Comunicati.net - Comunicati pubblicati - CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI Comunicati.net - Comunicati pubblicati - CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI Wed, 11 Dec 2019 09:49:26 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://content.comunicati.net/utenti/22893/1 Il tour di Uniti per i Diritti Umani passa per Olbia Mon, 04 Nov 2019 10:48:12 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/605374.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/605374.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI


 

         Liberi cittadini, semplici volontari quelli di Uniti per i Diritti Umani: nella serata di martedì 5 novembre distribuiranno per le vie di Olbia, privilegiando la commerciale Via Aldo Moro, centinaia di libretti informativi tramite i quali ognuno può scoprire quali siano i propri diritti inalienabili.

 

         Il tema richiama immediatamente ai temi più ampi ossia lavoro, immigrazione, libertà di pensiero, istruzione. Ma troppo spesso questi 30 articoli sono stati quasi solo un oggetto filosofico da discutere tra i banchi di scuola semmai il tempo dedicatogli non ne levasse troppo all'ordinario programma scolastico. Ecco come siamo stati capaci di rendere un documento di tale importanza solamente un fatto storico, un evento annuale, un'applicazione limitata ai paesi del terzo mondo.

 

         Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard disse che “i diritti umani devono essere resi una realtà non un sogno idealistico”. Renderli una realtà significa fare in modo che siano un codice di legge e non solo un codice morale; significa applicarli nei tribunali e nelle strade, non solamente a Strasburgo per un parere che gli stati nazionali potrebbero anche mancare di applicare, come già è successo.

 

         La conoscenza di questi 30 articoli mette il singolo nella condizione di renderli effettivi e l'applicazione, che inizia dal garantire al prossimo i propri diritti, potrebbe far comprendere che l'arma per una vita migliore si chiama “aiuto”, così come, tale applicazione, potrebbe comportare una rapida ascesa verso quella moralità che i nostri nonni hanno provato a trasmetterci ma che i “sociali tempi moderni” ci spingono sempre più a non considerare in favore di una scalata sociale guadagnata a prescindere da quanti cadaveri ci si lascia alle spalle. Info: www.unitiperidirittiumani.it

]]>
In mano un libretto, in testa la verità sulla droga. Continuano le iniziative di prevenzione dei volontari di Dico NO alla Droga Mon, 04 Nov 2019 10:39:41 +0100 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/605371.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/605371.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

         Volontari sardi difendono la verità sulla droga opponendosi a quanti si sono arresi e, mandando avanti spacciatori e venditori di cannabis, proseguono a fare prevenzione con iniziative dal nord al sud della Sardegna.

 

         Così volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della chiesa di Scientology si preparano a una nuova settimana di prevenzione sbugiardando quei camici bianchi e quelle cravatte che nei consumatori di droga vedono una banconota, gli stessi che nel sistema sanitario vedono un salvadanaio da riempire. Dopo che nell'ultima settimana oltre 2000 persone sono state raggiunte dalle corrette informazioni sui devastanti danni provocati dal consumo di droga, nei prossimi giorni a Quartu S.Elena, Olbia, Nuoro, altrettante persone verranno raggiunte dal messaggio di vivere liberi dalla droga.

 

         Non c'è da stupirsi se leggendo la cronaca scopriamo siringhe a Platamona, omicidi che hanno “debiti per droga” come movente e incidenti d'auto provocati da individui che si sono messi al volante sotto l'effetto di stupefacenti. “La droga è l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale” disse il filosofo L. Ron Hubbard. La cultura è ciò su cui si lavora quando ad essere divulgata è un’informazione corretta. La libertà viene da se: chiunque può decidere se condurre una vita in stato di lucidità oppure giocare con le fiamme dell'inferno e follemente chiedersi se il fuoco bruci. Tuttavia, nonostante questa libertà rimanga tale, è bene che le corrette informazioni sulla droga vengano divulgate, conosciute e le decisioni per il futuro possano essere prese indirizzandosi alla libertà dalla droga. Info: www.noalladroga.it

]]>
Sport, amicizia, spirito di gioco e prevenzione alla droga i messaggi forti della XII^ Mezza Maratona “Città di Assemini” Mon, 21 Oct 2019 15:51:46 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603852.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603852.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

         Una bellissima giornata primaverile ha fatto da contorno alla festa dai mille colori della Mezza Maratona della Ceramica “Città di Assemini” magistralmente organizzata dal Gruppo Polisportivo Assemini – Atletica & Triathlon, capitanata dal suo presidente sig. Mauro Tronci. Associazioni arrivate da tutta l’isola e addirittura dal Veneto, hanno dato lustro alla manifestazione sportiva arrivata alla XII^ edizione, che ha visto partecipare oltre 1400 atleti di ogni età e capacità atletiche e agonistiche.

Tra la moltitudine di colori delle decine di Associazioni sportive presenti, spiccavano i capellini e le magliette verdi dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga che, d’accordo con gli organizzatori, hanno voluto aggiungere al messaggio dello sport come stile di vita, quello di vivere liberi dalla droga.

Il filosofo L. Ron Hubbard aveva individuato le droghe come “l’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale” affermazione assolutamente condivisibile da chi vive quotidianamente a contatto con i ragazzi, come i volontari, educatori, docenti e i responsabili delle associazioni sportive e possono osservare come gli spacciatori stiano raggiungendo i ragazzi sempre più giovani.

“Queste iniziative contribuiscono ad informare i giovani sui pericoli cui vanno incontro facendo uso di droga, ha dichiarato il presidente Mauro Tronci, andrebbero fatte le conferenze nelle scuole e nei campi estivi frequentati dai giovani, unendo le esperienze delle varie associazioni e istituzioni per fare la prevenzione il più precocemente possibile”.  

Info: www.noalladroga.it

]]>
Allarme droga: in 8 anni + 30% di consumatori nel mondo. In Europa l’Italia al 3° posto dopo Rep. Ceca e Francia Wed, 16 Oct 2019 11:52:45 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603211.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603211.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

La droga non conosce crisi. L’ultimo rapporto dell’Agenzia delle Nazioni Unite è allarmante: 271 milioni di persone hanno fatto uso di droghe nel 2017, l’ultimo anno analizzato. È coinvolto il 5,5% della popolazione mondiale tra i 15 e i 64 anni, rispetto al 2009 l’aumento è del 30%. Nel 2017 il 22% degli italiani tra i 15 e i 64 anni hanno fatto uso di droghe almeno una volta. Siamo i terzi più consumatori d’Europa, a parimerito con l’Olanda, dopo Repubblica Ceca e Francia. Un dato preoccupante è l’aumento costante della potenza delle droghe: cannabis con più Thc, ma soprattutto cocaina ed eroina con maggiori gradi di purezza. Nel 2017 solo negli Usa l’overdose da oppiodi (eroina e farmaci antidolorifici derivati dall’oppio) ha ucciso oltre 47.000 persone (più 13% rispetto al 2016). La produzione di cocaina, che si concentra nella regione andino-amazzonica, ha battuto nel 2017 tutti i record con una stima di 1.976 tonnellate, più 25% rispetto al 2016. La droga più diffusa, comunque, rimane la cannabis, che viene prodotta in 159 paesi, con l’aspetto preoccupante del raddoppio del principio attivo (THC) negli ultimi 10 anni.

         I dati per la Sardegna sono ancora più preoccupanti, poiché è ai primi posti in Italia per il consumo di Cannabis, eroina e cocaina, con un aumento al di sopra della media nazionale.

         Potremmo continuare con la sfilza di numeri che l’agenzia delle Nazioni Unite ha pubblicato nel suo documento, con le analisi dei dati paese per paese, ma crediamo che queste informazioni siano più che sufficienti per allarmare qualsiasi persona razionale e attenta ai problemi che la circonda. La droga è una realtà che tutti dobbiamo confrontare prima che sia lei a travolgerci e, come uno tsunami, ci porti via le nuove generazioni. Si, perché l’altro dato raccapricciante è che i nuovi clienti di questo mercato criminale sono gli adolescenti di 11/12 anni, le nuove leve innocenti, futuri tossicodipendenti e spacciatori per necessità, alla ricerca della dose quotidiana per evitare l’astinenza.  

         Tanto basta ai volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, per incrementare le iniziative in tutta la Sardegna attraverso le distribuzioni degli ormai famosi libretti “La verità sulla droga” ovunque ci siano ragazzi (nelle scuole) o nei posti affollati come nelle sagre dove è più facile raggiungere un gran numero di persone e informarle adeguatamente.

         Alla luce di questi dati sono più che mai attuali le parole del filosofo L. Ron Hubbard, il quale individuava la droga come “l’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale” e per arginare il dilagare di questo flagello sociale, nei prossimi giorni i volontari della Fondazione distribuiranno migliaia di opuscoli con la corretta informazione sulle droghe più diffuse come marijuana, cocaina, eroina e alcol, a Sassari, Porto Torres, Olbia, Nuoro e nella sagra di Santa Vitalia di Villasor.

Info: www.noalladroga.it

]]>
I Diritti Umani sconosciuti e maltrattati. I volontari di Uniti per i Diritti Umani li promuovono a Cagliari, Olbia e Villasor Wed, 16 Oct 2019 11:49:25 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603209.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603209.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

        

         Non possiamo affermare che i trenta articoli contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani stiano attraversando un buon momento: non c’è continente in cui non siano presenti conflitti, dittature sanguinarie stanno massacrando intere popolazioni, per perseguire interessi economici si sta distruggendo l’ambiente rendendo invivibile il pianeta, milioni di persone scappano dalla miseria e dalla fame, creando in questo modo una guerra tra poveri, tra i quali xenofobia e razzismo stanno nuovamente imperversando, tutto questo mentre una manciata di famiglie detengono o monopolizzano il 90% delle ricchezze.

I Diritti fondamentali e inalienabili sanciti dalla Dichiarazione Universale che dovrebbero essere garantiti a tutti per il semplice fatto di appartenere alla categoria degli Esseri Umani, sono calpestati nella maggior parte degli stati, compresi quelli industrializzati, dove sacche di povertà e miseria stanno aggredendo il tenore di vita di una fetta sempre più grande di popolazione.

Non si può stare inermi davanti a una situazione di questo tipo. Ognuno di noi deve e può fare la sua parte, perché è l’indifferenza il primo ostacolo alla diffusione dei Diritti Umani, è la visione limitata ai propri problemi ciò che non ci fa vedere i problemi degli altri, è la paura di veder sacrificata qualche nostra vecchia conquista che ci fa chiudere le porte davanti ad una mano tesa.

Per i volontari di Uniti per i Diritti Umani è difficile non darsi da fare affinchè, come scriveva il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, al quale si ispirano, “i Diritti Umani siano resi una realtà e non un sogno idealistico”. Così, ripetendo le azioni ben gradite dalle centinaia di ragazzi e persone che nelle scorse settimane sono state contattate con la distribuzione dei libretti “Che cosa sono i Diritti Umani?”, nella serata di domenica 13 ottobre saranno presenti in forze alla festa di Santa Vitalia di Villasor, nell’ingresso del Liceo Michelangelo di via Donoratico a Cagliari, e nei negozi del centro di Olbia, per promuovere l’unico messaggio che potrà assicurare un futuro a questa società: rispetta e promuovi i Diritti Umani.

Info: www.unitiperidirittiumani.it

]]>
Il messaggio de “La Via della Felicità” divulgato nelle strade e negozi di Sanluri. Wed, 16 Oct 2019 11:43:11 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603208.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/603208.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

"Non devi fare altro che mettere in circolazione La Via della Felicità nella società. Come mite olio che si espande nel mare infuriato, la calma si diffonderà dappertutto". Queste parole scritte dall'autore L. Ron Hubbard sono contenute nell'ultima pagina del libretto "La Via della Felicità – guida basata sul buon senso per una vita migliore". Ed è proprio questo l'effetto prodotto da questo opuscolo contenente i precetti guida che l'autore aveva individuato come la ricetta per ripristinare nella società l'onore e il rispetto di sè.

I volontari della Fondazione "La Via della Felicità" e della Chiesa di Scientology nella serata di mercoledì 16 ottobre distribuiranno centinaia di libretti “La Via della Felicità” ai cittadini e negozianti i negozianti di Sanluri invitandoli a regalarlo a loro volta ad altre persone care, amici e conoscenti. Un gesto di benevolenza nei confronti di chi lo riceve e il desiderio di cambiamento vero da parte di chi lo regala.  

Sono decine i commercianti contattati ai quali è stato presentato, in numerose altre iniziative fatte dai volontari in altre località, riscontrando apprezzamento e collaborazione da parte di tantissime persone ed esercenti, ben contente di collaborare alla divulgazione dei 21 precetti contenuti nel libretto, impegnandosi a leggerlo e a distribuirlo con tanto di dedica personale ad altre persone.

"Non si tratta solo di un gesto simbolico – dichiara uno dei volontari – molti esercenti dichiarano che questa è l'iniziativa giusta per riabilitare certi valori che nella società stanno sempre più scomparendo, contribuendo così alla spirale discendente cui stiamo assistendo”.

Visto l’esperienza positiva in altre zone della Sardegna, volontari intendono proseguire nell'iniziativa per coinvolgere anche gli altri centri più importanti del Medio Campidano.

Video e informazioni sui contenuti de "La Via della Felicità" si possono trovare sul sito www.laviadellafelicità.it  

]]>
Lavorare in direzione del futuro promuovendo i DIRITTI UMANI nelle scuole. Tue, 24 Sep 2019 15:45:11 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599102.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599102.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

Lavorar

I volontari di Gioventù per i Diritti Umani distribuiscono centinaia di libretti informativi prima delle lezioni nell’Istituto “De Sanctis – Deledda” di via Sulis a Cagliari.

         Ancora centinaia di libretti “Che cosa sono i Diritti Umani?” nelle mani dei ragazzi delle scuole medie, distribuiti prima delle lezioni, nella mattinata di martedì 24 settembre all’ingresso dell’Istituto “De Sanctis – Deledda” di via Sulis a Cagliari, dai volontari di Gioventù per i Diritti Umani.

 Non è stata la prima volta per alunni e docenti, già informati alla fine dello scorso anno scolastico, e la curiosità di conoscere i trenta articoli contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, era palese sia da parte dei ragazzi che dei professori.

D’altronde l’argomento è di grande attualità visto il dibattito sul rispetto dell’ambiente che ha scatenato Greta Thumberg che, partita da sola lo scorso anno, ha coinvolto milioni di giovani come lei e ha avuto il coraggio di parlare davanti ai grandi del mondo, sul palco delle Nazioni Unite, accusandoli di non capire la gravità della situazione, pensando a salvaguardare la crescita economica a discapito della salvaguardia del pianeta. Un’accusa gravissima che mette in primo piano la responsabilità di chi è preposto a governare le sorti del pianeta, di mettere al primo posto il rispetto dei Diritti Umani, sia nei diritti sacrosanti delle persone che della salvaguardia dell’ambiente, due cose inscindibili tra di loro, perché una non può esistere senza l’altra, ma che coinvolge direttamente anche ognuno di noi che, ciascuno per la sua parte, può cambiare l’ambiente che lo circonda, con l’esempio e l’azione nella direzione del rispetto dei trenta articoli della Dichiarazione Universale.

 “I Diritti Umani devono essere resi una realtà e non un sogno idealistico” scriveva il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, i giovani ci chiedono di pensare al loro futuro, per realizzare questo sogno e il loro futuro sarà degno di essere vissuto se tutti, giovani e meno giovani, lavoriamo per una società più giusta e vivibile da tutti i punti di vista. La scuola e la famiglia sono il punto di partenza nella educazione e formazione delle nuove generazioni, è il dovere primario di chi è preposto a guidare questo percorso, far si che ogni ragazzo sia istruito in quella che è il fondamento della giustizia sociale: la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Info: www.unitiperidirittiumani.it

]]>
Non esiste Pace senza Diritti Umani Tue, 24 Sep 2019 15:38:32 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599101.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599101.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

I libretti con gli articoli della Dichiarazione Universale saranno distribuiti a Cagliari e Olbia

        Continuano le iniziative in diverse località della Sardegna, dei volontari di Uniti per i Diritti Umani, impegnati da anni nella diffusione degli articoli contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Questa settimana saranno impegnati a Olbia e Cagliari dove, sin dal primo giorno di lezione del nuovo anno scolastico, è ripresa la distribuzione dei libretti “Che cosa sono i Diritti Umani?” ai ragazzi e docenti all’ingresso dell’Istituto De Sanctis - Deledda.  

        “La necessità di diffondere una nuova cultura sul rispetto dei Diritti Umani – dichiara Maria Rosa Marongiu, responsabile delle iniziative dell’Associazione - è data dalla situazione che possiamo osservare nelle nostre città. Non è necessario andare nei paesi del terzo mondo, per capire che i trenta articoli sono qualcosa di estraneo per moltissime persone con le quali condividiamo la nostra vita quotidiana. È una cultura nuova che va creata nei banchi di scuola sin dai primi anni delle scuole elementari. I bambini assorbono molto bene questi messaggi – continua Maria Rosa – e questi valori restano impressi nella loro mente portandoseli per tutta la vita.”

        Sabato 21 settembre si è commemorata la Giornata Internazionale della Pace indetta dalle Nazioni Unite, un’occasione per parlare di un problema, la Pace appunto, che per molti, come nel nostro paese, è una conquista già consolidata, non altrettanto per centinaia di milioni di persone di tutti i continenti, costrette a fuggire dai loro paesi a causa di conflitti, interni o esterni poco importa per chi li deve subire. Infatti sono centinaia i conflitti che si stanno combattendo in questo momento in decine di stati in tutti i continenti: dall’Africa, all’Asia, dall’Europa all’America Latina, al Medio Oriente, non esiste zona geografica che possa dichiararsi in pace.

        Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard invitava a darsi da fare per “rendere i Diritti Umani una realtà e non un sogno idealistico”, i volontari sono costantemente in prima fila per farli conoscere, convinti che prima di tutto i Diritti vanno rispettati nelle nostre case perché come diceva l’ideatrice principale della Dichiarazione Universale Eleanor Roosevelt: “i Diritti Umani nascono in piccoli luoghi, vicino a casa, così vicini e così piccoli che non si possono vedere in nessuna cartina del mondo”.

Info: www.unitiperidirittiumani.it

]]>
Tutti contro la droga per salvare le nuove generazioni. Tue, 24 Sep 2019 15:35:52 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599100.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/599100.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

Cagliari, Sassari, Nuoro, Porto Torres e Olbia le città interessate alle iniziative dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga

 

        Quando noi adulti pensiamo al futuro delle nuove generazioni, sia che lo facciamo nel ruolo di genitori, nonni, educatori, amministratori pubblici, o da qualsiasi altro ruolo occupiamo, il primo pensiero va al pericolo della droga. Non possiamo non osservare che le nuove generazioni vivono sotto un attacco senza precedenti determinato dalla diffusione sempre più massiccia di droghe nuove e vecchie, che stanno letteralmente aggredendo ragazzini sempre più giovani e indifesi. Ciò che preoccupa ancor di più è che alle sostanze, considerate più o meno leggere o pesanti a seconda dei punti di vista, viene abbinata una campagna di promozione subdola e pericolosa sempre più indirizzata all’accettazione dell’idea che lo sballo non è poi così pericoloso, che le droghe leggere usate per divertimento si potrebbero anche liberalizzare, nel nome di una società “libera” e moderna. Gli stessi “strani” avvertimenti fatti in certe campagne di prevenzione che invitano i ragazzi che viaggiano in gruppo di fare in modo che almeno uno sia sobrio e in grado di guidare, quasi che, se gli altri del gruppo sono in preda all’alcol non importa, tanto “non guidano”! Un ragionamento altamente diseducativo perché non induce ad essere responsabili comunque e a prescindere.

Per un genitore di un adolescente, il pensiero che il proprio figlio entri in gruppi dove circolano sostanze è un’ossessione che a volte li porta a limitare inutilmente i movimenti dei ragazzi, con la falsa convinzione che “più li controlli meglio è”, dato assolutamente falso visto che quando si sentono assillati e sotto controllo, i ragazzi appena capita l’occasione, sfuggono il controllo e la fanno grossa. Probabilmente anche noi da ragazzi abbiamo vissuto esperienze di questo tipo.

La prevenzione è l’arma che la società sana ha per combattere la droga e gli interessi dei criminali. Non servono prediche e falsi moralismi che i giovani non accetterebbero. I volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga sono certi che la corretta informazione porterà alla responsabilità e a tenere lontani i ragazzi dalla droga, perché a nessuno piacerebbe vivere una vita da clandestino, da barbone, senza affetti e additato come un essere da evitare, perché questa è la vita che assicura il mondo della droga.

“L’arma più efficace nella guerra contro la droga è L’ISTRUZIONE” scriveva il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard. i volontari ispirati da queste parole anche in questa settimana saranno presenti nelle strade di Cagliari, Sassari, Nuoro, Porto Torres, e in una scuola media di Olbia per promuovere il messaggio di vivere liberi dalla droga.

]]>
Contrastare la cultura dello sballo per risanare una società intossicata Tue, 17 Sep 2019 15:55:10 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597550.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597550.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

Il messaggio dello sballo cammina subdolo appoggiato da alcuni media, dalla pubblicità di prodotti alcolici e super alcolici, film e telefilm con scene in cui l’invito a farsi la canna per “calmarsi” fa passare un messaggio fuorviante e pericoloso, soprattutto se a farlo sono gli attori protagonisti di fama internazionale con una forte influenza sul pubblico. A guardare le notizie di cronaca sembrerebbe una guerra persa quella contro la diffusione delle droghe, tante sono gli episodi di criminalità e di disperazione personale e sociale cui quotidianamente ci circondano. La cultura dello sballo sembrerebbe quella dominante a cui i giovani “devono” adeguarsi per poter essere accettati nel gruppo e non sentirsi emarginati.

Non è così per i tanti volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, impegnati a combattere una guerra contro un esercito di spacciatori senza scrupoli. Non è così anche per quella gran parte di ragazzi “puliti” che dalla droga hanno deciso di starsene alla larga, grazie alle corrette informazioni ricevute in famiglia e alla costante azione di prevenzione fatta dai volontari. Non è così anche per migliaia di dirigenti scolastici e insegnanti che, consapevoli del pericolo che corrono i ragazzi in mezzo alle iene degli spacciatori pronti ad “aiutarli” nel caso avessero qualche problema, si adoperano quotidianamente per dare loro le basi culturali per affrontare il futuro ma anche la consapevolezza che quel futuro sarà nelle loro mani solo se rimarranno lontani dalle droghe.

 Si, perché come scriveva il filosofo L. Ron Hubbard: “l’arma più efficace nella guerra contro la droga è l’istruzione” e per contrastare la cultura dello sballo e arrivare ai ragazzi che ancora non hanno avuto la fortuna di essere informati, prima che a farlo siano gli spacciatori con le loro bugie, anche questa settimana i volontari saranno a Olbia, Nuoro, Sassari, Porto Torres e Decimomannu, dove migliaia di libretti contenenti la verità sulla droga verranno distribuiti nelle strade e nei negozi, coinvolgendo ancora una volta i commercianti, preziosi alleati nell’azione di divulgare il messaggio di vivere liberi dalla droga. Info: www.noalladroga.it 

]]>
Nuoro: volontari attivi per smascherare gli spacciatori Tue, 17 Sep 2019 15:51:33 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597548.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597548.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

 

         Volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga nuoresi pronti per una nuova iniziativa di prevenzione all'uso di droga con lo scopo di rendere i ragazzi consapevoli dei disastri a cui vanno incontro se danno ascolto alle parole menzognere degli spacciatori.

         Per quanto tutti sanno che la droga porti inevitabilmente su una cattiva strada, non tutti sono informati su quali tipi di episodi si ritrovino a vivere coloro che ne fanno uso. I nostri ragazzi, soggiogati da spacciatori che raccontano loro quanto sia bello lo sballo col solo scopo di estorcere dalle loro tasche soldi sporchi, magari rubacchiati alle famiglie o frutto dei piccoli risparmi che i ragazzi riescono ad ottenere dai regali dei parenti, si trovano fin troppo facilmente di fronte ad uno spinello e in molti casi anche ad una striscia di cocaina. Non solo, per gentile concessione di quella frangia malata che promuovo il messaggio di legalizzare certe droghe così il profitto dello spacciatore diventa profitto dellostato, le persone più fragili e quelle più smaliziate, si sentono perfino supportati a fare uso di droga.

         Ispirati da quanto disse il filosofo e umanitario L.  RonHubbard, che si si riferì alla droga additandola quale “elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale”, i volontari distribuiranno a Nuoro centinaia di copie di materiale informativo nella serata di martedì 17 settembre per le vie del centro. L'obiettivo non è solamente l'informazione, ma Nuoro libera dalla droga.

]]>
Olbia: Volontari e commercianti insieme per la libertà dalla droga Tue, 17 Sep 2019 15:46:00 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597546.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597546.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

         Olbia sta vivendo uno strano periodo in relazione al consumo di droga: insegnanti preoccupati hanno contattato i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga richiedendo che siano intensificate le attività di prevenzione in quanto ci sono casi di ragazzini che fin dall'età di 12 anni sperimentano i primi spinelli, situazione che non fa certamente sperare di avere in futuro dei dirigenti che sappiano veramente portare avanti la vita agevolmente.

         Differentemente da quanto certe frange criminali, ma tutelate da poltrone importanti, stanno cercando di far passare come messaggio riguardo la droga, i volontari olbiesi della Fondazione sanno bene che laddove c'è consumo di droga in primo luogo si è perso il rispetto di se e secondariamente avviene il consumo di stupefacenti con conseguenti disastri, sia sotto il profilo della salute, che su quello sociale. Se solo si pensa alla bella vita piena di soldi degli spacciatori che tuttavia vivono in topaie d'oro nascoste alla vista di chiunque, controllate da telecamere e dalle quali raramente escono per paura che polizia o altri spacciatori li becchino, diventa semplice comprendere quanto siano sporchi i soldi della droga. Lo sono per il semplice fatto di rappresentare uno sforzo verso la morte che il consumatore ha deciso di compiere.

         Con una nuova iniziativa di distribuzione di materiale informativo nella serata di mercoledì 18 settembre, i volontari coinvolgeranno i commercianti di viale Aldo Moro riconoscendo che “la droga è l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale”. Parole queste di L. Ron Hubbard, filosofo statunitense ispiratore di questa campagna preventiva e le cui parole hanno dato il via al coinvolgimento di migliaia e migliaia di persone. Ma poiché la lotta alla droga è ancora ardua, è necessario continuare a farlo con un indirizzo dei volontari molto semplice: vivi libero dalla droga.

]]>
Droga: combattuta anche a Decimomannu Tue, 17 Sep 2019 15:42:15 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597543.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597543.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

         Non è necessario essere al centro delle tenute di un narcotrafficante per rendersi conto che è necessario combattere affinché i nostri giovani stiano lontani dal consumo di droga. Per questo motivo i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga, nella serata di martedì 17 settembre, saranno presenti anche a Decimomannu per distribuire materiale informativo sui reali effetti che il consumo di stupefacenti provoca nel consumatore.

 

         Talvolta l'unico pensiero che si ha, quando si parla degli effetti devastanti della droga, è rivolto ai danni fisici che questa provoca. Nono si parla mai abbastanza dei danni sociali e di quanto i rapporti interpersonali dei consumatori di droga siano influenzati dalle sostanze che assumono, così come dall'incapacità di padroneggiare la vita in assenza di questa. La droga è l'unica cosa che accomuni le frequentazioni dei consumatori: sanno bene che sarebbe orribile che altri fossero a conoscenza del suo consumo di droga e cercano di nascondersi frequentando solamente persone come loro. Qualora queste persone hanno rapporti con altri, le loro azioni sono quasi sempre finalizzate ad ingannarli per rubare soldi o scroccare vita e capacità che sanno di aver perso.

 

         “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l'unica ragione di vivere” disse il filosofo e umanitario L Ron Hubbard. L'opera di prevenzione di conseguenza non risulta essere una garanzia di futuro migliore solamente per il consumatore: lo è per l'intera società perché se questa rimane libera dalla droga, possiamo sperare di avere in futuro amministratori, pensatori e letterati, davvero capaci di dare un’impronta morale nella quale tutti possiamo godere delle gioie e delle sensazioni che la vita regala ogni giorno.

]]>
Partire dalla scuola per diffondere un messaggio di pace e uguaglianza I libretti sui Diritti Umani distribuiti nell’Istituto superiore De Sanctis/Deledda di Cagliari Tue, 17 Sep 2019 15:37:33 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597542.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/597542.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

         Con la riapertura del nuovo anno scolastico 2019/2020 riprendono le iniziative di informazione sui contenuti della Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite, dei volontari di Uniti per i Diritti Umani. Così come nello scorso anno i volontari si daranno appuntamento in una scuola media o superiore della Città Metropolitana, per diffondere uno dei principi che stanno alla base del comportamento umano: il rispetto dei Diritti Umani.

         “Le famiglie e la scuola sono i punti di partenza insostituibili per divulgare qualsiasi messaggio di contenuto sociale – dichiara Maria Rosa responsabile delle iniziative dell’Associazione Internazionale per l’area della Città Metropolitana di Cagliari - e quello sui Diritti Umani è il messaggio principale dal quale deve parte qualsiasi altro argomento. Non possono esistere rispetto di sé stessi e degli altri con le diverse culture, etnie e credo, rispetto dell’ambiente, lotta all’emarginazione o alla povertà, senza la conoscenza e il rispetto dei Diritti Umani. Come volontari – continua Maria Rosa - siamo convinti che la scuola sia il punto di partenza dal quale far partire una nuova cultura per una nuova civiltà, per questo motivo il nostro impegno sarà costante collaborativo con le Istituzioni.”

         Così è partita dall’Istituto Superiore De Sanctis-Deledda di via Cornalias a Cagliari, la crociata dei volontari che, all’ingresso prima delle lezioni nella mattinata di martedì 17 settembre, hanno distribuito agli studenti e ai docenti centinaia di libretti “Che cosa sono i Diritti Umani?” contribuendo in questo modo a creare una cultura nuova e realizzare la speranza del filosofo e umanitario L. Ron Hubbard e con lui di tanti uomini e donne in tutto il mondo, affinchè “I Diritti Umani siano resi una realtà e non un sogno idealistico”.

Info: www.unitiperidirittiumani.it

]]>
Ripartire dai Diritti Umani per recuperare i valori di giustizia e solidarietà Tue, 10 Sep 2019 12:33:06 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/596128.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/596128.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

         Probabilmente non sono tantissimi coloro i quali potrebbero dichiararsi soddisfatti dell'attuale condizione in cui versa la società attuale in quanto a giustizia e diritti rispettati per tutti. Miliardi di persone distribuite in tutti i continenti vivono in condizioni che definirle difficili sarebbe un eufemismo; in centinaia di milioni vivono in condizioni al di sotto della soglia di povertà. Un rapporto delle Nazioni Unite denuncia che ancora oggi, nel XXI° secolo, circa 30 milioni di esseri umani sono ridotti in condizioni di schiavitù. Centinaia di milioni di persone sono costrette a scappare dalle loro terre alla ricerca di condizioni di vita più dignitose. Da questo quadro sembrerebbe che i problemi riguardino gli altri, le nazioni in via di sviluppo lontane da noi, ma basta girare lo sguardo attorno nelle nostre città e paesi, per notare come certe situazioni si vivono anche nei nostri quartieri, dove il nostro vicino non riesce a mettere insieme il pranzo e la cena per la famiglia.

Una vergogna per chi vorrebbe definire questa come una società civile.

         Da uno scenario di questo tipo è normale che nascano i conflitti e coloro che cavalcano l’esasperazione della gente seminano odio e disprezzo nei confronti dello straniero, del diverso, di chi tende una mano in cerca di aiuto. Anche tra coloro che appartengono al popolo più ospitale del mondo, come quello sardo, c’è chi pensa che “il mio problema viene prima di quello di chiunque altro” e quindi non mi interessano quelli degli altri. “Aiutiamoli in casa loro” è la soluzione che in tanti trovano più facile. A dimostrazione che “occhio non vede, cuore non duole” è uno dei proverbi ancora molto attuale.

         Ma qualcosa si può fare a riguardo: ripartire dai valori contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani proclamata dalle Nazioni Unite nel 1948, è il solo modo per garantire un futuro a questa umanità in carenza dei valori umani, l’ossigeno indispensabile per far riprendere il malato: la società.

         I 30 diritti inalienabili possono essere la base di partenza per una rinascita sociale, in cui tutti possano godere degli stessi diritti e doveri. Non servono altre leggi o trattati tra stati, sarebbe sufficiente che il buon senso prevalga sugli interessi economici e che ognuno di noi faccia la sua parte nella sua vita quotidiana e un nuovo mondo nascerebbe come d'incanto.

         I volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology, sono costantemente impegnati per realizzare il sogno del filosofo e umanitario L. Ron Hubbard che invitava i suoi seguaci ad impegnarsi affinchè "i Diritti Umani siano resi una realtà e non un sogno idealistico" e nella serata di lunedì 9 settembre hanno distribuito i DVD "Che cosa sono i Diritti Umani?" contenenti la storia dei Diritti Umani e i trenta articoli della Dichiarazione Universale nei negozi di via Gorizia a Sestu, dandone uno in omaggio ai titolari e invitandoli a regalarli a loro volta ai clienti.

]]>
Stop alla droga. A Olbia commercianti e volontari insieme nella campagna di prevenzione Mon, 09 Sep 2019 22:42:37 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595933.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595933.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

Ormai l’alleanza tra i commercianti e i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology è diventata strategica. La necessità di informare i ragazzi sugli effetti devastanti causati dalle droghe, da sempre la strategia dei volontari della Fondazione in tutto il mondo, è stata sposata da decine di commercianti in numerose località della Sardegna e non fanno eccezione quelli olbiesi che da anni collaborano attivamente con i volontari nella distribuzione dei libretti “la verità sulla droga”.

In un momento in cui da più parti si inneggia agli effetti “miracolosi” della cannabis e marijuana come il toccasana per risolvere stress, ansia ed episodi di criminalità legati allo spaccio, è necessario dare una corretta informazione sui veri effetti di queste droghe considerate “leggere” e confutare senza mezzi termini l’idea che diminuirebbe la criminalità affidando  il controllo allo stato, diventando di fatto lo spacciatore “legale”, lasciando agli spacciatori illegali il compito di dedicarsi alle droghe ben più pesanti, così come è successo nelle nazioni dove la liberalizzazione è in vigore.

Non un inutile e sterile proibizionismo, quindi, ma una informazione corretta è la strategia dei volontari convinti che: “l’arma più efficace nella guerra contro la droga è l’istruzione”, come scriveva il filosofo L. Ron Hubbard e nella giornata di mercoledì 11 settembre saranno nuovamente nelle strade del centro di Olbia per diffondere il messaggio che solo una vita libera dalla droga può assicurare un futuro ai nostri giovani.

Info: www.noalladroga.it

]]>
La prevenzione a Nuoro si identifica con i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga Mon, 09 Sep 2019 22:37:29 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595932.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595932.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

        I recenti sequestri di ingenti quantità di marijuana pronta per essere immessa sul mercato e di centinaia di piante in piena vegetazione, effettuati nei giorni scorsi nel nuorese, motiva i volontari di Fondazione per un Mondo Libero alla Droga ad aumentare l’impegno nella divulgazione dei materiali informativi presso gli esercizi pubblici e i negozi del capoluogo della Barbagia, dove nella giornata di serata di lunedì 9 settembre sono stati distribuiti altre centinaia di libretti “La verità sulla droga”.

Se le forze dell’Ordine sono sempre in allerta ottenendo ottimi risultati nella repressione allo spaccio, individuando persone insospettabili dedite alla produzione e allo spaccio, allo stesso modo i volontari si adoperano per far mancare innanzi tutto i possibili “clienti” attraverso l’informazione e la prevenzione e, cosa di fondamentale importanza, promuovendo una nuova cultura di responsabilità sociale che crei una barriera diffusa al traffico di qualsiasi sostanza stupefacente.

Alcool e droga fanno parte della vita di tantissimi giovani nuoresi, soprattutto nei fine settimana. Le piazze invase dalle bottiglie di alcolici e di ragazzi in preda ai fumi dell'alcool e alle droghe sono l'immagine di una situazione da affrontare urgentemente dalle Istituzioni e non solo. Bisogna dare atto ai commercianti nuoresi di essersi fatti carico di questa situazione prendendosi responsabilità, non a parole ma con i fatti.  Ma tutti coloro che si dichiarano realmente consapevoli di questa realtà, dovrebbero prendersi responsabilità con azioni concrete ed efficaci.

Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard in un suo famoso scritto metteva in risalto come “le droghe privino la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere”; la vita di chi si è perso nel mondo della droga dimostra la verità e l’attualità di queste parole e i volontari continueranno nell’impegno per creare una società libera dalla droga.

]]>
In Sardegna impegno a tutto campo dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero alla Droga Mon, 09 Sep 2019 09:58:38 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595738.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595738.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

 

 

        Impensabile per i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga, fermare le iniziative di prevenzione alla droga. Soprattutto in un periodo in cui i sequestri e gli arresti da parte delle Forze dell’Ordine, sono quotidiane e l’inizio delle lezioni del nuovo anno è alle porte.

        Così anche il mese di settembre, sarà per i volontari un mese di impegno a tutto campo e partirà con una raffica di iniziative che interesseranno località come Sestu, Olbia, Porto Torres, Nuoro, Sassari e Uta all’interno della festa di Santa Maria. Migliaia di libretti inonderanno queste località portando “la verità sulla droga” ad altrettante persone e soprattutto ai ragazzi, vittime di una cultura permissiva e fuorviante, promossa a piene mani da media, cinema e pubblicità irresponsabili inneggianti allo sballo facile.

I libretti "La verità sulla droga", contengono informazioni specifiche su 13 tipi di sostanze stupefacenti diverse, aimè tutte ben distribuite su tutto il territorio regionale dai pusher criminali attraverso una rete di "distributori" sempre più diffusa, senza tralasciare di denunciare gli effetti devastanti causati dall’abuso i farmaci come gli antidepressivi prescritti da “specialisti” e addirittura degli antidolorifici, che quando abusati possono portare all’assuefazione e alla dipendenza alla pari delle droghe illegali di strada.

Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard negli anni ’70 denunciava: "le droghe sono l'elemento più distruttivo nella nostra cultura attuale", a distanza di 50 anni la diffusione delle stesse prova quanto fosse lungimirante quella visione e di quanto sia ancora importante la ricerca che ha condotto per creare un metodo di disintossicazione che ha salvato e ancora sta salvando migliaia di ragazzi dalla dipendenza di sostanze stupefacenti, il tutto senza dimenticare che alla base c’è sempre e comunque la prevenzione per evitare che se non si faccia uso di droghe in primo luogo. 

Info: www.noalladroga.it

]]>
I libretti con la verità sul Crack e sulla cocaina diffusi a Sassari e Porto Torres Fri, 06 Sep 2019 18:03:08 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595479.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/595479.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

 

 

        Non si fermano le iniziative di prevenzione alle droghe che, da diversi mesi, i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology stanno conducendo nei negozi e nelle abitazioni di Sassari e Porto Torres. Nella serata di giovedì 5 settembre centinaia di libretti sugli effetti del Crack e della cocaina sono stati consegnati nelle mani di decine di commercianti del quartiere Luna e Sole a Sassari e nella zona portuale a Porto Torres.

        Per quanto qualcuno pensi che il Crack sia una droga lontana dai nostri giovani, la testimonianza di alcuni commercianti fatta ai volontari dimostra che la realtà è totalmente diversa.  “I ragazzini vengono da noi per acquistare gli ingredienti per farsi il Crack da sé - hanno dichiarato una coppia di commercianti titolari di un negozio - alcuni sono talmente sfacciati che ci hanno spiegato il metodo più facile per far cristallizzare la cocaina, e posso assicurarvi che non si tratta di uno o due ragazzi, ma sono in tanti coloro che conoscono questa tecnica. A volte ci rifiutiamo di vendere ma sappiamo bene che certi prodotti li possono trovare tranquillamente nei supermercati”. (Per non promuovere la tecnica, non menzioniamo gli ingredienti).

        Il Crack, è la forma più potente e rischiosa in cui si presenta la cocaina. È pura tra il 75% e il 100%, molto più forte della cocaina normale. Fumare il crack permette di raggiungere il cervello più rapidamente creando un intenso e immediato sballo che dura circa 15 minuti. Poiché la dipendenza si sviluppa più rapidamente quando la sostanza viene fumata piuttosto che inalata, chi ne abusa può diventarne dipendente già dalla prima volta. Altro aspetto preoccupante è che sul mercato il crack viene venduto a prezzi così bassi che anche i ragazzini possono permettersi di acquistarlo.

“Dopo questa testimonianza – dichiara Ignazio un volontario di  Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga – abbiamo incrementato la diffusione dei libretti “la verità sul Crack” per far conoscere le gravissime conseguenze che questa droga può causare”.

        Alla luce di questa realtà riesce difficile non condividere le preoccupate parole del filosofo L. Ron Hubbard che considerava le droghe come “l’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale”. Il lavoro dei volontari mira a far si che la conoscenza della verità sulla droga porti alla consapevolezza che solo una vita libera da essa potrà garantire un futuro degno di essere vissuto. Info: www.noalladroga.it

 

]]>
Nella movida di CARBONIA si diffonde la verità sulla droga Tue, 03 Sep 2019 21:25:39 +0200 http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/594233.html http://content.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/594233.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI

        Continua a Carbonia l’azione di prevenzione dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga. Come nelle scorse settimane i volontari nella serata di mercoledì 4 settembre distribuiranno centinaia di libretti informativi sulle reali conseguenze causate dall’uso di sostanze stupefacenti.

“Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazione che sono comunque l’unica ragione di vivere” scriveva il filosofo L. Ron Hubbard negli anni ’70, quando si inneggiava alla “libertà” di poter usare le droghe “leggere” a piacimento. Un errore gravissimo che ha portato alla diffusione di quelle ben più pesanti come la cocaina e soprattutto l’eroina, che in quegli anni ha fatto decine di migliaia di morti anche nelle nostre città e paesi.

        Il dibattito sulle droghe “leggere” e “pesanti” appassiona soprattutto coloro che sono favorevoli alla legalizzazione di quelle leggere, convinti che con questo provvedimento si toglierebbe lo spaccio dalle mani della criminalità, incrementerebbe le entrate nelle casse dell’erario e si avrebbe il controllo di coloro che ne fanno uso, quasi che se lo spacciatore è lo stato va bene, e che il consumo di quella sostanza non produca lo stesso effetto su chi ne fa uso. Una filosofia un pò bizzarra che non tiene conto e delle esperienze del passato e dei paesi dove questo provvedimento è in vigore e delle conseguenze sul futuro dei nostri giovani.

        La crescita di una nuova cultura del rispetto di sé nasce anche dall’informazione diffusa e corretta sui devastanti effetti personali e sociali delle droghe, i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga saranno sempre dalla parte dei giovani e contro la cultura della morte che le droghe causano ovunque si diffondono. Info: www.noalladroga.it

]]>