newsletter Arca 2000 - autunno

Allegati

15/ott/2017 20:59:22 arca2000 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

agnello2castelf.jpg

Arca 2000 diritti dell’animale malato – autunno 2017 – appelli, proteste, mail bombing in aiuto dei nostri amici animali

 

Vergogna a Castelfidardo (An) Salviamo l’agnello messo in palio come premio.

 

Cari amici vi chiediamo 5 minuti del vostro tempo per sottoscrivere questa mail bombing a seguito di segnalazione di una cittadina che ci ha fatto conoscere questo ennesimo triste e squallido episodio di maltrattamento di animali accompagnato dal lassismo delle autorità preposte:

 

Per l’agnello di Castelfidardo (An) messo in palio come premio, il 17 settembre, alla Festa della Crocetta (promossa dalla Curia), malgrado l’esistenza di un regolamento comunale che vieta l’utilizzo di animali come premi e vincite. La “stima dell’agnello” così viene chiamato il gioco consiste nello stimare il peso dell’agnello specificando chilogrammi ed ettogrammi. La pesata viene effettuata alle 22.30 circa. Chi vince prende l’agnello e non altro premio sostitutivo. In caso di più vincitori questi devono accordarsi sulla suddivisione del premio entro mezz’ora dalla fine del gioco”  

Praticamente l’agnello può essere anche suddiviso, come se fosse un pezzo di pane!

Vogliamo ricordare al Sindaco, alla Polizia Municipale e alle autorità preposte ai controlli che gli animali non sono oggetti? E perché i vigili presenti a questa festa non hanno fatto rispettare il regolamento comunale per il benessere degli animali? E chi ha dato il permesso per svolgere tale abominevole gioco in barba a leggi e regolamenti?

castelfidardoagnello1.jpg

 

FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE:

inviare il SOTTOSTANTE messaggio (copia e incolla in verde) ai seguenti indirizzi:

sindaco@comune.castelfidardo.an.it; centrale.pm@comune.castelfidardo.an.it; rominacalvani@comune.castelfidardo.an.it; curia@diocesi.ancona.it;

cc: cronaca@corriereadriatico.it ; redazioneweb@corriereadriatico.it; tg.marche@rai.it; dillo@dissapore.com; arcanimali@alice.it; ansa.marche@ansa.it;

 

oggetto: Stop alla stima dell’agnello

 

Spett. Organi in intestazione, siamo venuti a sapere che a Castelfidardo (An) il 17 settembre scorso si è svolto un gioco chiamato “Stima dell’agnello” promosso dal comitato “Crocetta in festa”. Leggiamo nel regolamento che un agnellino viene dato in premio a chi riuscirà a stimare il suo peso. “La pesata avviene alle ore 10.30 e se i vincitori saranno diversi il premio sarà suddiviso”

Facciamo presente che i giochi con premi di animali vivi sono proibiti e vietati dal regolamento per il benessere degli animali deliberato dal Comune di Castelfidardo che recita:  Art. 14 “Divieto di offrire animali in premio e vincita”

1. E’ fatto assoluto divieto su tutto il territorio comunale di offrire animali, sia cuccioli che adulti, in premio o vincita di giochi.

2. Nei confronti dei soggetti che contravvengono alla suddetta disposizione, viene disposta la chiusura o la sospensione dell’attività per l’intera giornata, oltre all’applicazione della sanzione amministrativa di cui al presente regolamento.

Inoltre, gli animali condotti da altri comuni ai mercati, alle fiere ed alle esposizioni devono essere scortati dalla dichiarazione di provenienza prevista dall'art. 31 del presente regolamento, eventualmente integrata dall'attestazione sanitaria di cui al successivo art. 32.(Regolamento di Polizia Veterinaria).

      Malgrado i molteplici regolamenti e divieti, succitati, non ci risulta che il gioco sia stato sospeso o chiuso, e ci chiediamo come mai.

Pertanto invitiamo il Sindaco e la Polizia Municipale a far rispettare  la legge onde evitare il ripetersi di manifestazioni aberranti e diseducative degne del più barbaro medioevo, dove gli animali sono trattati alla stregua di oggetti.

Le associazioni animaliste e zoofile si impegnano fin da ora a vigilare su ogni futura violazione di legge per denunciarla presso la competente autorità giudiziaria. Fermo restando che la stessa autorità comunale, che ha deliberato il regolamento per il benessere degli animali, deve accertare le relative violazioni e comminare le previste  sanzioni.

 

Nome e cognome

Città

Associazione Arca 2000 diritti dell’animale malato

S.Benedetto del Tronto (Ap)

www.arca2000.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl