Il No alla droga condiviso da tutti i cittadini di UTA

03/lug/2019 10:22:39 CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Non li ferma più nessuno i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology che da mesi stanno portando il messaggio di vivere liberi dalla droga nei centri periferici della Città Metropolitana. Nelle ultime settimane le attenzioni dei volontari è rivolta a Uta dove sono ben conosciuti dalla popolazione e dai commercianti.

In periferia o in centro, nelle grandi città come nelle frazioni e borgate la diffusione del problema droga non conosce ostacoli. Chi pensasse che i piccoli centri ne siano immuni sta prendendo un grosso granchio, perchè spacciatori senza scrupoli sono continuamente in agguato per riempire le noiose serate di ragazzi annoiati, vuoi per la penuria di circoli culturali e di aggregazione, vuoi per la mancanza di creatività che assale molti giovani spesso dipendenti dai cellulari e smartphone rendendoli perennemente insoddisfatti e alla ricerca di nuove esperienze.

Situazioni che i pusher conoscono molto bene trovandosi sempre pronti nel momento “giusto e nel posto giusto” per “aiutare” i ragazzi in difficoltà con le loro droghe miracolose e risolutrici. Una corsa contro il tempo, quella dei volontari, per arrivare dai giovani con “la verità sulla droga”, prima che gli spacciatori arrivino con le loro menzogne.

Dopo la positiva esperienza delle scorse settimane che ha visto buona parte dei commercianti coinvolti nella distribuzione dei libretti “La verità sulla droga”, martedì 2 luglio i volontari i volontari hanno distribuito gli opuscoli che illustrano gli effetti devastanti dell’alcol e della marijuana, due droghe molto facilmente reperibili e alla portata di tutte le tasche, che i ragazzi “provano” sin dagli anni dell’adolescenza, con effetti devastanti sul loro sviluppo fisico e celebrale.

Continua, quindi, il lavoro dei volontari nelle case e nei negozi di Uta, per divulgare il messaggio che vivere liberi dalla droga è l’unico modo per poter assaporare le gioie della vita ed essere padroni e artefici del proprio futuro. Infatti, come scriveva il filosofo L. Ron Hubbard, “le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere”.

Info: www.noalladroga.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl