VERTICE AZZURRO A ROMA: DONDI PROMUOVE "LINEA GIOVANE"

Allegati

09/set/2004 16:05:56 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Roma, 9 settembre 2004

 

VERTICE AZZURRO A ROMA:

DONDI PROMUOVE  “LINEA GIOVANE”

Roma - Terminati i lavori del Comitato Esecutivo in preparazione anche dell’Assemblea Ordinaria e Straordinaria in programma il 18 settembre a Bologna, il Presidente della FIR, Giancarlo Dondi, ha incontrato oggi presso la sede federale, il Tecnico della Nazionale Assoluta John Kirwan ed il Team Manager Marco Bollesan. All’ordine del giorno del vertice i programmi e gli obiettivi della Nazionale per la prossima stagione che inizierà a novembre con il trittico dei tre Jaguar Test Match contro il  Canada ( Biella, 6 novembre), la Nuova Zelanda (Roma,13 novembre) e Stati Uniti (L’Aquila 27 novembre).

I responsabili tecnico ed organizzativo azzurri hanno illustrato situazioni e  progetti ottenendo il consenso del Presidente. In particolare  si è registrata la piena sintonia sulla politica dei giovani e di italianizzazione di giocatori e tecnici all’insegna dei quali, su suggerimento di Dondi,  è iniziato il nuovo triennio di gestione tecnica Kirwan. Già , infatti, dal primo raduno azzurro la Nazionale  ha aggregato al gruppo azzurro 6 dei migliori giovani talenti emersi dalle formazioni giovanili, Under 19, ed Under 21. Tali giocatori, inseriti tutti in formazioni di Super 10, continueranno a partecipare ai raduni azzurri nel prosieguo della stagione.

Kirwan e Bollesan, con gli assistenti Checchinato e Liussi, si sono poi recati a L’aquila nel quadro del programma di visite ed incontri con dirigenti, tecnici e giocatori dei club di Super 10, nel caso la Conad L’Aquila, e per un sopralluogo alle strutture logistiche del capoluogo abruzzese in vista del Jaguar Test Match contro Stati Uniti del 27 novembre.

 

PREMIO ICARO, AD ANDREA DE ROSSI LA PRIMA EDIZIONE

IERI SERA A PIAZZA VITTORIO EMANUELE LA CONSEGNA

Roma – Ieri sera, in Piazza Vittorio Emanuele II a Roma, davanti ad oltre 500 persone, il flanker dell’SKG Gran Parma e della Nazionale Italiana Rugby Andrea De Rossi, capitano degli Azzurri nel 6 Nazioni 2004, è stato insignito del “Premio Icaro” (International and Contemporary Award of ROme), promosso dal Comune di Roma ed inserito nel Festival Enzimi.

Il flanker dell’SKG Gran Parma, dopo gli oltre 13.000 voti collezionati nella prima fase, ha staccato nel rush finale il collettivo di scrittori italiani Wu-Ming, i “Velisti per caso” Patrizio Roversi e Syusy Bledy, che ieri sera hanno inviato un loro video-messaggio trasmesso nel corso della serata, la giornalista Milena Gabanelli, autrice e conduttrice di “Report”, e il Presidente di Medici Senza Frontiere Italia Stefano Vajtho.

Moltissimi, dunque, i giovani e giovanissimi che, nel corso di tutta l’estate, hanno votato i candidati al Premio Icaro, tutte figure simboliche riconosciute come importanti punti di riferimento.

Alla fine, ad ottenere il maggior numero di consensi è stato proprio Andrea De Rossi che ieri sera, sul palco di Piazza Vittorio, dove scorrevano su un megaschermo le immagini della vittoriosa partita sul Canada ai Mondiali dello scorso inverno, si è detto “Emozionato ed onorato per questo premio: sono felice, in particolar modo, perché questo riconoscimento non premia solo me, ma i valori di cui tutti i rugbysti sono portatori”.

Valori che spingono sempre un maggior numero di adolescenti ad avvicinarsi alla palla ovale: sia come spettatori che come nuovi praticanti.

 

A DE ROSSI LA SODDISFAZIONE DEL RUGBY ITALIANO

I COMPLIMENTI DI DONDI, BOLLESAN E KIRWAN

Roma – Soddisfazione nel mondo del rugby italiano per l’assegnazione del Premio Icaro al Capitano dell’Italia nel 6 Nazioni 2004, Andrea De Rossi.

Il primo a complimentarsi con il giocatore livornese in forza all’SKG GRAN Parma è stato il Presidente della FIR Giancarlo Dondi che ha espresso al flanker il compiacimento suo personale e di tutto il rugby italiano.

Sapevamo che De Rossi era in corsa per aggiudicarsi questo premio – commenta Dondi – e siamo lieti che gli sia stato assegnato questo riconoscimento.

Conosco il ragazzo da tanti anni ed ora gioca anche in una delle due squadre della mia città: è una persona che alle qualità tecniche ed agonistiche accoppia una grande serietà e dirittura morale.

Sono anche contento perchè alla motivazione culturale si è aggiunto il voto di migliaia di italiani sia stato indirizzato su De Rossi per le sue qualità di uomo e tecniche ma anche perchè capitano della Nazionale Italiana dell’ultimo 6 Nazioni a riconoscimento dell’immagine culturalmente elevata che viene percepita di questi tempi in Italia”.

Complimenti a De Rossi anche da parte del Team Manager Marco Bollesan: “L’attribuzione di questo premio ad Andrea De Rossi onora tutto il nostro movimento, restituisce ancora una volta un’immagine altamente positiva della Federazione e testimonia l’espansione del rugby e l’impegno federale nell’ambito dello sviluppo.

Sempre più gente conosce ed apprezza questo sport e i valori che porta con e questo premio ne è ulteriore dimostrazione”.

Infine anche il Commissario Tecnico John Kirwan, che ha conferito i gradi di capitano a De Rossi in occasione del 6 Nazioni 2004 ha commentato: “Sono contento che un premio non espressamente sportive, ma di matrice social-culturale, sia stato assegnato a De Rossi in quanto anche giocatore e capitano della Nazionale. E’ molto importante per il movimento rugbystico italiano e per la sua immagine che il rugby non sia considerato soltanto come un’espressione sportiva ma anche portatore di valori emblematici. Sono contento perchè De Rossi oltre ad essere buon giocatore sa tenere bene unito il gruppo”.

 

SEL. ITALIANA U21 DOMANI CONTRO IL RUGBY SAN MARCO

AZZURRINI IN CAMPO A TREVISO ALLE ORE 20.00

Treviso – Dopo la sconfitta di due giorni fa contro un VeneziaMestre sempre più candidato, insieme alla Rugby Roma, a lottare dal prossimo 26 settembre per la promozione in Super 10 gli Azzurrini Under 21 di Franco Ascione torneranno in campo domani sera a Treviso, sempre all’interno della rassegna “9 Serate di rugby” organizzata dal Ruggers Tarvisium, affrontando alle 20.00 un altro club di Serie A, il neonato Rugby San Marco.

Ancora un appuntamento non semplice per Valerio Bernabò e i suoi compagni, ancora imballati dai primi test fisici stagionali e alla ricerca di quegli automatismi di gioco che solo con i prossimi raduni potranno fare la propria comparsa.

Il tecnico degli Azzurrini, Franco Ascione, comunicherà domani la formazione che nella serata di domani affronterà la formazione veneta.

 

FOTOVERDINO: A BASILIO LA MOSTRA

“I COLORI DELLO SPORT”

Milano - Dall’11 al 19 settembre, presso la sale dell’ex Municipio di Basilio (Milano), si terrà la mostra “I Colori dello Sport”, organizzata dal Comune di Basilio e dal Monte dei Paschi di Siena.

I “colori dello sport” sono quelli del popolare fotografo Massimiliano Verdino, attivissimo nel mondo del rugby, che attraverso le 25 foto esposte nella mostra racconta i suoi 19 anni di carriera sui campi e negli impianti sportivi di tutto il mondo: dall’Africa dei saltafossi kenyani dell’atletica ai Mondiali di rugby dell’autunno scorso, dalle piscine che hanno visto i trionfi del “Settebello” a

Il rugby, disciplina che anche grazie alla sua elevata spettacolarità ha calamitato negli ultimi anni l’attenzione del fotografo romano riveste, ovviamente, un ruolo dominante all’interno della mostra, dove è protagonista di ben quattro scatti, tra cui uno spettacolare placcaggio di Cristian Stoica allo Wallaby Scott Staniforth, trequarti dei New South Wales Waratahs che proprio a Genova mise a segno due delle sue quattro mete con la maglia oro-verde dell’Australia.

L’inaugurazione della mostra è prevista proprio per sabato 11 settembre, alle ore 18.30.

 

ALLA SCOPERTA DELLA SERIE A

RUGBY MIRANO, NESSUNO STRANIERO E TANTI GIOVANI

Mirano – A Mirano, provincia di Venezia, la parola d’ordine è autarchia: nessuno straniero, tanti prodotti del vivaio di casa, alcuni ragazzi che vengono da fuori ma sono, comunque, veneti doc.

La squadra del Presidente Roberto Pellizon, guidata in panchina dal binomio tecnico formato da Sergio Zorzi e da Roberto Favaro, due che con il rugby di alto livello vantano lunga frequentazione (7 caps in Azzurro tra l’85 e il ‘92 il il primo, 42 tra il 1988 e il 1996 il secondo), si presenta ai nastri di partenza del Girone 2 della Serie A 2004/2005 (il primo appuntamento, il 26 settembre, sarà ad Alghero) con una squadra interamente formata da giocatori di scuola italiana.

