EDITORIA, ARCIGAY CONTRO TITOLO LIBERO: "INSINUAZIONE BECERA, NON INFORMAZIONE. COSì SI SOLLETICA L'ODIO TRA LE PERSONE"

23/gen/2019 12:42:12 Arcigay Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
EDITORIA, ARCIGAY CONTRO TITOLO LIBERO: "INSINUAZIONE BECERA, NON INFORMAZIONE. COSì SI SOLLETICA L'ODIO TRA LE PERSONE"
Bologna, 23 gennaio 2019 - "Nel titolo di prima pagina con cui il quotidiano Libero è uscito in edicola questa mattina, c'è il tentativo becero di insinuare un legame tra due fenomeni, il calo del Pil e l'aumento della visibilità delle persone lgbti, che evidentemente non hanno alcun rapporto diretto di causa effetto": lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay. Che prosegue: "Già soltanto parlare di aumento degli omosessuali significa fraintendere l'informazione che Libero stesso pubblica a pagina 3, nell'articolo a firma della giornalista Giovanna Cavalli, dove si  parla correttamente di aumento della visibilità (e non del numero) delle persone lgbti,  riportando con precisione dati e analisi assolutamente rispettabili, che scattano una fotografia interessante del nostro presente. Ma a costo di squalificare il lavoro degli stessi colleghi, il direttore ha scelto di puntare, nel titolo in prima pagina, sull'ambiguità e di insinuare ciò che l'articolo non dice mai e che è impossibile anche solo tratteggiare. Nel farlo, chissà se se ne rende conto, oltre a dire una falsità, crea un retropensiero, ammicca a un rapporto di causalità assolutamente strampalato (saranno i gay a far calare il Pil? O le crisi economiche rendono le persone omosessuali? O i gay speculano sulle crisi economiche?) e istiga all'odio, perché qualsiasi lettura si dia di quel titolo, il sapore che resta è sempre amaro. Libero, d'altronde, usa metodicamente l'hate speech come titolo sensazionalistico: lo ha fatto contro i migranti, i musulmani, le donne, le persone lgbti. Tuttavia, proprio perché a questi titoli corrisponde evidentemente una strategia, non siamo disposti a tollerarli né tantomeno a normalizzarli. Per questo, invieremo oggi stesso un esposto al Consiglio di disciplina dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia affinché intervenga", conclude Piazzoni.


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  ( 338.1350946)


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl