Gli elementi della comprensione di L. Ron Hubbard

22/giu/2020 21:18:56 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ecco come L. Ron Hubbard definisce la Comprensione: la Comprensione è il risultato della Comunicazione, Affinità e Realtà. Le definizioni corrette di questi tre elementi sono le seguenti:

Comunicazione consiste nell’interscambio d’idee o di particelle tra due punti. Più precisamente, la definizione di comunicazione è: causa, distanza, effetto con intenzione e attenzione, e una duplicazione al punto effetto di ciò che viene emanato dalla causa.

Realtà consiste nel grado di accordo conseguito dai due estremi di una linea di comunicazione. In sostanza, si tratta del grado di duplicazione raggiunto tra causa ed effetto. Ciò che è reale, lo è semplicemente perché lo si è concordato e per nessun’altra ragione.

Affinità consiste nella distanza relativa e nella similitudine dei due estremi di una linea di comunicazione. L’affinità ha in sé una connotazione di massa. La parola stessa implica che la massima affinità possibile corrisponde all’occupare lo stesso spazio e ciò è stato dimostrato tramite esperimento. Laddove le cose non occupano lo stesso spazio, la loro affinità viene descritta dalla distanza relativa e dal grado di duplicazione.

Affinità, realtà e comunicazione formano un triangolo interdipendente. Osservando con attenzione, è facile scoprire che l’individuo non riesce a comunicare in assenza di realtà e di affinità. Inoltre, non può avere realtà su qualcosa con la quale non può comunicare e per la quale non prova alcuna affinità. In modo simile, non nutre affinità di sorta per qualcosa sulla quale non ha realtà e con la quale non può comunicare. Ancora più strettamente, non sente affinità per quelle cose sulle quali non dispone di realtà e a proposito delle quali non può comunicare; inoltre gli manca realtà sulle cose per le quali non nutre alcuna affinità e a proposito delle quali non può comunicare; infine non può comunicare in merito a cose che per lui non hanno realtà e per le quali non prova affinità.

Un esempio eloquente è la collera. Quando una persona è incollerita con qualcuno, essa non gli comunica ciò che deve dirgli. E ancor più crudamente, il modo più veloce di interrompere la comunicazione con un’automobile consiste nello smettere di provare la benché minima affinità per essa e nel rifiutarsi di avere una qualsiasi realtà in merito ad essa.

La vita, al suo stadio più alto, è Comprensione. La vita nei suoi stati più bassi si trova a un livello di comprensione inferiore e laddove cessa di agire e giunge a quella che potremmo definire incapacità totale, non vi è più alcuna comprensione.

In Scientology abbiamo molto a che fare con il soggetto chiamato comprensione. 

Gli elementi di questi principi sono dettagliatamente descritti nel Manuale dei I ministri volontari di Scientology disponibili al sito: www.ministrovolontario.it.  

Allo stesso sito son stati realizzati dei filmati che rendono ulteriormente comprensibili questi principi applicati alla vita, e c’è la possibilità di iscriversi al corso gratuito on line Le componenti della comprensione direttamente da casa.

Un piccolo consiglio per te in questo periodo di pandemia, consulta l’opuscolo Come mantenere te stesso e gli altri in buona salute al sito www.scientology.it/staywell

 

 

 


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl