Molinari, Rphael Gualazzi con i quali ha partecipato al Festival di Sanremo) sia, infine con grandi orchestre, come la London  Symphony  Orchestra con la quale ha realizzato, registrando presso gli Air Studios di Londra, l’album “Enchantment- Enchantment-  L’incantesimo  Di  Nino  Rota”.

JULIAN OLIVER MAZZARIELLO
Julian Oliver Mazzariello nasce ad Hatfield in Inghilterra nel 1978. Il primo artista che Julian ha ascoltato, all'età di 8 anni, è stato Miles Davis ad un concerto alla Royal Festival Hall di Londra. Il resto è facile da dedurre. Da allora a oggi Julian ha collaborato con artisti che vanno da Lucio Dalla a Enrico Rava, proprio per questa sua versatilità innata e coltivata da sempre. Partecipa alla nascita dell'High Five Quintet (dove conosce e stringe amicizia con Fabrizio Bosso) e ha diverse altre collaborazioni. Tra i progetti a suo nome va ricordato "Profile" inteso appunto come profilo musicale (e quindi caratteriale) di Julian.

BIGLIETTERIA

BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
Under 30: € 8
Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 
VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.


ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.

]]>
Concerto del 2 aprile Alexander Gadjiev all'Accademia di Musica di Pinerolo Mon, 18 Mar 2019 12:58:12 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/533632.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/533632.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

L'EMPIREO PIANISTICO
martedì 2 aprile 2019
h 20:30 Guida all’ascolto, h 21:00 Concerto - Accademia di Musica
ALEXANDER GADJIEV pianoforte
L. van Beethoven, Sonata in do maggiore op. 53 Waldstein

F. Liszt, Après une lecture de Dante - Fantasia quasi sonata

A. Skrjabin, 
Feuillet d'album op. 45 n. 1,
 Preludi op. 16 n. 3-4
, Etude op. 8 n. 8
, Prelude op. 16 n. 2
, Poème op. 32 n. 1
, Etude op. 42 n. 5

S. Prokof’ev, Sonata n. 6 in la maggiore op. 82

Alexander Gadjiev, una delle più forti personalità del nuovo pianismo europeo, è l'ospite molto atteso della Stagione Concertistica dell’Accademia di Musica di Pinerolo. Martedì 2 aprile alle 21:00 è protagonista del concerto L’empireo pianistico che prevede l’esecuzione di Beethoven, Liszt, Skrjabin, Prokof’ev. Dicono di lui che “conosce perfettamente i rapporti timbrico-dinamici, la sottigliezza e la pienezza strumentale, il controllo e l’ardore”, che “la sua forza sta nell’originalità e nella creatività dell’interpretazione”e che“ha la rara abilità di ipnotizzare il pubblico con la sua capacità narrativa”. Per gli interessati alle 20:30 c'è una Guida all’ascolto a cura di Simone Ivaldi (Biglietti: 15 € Ridotto: 12, 8, 5€ | Tel 0121 321040). Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone. LA SCHEDA DI SALA
Alexander Gadjiev è uno dei pianisti di punta della nuova generazione. Dopo la vittoria al Premio Venezia s’impone anche al prestigiosissimo Concorso di Hamamatsu in Giappone, che gli ha aperto la strada a una importante carriera internazionale. Le prime battute della sonata Waldstein di Beethoven sono tra le più famose dell’intera letteratura pianistica; la stupefacente modernità di quest’opera è data da un importante aspetto virtuosistico che si tramuta in un risultato sonoro e timbrico mai udito prima. La Dante è uno dei simboli del pianismo lisztiano, fatto di un virtuosismo trascendentale e di momenti di lirismo estremamente intenso. Il brano è ispirato al V Canto dell’Inferno, quello di Paolo e Francesca, il cui vorticoso abbraccio insieme alla straziante supplica dei dannati pervade l’intera opera. Molti dei lavori giovanili di Čajkovskij sono pianistici, in particolare i sei pezzi dell’op. 19 furono commissionati dal suo editore e presentano tratti tipici della musica di Schumann, fatta di continui cambi di umore e melodie struggenti tipiche invece della tradizione russa. Le sonate n. 6, 7 e 8 di Prokof’ev furono soprannominate Sonate di guerra e vennero composte una di seguito all’altra, come le tre ultime sonate di Beethoven e le ultime tre di Schubert. La stesura della sesta sonata coincise, da qui il soprannome, con l’inizio del secondo conflitto mondiale; l’incipit dell’opera è, non a caso, un’invocazione alla lotta e un canto di guerra.
ALEXANDER GADJIEV Esposizione musicale e cultura Mitteleuropea: Alexander Gadjiev deve la prima alla sua famiglia, con madre e padre entrambi didatti e musicisti, e la seconda a Gorizia �“ sua città d’origine �“ naturale crocevia di popoli, culture, lingue. Fattori che hanno entrambi avuto una influenza determinante sulla sua naturale capacità di assorbire, elaborare e rivisitare con gusto proprio stili e linguaggi musicali diversi. Seguendo gli insegnamenti del padre, noto didatta russo, Alexander si esibisce per la prima volta con orchestra a 9 anni e tiene il primo recital solistico a 10. Si diploma a 17 anni con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale. Questo gli consente di partecipare al Premio Venezia - concorso riservato ai migliori diplomati d’Italia �“ e di vincerne la XXX edizione. I numerosi concerti del Premio Venezia gli consentono di esibirsi in tutta Italia e all’estero (Londra, Parigi, Madrid, Dublino). Poi, nel dicembre 2015, la svolta internazionale. Al 9° Concorso Pianistico Internazionale di Hamamatsu �“ uno dei dieci concorsi pianistici più prestigiosi al mondo �“ la giuria composta, tra gli altri, da Martha Argerich, Akiko Ebi, Sergey Babayan, lo decreta vincitore assoluto. Le sue esecuzioni incantano Hamamatsu: vince anche il premio del pubblico. Da allora, Alexander viene regolarmente invitato ad esibirsi in tournée in Giappone e ad importanti Festival pianistici tra cui: IX edizione del Festival MiTo, il Festival “Chopin” di Duszniki, l’International Piano Festival ClaviCologne a Düsseldorf, il Piano Festival Rafael Orozco di Cordova, il Ljubljana Festival, le Settimane Musicali per il Teatro Olimpico di Vicenza, il Festival Animato de Paris, il Bologna Festival, Ravenna Musica, il Kammermusik Salzburg Festival. Alexander ha suonato in importanti Teatri e Sale da concerto (Teatro la Fenice di Venezia, Teatro Regio di Torino, Teatro Alighieri di Ravenna, Kioi Hall e Bunka Kaikan di Tokyo, Kitara Concert Hall di Sapporo, Hyogo Performing Art Center di Osaka, Salle Cortot di Parigi, Sala del Conservatorio di Mosca, e poi a Salt Lake City, Istanbul, Barcellona, Roma, Milano, etc.) e con orchestre di rilievo internazionale quali: l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra Sinfonica del Teatro della Fenice, i Virtuosi Italiani, la Tokyo Symphony Orchestra, la Nagoya Philharmonic Orchestra, la Kyoto Symphony Orchestra, la Prague Sinfonia Orchestra, la Pomeranian Philharmonic Orchestra, la Jerusalem Symphony Orchestra, la Mitteleuropa Orchestra. Lo hanno diretto alcune tra le più autorevoli bacchette internazionali: Yuri Temirkanov, Marek Pijarowski, Ken Takaseki, Anton Nanut, Tatuya Shimono, Tomomi Nishimoto, Christopher Franklin, Marco Guidarini, Olivier Ochanin, En Shao, Ulrich Windfuhr, Giedre Šlekyte, Gianluca Martinenghi, Tiziano Severini. Ha inciso per Suonare News, per Acousence Records e per ALM Records Japan, mentre i suoi concerti sono stati trasmessi da Rai Radio3, Rai3, Radio Vaticana, Radio Classica, ORF, RTV Slovenija,RadioKoper. Attualmente si sta perfezionando con il Maestro Pavel Gililov presso il Mozarteum di Salisburgo e partecipa a masterclass prestigiose quali la “Eppan Piano Academy” e la “Verbier Piano Academy”, entrambe riservate ad un ridottissimo numero di pianisti selezionati da tutto il mondo.

Dicono di lui: >> “Alexander Gadjiev è a mio parere una delle più forti personalità del nuovo pianismo europeo. Conosce perfettamente i rapporti timbrico-dinamici, la sottigliezza e la pienezza strumentale, il controllo e l’ardore. Nella spettacolare Settima Sonata di Prokofiev, Gadjiev si impone per la travolgente energia ritmica evocando l’epopea del pianismo sovietico. Nella Quarta Ballata conosce anche i sortilegi della “mezza voce”, scopre le profezie culturali dell’ultimo Chopin, fino al suono impressionista, e persino al Ravel di impronta sinfonica in un vertiginoso percorso ascensionale.” 
Mario Messinis, critico musicale, in occasione della vincita del XXX Premio Venezia. >> “Alexander ha la rara abilità di ipnotizzare il pubblico con la sua capacità narrativa. La sua interpretazione della Ciaccona di Bach-Busoni è stata uno degli momenti culminanti dell’intera competizione. Mi ha davvero ipnotizzato. Gadjiev ha vera eleganza e passione”. 
Sergey Babayan, pianista di fama mondiale, in occasione della vincita del 9° Concorso Pianistico Internazionale Hamamatsu. >> “La sua forza sta nell’originalità e nella creatività dell’interpretazione. Esse si basano sì sulla tradizione, ma vanno ben oltre i tradizionali confini della musica.” 
Akiko Ebi, Presidente del 9° Concorso Pianistico Internazionale Hamamatsu.
BIGLIETTERIA

BIGLIETTI SINGOLI: € 15 
 RIDOTTO: Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5 Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5 Under 30: € 8 Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 VENDITA E PREVENDITA 
Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.
ACCADEMIA DI MUSICA Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.
]]>
19 febbraio - Palco per due pianoforti con Marina Scalafiotti e Giacomo Fuga Thu, 07 Feb 2019 13:09:38 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/523187.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/523187.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

PALCO PER DUE
martedì 19 febbraio 2019
h 20:30 Guida all’ascolto, h 21:00 Concerto - Accademia di Musica

Marina Scalafiotti pianoforte 
Giacomo Fuga pianoforte

Marina Scalafiotti Giacomo Fuga insegnano pianoforte presso il Conservatorio di Torino e da diversi anni si esibiscono in duo proponendo al pubblico il grande repertorio per questa formazione, insieme a trascrizioni di altre celebri opere. Martedì 19 febbraio alle 21:00 sono protagonisti del concerto Palco per due che prevede l’esecuzione di brani di Brahms, Busoni, Prokofiev, Rachmaninov. Per gli interessati alle 20:30 c'è una Guida all’ascolto a cura di Simone Ivaldi (Biglietti: 15 € Ridotto: 12, 8, 5€ | Tel 0121 321040).

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.



LA SCHEDA DI SALA

PALCO PER DUE
martedì 19 febbraio 2019
h 20:30 Guida all’ascolto, h 21:00 Concerto - Accademia di Musica

Marina Scalafiotti pianoforte 
Giacomo Fuga pianoforte

J. Brahms, Variazioni in si bemolle maggiore su un tema di Haydn op. 56b

F. Busoni, Duettino concertante nach Mozart

S. Prokof’ev,Tre pezzi dalle musiche di scena per il "Luogotenente Kije"
(Marcia nuziale - Romanza- Troika)

S. Rachmaninov, Suite n. 2 op. 17
(Introduction - Valse - Romance - Tarantelle)

Marina Scalafiotti e Giacomo Fuga insegnano pianoforte presso il Conservatorio di Torino e da diversi anni si esibiscono in duo proponendo al pubblico il grande repertorio per questa formazione insieme a trascrizioni di altre celebri opere. Robert Schumann per primo individuò nel giovane Brahms una forte predisposizione verso la scrittura sinfonica, ne sono testimonianza le variazioni op. 56b, basate sul celebre tema del Corale di S. Antonio, qui proposte nella prima versione per due pianoforti. Il Duettino concertante di Busoni, basato sul finale del Concerto KV459 di Mozart, è un perfetto esempio della sua grande capacità di trascrittore: lo scambio di brillanti figurazioni senza soluzione di continuità dei due pianoforti mantiene la vivacità e la gioia che rendono la musica di Mozart tanto coinvolgente. Come molti altri compositori dell’epoca, Prokof’ev si cimentò nella composizione di colonne sonore per pellicole cinematografiche: Il Luogotenente Kije non riscosse grande successo, ma Prokof’ev, convinto di aver prodotto del notevole materiale sinfonico, ricavò da quest’ultimo una suite orchestrale in cinque movimenti, trascritta poi anche per due pianoforti. La seconda suite op. 17 di Rachmaninov fu composta in Italia e insieme al secondo concerto per pianoforte e orchestra op. 18 contribuì a restituire al compositore la creatività perduta dopo l’insuccesso della prima sinfonia.

GLI INTERPRETI

MARINA SCALAFIOTTI
A 16 anni, vincitrice del Concorso Internazionale di Stresa nella sezione dedicata alla musica d’avanguardia, Marina Scalafiotti intraprende una brillante carriera concertistica, che la porta giovanissima a suonare in Europa ed anche negli Stati Uniti e in Sud America. In questi anni ottiene 23 importanti riconoscimenti a concorsi nazionali e internazionali, tra i quali ricordiamo il Premio "Città di Treviso", il "V.Bellini" di Caltanissetta, il "Viotti - Valsesia", il "Città di Cantù". Grazie alla sua passione per la musica contemporanea nel 2000 ottiene il Premio Spedidam della società degli autori ed editori francesi e nel 2001 vince il premio come miglior pianista di scuola francese al Concorso Internazionale "Orleans XX Siécle" . Su invito di Jean Michel Damase, partecipa successivamente alla realizzazione di un DVD dedicato a musiche di Faure e Debussy per Arte. Marina Scalafiotti ha suonato con artisti tra qui Philippe Entremont, Ervin Schiffer e Kati Sebastien, suonando sotto la direzione di Gianandrea Noseda, Pierangelo Gelmini, Massimo Gonzi e Ovidiu Balan. Dopo gli studi con Amelia Careggio e Orazio Frugoni, Alexis Weissemberg le consiglia il trasferimento a Parigi, dove entra all'Ecole Normale per perfezionarsi con un allievo di Claudio Arrau, il pianista argentino Nelson Delle Vigne Fabbri. Vincitrice di concorso ministeriale nell'ambito delle istituzioni dell'Alta Formazione Musicale, Marina Scalafiotti si dedica anche all'attività didattica. Attualmente è docente al Conservatorio di Torino ed è invitata a tenere molte Masterclass in Italia ed all'estero. Da alcuni anni è membro della Faculty dell’ICPA - International Certificate for Piano Artists, diretto da Philippe Entremont, organizzazione gestita dalla Fondation Bell’arte di Bruxelles il cui scopo è quello di permettere ai giovani musicisti di ampliare le proprie competenze grazie a corsi di perfezionamento ed esperienze concertistiche.

GIACOMO FUGA
Nato nel 1962, Giacomo Fuga si è diplomato in pianoforte al Conservatorio “G. Verdi” di Torino a diciassette anni, con il massimo dei voti e la lode ed ha compiuto studi di Composizione e di Direzione d’orchestra. Premiato in alcuni concorsi pianistici internazionali tra cui il “Rina Salagallo” di Monza (1980), il “Viotti-Valsesia” e il “Viotti” di Vercelli (1981), ha subito intrapreso una notevole attività concertistica suonando in sale prestigiose quali la Salle Cortot di Parigi, la Stefanien Saal di Graz,il Conservatorio di Ginevra, la Bunka Kaikan di Tokio, l’Auditorium della RAI di Torino, la Sala Verdi del Conservatorio di Milano, l’Auditorium del Foro Italico di Roma ecc….Per 25 anni componente del Trio di Torino, vincitore del Primo Premio al Concorso Internazionale “G. B. Viotti” di Vercelli (1990) e del  Secondo Premio al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Osaka nell’aprile 1993, col quale ha svolto una prestigiosa attività concertistica, ospite di Festival e stagioni quali, tra le altre, Le Serate musicali di Milano, i Concerti del Quirinale a Roma, l’Unione Musicale di Torino, Il Festival Mito, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, gli Amici della Musica di Vicenza, Verona, Novara, Campobasso ecc…. Nella formazione di quintetto ha vinto, nel 1995, il 2° premio al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trapani. La sua discografia comprende opere di Faurè, Dukas, Bizet e Sandro Fuga e con il Trio di Torino ha inciso musiche tra l’altro di Chopin, Brahms, Dvorak, Shostakovich e Rachmaninov. Tutte le registrazioni sono pubblicate dalla Real Sound. Suona in duo pianistico a 4 mani con la sorella Carlotta e collabora da molti anni con le prime parti dell’OSN della Rai. Per la Naxos sono usciti recentemente due CD dove interpreta musiche cameristiche di Sandro Fuga, Petrassi e Cilea. Giacomo Fuga è docente di pianoforte principale presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino.

BIGLIETTERIA
BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
Under 30: € 8
Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 - Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.


ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.


]]>
La musica americana contemporanea con Emanuele Arciuli Thu, 15 Nov 2018 15:34:49 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/503828.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/503828.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
 9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

LA MUSICA SPIEGATA I:
GRATTACIELI E PRATERIE AMERICANE
domenica 18 novembre 2018 - Accademia di Musica
h 17 concerto
Emanuele Arciuli pianoforte 

2_web-Emanuele_Arciuli.jpg

Protagonista del concerto di domenica 18 novembre è Emanuele Arciuli, celebre e affermato pianista, ospite dei più importanti festival e delle maggiori orchestre italiane e internazionali, dal Maggio Musicale Fiorentino al Concertgebouw di Amsterdam, oltre che docente al Conservatorio di Bari, nelle università degli Stati Uniti e presso l’Accademia di Musica di Pinerolo. Il programma, che propone brani di John Cage, Louis Ballard, Peter Garland e Frederic Rzewski, attinge al suo vastissimo repertorio che da sempre riserva una grande attenzione alla musica contemporanea americana, tanto che i suoi più importanti esponenti gli hanno dedicato delle loro opere. L’appuntamento con Walk in Beauty - Passeggiate nella natura americana, concerto in coproduzione con EstOvest Festival è per le ore 17:00 nella Sala di via Giolitti 7 a Pinerolo (To).

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni.

L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia.

Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano.

Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.

LA SCHEDA DI SALA

LA MUSICA SPIEGATA I: GRATTACIELI E PRATERIE AMERICANE
domenica 18 novembre 2018 - h 17 - Accademia di Musica
Emanuele Arciuli pianoforte 
John Cage, In a Landscape

Louis Ballard, Four American Indian Piano Preludes

Peter Garland, Walk in Beauty

Frederic Rzewski, Winnsboro Cotton Mill Blues

L’attività concertistica di Emanuele Arciuli, docente dell’Accademia di Pinerolo, lo vede regolarmente ospite delle più importanti istituzioni italiane ed estere. Nel suo vastissimo repertorio una particolare attenzione è riservata alla musica contemporanea americana, i cui più importanti esponenti gli hanno dedicato loro opere. Il programma inizia con una breve e poetica pagina di John Cage risalente al 1948, basata su semplici strutture scalari e ci porta nella seconda metà del novecento con i Four American Indian Piano Preludes di Louis Ballard, compositore di origini Cherokee, brani composti nel 1963 e ricchi di originalità per il modo non stereotipato con cui il materiale dei nativi americani viene trattato. Walk in Beauty, di Peter Garland è un brano del 1989 dipanato in 5 brevi movimenti ispirati alla cerimonia del peyote fra i Navajos. La scrittura, solo apparentemente semplice, cela tesori di raffinatezza timbrica e contrappuntistica ed è fra le opere pianistiche più significative degli ultimi anni. Il programma si conclude con Winnsboro Cotton Mills Blues di Frederic Rzewski (1979) quarta e più celebre delle Four American Ballads, pagina dalla scrittura grandiosa in cui la celebre canzone di protesta degli operai dei cotonifici del North Carolina emerge lentamente da un ostinato di cluster nel registro grave, per poi esplodere liberatoria, superato un vero tour de force di invenzioni pianistiche, poco prima della dissolvenza finale.

EMANUELE ARCIULI
Emanuele Arciuli è ospite delle maggiori orchestre, come la OSN della Rai, il Maggio Musicale Fiorentino, La Fenice di Venezia, il Comunale di Bologna, il Teatro Petruzzelli di Bari e l’Orchestra Verdi di Milano; e ancora, in ambito internazionale, Rotterdam Philharmonic, Brussel Philharmonic, Residentie Orkest al Concertgebouw di Amsterdam, RTSI di Lugano, Tonkünstler di Vienna (al Musikverein, per Wien Modern), Filarmonica di San Pietroburgo, Saint Paul Chamber Orchestra, Indianapolis Symphony Orchestra e molte altre; Èstato invitato da festival come Settembre Musica di Torino, “A.Benedetti Michelangeli di Brescia e Bergamo”, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ravenna, Ravello, RedCats di Los Angeles, Miami Piano Festival etc. Il suo impegno nella musica contemporanea, poi, lo porta ad esibirsi regolarmente nelle principali rassegne (Milano Musica al Teatro alla Scala, Biennale di Venezia, Nuova Consonanza di Roma etc.). Fra i direttori con cui collabora citiamo Roberto Abbado, Andrei Boreyko, Dennis Russell Davies, Yoel Levi, Brad Lubman, Wayne Marshall, James MacMillan, Kazushi Ono, Zoltan Pesko, Emilio Pomarico, Stefan Reck, Jonathan Stockhammer, Arturo Tamayo, Mario Venzago. Attivo anche in ambito cameristico, collabora regolarmente con Sonia Bergamasco e Andrea Rebaudengo. Il suo interesse per la musica americana si èconcretizzato in un libro, Musica per pianoforte negli Stati Uniti (Edt) e in numerose lezioni, sia radiofoniche che televisive. Nel 2011 gli è stato conferito il premio della critica musicale italiana “Franco Abbiati” come miglior solista dell’anno. Tra gli altri riconoscimenti, una nomination per i Grammy Award per il cd dedicato a George Crumb, parte del suo progetto ‘Round Midnight. Incide per Stradivarius, Chandos, Vai, Innova Records, Bridge. Docente di pianoforte al Conservatorio “Piccinni” di Bari e all’Accademia di Pinerolo, tiene regolarmente workshop per numerose università degli Stati Uniti, dove si reca dal 1998 ed ha tenuto oltre quaranta tournée. 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)
www.accademiadimusica.it

]]>
Maisky e Schwarzberg in concerto il 6 novembre in Accademia Wed, 31 Oct 2018 13:57:53 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/500675.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/500675.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
 9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

FIGLIE D’ARTE 
martedì 6 novembre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto
Nora Romanoff viola 
Lily Maisky pianoforte 

Due ospiti d’eccezione, le due figlie d’arte Lily Maisky e Nora Romanoff Schwarzberg, sono le protagoniste del concerto di martedì 6 novembre, il terzo appuntamento della Stagione concertistica dell’Accademia di Musica di Pinerolo. Quello proposto è un viaggio nella musica cameristica dedicato al timbro caldo e accomodante della viola, dalla prima delle sonate dell’op. 120 di Brahms al Gran Tango di Piazzolla, passando per Songs di Rachmaninov e arrangiamenti per viola e pianoforte da Romeo e Giulietta di Prokof’ev. Il concerto della pianista Lily Maisky figlia del grande violoncellista russo Mischa Maisky, e della violista Nora Romanoff Schwarzberg figlia della grande violinista Dora Schwarzberg ha inizio alle 21:00 nella Sala di via Giolitti 7 a Pinerolo (To) ed è preceduto alle 20:30 da una Guida all’ascolto a cura di Simone Ivaldi.

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia. Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano. Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.

LA SCHEDA DI SALA

FIGLIE D’ARTE 
martedì 6 novembre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto
Nora Romanoff viola 
Lily Maisky pianoforte 
J. Brahms, Sonata fa minore op. 120 n. 1
S. 
Rachmaninov, Songs 

A. Piazzolla, Grand Tango

S. Prokof’ev, da Romeo e Giulietta (arrangiamenti per viola e pianoforte) 

Due amiche e figlie d’arte si uniscono per questo concerto ricco di emozioni. Nora Romanoff Schwarzberg, figlia della grande violinista Dora Schwarzberg, docente di violino anche presso l’Accademia di Pinerolo, e Lily Maisky, figlia del grande violoncellista russo Mischa Maisky, ci accompagnano in questo viaggio alla scoperta della musica cameristica dedicata alla viola. Al più antico strumento ad arco non è stato riservato storicamente un posto di rilievo come solista all’interno della produzione dei grandi compositori. All’ultima produzione di Brahms risalgono le due sonate dell’op. 120, di cui stasera ascolteremo la prima, per clarinetto o viola e pianoforte. Un clima malinconico ed introverso ma tuttavia sereno si evince in queste sonate, testimoni dell’approssimarsi di una carriera giunta ormai a conclusione per stessa volontà del compositore che, ritiratosi presso la campagna di Bad Ischl, decide di porre fine alla sua carriera da musicista. Gli altri brani che compongono il programma sono invece trascrizioni di grandi opere destinate ad altri strumenti ma calati e regalati al timbro caldo e accomodante della viola.

LILY MAISKY
Lily Maisky è nata a Parigi, ma è cresciuta a Bruxelles. Ha cominciato a studiare pianoforte all’età di Quattro anni con Lyl Tiempo, Hagit Kerbel, Ilana Davids e Alan Weiss. Tra il 2001 e il 2005 ha studiato presso la Purcell School of Music dove ha studiato anche musica jazz. Ha anche studiato con illustri musicisti tra i quali Martha Argerich, Dmitri Bashkirov, Joseph Kalichstein, Pavel Gililov e Vitalij Margulis. Si è esibita in numerose sale da concerto in Europa e in Oriente e festival come Verbier Festival,  Progetto Martha Argerich di Lugano, Festival di Edimburgo, Miyazaki Festival, Maggio Musicale Fiorentino, Bergamo-Brescia, the Beijing Piano Festival, the Franz Liszt festival in Austria, Julian Rachlin and Friends a Dubrovnik, Rencontres de Bel Air in France, Gstaad Festival, the Schlesswig-Holstein Music Festival e Berlin Festival. Lily ha suonato in concerti orchestrali sotto la direzione di Leonard Slatkin, Thomas Sanderling, Gerd Albrecht, Gabor Takacs-Nagy, Daniel Raiskin, Alberto Veronesi, Jack Martin Händler e Charles Olivieri Munroe, tra gli altri. Come solista o in ensemble si è anche esibita in prestigiose sale da concerto come Royal Festival Hall di Londra, il Musikverein e il Concerthaus di Vienna, il Prinzregentheatre di Monaco, la Leiszhalle di Amburgo, la Konzerthaus di Vienna, La Fenice di Venezia e tante altre. Lily ha inciso per molti CD con Deutsche Grammophon e EMI ed è spesso presente alla Radio e alla TV delle più importanti emittenti europee e asiatiche. Il suo ultimo CD è per Avanti Classics  con il vincotore del Grammy Award il violinist Philippe Quint. Ha una predilezione per la musica da camera e si esibisce regolarmente in duo con Mischa Maisky e con il Maisky Trio, con il fratello. Ha suonato con musicisti quali Julian Rachlin, Janine Jansen, Dora Schwarzberg, Renaud Capuçon, Chantal Juillet, Sergey Krylov, Martha Argerich, Nicholas Angelich, Frank Braley, Gérard Caussé as well as Alissa Margulis, Hrachya Avanesyan, Geza Hosszu-Legocky, Boris Andrianov, Isztvan Vardai, Alexander Mogilevsky, Orfeo Mandozzi, Alena Baeva, Boris Brovstyn il Quartetto Szymanowski.

NORA ROMANOFF-SCHWARZBERG
Nora Romanoff-Schwarzberg, violista, è riconosciuta essere una musicista dal carisma travolgente regolarmente presente sul palcoscenico musicale internazionale. Sia come solista che come membro di formazioni cameristiche si è esibita in prestigiose sale da concerto come il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Salle Pleyel di Parigi, DeSingel ad Anversa, il Teatro Colon di Buenos Aires, il Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, il Progetto Martha Argerich di Lugano, Mantova Chamber Music Festival, Podium Festival Esslingen, Heidelberg Spring Music Festival, Sommets Musicaux de Gstaad, e il Festival di Salisburgo. Come solista si è esibita con l’Orchestra della Svizzera Italiana, la Zagreb Chamber Orchestra, l’Orchesta Filarmonica di Bacau, la Kristiansand Symphony Orchestra, la Philharmonic Orchestra di Irkutsk e l’Argentinian Camerata Bariloche sotto la direzione di Ion Marin, Alexander Verdernikov, Hobart Earle, Pierre Amoyal e Jacek Kaspszyk. Tra i suoi parner nella musica da camera si annoverano artisti di fama internazionale come Mischa Maisky, Gabriela Montero, Renaud Capucon, Andrey Baranov, Lilya Zilberstein, Lily Maisky, Sergey Nakariakov, Henning Kraggerud, Enrico Dindo, Martha Argerich e Ivry Gitlis. Nora è stata coinvolta nel PODIUM Festival Esslingen sin dalla sua prima edizione e come ospite al PODIUM Festival in Islanda e Norvegia. E’ co-fondatrice del PODIUM Festival in Croazia e in Austria. Le sue esibizioni sono state trasmesse da emittenti quali BBC, RETE 2, RAI, Radio Klassik Stephansdom and �-1 e I suoi CD sono stati realizzati dalle etichette Naxos, Gramola, EMI Classics e Warner Classics. Molte delle sue performance sono state pubblicate da EMI Classics e Warner Classics come parte dell’annuale progetto “Martha Argerich and Friends”. Molti di questi hanno ottenuto la nomination per il Grammy. Nata nel 1985 a New York e cresciuta a Vienna, Nora è la quarta generazione di una famiglia di musicisti. Il suo debutto come solista avvenne al Konzerthaus di Vienna all’età di 11 anni. Tra i suoi insegnanti, la madre, la violinista Dora Scharzberg, Michael Kugel, Thomas Kakuska e Hatto Bayerle (entrambi membri dell’Alban Berg Quartett), Yuri Bashmet e Johannes Meissel. Nora ha studiato al Conservatorio Reale di Maastricht e ha completato I suoi studi all’Università di Musica e Performing Arts di Vienna. Lei stessa ha dato masterclass in Israele, Norvegia, Bosnia Erzegovina e USA. Dal 2013 è membro dell’Ensemble LUX, specializzato in musica contemporanea per quartetto d’archi. Come membro del Lipkind Quartet Nora è stata in tour in Europa e USA e ha registrato due CD. Nora suona una viola Pietro Pallotta del 1790 che le è stata generosamente donata dalla compianta Lady Magaret Kagan. 


BIGLIETTERIA


ABBONAMENTI

Abbonamento a tutti i concerti: € 185 
Abbonamento giovani (Under 30): € 50

Gli abbonamenti sono in vendita presso la segreteria dell’Accademia di Musica dal lunedì al venerdì ore 9.00-14.00. 
In entrambi gli abbonamenti sono compresi anche i concerti a Torino e la navetta*.

BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
Under 30: € 8
Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

*NAVETTA
I biglietti dei concerti previsti a Torino il 23/01 e il 3/05 2019 e la navetta da e per Pinerolo (prenotazione obbligatoria da 15 giorni prima del concerto) sono compresi nel prezzo degli abbonamenti. Altri biglietti per questi concerti potranno essere acquistati secondo le modalità indicate sui siti web dei rispettivi organizzatori (23/01 Unione Musicale; 3/05 Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI).

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 - Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.


Accademia di Musica
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.


]]>
L'acclamato tenore Ian Bostridge e la pluripremiata pianista Saskia Giorgini in La poesia di Schumann Tue, 16 Oct 2018 11:29:02 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/497098.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/497098.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo


STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
 9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

LA POESIA DI SCHUBERT 
mercoledì 31 ottobre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto
Ian Bostridge tenore 
Saskia Giorgini pianoforte 

01_web_saskia-bostridge-phBartek-Barczyk.jpg

Punta di diamante della Stagione concertistica dell’Accademia di Musica di Pinerolo è il concerto di mercoledì 31 ottobre che vede protagonista il celebre e acclamato tenore inglese Ian Bostridge, riconosciuto come uno dei migliori interpreti a livello internazionale di Franz Schubert e artista in residence presso le più importanti stagioni concertistiche, da Berlino a Vienna, da Londra a New York. Con lui Saskia Giorgini, una giovane pianista italiana vincitrice di numerosi concorsi internazionali e vanto dell’Accademia stessa, che apre il concerto con due dei quattro Improvvisi per pianoforte op. 142, malinconici e sognanti nella loro semplicità. Segue La bella mugnaia, un ciclo di lieder di Schubert tra i più eseguiti e rappresentativi del genio viennese. Il concerto ha inizio alle 21:00 nella Sala di via Giolitti 7 a Pinerolo (To) ed è preceduto alle 20:30 da una Guida all’ascolto a cura di Santi La Rosa.

Il tenore Ian Bostridge dopo essersi laureato al Corpus Christi di Oxford, ha cantato presso prestigiose sale da concerto in tutto il mondo ed è artista in residence presso le più importanti stagioni concertistiche da Berlino a Vienna, da Londra a New York e per le Schubertiadi di Schwarzenberg. Saskia Giorgini è una giovane pianista italiana, vincitrice di numerosi concorsi internazionali e vanto dell’Accademia di Pinerolo presso cui ha terminato la sua formazione pianistica.

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia. Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano. Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


LA SCHEDA DI SALA

LA POESIA DI SCHUBERT 
mercoledì 31 ottobre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto
Ian Bostridge tenore 
Saskia Giorgini pianoforte 

Franz Schubert

da Improvvisi op.142

  n. 1 Allegro moderato in fa minore

  n. 3 Andante in si bemolle maggiore

Die schöne Müllerin D. 795

Ad accompagnarci attraverso questo viaggio all’interno della poetica di Franz Schubert saranno due artisti internazionali. Il tenore Ian Bostridge dopo essersi laureato al Corpus Christi di Oxford, ha cantato presso prestigiose sale da concerto in tutto il mondo ed è artista in residence presso le più importanti stagioni concertistiche da Berlino a Vienna, da Londra a New York e per le Schubertiadi di Schwarzenberg. Saskia Giorgini è una giovane pianista italiana, vincitrice di numerosi concorsi internazionali e vanto dell’Accademia di Pinerolo presso cui ha terminato la sua formazione pianistica. Aprono il concerto due dei quattro Improvvisi per pianoforte op. 142, malinconici e sognanti nella loro semplicità, composti nell’ultimo anno di vita del compositore. Segue La bella mugnaia, un ciclo di lieder di Schubert tra i più eseguiti e rappresentativi del genio viennese. Protagonista della raccolta è, a dispetto del titolo, un giovane mugnaio che lascia la propria casa e, incamminandosi lungo la via indicata da un ruscello, arriva in un altro mulino. La bellezza del posto e l’amore che prova per una giovane e bella mugnaia lo trattengono in quel luogo. Il suo amore non è contraccambiato e la tristezza non permette al giovane di sopravvivere e il desiderio di morte viene cantato dallo stesso ruscello. L’elemento essenziale della raccolta è dunque l’acqua che attraverso il suo fluire fa da guida, da anima e da testimone alla vita del giovane mugnaio.

IAN BOSTRIDGE
Il tenore inglese Ian Bostridge ha frequentato il post-dottorato in storia presso il Corpus Christi College di Oxford prima di dedicarsi a tempo pieno alla carriera di cantante.  Si è esibito in recital internazionali nelle più famose concert hall e al festival di Salisburgo, Edimburgo, Vienna, Aldeburgh e alla Schubertiade. Nel 1999 ha eseguito in prima mondiale un ciclo di lieder scritto espressamente per lui da Hans Werner Henze. È artista in residence in diverse stagioni concertistiche presso Konzerthaus di Vienna, Schubertiade Schwarzenberg, Concertgebow di Amsterdam, Carnegie Hall, Barbican Center e Wigmore Hall di Londra dove ha organizzato personalmente diversi cicli di Lieder. Ha debuttato nell’opera nel 1994, cantando Lysander in A Midsummer Night’s Dream di Britten con la Opera Australia al Festival di Edimburgo.  Nel 1996 ha debuttato all’English National Opera prima nel ruolo di Tamino (Mozart, Flauto Magico), quindi in quello di Jupiter nella Semele (Haendel). Nel 1997 ha cantato Quint in The Turn of the Screw di Britten nella premiata produzione di Deborah Warner alla Royal Opera, dove da allora ha interpretato Caliban in The Tempest di Thomas Ades, Don Ottavio nel Don Giovanni diretto da Antonio Pappano, e Vasek ne La sposa venduta diretta da Bernard Haitink.  Nel 1998 ha debuttato al Festival di Monaco cantando Nerone ne L’Incoronazione di Poppea con la regia di David Alden, e sempre a Monaco ha in seguito interpretato Tom Rakewell in The Rake’s Progess e il Coro Maschile in The Rape of Lucretia.  Ha cantato ne Il Diario di uno Scomparso di Janáček, a Londra, Parigi, Monaco, Amsterdam e New York.  Più recentemente ha interpretato Don Ottavio all’Opera di Stato di Vienna e il suo ‘primo’ Aschenbach nella nuova produzione di Death in Venice per l’English National Opera, in seguito ripresa al Teatro de la Monnaie a Bruxelles e in Lussemburgo. Nel 2016, dopo diversi recital di canto, ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano in un ruolo operistico ne Il Giro di Vite di Britten ed ha appena interpretato con grande successo Jephta di Haendel in una nuova produzione all’Opera Garnier. I suoi cd in esclusiva per Emi/Warner, da Schubert a Henze, da Bach a Haendel, da Britten a Schumann, hanno vinto tutti i maggiori premi internazionali tra cui un Grammy Award per l’ultimo album dedicato a Shakespeare registrato insieme ad Antonio Pappano. Si è esibito con orchestre quali i Berliner Philharmoniker, i Wiener Philharmoniker, la Chicago Symphony, la Boston Symphony, la London Symphony, la London Philharmonic, la BBC Symphony, la Rotterdam Philharmonic, la Royal Concertgebouw, la New York Philharmonic, la Los Angeles Philharmonic e la Orchestra del Metropolitan Opera, sotto la direzione di Sir Simon Rattle, Sir Colin Davis, Sir Andrew Davis, Seiji Ozawa, Riccardo Muti, Mstislav Rostropovich, Daniel Barenboim, Daniel Harding, Donald Runnicles, James Levine e Antonio Pappano. Nel 2001 è stato eletto allievo onorario del Corpus Christi College di Oxford e nel 2003 ha conseguito il Dottorato Onorario in Musica all’Università di St Andrews. Durante la cerimonia per le Nuove Onorificenze del 2004 è stato insignito dell’Ordine dell’Impero Britannico. È sposato alla scrittrice e critica letteraria Lucasta Miller. Entrambi vivono a Londra con i loro due figli.

SASKIA GIORGINI
Vincitrice nel 2016 del prestigioso concorso internazionale Mozart a Salisburgo, e Bösendorfer Artist, Saskia Giorgini è ospite di importanti sale e istituzioni, tra cui Tivoli Vredenburg a Utrecht, Philharmonia S. Pietroburgo, Muzikverein e Konzerthaus a Vienna, Großer Saal Stiftung Mozarteum a Salisburgo, Wigmore Hall a Londra, Internationaal Kamermuziek Festival Utrecht, , Lingotto di Torino, Teatro la Fenice, Unione Musicale, MITO SettembreMusica, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Concerti del Quirinale … Si è esibita con la Lodz Philarmonic Orchestra in Polonia, CBC Radio Orchestra in Canada, Symphonieorchester Vorarlberg a Salisburgo, Klassische Philharmonie Bonn, Liepaja Symphony Orchestra in Latvia, Wuhan Philharmonic Orchestra in Cina, L’Orchestra Archi De Sono, l’Orchestra Giovanile Italiana, diretta da H. Beissel, M. Bernardi, S. Gaudenz, G. Korsten, T. Wojciechowski, A. Manacorda, A. Battistoni, M. Caldi, suscitando nel pubblico e nella critica grande interesse ed entusiasmo. Attiva anche nell’ambito della musica da camera si esibisce con I. Bostridge, J. Jansen, M. Fröst, M. Brunello, T. Demenga, G. Apap, D. Schwarzberg. I prossimi concerti includono: Seoul Philharmonic Series, Konzerthaus Vienna, Grafenegg Festival, Risør Chamber Music Festival, Concertgebouw aan’t Ij ad Amsterdam, tour in Giappone nel 2019; concerti con la Sønderjyllands Symfoniorkester con Simon Gaudenz e Mozart Concerto Kv 491; concerti con Ian Bostridge. Saskia Giorgini inizia lo studio del pianoforte all’età di quattro anni. Dal 2000 al 2008 frequenta l’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola, studiando, grazie al supporto della De Sono Associazione per la Musica, con R. Risaliti e L. Margarius. Si laurea successivamente con lode, ricevendo una menzione, presso il Conservatorio di Torino, sotto la guida di C. Voghera. Si è infine perfezionata con Enrico Pace (Accademia di Musica di Pinerolo) e con Pavel Gililov (Mozarteum di Salisburgo).
 
BIGLIETTERIA


ABBONAMENTI

Abbonamento a tutti i concerti: € 185 
Abbonamento giovani (Under 30): € 50

Gli abbonamenti sono in vendita presso la segreteria dell’Accademia di Musica dal lunedì al venerdì ore 9.00-14.00. 
In entrambi gli abbonamenti sono compresi anche i concerti a Torino e la navetta*.

BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
Under 30: € 8
Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

*NAVETTA
I biglietti dei concerti previsti a Torino il 23/01 e il 3/05 2019 e la navetta da e per Pinerolo (prenotazione obbligatoria da 15 giorni prima del concerto) sono compresi nel prezzo degli abbonamenti. Altri biglietti per questi concerti potranno essere acquistati secondo le modalità indicate sui siti web dei rispettivi organizzatori (23/01 Unione Musicale; 3/05 Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI).

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 - Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.

Accademia di Musica
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.

]]>
Inaugura il 9 ottobre la Stagione concertistica 2018/19 dell’Accademia di Musica di Pinerolo Wed, 26 Sep 2018 09:21:54 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/493211.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/493211.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
9 ottobre 2018 �“ 7 maggio 2019 | Accademia di Musica di Pinerolo

I DUE VOLTI DI SCHUMANN 
martedì 9 ottobre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto

Trio Johannes

Francesco Manara violino

Massimo Polidori violoncello

Claudio Voghera pianoforte
Simonide Braconi viola 
Fabrizio Meloni clarinetto 

Inaugura martedì 9 ottobre la Stagione concertistica dell’Accademia di Musica di Pinerolo, con un programma che offre la possibilità di scoprire i due volti di Schumann camerista, eseguito da interpreti d’eccezione come il Trio JohannesFabrizio Meloni e Simonide Braconi. Il Trio Johannes è nato dall'incontro di Massimo Polidori, Primo violoncello nell'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con il duo composto da Francesco Manara, scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo violino solista nell'Orchestra scaligera, e Claudio Voghera, docente di pianoforte principale al Conservatorio di Torino. Si affiancano al Trio Johannes Fabrizio Meloni e Simonide Braconi, Primo clarinetto e Prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala. 

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia. Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano. Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


LA SCHEDA DI SALA

I DUE VOLTI DI SCHUMANN 
martedì 9 ottobre 2018 - Accademia di Musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto

Trio Johannes

Francesco Manara violino

Massimo Polidori violoncello

Claudio Voghera pianoforte
Simonide Braconi viola 
Fabrizio Meloni clarinetto 

Integrale cameristica di Robert Schumann

Fantasiestücke op. 73 

Märchenbilder op. 113 

Märchenerzählungen op. 132 

Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47

Prosegue il ciclo dedicato all’integrale della musica cameristica di Robert Schumann presentato dal Trio Johannes, composto dal pianista Claudio Voghera e dalle prime parti della Scala di Milano, accompagnati dal primo clarinetto e dalla prima viola dell’Orchestra scaligera. Il programma offre la possibilità di scoprire i due volti di Schumann camerista: quello della cosiddetta Hausmusik e quello del compositore delle grandi forme. Al primo genere si riferiscono le prime tre composizioni presentate che esprimono una maturità compositiva consolidata e contengono, pur nella semplicità della “musica da salotto”, i germi della malattia mentale i cui sintomi si acuiscono durante il soggiorno a Düsseldorf: allucinazioni sonore, amnesie, visioni che lo costringono ad abbandonare il suo ruolo di Direttore musicale nell’importante città tedesca. Il quartetto in mi bemolle appartiene invece agli anni di Lipsia. In questo periodo Schumann concentrò la sua attenzione sulla musica da camera, esplorando le innumerevoli possibilità timbriche attraverso la composizione di varie opere per ensemble diversi.


TRIO JOHANNES
Il Trio Johannes è nato nel 1993 dall'incontro del violoncellista Massimo Polidori con il duo composto da Francesco Manara e Claudio Voghera, già da alcuni anni impegnato nell'approfondimento del repertorio cameristico ed ospite delle principali istituzioni concertistiche.
I tre musicisti vantano individualmente importanti affermazioni: Francesco Manara è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo violino solista nell'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nel 1993 ha vinto il Primo Premio al Concorso Internazionale di Ginevra; Massimo Polidori dopo aver vinto il Primo Premio di Virtuosité del Conservatorio di Ginevra ricopre il posto di Primo violoncello nell'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano; Claudio Voghera, docente di pianoforte principale presso il Conservatorio di Torino, già allievo di Aldo Ciccolini, nel 1993 ha vinto il "Grand Prix de Sonates Violon et Piano" dell'Accademia di Losanna.
Il Trio Johannes, grazie ad una borsa di studio della "De Sono Associazione per la Musica", ha studiato presso la Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, con i Maestri De Rosa, Zanettovich e Baldovino, conseguendo nel 1995 il Diploma di Merito. Da allora è stato ospite di importanti società concertistiche quali, tra le altre, gli Amici della Musica di Padova, Vicenza, Firenze e Perugia, il Bologna Festival, la Gog di Genova, l'Unione Musicale di Torino e la Radio della Suisse Romande a Ginevra; nel maggio 2000 ha effettuato una tournée in Sud America organizzata dal Cidim suonando nelle principali sale da concerto di Argentina, Uruguay e Brasile. Grazie ad un progetto sostenuto dagli Amici della Musica di Vicenza, ha inciso il suo primo CD con musiche di Beethoven e Brahms per l'etichetta "Sicut Sol”. Il trio vanta importanti affermazioni a livello internazionale: nel 1998 il II Premio al "III Concorso Internazionale Premio Trio di Trieste", nel 1999 il II Premio al "3rd International Chamber Music Competition" di Osaka; nel 2001 è risultato inoltre vincitore del "50th Concert Artists Guild Competition" di New York e debutterà negli Stati Uniti nella stagione 2002, suonando per le principali società concertistiche tra le quali la Weill Recital Hall della Carnegie Hall a New York, la Pittsburgh Chamber Music Society and la Market Square Concerts di Harrisburg.

> Claudio Voghera
Torinese, ha studiato con Luciano Giarbella al Conservatorio “G. Verdi” dove si è diplomato con il massimo dei voti e la lode, frequentando in seguito il corso di composizione tenuto da Gilberto Bosco.
Grazie ad una borsa di studio della “De Sono Associazione per la Musica” ha seguito corsi tenuti da Paul Badura Skoda e, per la musica da camera, dal duo Franco Gulli- Enrica Cavallo, da Pierre Amoyal, Alexis Weissemberg e Pavel Gililov; gli incontri determinanti per il suo perfezionamento sono stati quelli con Aldo Ciccolini e con il Trio di Trieste, con i quali ha avuto modo di approfondire il repertorio solistico e quello cameristico studiando nelle Accademie di Biella, Roma e alla Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, ottenendo sempre il diploma di merito. Già durante gli studi in Conservatorio ha coltivato la passione per la musica da camera, diventata la sua principale attività dopo l’incontro con il violinista Francesco Manara con il quale ha formato un duo che lo ha portato a suonare per le principali società concertistiche italiane e, all’estero, in città quali Francoforte, Tokyo e Madrid. A questa formazione è stato assegnato il “Grand Prix de Sonates Violon et Piano” dell’Accademia di Losanna. Avendo come guide i Maestri del Trio di Trieste, Claudio Voghera non ha voluto perdere l’occasione per affrontare lo splendido repertorio per trio con pianoforte ed ha quindi fondato, insieme a Manara e al violoncellista Massimo Polidori, il Trio Johannes con il quale ha vinto il II Premio al “III Concorso Internazionale di Musica da Camera Premio Trio di Trieste” e il II Premio al “3rd International Chamber Music Competition” di Osaka. Nel maggio 2000 ha effettuato una tournée in Sud America con il Trio Johannes suonando nelle principali sale dell’Argentina, dell’Uruguay e del Brasile.  Grazie alla recente vittoria al “2001 International Concert Artists Guild Competition” di New York, sempre con il Trio Johannes, ha debuttato alla “Weill Recital Hall” della Carnegie Hall di New York nell’ aprile 2002.  Gran parte del suo tempo è assorbito dall’attività didattica, è infatti docente di pianoforte principale al Conservatorio di Torino.

> Francesco Manara
Francesco Manara ha frequentato il Conservatorio "G.Verdi" di Torino dove nel 1990 si è diplomato sotto la guida di M.Marin con il massimo dei voti,lode e menzione d'onore.In seguito,grazie ad una borsa di studio conferitagli dalla "De Sono Associazione per la Musica" si è perfezionato con G. Prencipe, F. Gulli, R.Ricci,S.Gheorghiu e ad Amsterdam con H. Krebbers. In formazione di duo violino e pianoforte ha studiato con F. Gulli/E.Cavallo e con P. Amoyal / A. Weissenberg e si è diplomato presso la Scuola Superiore di Musica da Camera del Trio di Trieste,anche in formazione di trio. Nel 1992 è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di Primo Violino Solista dell'Orchestra del Teatro alla Scala ed ha vinto il primo premio al concorso a borse di studio indetto dall'Orchestra Filarmonica della Scala. Nel ruolo di spalla ha collaborato con direttori quali D. Baremboin, F. Bruggen, S. Bychkov, R. Chailly, M.W.Chung, SirC.Davis, R.F.de Burgos, G. Dudamel, V. Gherghiev, C. M. Giulini, D. Harding, L. Maazel, K.Masur, Z. Metha, R. Muti, S. Ozawa, A. Pappano, G. Pretre, M. Rostropovich, G. Rozdestvenskij, W. Sawallish, G. Sinopoli, J. Temirkanov, R. Ticciati. Ha collaborato in qualità di Primo Violino Solista con l’Accademia di Santa Cecilia, con la Bayerische Staatsoper Orchester e con la Royal Concertgebauw Orchestra. Manara è stato premiato in numerosi Concorsi Internazionali tra cui il “J.Joachim" di Hannover, lo “A. Stradivari" di Cremona, lo “L. Spohr" di Freiburg, il “Dong-A" di Seoul, l'"ARD" di Monaco, il “Tchaikovsky" di Mosca (Premio speciale), il “N.Paganini" di Genova (Premio speciale), il CIEM di Ginevra (Primo Premio).Le affermazioni in tali concorsi lo hanno condotto presto verso una brillante carriera solistica che lo ha visto esibirsi con un centinaio di orchestre tra cui l'Orchestra della Suisse Romande, Bayrische Runfunk, Radio di Stoccarda, Radio di Hannover, Wiener Kammerorchester, Tokyo Symphony, Sinfonica Nazionale della RAI e, in più occasioni, la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Muti. Nel 1998 ha debuttato al Lincoln Center di New York con il Concerto op.61 di Beethoven. Il suo repertorio, che spazia da Bach ai contemporanei, comprende anche i 24 Capricci di Paganini, eseguiti integralmente più volte, e tutte le Sonate e Partite di Bach. Con l'Orchestra di Padova e del Veneto ha inciso il Concerto di B. Compagnoli (Dynamic) e con la Filarmonica della Scala diretta da Muti la Sinfonia Concertante di Mozart (Sony) con il violista Danilo Rossi. Ha inoltre effettuato registrazioni per la Radio di Monaco,per Radio France e per la Suisse Romande. Francesco Manara è il fondatore del "Trio Johannes" con il quale ha inciso l’integrale dei trii con pianoforte di Brahms(per la rivista Amadeus) e il Trio Arciduca di Beethoven.Questa formazione cameristica è stata premiata al Concorso Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste e a quello di Osaka,ed è risultata vincitrice del "Concert Artists Guild Competition" di New York. Nel 2002 il trio ha debuttato alla prestigiosa "Carnegie Hall” di New York. Dal 2001 Francesco Manara è inoltre il Primo Violino del "Quartetto d'Archi della Scala",con il quale si è già esibito in tutta Italia e ha effettuato tourneè in Sudamerica, Giappone, Stati Uniti, Francia, Germania, Svizzera. Docente di violino presso l'Accademia della Scala, la Scuola Musicale di Milano e l’Accademia di Alto Perfezionamento di Portogruaro,è stato invitato a tenere masterclass negli Stati Uniti(alla Manhattan School di New York),in Giappone,Colombia e Venezuela e ha tenuto corsi di qualificazione professionale per orchestra presso la Scuola di Musica di Fiesole e il Laboratorio Sperimentale di Spoleto,e corsi di violino all'Istituto Superiore di Musica “L.Perosi" di Biella. La famosa rivista "The Strad”, che lo ha più volte recensito,lo ha definito "un artista di notevole sincerità e profondità, pronto ad affrontare i più importanti palcoscenici del mondo“. Suona un Giovanbattista Guadagnini del 1773. 

> Massimo Polidori
Nato nel 1970, ha studiato con Renzo Brancaleon, Antonio Janigro, Mario Brunello, Daniel Grosgurin, il Trio di Trieste ed ha partecipato alle Master Classes di Amedeo Baldovino e di Daniel Shafran, corsi che ha potuto seguire grazie ad una borsa di studio della “De Sono Associazione per la Musica”; si è diplomato con il massimo dei voti e ha conseguito il Primo Premio di Virtuosité presso il Conservatorio Superiore di Musica di Ginevra, ottenendo la borsa di studio come miglior virtuosité. In Quest’occasione ha eseguito il concerto di Schumann con l’Orchestra della Suisse Romande, successivamente trasmesso dalla Radio Svizzera Francese.
Dopo numerose affermazioni in concorsi nazionali, ha vinto il III Premio al Concorso Internazionale “G. B. Viotti” di Vercelli. E’ stato Violoncello Solista della “Camerata Berna”, con la quale ha effettuato tournée nelle più prestigiose sale europee e statunitensi, collaborando con solisti di gran valore tra i quali Radu Lupu, Heinz Holliger, Gidon Kremer, Andras Schiff, Peter Serkin, con i quali ha anche inciso dischi per la Decca e per la Novalis. Nel marzo 2000 è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo Violoncello dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano E’ fondatore del Trio Johannes, formazione con la quale ha vinto il II Premio al “III Concorso Internazionale di Musica da Camera Premio Trio di Trieste” e il II Premio al “3rd International Chamber Music Competition” di Osaka. Grazie alla recente vittoria al “2001 International Concert Artists Guild Competition” di New York, sempre con il Trio Johannes, ha debuttato alla “Weill Recital Hall” della Carnegie Hall di New York nell’ aprile 2002. 

SIMONIDE BRACONI
Nato a Roma, si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di "S.Cecilia" di Roma e successivamente alla music hochschule di Freiburg in Germania (con menzione d'onore), studiando rispettivamente con i maestri S.Esposito e K. Kashkashian.
Si è perfezionato con B. Giuranna (Acc. "W. Stauffer" di Cremona) e J. Bashmet (Acc. Chigiana di Siena, diploma di merito nel 1991 e nel 1992). E'stato premiato a diversi concorsi internazionali (tra cui Colonia e il "Lionel Tertis" competition in Inghilterra). Prima viola dell'Orchestre des jeunes de la Mediterranèe, membro dell'orchestra della Comunità europea, ha collaborato in qualità di Prima viola con l'orchestra dell'Accademia di S. Cecilia a Roma e nel 1994, a soli 22 anni, è stato prescelto dal M. Riccardo Muti a ricoprire lo stesso ruolo nell'orchestra del Teatro alla Scala di Milano. E', inoltre, membro dell'orchestra del Festival di Lucerna ed è stato invitato a suonare con l'orchestra dei Berliner Philarmoniker.
Come solista e in musica da camera ha inciso per le etichette discografiche Vigiesse, Thymallus, Rhona, Stradivarius, Agorà, Tudor, DAD, Velut Luna, Dynamic e Decca oltre a diverse registrazioni per Radio 3, RAI Radiotelevisione italiana ,Rete 4, Sky Classica e per le riviste CD Classica, Suonare news, la Provincia di Cremona, Amadeus (sonate e lieder di Brahms) e Brilliant (concerti per viola ed orchestra di A. Rolla, premiato con 5 stelle dalla rivista Musica). In musica da camera ha collaborato con artisti quali S. Accardo, M. Quarta, J. Rachlin, T.Brandis, M.Rizzi, D. Sitzkovesky, U. Ughi, I. Faust, P. Vernikov, D. Nordio, B.Canino, J.Swann, I. Golan, B. Petruchanski, A. Lucchesini, G. Andaloro, P. Restani, R. Filippini, E. Dindo, N. Gutman, F. Petracchi, trio di Parma, Henschel Quartett, E. Pahud, Sonia Ganassi, Jose Carreras e da solista con direttori tra i quali W. Sawallisch e R.Muti.
Autorevoli critiche dicono di lui: " ..suono superbamente compatto" (the Strad), ” ..ha colpito per il suo sicuro virtuosismo e il calore del suo strumento" (Badener Tagblatt), " ..intonazione strepitosa, sostegno di un canto vellutato e grave.." (Corriere della sera )," .. mostra di possedere risorse strumentali di prim'ordine sfoggiando un suono vellutato ed omogeneo ed un'eccellente tecnica" (CD classica), "..insomma quando la bellezza è in primo piano senza protagonismi " (L'eco di Bergamo),"..solista di gran talento, raffinatissimo nelle sue scelte espressive…la viola solista si è distinta per la sua cantabilità ineffabile e per la morbidezza del colpo d'arco, nonchè per virtuosismo strumentale e delicatezza del suono" (Messaggero Veneto, 24 Febbraio 2003). Insieme alle altre prime parti dell'Orchestra del Teatro ha costituito il Quartetto d'archi della Scala compiendo tournèes negli Stati Uniti, Sudamerica, Francia, Germania, Danimarca, Lussemburgo, Giappone e nelle maggiori società concertistiche in Italia. Membro di giurie in diversi concorsi internazionali (tra cui Ginevra), è regolarmente invitato a tenere corsi in importanti istituzioni (Arts Academy a Roma, Festival delle città a Portogruaro, Gubbio festival, Accademia "T. Varga" a Sion, Accademia Perosi di Biella, Accademia di musica di Pinerolo, Sebino summercourse). Tra le varie orchestre con le quali ha collaborato da solista spiccano l'Orchestra Stabile di Bergamo " G.Donizetti", l'Orchestra "Accademia I Filarmonici", L'Orchestra Sinfonica Abruzzese, l'Orchestra Sinfonica Basca, l'Orchestra del Friuli Venezia Giulia, l'Orchestra "G. Cantelli", la United Europe Chamber Orchestra, la Baden Badener Orchestra,l'Ensemble Petruzzelli, I Filarmonici di Torino, la Sinfonica di Lubiana,i Solisti Aquilani,i Solisti di Pavia, Extremadura Orquesta, l'Orchestra Haydn di Bolzano,la Sinfonica della Val D'Aosta, Orchestra sinfonica delle Gran Canarie, i Virtuosi italiani, La Filarmonica di Sofia,  l'Orchestra Filarmonica della Scala con la quale ha interpretato con successo la kammermusik N. 5 (Concerto per viola) di P. Hindemith sotto la direzione del M. W. Sawallisch e l'Orchestra Sinfonica Cherubini con la quale ha interpretato la Sinfonia Concertante di Mozart sotto la direzione del M. R. Muti. E’ anche solista di viola d’amore; come compositore ha pubblicato diversi lavori per la casa editrice Sonzogno e MAP e sue prime assolute sono state eseguite al teatro Alla Scala e alla Philarmonie di Berlino. Suona una viola G. Gagliano (1800) della Fondazione Pro Canale Onlus di Milano.

FABRIZIO MELONI
Primo clarinetto solista dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala dal 1984, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano diplomandosi con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Vincitore dei concorsi internazionali di Monaco, ARD, Praga. Ha collaborato con B. Canino, A. Lonquich, M. Campanella, H. Schiff, F. Gulda, E. Gruberova, il Quartetto Hagen, M.W.  Chung, P. Moll e R. Muti nella veste straordinaria di pianista. Ha tenuto tournée negli Stati Uniti e in Israele con il Quintetto a Fiati Italiano. Con il Nuovo Quintetto Italiano ha all’attivo tournée in Sud America e nel Sud Est Asiatico. La sua tournée di concerti in Giappone con P. Moll e I Solisti della Scala  è stata accolta da entusiastici consensi di pubblico e critica. Ha all’attivo numerose incisioni discografiche. È stato invitato a tenere master class dal Conservatorio Superiore di Musica di Parigi, quello della Svizzera Italiana, dalla Manhattan School of Music, dalla Northeastern Illinois University di Chicago, dalla Music Academy of the West di Los Angeles e dalle Università di Tokyo e Osaka. Di prossima uscita il DVD Duets “Il clarinetto nel Jazz e nel 900 italiano”. L’incisione dei concerti di J. Françaix, C. Nielsen e A. Copland, progetto mai realizzato da un musicista italiano.
È autore del libro “Il Clarinetto”, pubblicato da Zecchini Editore. Il canale televisivo “Sky Classica“ gli ha dedicato un documentario dal titolo “Notevoli“.


BIGLIETTERIA


ABBONAMENTI

Abbonamento a tutti i concerti: € 185 
Abbonamento giovani (Under 30): € 50

Gli abbonamenti sono in vendita presso la segreteria dell’Accademia di Musica dal lunedì al venerdì ore 9.00-14.00. 
In entrambi gli abbonamenti sono compresi anche i concerti a Torino e la navetta*.

BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
Under 30: € 8
Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

* NAVETTA
I biglietti dei concerti previsti a Torino il 23/01 e il 3/05 2019 e la navetta da e per Pinerolo (prenotazione obbligatoria da 15 giorni prima del concerto) sono compresi nel prezzo degli abbonamenti. Altri biglietti per questi concerti potranno essere acquistati secondo le modalità indicate sui siti web dei rispettivi organizzatori (23/01 Unione Musicale; 3/05 Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI).

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale: tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.

ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.

CARTELLA STAMPA E FOTO DELLA STAGIONE:  


Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 il contenuto e gli allegati di questo messaggio sono strettamente confidenziali, e ne sono vietati la diffusione e l'uso non autorizzato. Qualora il presente messaggio Le fosse pervenuto per errore, Le saremmo grati se lo distruggesse e, via e-mail, ce ne comunicasse l'errata ricezione all'indirizzo newsaccademiapinerolo@gmail.com Tale indirizzo è utilizzabile anche per esercitare i Vs. diritti di cui agli articoli dal 12 al 23 del Regolamento.



]]>
Stagione Concertistica 2018/19 - Tutto il programma! Tue, 31 Jul 2018 16:52:35 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/487788.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/487788.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
9 ottobre 2018 �“ 3 maggio 2019, Pinerolo
Accademia di Musica di Pinerolo

17 concerti in abbonamento
con protagonisti di assoluto rilievo artistico
2 serate in convenzione con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai




Nel cartellone della Stagione concertistica 2018/19 dell’Accademia di Musica di Pinerolo i 17 concerti in programma spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni.

L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia.

Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano.

Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto.

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.

BROCHURE:  http://bit.ly/StagConc201819 



Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 il contenuto e gli allegati di questo messaggio sono strettamente confidenziali, e ne sono vietati la diffusione e l'uso non autorizzato. Qualora il presente messaggio Le fosse pervenuto per errore, Le saremmo grati se lo distruggesse e, via e-mail, ce ne comunicasse l'errata ricezione all'indirizzo newsaccademiapinerolo@gmail.com Tale indirizzo è utilizzabile anche per esercitare i Vs. diritti di cui agli articoli dal 12 al 23 del Regolamento.



]]>
Riparte Professione Orchestra di OSN RAI e Accademia di Musica Wed, 20 Jun 2018 11:38:46 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/483648.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/483648.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
Buongiorno,
vi invio con preghiera di diffusione il comunicato stampa relativo alla seconda edizione di Professione Orchestra. 

CARTELLA STAMPA CON ALTRE FOTO http://bit.ly/PO201819 

Grazie per quel che potrete fare.
Rimango a disposizione,
Paola 



PROFESSIONE ORCHESTRA
Perfezionamento per futuri professori d’orchestra
settembre 2018 - giugno 2019, Torino e Pinerolo

un progetto di
Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI - Accademia di Musica di Pinerolo

A lezione di strumento con le prime parti dell’Orchestra Sinfonica RAI
Lezioni di musica da camera in Accademia con docenti di chiara fama
Partecipazione alle prove dell’Orchestra all’Auditorium RAI
Borse di studio per gli studenti più meritevoli





Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione di Professione Orchestra, il percorso formativo professionalizzante dedicato ai futuri professori d’orchestra nato dalla partnership tra l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, da sempre attiva nella diffusione del grande repertorio sinfonico e delle pagine d’avanguardia storica e contemporanea, e l’Accademia di Musica di Pinerolo, istituzione di perfezionamento musicale con un focus anche sulla musica da camera e il repertorio orchestrale. Il percorso di perfezionamento è riservato ad un massimo di 96 allievi. La presentazione delle domande dovrà avvenire entro il 9 luglio 2018 (Accademia di Musica - tel 0121 321040 - segreteria@accademiadimusica.it).
Saper affrontare passi e soli del repertorio, affinare la propria flessibilità nell’esecuzione musicale, saper modulare il proprio contributo rispetto alle richieste dei diversi direttori musicali piuttosto che dei singoli referenti delle file, sono solo alcune delle competenze necessarie al professore d’orchestra. Su queste si focalizza il percorso proposto, completando la formazione accademica dei giovani musicisti under 30 grazie a un vero e proprio training on the job (affiancamento alle prove d’orchestra di produzioni della Stagione Rai 2018/2019) e a lezioni in aula, sia di strumento con le prime parti dell’Orchestra Sinfonica RAI che di musica da camera presso l’Accademia di musica di Pinerolo con Andrea Lucchesini e Lukas Hagen, docenti di fama internazionale.
Il progetto è realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo. 

CALENDARIO:

PARTE I - 24 settembre - 6 ottobre 2018
Due workshop, ciascuno della durata di 6 giorni (24/29 settembre e 1/6 ottobre) presso il Centro di Produzione e l’Auditorium Rai. Si prevede la partecipazione ad ogni workshop di massimo 48 allievi e 8 docenti.
Ogni workshop sarà articolato come segue:
  • una lezione di strumento frontale quotidiana;
  • lezioni a sezione con programma da definire;
  • tecnica Alexander con Paolo Olivieri*;
  • una prova conclusiva in forma di simulazione di un’audizione per concorso in orchestra.

*La Tecnica Alexander è un metodo di rieducazione psico-fisico che aiuta a divenire più consapevoli dell'equilibrio, della postura e delle attività motorie nella vita quotidiana. Permettendo di rilasciare le tensioni muscolari inutili che inconsciamente sono diventate parte del modo abituale di muoversi. La Tecnica Alexander rende più sensibile la percezione sensoriale dell'individuo ottimizzando la distribuzione delle tensioni muscolari corporee e si apprende tramite una serie di lezioni durante le quali l'insegnante con leggeri tocchi e semplici movimenti (uniti ad alcune istruzioni verbali) incoraggia l'allievo ad esplorare e scoprire un modo più efficace e sostenibile di utilizzare mente e corpo. Vista la sua efficacia nell'ottimizzazione del funzionamento corporeo e la sua capacità di prevenire lesioni dovute a cattive abitudini la Tecnica Alexander viene insegnata da decenni nelle scuole più prestigiose di musica e di recitazione nel mondo, fra le quali spiccano la Royal Academy of Music e il Royal College of Music di Londra e la Juilliard School di New York.


24 �“ 29 settembre 2018: Roberto RANFALDI (Violino), Ula Ulijona ZEBRIUNAITE (Viola), Pierpaolo TOSO (Violoncello), Alberto BARLETTA (Flauto), Francesco POMARICO  (Oboe), Luca MILANI (Clarinetto), Marco BRAITO (Tromba), Diego DI MARIO (Trombone), Claudio ROMANO - Biagio ZOLI (Timpani), Margherita BASSANI (Arpa) 

1 - 6 ottobre 2018: Alessandro MILANI (Violino), Luca RANIERI (Viola), Massimo MACRI’ (Violoncello), Dante MILOZZI (Flauto), Carlo ROMANO (Oboe), Enrico Maria BARONI (Clarinetto), Andrea CORSI  (Fagotto), Roberto ROSSI (Tromba) 



PARTE II - ottobre 2018 - giugno 2019
I migliori allievi dei 2 workshop (massimo 8), saranno selezionati dal Comitato artistico - composto da Direttore Artistico Rai, Direttore Artistico Accademia di Musica, un Docente dell’Accademia, due Prime Parti della Rai - per la partecipazione a un corso annuale completamente gratuito e coperto da borsa di studio che prevede:
una lezione (2 ore) di strumento al mese per 4 mesi con un Docente Prima Parte Rai;
l’affiancamento alle prove d’orchestra di 4 produzioni della Stagione Rai 2018/2019;
4 incontri di musica da camera in AdM con i Docenti Andrea Lucchesini e Lukas Hagen.

ISCRIZIONI:

Verrà rilasciato a tutti un attestato di partecipazione in qualità di allievo effettivo. La presentazione delle domande, riservata agli under 30 e in possesso di Diploma di vecchio ordinamento, Diploma di I livello, Studenti iscritti al biennio, Diploma accademico di II livello o di titoli equivalenti rilasciati da istituzioni straniere, dovrà avvenire entro il 9 luglio 2018. La commissione si riserva di accettare l’allievo in  caso di particolare talento anche se non in possesso dei requisiti sopra indicati. (+39 0121321040 - 393 9062821 - segreteria@accademiadimusica.it)

***

Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI
L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai è nata nel 1994. I primi concerti furono diretti da Georges Prêtre e Giuseppe Sinopoli. Da allora all'organico originario si sono aggiunti molti fra i migliori strumentisti delle ultime generazioni.  Dall’ottobre 2016 James Conlon è il nuovo Direttore principale.
Lo slovacco Juraj Valčuha ha ricoperto la medesima carica dal novembre 2009 al settembre 2016. Jeffrey Tate è stato Primo direttore ospite dal 1998 al 2002 e Direttore onorario fino al luglio 2011. Dal 2001 al 2007 Rafael Frühbeck de Burgos è stato Direttore principale. Nel triennio 2003-2006 Gianandrea Noseda è stato Primo direttore ospite. Dal 1996 al 2001 Eliahu Inbal è stato Direttore onorario dell’Orchestra.  Altre presenze significative sul podio sono state Carlo Maria Giulini, Wolfgang Sawallisch, Mstislav Rostropovič, Myung-Whun Chung, Riccardo Chailly, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Yuri Ahronovitch, Valery Gergiev, Marek Janowski, Semyon Bychkov, Kirill Petrenko, Vladimir Jurowski, Gerd Albrecht, Hartmud Hänchen, Mikko Franck e Roberto Abbado. Grazie alla presenza dei suoi concerti nei palinsesti radiofonici (Radio3) e televisivi (Rai1, Rai3 e Rai5), l’OSN Rai ha contribuito alla diffusione del grande repertorio sinfonico e delle pagine dell’avanguardia storica e contemporanea, con commissioni e prime esecuzioni che hanno ottenuto riconoscimenti artistici, editoriali e discografici. Esemplare dal 2004 la rassegna di musica contemporanea Rai NuovaMusica.  L’Orchestra tiene a Torino regolari stagioni concertistiche e cicli speciali;  dal 2013 ha partecipato anche ai festival estivi di musica classica in Piazza San Carlo, un progetto della Città di Torino. È spesso ospite di importanti festival in Italia quali MITO SettembreMusica, Biennale di Venezia, Ravenna Festival e Sagra Malatestiana di Rimini. Tra gli impegni istituzionali che la vedono protagonista, si annoverano i concerti di Natale ad Assisi trasmessi in mondovisione e le celebrazioni per la Festa della Repubblica. Numerosi e prestigiosi anche gli impegni all’estero: oltre alle tournée internazionali (Giappone, Germania, Inghilterra, Irlanda, Francia, Spagna, Canarie, Sud America, Svizzera, Austria, Grecia) e l’invito nel 2006 al Festival di Salisburgo e alla Philharmonie di Berlino, per celebrare l’ottantesimo compleanno di Hans Werner Henze, negli ultimi anni l’OSN Rai ha suonato negli Emirati Arabi Uniti nell’ambito di Abu Dhabi Classics nel 2011 e in tournée in Germania, Austria e Slovacchia, debuttando al Musikverein di Vienna; ha debuttato in concerto al Festival RadiRO di Bucarest nel 2012 e nel 2013 al Festival Enescu. L’Orchestra è stata in tournée in Germania e in Svizzera nel novembre 2014, in Russia nell’ottobre 2015 e nel Sud Italia (Catania, Reggio Calabria e Taranto) nell’aprile 2016. Infine ha eseguito la Nona Sinfonia di Beethoven alla Royal Opera House di Muscat (Oman) nel dicembre 2016. L’OSN Rai ha partecipato ai film-opera Rigoletto a Mantova, con la direzione di Mehta e la regia di Bellocchio, e Cenerentola, una favola in diretta, trasmessi in mondovisione su Rai1. L’orchestra si occupa, inoltre, delle registrazioni di sigle e colonne sonore dei programmi televisivi Rai. Dai suoi concerti dal vivo sono spesso ricavati cd e dvd.

Accademia di Musica di Pinerolo 
Nel panorama dell’insegnamento musicale italiano l’Accademia di Musica di Pinerolo si colloca a pieno titolo tra le scuole di perfezionamento più importanti del paese, al pari dell’Accademia Pianistica di Imola (dedicata prevalentemente al pianoforte) e della Scuola di Musica di Fiesole (dedicata prevalentemente alla formazione orchestrale), sia pure con le dovute differenze legate alle specificità artistiche. Annoverata tra le più rinomate istituzioni di alta formazione, offre corsi di specializzazione,   pre-accademici e monografici, masterclass e seminari per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale (PIANOFORTE: Andrea Lucchesini, Pietro De Maria, Filippo Gamba, Ricardo Castro, Enrico Stellini, Enrico Pace, Benedetto Lupo, Gabriele Carcano, Giovanni Doria Miglietta, Roberto Plano, Pavel Gililov, Angela Hewitt, Ramin Bahrami, Gianluca Cascioli, Mariangela Vacatello, Marina Scalafiotti | MUSICA CONTEMPORANEA PER PIANOFORTE: Emanuele Arciuli | VIOLA, Simone Briatore, Luca Ranieri | VIOLINO: Dora Schwarzberg, Lukas Hagen, Natalia Prischepenko, Adrian Pinzaru, Charlie Siem, Sonig Tchakerian, Corinna Canzian, Johanna Verheijen | VIOLONCELLO: Marianne Chen, Thomas Demenga, Claudio Pasceri | PASSI ORCHESTRALI: Alessandro Milani | MUSICA DA CAMERA: Trio Debussy | SEMINARI: Roberto Prosseda, Giuseppe Ravì) che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti, coinvolgendo ogni anno più di 350 allievi. Ad essere rivendicata è l’assoluta centralità dell’allievo nel progetto didattico: la costruzione di ciascun curriculum formativo mira a esaltarne le caratteristiche personali e a sviluppare le capacità espressive di ogni personalità artistica. L’Accademia di Musica, sotto la guida di Laura Richaud, si pone anche come complemento all’offerta formativa dei Conservatori, e in quest’ottica attiva progetti didattici che tengono conto delle esigenze e delle competenze necessarie al futuro professionale degli iscritti. Il progetto didattico si estende oltre l’anno accademico con Musica d’Estate, un campus di perfezionamento musicale con masterclass di pianoforte, violino, violoncello, musica da camera, duo pianistico, direzione d’orchestra e chitarra tenute da docenti di fama internazionale (Benedetto Lupo, Roberto Plano, Enrico Pace, Pietro De Maria, Marianne Chen, Trio Debussy, Giovanni Doria Miglietta, Filippo Gamba, Mario Lamberto, Aleksandar Madzar, Claudio Pasceri, Adrian Pinzaru, Giovanni Puddu, Marina Scalafiotti, Sonig Tchakerian, Giovanna Valente, Claudio Voghera, Daniela Carapelli e Laura Richaud), per tutti coloro che vogliano approfondire il repertorio e suonare in un ricco calendario di concerti. L’Accademia di Musica di Pinerolo opera dal 1994 sul territorio affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di 1000 concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro.



Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 il contenuto e gli allegati di questo messaggio sono strettamente confidenziali, e ne sono vietati la diffusione e l'uso non autorizzato. Qualora il presente messaggio Le fosse pervenuto per errore, Le saremmo grati se lo distruggesse e, via e-mail, ce ne comunicasse l'errata ricezione all'indirizzo newsaccademiapinerolo@gmail.com Tale indirizzo è utilizzabile anche per esercitare i Vs. diritti di cui agli articoli dal 12 al 23 del Regolamento.









]]>
Luglio 2018 - MUSICA D’ESTATE - Concerti gratuiti, campus, masterclass Wed, 30 May 2018 13:17:55 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/481199.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/481199.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
Buongiorno,
vi invio con preghiera di pubblicazione il comunicato stampa di Musica d'Estate che si terrà a Bardonecchia (To) dal 17 al 31 luglio e che in sostanza si articola in:
  • 30 concerti gratuiti di musica classica che richiamano più di 7000 spettatori
  • campus di alta formazione, masterclass con docenti di fama internazionale e più di 150 iscritti (iscrizioni entro il 14 giugno)
FOTO: http://bit.ly/MdE2018

Rimango a disposizione,
Paola Bologna
3497371724



MUSICA D’ESTATE
17 �“ 31 luglio 2018, Bardonecchia (To)
CONCERTI di musica classica e ALTA FORMAZIONE A 1300 metri






Sono una trentina i concerti di musica classica programmati da Musica d’Estate a Bardonecchia dal 17 al 31 luglio: una rara occasione per godere di concerti in altura, a 1300 metri d'altitudine, là dove anche la montagna dà spettacolo. Organizzata da 24 anni dall’Accademia di Musica di Pinerolo, annoverata tra le più rinomate strutture di alta formazione e perfezionamento del paese, la rassegna è ad ingresso gratuito e ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. 

Ad esibirsi sono gli oltre 150 studenti dell’Accademia e delle masterclass di pianoforte, duo pianistico, violino, violoncello, musica da camera, chitarra, rapporto tra solista e direttore, direzione d’orchestra tenute da docenti di fama internazionale nel campus estivo, come Benedetto Lupo, Roberto Plano, Enrico Pace, Pietro De Maria, Marianne Chen, Trio Debussy, Giovanni Doria Miglietta, Filippo Gamba, Mario Lamberto, Aleksandar Madzar, Claudio Pasceri, Adrian Pinzaru, Giovanni Puddu, Marina Scalafiotti, Sonig Tchakerian, Giovanna Valente, Claudio Voghera, Daniela Carapelli e Laura Richaud, docente e direttore artistico della manifestazione.

Ad ospitare i concerti sono la suggestiva area giardino L’Alveare nella centrale via Medail, il Palazzo delle Feste e la chiesa di S. Ippolito, scrigno di notevoli opere dell'artigianato della valle; siti storici come il borgo di Les Arnauds. Dal lunedì al venerdì, alle ore 16.00 presso la Chiesa di S. Ippolito si alternano concerti solistici e di musica da camera. Ogni pomeriggio alle 17.30, per tutta la durata della manifestazione, nella suggestiva area giardino L’Alveare, si esibiscono allievi selezionati nei corsi di Musica d'Estate. Il programma viene comunicato in loco, di giorno in giorno. Gli Incontri con la chitarra si tengono presso il Palazzo delle Feste di Bardonecchia alle ore 18.30.

Musica d’Estate è realizzata dall’Accademia di musica di Pinerolo con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Comune di Bardonecchia, Fondazione C.R.T. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione tecnica di Piatino Pianoforti e Yamaha Musica Italia.



Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)


]]>
4 febbraio Pierrot Lunaire all'Accademia di Musica di Pinerolo Fri, 26 Jan 2018 18:33:19 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/467579.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/467579.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
Buongiorno,
ti inoltro il comunicato stampa del prossimo concerto della Stagione Concertistica 2017/18 dell'Accademia di Musica di Pinerolo che vedrà protagonista domenica 4 febbraio alle 17 il Pierrot Lunaire, con preghiera di diffusione.

FOTO E COMUNICATO DEL CONCERTO:

Nel comunicato trovi anche informazioni sull'incontro del 1 febbraio con il giornalista e musicologo Paolo Cavallo, parte del ciclo "Musica e bellezza".

Rimango a disposizione,
Grazie mille e buon lavoro.
Paola Bologna




STAGIONE CONCERTISTICA 2017/18
12 ottobre 2017 �“ 26 maggio 2018 | Accademia di Musica di Pinerolo

LA MUSICA SPIEGATA II: Pierrot Lunaire 
domenica 4 febbraio 2018 - h 17:00 - Accademia di Musica
Valentina Valente, Tony Chessa, Enrico Maria Baroni, Adrian Pinzaru, 
Claudio Pasceri, Anna Revel, Andrea Ivaldi




Considerato a ragione il capolavoro di Schoenberg, il Pierrot Lunaire ha rappresentato una rivoluzione nella prassi della musica da camera e del teatro, diventando il manifesto dell’espressionismo musicale.Il suo Pierrot sarà protagonista del prossimo appuntamento della Stagione 2017/18 dell’Accademia di Musica che si terrà domenica 4 febbraio 2018 alle 17:00 nella sala concerti di viale Giolitti, 7 a Pinerolo, nell’ambito del ciclo “La Musica Spiegata” dedicato all’ascolto della musica contemporanea. Andrea Ivaldi dirige Valentina Valente voce, Tony Chessa flauto, Enrico Maria Baroni clarinetto, Adrian Pinzaru violino e viola, Claudio Pasceri violoncello, Anna Revel pianoforte.
In quest’opera Schoenberg segna l’apice della sua arte in cui, emancipate le dissonanze, sospesi i tradizionali nessi tonali e svelato le spazio dei dodici suoni della scala cromatica temperata, scopre le possibilità espressive di pochi strumenti, che accompagnano la voce recitante in raggruppamenti sempre diversi, da due a cinque strumenti insieme, per favorire la creazione di un’atmosfera allucinata e slegata da convenzioni formali, ma sempre significativa per il testo messo in scena.

Per gli appassionati di musica classica si segnala inoltre che giovedì 1 febbraio alle ore 18:00 presso la Libreria Volare di Pinerolo, nell'ambito del ciclo "Musica e bellezza", il giornalista e musicologo Paolo Cavallo condurrà l’incontro dal titolo Il brutto che piace. Quando la musica di Claudio Monteverdi e Johann Sebastian Bach era musica da non eseguire dedicato all’analisi di come si fonda, si radica e si scardina un pregiudizio di estetica musicale (ingresso libero). 

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup e a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian.

IL CONCERTO

LA MUSICA SPIEGATA II: PIERROT LUNAIRE
domenica 4 febbraio 2018 - ore 17:00 - Accademia di musica
Valentina Valente voce
Tony Chessa flauto
Enrico Maria Baroni clarinetto
Adrian Pinzaru violino e viola
Claudio Pasceri violoncello
Anna Revel pianoforte
Andrea Ivaldi direttore
Arnold Schönberg, Pierrot lunaire, Dreimal sieben Gedichte aus Albert Girauds Pierrot lunaire, op. 21
I - Ubriaco di luna | Colombina | Il Dandy | Una pallida lavandaia | Valzer di Chopin | Madonna | La luna malata I
I - Notte | Invocazione a Pierrot | Rapina | Rosso convivio | Ballata della forca | Decapitazione | Le croci 
III - Nostalgia | Perfidia | Parodia | La macchia lunare | Serenata | Viaggio verso casa | Antica fragranza
Considerato a ragione il capolavoro di Schoenberg, il Pierrot Lunaire ha rappresentato una rivoluzione nella prassi della musica da camera e del teatro, il manifesto dell’espressionismo musicale. Pierrot, poeta-eroe malinconico e triste, è il protagonista dei 21 aforismi musicali di cui è composta l’intera opera. A prestar voce alle riflessioni e alle immagini del nostro dandy di Bergamo, è una Sprechstimme, ossia un canto parlato: l’opera, infatti, è un melologo per voce recitante e per un gruppo di strumenti. L’ispirazione e lo stimolo per comporre quest’opera vennero offerte a Schoenberg dall’attrice Albertine Zehme, cantante dei Kabaret di Berlino, che gli chiese di comporre un melologo proponendo, come fonte, la raccolta di 50 Rondels dedicati propri alla maschera di Pierrot del poeta belga Albert Giraud. In quest’opera Schoenberg segna l’apice della sua arte in cui, emancipate le dissonanze, sospesi i tradizionali nessi tonali e svelato le spazio dei dodici suoni della scala cromatica temperata, scopre le possibilità espressive di pochi strumenti, che accompagnano la voce recitante in raggruppamenti sempre diversi, da due a cinque strumenti insieme, per favorire la creazione di un’atmosfera allucinata e slegata da convenzioni formali, ma sempre significativa per il testo messo in scena. Questa prospettiva lascia a Schoenberg la possibilità di esplorare in piena libertà le potenzialità poetiche del testo e timbriche della musica, attuando così i postulati irrazionali della poetica espressionista.

BIGLIETTI
Accademia di Musica (viale Giolitti, 7 Pinerolo): € 15 
I biglietti sono acquistabili mezz’ora prima dell’inizio del concerto presso l’Accademia di Musica. Il servizio di prevendita è disponibile da due settimane prima, presso la Libreria Volare (corso Torino, 44 - Pinerolo). 
CONVENZIONI: 
Card Giovani e studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5; Abbonamento Musei, Socio Coop, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di musica: € 12


L’INCONTRO SULLA BELLEZZA E LA MUSICA

1 febbraio 2018, ore 18.00, Libreria Volare
(ingresso libero)
Il brutto che piace. Quando la musica di Claudio Monteverdi e Johann Sebastian Bach era musica da non eseguire - Paolo Cavallo
Per noi che viviamo nel XXI secolo, sembra più che altro un paradosso: la considerazione che noi nutriamo nei confronti di due dei maggiori autori del Sei e del Settecento non era affatto condivisa da molti - musicisti e non - loro contemporanei. Ciò perché la loro musica era considerata astrusa o noiosa, ora eccessivamente sperimentale ora eccessivamente passatista. Due casi di studio con cui analizzare come si fonda, come si radica e - talora - come si scardina un pregiudizio di estetica musicale. 

Paolo Cavallo, laureato con lode in Storia della musica moderna e contemporanea presso l’Università di Torino con Ferruccio Tammaro, ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze del testo letterario e musicale presso la Facoltà di Musicologia dell’Università di Pavia-Cremona. Autore di interventi a convegni musicologici nazionali (Società Italiana di Musicologia, Antiquae Musicae Italicae Studiosi, Istituto per i Beni Musicali in Piemonte) e internazionali (Animusic Portugal), collabora da diversi anni alla pagina Spettacoli del settimanale L’eco del Chisone di Pinerolo. Ha partecipato in qualità di autore alla redazione dell’Appendice 2005 e della Cronologia della Musica del Dizionario Enciclopedico della Musica e dei Musicisti, pubblicato da UTET e diretto da Alberto Basso.

BROCHURE IN PDF DELLA STAGIONE CONCERTISTICA: 
http://bit.ly/brochureConcerti_201718_Accademia 



Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

]]>
11 dicembre Concerto di NATALE Gruppo Vocale Famiglia Sala Mon, 04 Dec 2017 12:22:10 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/462453.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/462453.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo
Buongiorno,
vi invio il comunicato stampa del Concerto di Natale dell'11 dicembre 2017 presso l'Accademia di Musica di Pinerolo, sperando possiate aiutarci nella diffusione della notizia. Lo trovate in allegato insieme ad una foto.

STAGIONE CONCERTISTICA 2017/18
12 ottobre 2017 �“ 26 maggio 2018
Accademia di Musica di Pinerolo

CONCERTO DI NATALE
lunedì 11 dicembre 2017 - h 21:00 - Accademia di musica
SALA SINGERS




Protagoniste del Concerto di Natale che si terrà lunedì 11 dicembre alle 21:00 presso l’Accademia di Musica di Pinerolo (viale Giolitti, 7), sono quest’anno canzoni tradizionali tratte da repertori geografici diversi e lontani tra di loro, da Silent night al Laudate Dominus di Mozart. A dare loro voce è un complesso vocale che costituisce un caso unico nel panorama della polifonia vocale italiana, la Famiglia Sala. A comporlo sono infatti padre, madre e cinque figli, di età che varia dai 28 ai 17 anni. Apprezzato per la vastità del repertorio e per l’impasto vocale di eccezionale equilibrio e omogeneità, il Gruppo Vocale Famiglia Sala si è distinto in importanti concorsi vocali e ha vinto la medaglia d’oro per la sezione Musica Sacra al Concorso Internazionale Città di Rimini.
La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup e a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian.

FOTO E COMUNICATO DEL CONCERTO:
http://bit.ly/famigliasala


SCHEDA DEL CONCERTO
lunedì 11 dicembre 2017 - h 21 - Accademia di musica
Sala Singers
Z. Kodaly - Veni Emmanuel | Trad. Monti Appalachi - I wonder as I wonder | J. Lennon - Imagine | B. De Marzi - La neve | G. F. Ghedini - Maria lavava | Trad. Catalano Arr. K Jenkins - El noi de la mare | Trad. Arr. K. Jenkins - In dulci jubilo | Trad. Arr. K. Jenkins - Lully | B. Britten - Wolcum Yole! | B. Britten - There is no rose | J. P. Rameau - Hymne à la nuit | Trad. Tedesco - Silent Night | G. Faure - Cantique de Jean Racine | W. A. Mozart - Laudate Dominum | Trad. Americano - Amazing grace
I canti popolari rappresentano un patrimonio culturale importante e da salvaguardare. L’interesse critico rispetto a questo repertorio è fatto abbastanza recente: solo all’inizio del secolo scorso, infatti, etnomusicologi e compositori, Bartòk e Kodàly su tutti, hanno raccolto scientificamente melodie tradizionali popolari e le hanno trattate come materiale sonoro da plasmare e da riconsegnare alla contemporaneità. Questi canti servivano originariamente alle vicende quotidiane, erano occasioni per stare insieme e venivano intonati durante i periodi di festa. Stasera ascolteremo diverse canzoni tradizionali, restituite alla loro ragion d’essere, tratte da repertori geografici diversi e lontani tra di loro, ma accumunate dal comune tema del Natale, eseguite da un complesso vocale tutto italiano. Il Gruppo Vocale Famiglia Sala costituisce un caso unico nel panorama della polifonia vocale italiana. La particolarità di questo gruppo, infatti, è di essere costituito dai sette membri di una sola famiglia: padre, madre e cinque figli (di età che varia dai 28 ai 17 anni). Apprezzato per la vastità del repertorio e per l’impasto vocale di eccezionale equilibrio e omogeneità, il Gruppo Vocale Famiglia Sala si è distinto in importanti concorsi vocali e ha vinto la medaglia d’oro per la sezione Musica Sacra al Concorso Internazionale Città di Rimini. Il gruppo, che svolge un’intensa e apprezzata attività concertistica in Italia e all’estero, ha un repertorio molto vasto e vario che va dalla musica medievale e rinascimentale allo Spiritual, dall’Evergreen alla Musica Sacra e popolare.

SALA SINGER
Il gruppo vocale Famiglia Sala costituisce un caso unico nel panorama della polifonia vocale italiana.
La particolarità di tale gruppo, infatti, è di essere costituito dai sette membri di una sola famiglia: padre, madre e cinque figli(di età che varia dai 28 ai 17 anni). Apprezzato per la vastità del repertorio e per l’impasto vocale di eccezionale equilibrio e omogeneità il Gruppo Vocale Famiglia Sala ha avuto come riconoscimento la vincita di importanti concorsi vocali e la medaglia d’oro per la sezione Musica Sacra al Concorso Internazionale Città di Rimini. Il gruppo, che svolge un’intensa e apprezzata attività concertistica in Italia e all’estero, ha inciso quattro CD con brani di generi ed epoche diverse che vanno dalla musica medievale e rinascimentale allo Spiritual, dall’Evergreen alla Musica Sacra e popolare.

Resto a disposizione,
Paola Bologna

Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

]]>
Ilya Maximov un talento del pianoforte Thu, 16 Nov 2017 16:51:50 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/459639.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/459639.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo Ilya Maximov, giovane pianista che gode della benedizione di guru del pianismo internazionale come la grandissima Alicia de Larrocha, è il protagonista di una serata dedicata alla grandeur del pianoforte. Vincitore nel 2015 del prestigioso Concorso Internazionale Viotti di Vercelli, si presenta al pubblico con un programma ricco e impegnativo, da Prokof’ev a Rachmaninov. L’appuntamento è per martedì 28 novembre 2017 nella sala dell’Accademia di Musica di Pinerolo (viale Giolitti, 7), alle 20:30 per chi vuole anche approfondire tematiche relative ai brani eseguiti grazie alla Guida all’ascolto condotta da Santi La Rosa, o alle 21:00 per assistere direttamente al concerto.

 

 

Velluto e sarcasmo

martedì 28 novembre 2017 - Accademia di musica

h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto

Ilya Maximov, pianoforte 

Fryderyk Chopin, Polonaise-fantasie in la bemolle maggiore op. 61

Sergej Rachmaninov,  Études-tableaux op.33

Maurice Ravel, da Miroirs Oiseaux tristes 

Sergej Prokof’ev, Sonata n. 6 in la maggiore op. 82

Ilya Maximov è il protagonista di questa serata dedicata alla grandeur del pianoforte. Diplomatosi nel 2015 vincitore del prestigioso Concorso Internazionale Viotti di Vercelli, questo giovane pianista può già vantare nel suo curriculum importanti collaborazioni con musicisti di chiara fama e la benedizione di guru del pianismo internazionale, la grandissima Alicia de Larrocha su tutti. Stasera si presenta al pubblico con un programma ricco e impegnativo. Al centro del concerto, due autori, russi e pianisti, Prokof’ev e Rachmaninov, volti opposti ma complementari della stessa medaglia. Furono entrambi acclamati concertisti in tutto il mondo, ma la loro musica racconta due storie diverse. Se quella di Rachmaninov è sempre legata all’estetica e all’etica romantica, attraverso il culto della melodia e dell’apparenza, alla ricerca di una pacifica convivenza tra espressività e virtuosismo, la musica di Prokof’ev non è sicuramente meno appariscente di quella del collega, ma ha al suo interno il germe del moderno, la scarnificazione della melodia e la ricerca di ritmi e armonie per raccontare un mondo, quello del XX secolo, che dal velluto del salotto si sposta verso il ferro delle fabbriche, che preferisce alla poesia d’amore, la satira e l’ironia. Ed in questo doppio, gli altri due autori, Chopin e Ravel, rappresentano i padri europei (francesi, in effetti), di questi diversi atteggiamenti. Al salotto nostalgico della polacca di Chopin, fanno eco gli uccelli tristi di Ravel. Il mondo è ormai là fuori.

 

ILYA MAXIMOV
Il pianista russo Ilya Maximov è recentemente risultato vincitore del Concorso Pianistico Internazionale G. B. Viotti. Ha vinto primi premi in più di quindici concorsi internazionale, tra cui Maria Canals International Piano Competition (Spagna), Hilton Head International Piano Competition (USA), Jose Iturbi International Piano Competition (Spagna) e Scottish International Piano Competition. Si è esibito in tutto in mondo nelle più prestigiose sale da concerto e festivals in Europa, Asia e America; si citano Palau de la Música a Barcellona, Salle Cortot di Parigi, Carnegie Hall a New York, Chamber Hall alla Berlin Philharmonie, Palau de la musica di Valencia, Esplanade Hall a Singapore, Academia de Bellas Artes di Madrid e Università La Sapienza a Roma. Si esibisce regolarmente come solista e con varie orchestre tra cui Royal Scottish National Orchestra, Teatro Carlo Felice Orchestra, Wuhan Symphonic Orchestra, Singapore National Symphonic Orchestra, Orchestra Simfònica del Valles, Bach Chamber Orchestra, Havana National Symphonic Orchestra. Collabora con direttori quali Justus Franz, James P Liu, Misha Katz, Darrell Ang e James Ross. Oltre alla sua brillante carriera concertistica è anche assistente all’Universitat Mozarteum Salzburg nella classe del M° Pavel Gililov.

 

BIGLIETTI

Accademia di Musica (viale Giolitti, 7 Pinerolo): € 15 

CONVENZIONI: 

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; text-align: justify; font: 12.0px Helvetica; color: #454545} p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 12.0px Helvetica; color: #454545; min-height: 14.0px} p.p3 {margin: 0.0px 0.0px 2.0px 0.0px; text-align: justify; font: 12.0px Helvetica; color: #454545} p.p4 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; text-align: justify; font: 12.0px Helvetica; color: #454545; min-height: 14.0px} p.p5 {margin: 0.0px 0.0px 2.0px 0.0px; font: 14.0px Helvetica; color: #454545; min-height: 17.0px} li.li6 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 12.0px Helvetica; color: #454545} span.s1 {font: 14.0px Helvetica} ul.ul1 {list-style-type: disc}

  • Card Giovani e studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5; 
  • Abbonamento Musei, Socio Coop, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di musica: € 12 
]]>
14 novembre Trio Johannes ensemble tra i più importanti al mondo a Pinerolo Fri, 10 Nov 2017 22:32:57 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/459935.html http://content.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/459935.html Accademia di musica di Pinerolo Accademia di musica di Pinerolo

Buongiorno,

vi invio il materiale del concerto del Trio Johannes, considerato uno dei più importanti ensemble di musica da camera nel panorama internazionale, che si terrà martedì 14 novembre alle 20:30 presso l'Accademia di Musica di Pinerolo (viale Giolitti, 7 - Pinerolo), sperando possiate darne diffusione. Si tratta del prossimo appuntamento della Stagione Concertistica 2017/18 dell'Accademia di Musica di Pinerolo.




Il Trio Johannes, considerato uno dei più importanti ensemble di musica da camera nel panorama internazionale, nasce dall’incontro del violinista Francesco Manara e del violoncellista Massimo Polidori - entrambi prime parti dell’Orchestra della Scala - e del pianista Claudio Voghera. Questi tre amici con una comune passione per la musica da camera sono ospiti della Stagione concertistica 2017/18 dell’Accademia di Musica di Pinerolo martedì 14 novembre (viale Giolitti, 7 - Pinerolo); l’appuntamento è alle 20:30 per chi vuole anche approfondire tematiche relative ai brani eseguiti grazie alla Guida all’ascolto condotta da Santi La Rosa, o alle 21:00 per assistere al concerto. 

Il Trio è perfetto per restituire a fondo il senso intimo della musica di Robert Schumann, che riesce a scavare all’interno della propria anima, dando spazio a slanci e ripiegamenti, a intrecciati discorsi musicali e narrativi di cui il pianoforte costituisce lo spessore e il substrato psicologico essenziale.

LA SCHEDA DI SALA DEL CONCERTO

Lo slancio di voci interne 
martedì 14 novembre 2017 - Accademia di musica
h 20:30 guida all’ascolto - h 21 concerto

Trio Johannes
Francesco Manara violino
Massimo Polidori violoncello
Claudio Voghera pianoforte
Robert Schumann Trio n.1 in re minore op.63
Adagio e Allegro in la bemolle maggiore, op. 70
Trio n.2 in fa maggiore, op. 80

Robert Schumann dedicò gran parte della sua attività alla composizione di musica da camera. Dopo avere, infatti esplorato le capacità timbriche e polifoniche del suo strumento, il pianoforte, affida le proprie voci interne al dialogo con altri strumenti. I due trii eseguiti stasera, composti a distanza di pochi mesi nel 1847, rappresentano le prime esperienze di Schumann in questo genere. È dell’anno precedente invece il trio composto dalla moglie Clara, da molti critici considerato come il suo vero capolavoro. Una certa somiglianza nella scrittura, soprattutto nella parte pianistica, denuncia il debito e l’ispirazione che il marito ebbe nei confronti di questa musica e di questa formazione. La musica di Schumann ha però qualcosa di più. I Doppelgänger di Schumann, Eusebio e Florestano, trovano in questo equilibrio formale e timbrico la perfetta condizione per manifestare la propria natura. In questa musica, Schumann riesce a scavare all’interno della propria anima, dando spazio a slanci e ripiegamenti, a intrecciati discorsi musicali e narrativi di cui il pianoforte costituisce lo spessore e il substrato psicologico essenziale. L’Adagio e Allegro è una composizione di poco successiva a quella dei trii. In una dimensione sonora ancora più domestica, questa musica contiene tutta la complessità e la ricchezza tipiche dell’arte di Schumann. Il Trio Johannes, formato dalle prime parti dell’Orchestra della Scala e dal brillante pianista Claudio Voghera, è il trio perfetto per restituire a fondo il senso intimo di questa musica.

TRIO JOHANNES
Il Trio Johannes nasce nel 1993 dall’incontro del violinista Francesco Manara, del pianista Claudio Voghera e del violoncellista Massimo Polidori, tre amici con una comune passione per la musica da camera ed è considerato uno dei più importanti ensemble di musica da camera nel panorama internazionale. I tre musicisti vantano individualmente importanti affermazioni: Francesco Manara è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo violino solista nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nel 1993 ha vinto il Primo Premio al Concorso Internazionale di Ginevra; Massimo Polidori dopo aver vinto il Primo Premio di Virtuosité del Conservatorio di Ginevra ricopre il posto di Primo violoncello nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano; Claudio Voghera, docente di pianoforte principale presso il Conservatorio di Torino, già allievo di Aldo Ciccolini, nel 1993 ha vinto il “Grand Prix de Sonates Violon et Piano” dell’Accademia di Losanna. Il Trio Johannes, grazie ad una borsa di studio della “De Sono Associazione per la Musica”, ha studiato presso la Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, con Dario De Rosa, Renato Zanettovich e Amedeo Baldovino, conseguendo nel 1995 il Diploma di Merito. L'ensemble vanta importanti affermazioni a livello internazionale: nel 1998 il II Premio al “III Concorso Internazionale Premio Trio di Trieste”, nel 1999 il II Premio al “3rd International Chamber Music Competition” di Osaka; nel 2001 è risultato inoltre vincitore del “50th Concert Artists Guild Competition” di New York ed ha debuttato negli Stati Uniti nella stagione 2002, suonando per le principali società concertistiche tra le quali la Weill Recital Hall della Carnegie Hall a New York, la Pittsburgh Chamber Music Society e la Market Square Concerts di Harrisburg. In Italia è stato ospite di importanti società concertistiche quali, tra le altre, gli Amici della Musica di Padova, Vicenza, Firenze , Palermo, Bologna e Perugia, il Bologna Festival, il Ravenna Festival, la Gog di Genova, la Società dei Concerti di Milano, l’Unione Musicale di Torino; ha effettuato inoltre tournée in Sud America suonando nelle principali sale da concerto di Argentina, Uruguay e Brasile. Le incisioni discografiche comprendono l'integrale dei trii e quartetti con pianoforte di Johannes Brahms per il magazine musicale "Amadeus"e un Cd dedicato alla musica da camera di Maurice Ravel per la Brilliant. Nel maggio 2014 il Trio Johannes ha esordito al Teatro alla Scala di Milano. http://www.triojohannes.com/ 

BROCHURE IN PDF DELLA STAGIONE CONCERTISTICA: 
http://bit.ly/brochureConcerti_201718_Accademia 

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo.

Resto a disposizione,
Paola Bologna


Promozione e comunicazione
Paola Bologna 349.7371724 

Accademia di Musica di Pinerolo
Viale Giolitti 7, Pinerolo (TO)

]]>