“Quella di puntare sui giovani del nostro vivaio – spiega il DS Paolo Albertini – è una scelta societaria che, già la passata stagione, ha dimostrato di pagare: a cinque giornate dal termine del campionato occupavamo il quinto posto in classifica; così, nelle ultime giornate, con la salvezza ormai certa, abbiamo lanciato in prima squadra molti ragazzi provenienti dal settore giovanile. Ci è costato qualche punto: abbiamo chiuso al settimo posto, ma l’obiettivo era soprattutto quello di far esordire più ragazzi possibile in Serie A”.

Adesso, per il club bianconero, c’è all’orizzonte una nuova stagione nella seconda divisione nazionale: sono arrivati o sono rientrati alla base alcuni volti nuovi mentre altri protagonisti della passata stagione sono passati al VeneziaMestre, una delle candidate ai play-off nel Girone 1.

Ancora il DS Albertini: “Non essendo il VeneziaMestre nostra diretta avversaria nella stagione che va ad iniziare, abbiamo avviato con il club oroamaranto uno scambio di giocatori che ha portato a Mirano alcuni ragazzi interessanti, con una buona esperienza di categoria. Inoltre, dalle giovanili, è arrivato il terza linea Comelato, Azzurro Under 19. Insomma – prosegue il dirigente dei veneti – la squadra può vantare un buon mix di esperienza e di entusiasmo giovanile”.

L’obiettivo stagionale, per i bianconeri, è analogo a quello della passata stagione: centrare una serena salvezza, lanciando al tempo stesso qualche nuovo giovane interessante: “Quegli elementi del vivaio che hanno concluso la propria esperienza con l’Under 19 e hanno dimostrato di essere già pronti per il salto nelle categorie seniores, è il caso di Comelato, vengono inseriti nella rosa della prima squadra. I ragazzi che, invece, necessitano di un’ulteriore maturazione rugbystica vanno a farsi le ossa nel campionato Under 21, in prestito presso qualche grossa Società come la Benetton Treviso o il Petrarca Padova. Ma – va avanti il DS del Mirano – non ci limitiamo a sfruttare il nostro settore giovanile: cerchiamo anche ragazzi nelle categorie inferiori, dove si trovano ragazzi di qualità che magari hanno faticato ad emergere ma hanno, a nostro avviso, le doti per giocare in categorie superiori: l’importante è avere il coraggio di puntare su questi ragazzi. Sino ad ora, i fatti ci hanno dato ragione”.

 

Società: RUGBY MIRANO

Anno di fondazione: 1957 - Palmares: - Presidente: Roberto Pellizzon - Allenatore 1° squadra: Sergio Zorzi/Roberto Favaro (confermati) - Così nel 2003/2004: 7° Serie A, Girone B - Obiettivi 2004/2005: salvezza - Colori sociali: bianco-nero - Campo da gioco: Stadio Comunale, Mirano - Sponsor: Lofra Cucine (cucine componibili) - Sito internet: www.rugbymirano.com

Nuovi arrivi: Matteo BALDAN (pilone, Safilo Petrarca Padova), Francesco DAZZI (centro, VeneziaMestre), Nicola BUSATO (mediano di mischia, Riviera del Brenta), Attilio CACCIN (pilone, ripresa attività), Sebastiano CHIZZALI (pilone, ripresa attività), Davide COMELATO (terza linea, vivaio), Luca DE ROSA (terza linea, VeneziaMestre), Marco GERACI (tallonatore, Rugby Paese), Luigi LAZZAROTTO (pilone, VeneziaMestre), Denis MENEGHELLO (terza linea, Safilo Petrarca Padova)

Partenze: Federico ALESSI (mediano di mischia, ARD Rovigo), Giovanni FRASSON (pilone, VeneziaMestre), Ivan GIANESINI (tallonatore, VeneziaMestre), Mauro RIGO (pilone, Conegliano), Stefano RIGO (terza linea, VeneziaMestre)

 

LA ROSA

Estremi: Luca PASQUALIN; Ali: Enrico CAZZADOR, Fabio MARETTO, Luca NEGRATO, Dimitri ZARA, Enrico ZORZAN; Centri: Francesco DAZZI, Filippo RAMPAZZO, Andrea ROSSI; Mediani di apertura: Dario ZANATO; Mediani di mischia: Nicola BUSATO, Davide TOFFOLO, Carlo VOLPATO; Terze linee: Enrico ALBERTINI, Gianni BANZATO, Davide COMELATO, Stefano GHINASSI, Luca DE ROSA, Denis MENEGHELLO, Antonio PASQUALETTO, Gianluca PEROSIN, Stefano RICCARDI, Filippo RIGHETTO, Giampietro VOLPATO; Seconde linee: Simone STOCCO, Lorenzo SUZZI, Andrea ZABBEO; Tallonatori: Marco GERACI, Paolo LAZZARINI, Andrea LEVARATO; Piloni: Matteo BALDAN, Attilio CACCIN, Sebastiano CHIZZALI, Roberto GIORATO, Luigi LAZZAROTTO, Marco PESCE, Andrea TONELLOTTO

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl