[IN] GIUSTO PROCESSO (CONVEGNO CONTRO IL PROCESSO INDIZIARIO) C/O REGIONE BASILICATA VIA NIZZA 56 ROMA

09/mar/2015 23:24:24 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

[IN] GIUSTO PROCESSO (CONVEGNO CONTRO IL PROCESSO INDIZIARIO)

 

In questo periodo alcuni eclatanti casi giudiziari (Meredith Kercher, Melania Rea, Elena Ceste, Loris Stival, Yara Gambirasio, Sarah Scazzi, Chiara Poggi etc.) hanno portato alla ribalta degl'indiziati che continuano, pur arrestati, a proclamare la loro innocenza. La mancanza di prove certe e il fondarsi dei processi su elementi puramente indiziari hanno generato un pullulare in rete e in Face Book di gruppi contrapposti di innocentisti e colpevolisti come dimostra “Chi l’ha visto” con oltre 10.000 iscritti, gestito da Mimmo Leccese. Un vero e proprio cult dove tutti diventano giudici, criminologi, esperti, alimentato dai media cartacei e soprattutto televisivi che dedicano, questi ultimi, il 70 % della loro programmazione alla materia noir.

Il convegno che si terrà a Roma il 14 marzo, presso la Regione Basilicata, tende a verificare la fallacia del processo indiziario dovendo, invece, gl'investigatori mettersi alla ricerca di prove fortissime e incrociate, le quali solo fondano un processo giusto per essere certi di mettere dentro dei sicuri colpevoli e non degl'innocenti.

 

PARTECIPANO AL CONVEGNO

 

MODERATORE

 

DOMENICO LECCESE: geom. Domenico, Presidente Ass. Culturale e Sportiva Borgo Antico Portasalza (Potenza); Funzionario Regione Basilicata

 

 INTERVENTI

 

GENNARO FRANCIONE: giudice drammaturgo, fondatore di Antiarte ed Eugius (Unione Europea Giudici Scrittori)

SAVERIO FORTUNATO: docente universitario; specialista in Criminologia Clinica: President of CSI: Forensic, UNITED NATIONS Academic Impact Member

FERDINANDO IMPOSIMATO: magistrato, politico, avvocato, docente universitario nonché presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione

PAOLO FRANCESCHETTI: avvocato, saggista, direttore di riviste e docente universitario.

ANTONIETTA MONTANO: avvocato; presidente dell'UNDA- Unione nazionale Donne Avvocati Sezione di Santa Maria Capua Vetere

MARINA BALDI: consulente genetista e responsabile sezione di Genetica Forense del laboratorio Genoma Group - Roma

URSULA FRANCO: medico chirurgo Ricercatrice nel campo della Neurofisiopatologia. Docente di criminologia al Centro Studi e Formazione Psico-Criminologia di Roma.

SIMONE NAVARRA: giornalista, responsabile della cronaca giudiziaria agenzia di stampa Askanews Roma

CHIARA RAI: giornalista, quotidiano IL TEMPO e direttore L'Osservatore d'Italia - quotidiano Indipendente di Informazione

   MASSIMO MANGIAPELO: giornalista, scrittore, direttore WeDo Production Roma.

   ERIKA SANTALUCIA: regista televisiva

 

Nel corso del convegno verrà presentato il libro "TEMI DESNUDA" (VADEMECUM PER CREARE UNA GIUSTIZIA GIUSTA), scritto a più mani da Gennaro Francione, Ferdinando Imposimato e Paolo Franceschetti, con interventi in pre e postfazione di Saverio Fortunato e Antonietta Montano. Casa Editrice Herald di Roma, collana “Settimo Potere”.

L'intervento dei relatori sarà seguito da un ampio dibattito col pubblico.

Secondo la prassi di Francione, giudice drammaturgo che ama spettacolarizzare i convegni, si passerà alla fase 2 col tema QUANDO IN AULA ENTRA LA TV ESCE LA GIUSTIZIA. Verrà trasmesso il cortometraggio ALEA IACTA EST (IL DADO è TRATTO) per la regia di Erika Santalucia su sceneggiatura di Francione, tratta dalla sua opera teatrale I dadi di Temi.

L’accusa infamante ad una madre imputata senza prove certe dell’omicidio del proprio figlioletto di tre anni mette in seria difficoltà il noto giudice Armando Brigliadoca. Costui apre il processo alle telecamere avvalendosi di metodi d’indagine piuttosto estremi, pur di arrivare ad un discutibile verdetto che in primis non rende giustizia alla vittima.

Emblematico caso di malagiustizia e di cattiva tv, dove il cercare un colpevole a tutti i costi e fare audience non lascia spazio alla verità dell’indagine.

Francione afferma che i giudici correttamente applicano il processo indiziario e andrebbero contro la legge se non lo facessero. Il problema di fondo è che il processo indiziario è fallace alla radice e, quindi, il legislatore dovrà eliminarlo in quanto per sua natura crea un ragionevole dubbio sulla colpevolezza dell’imputato, rimanendo da praticare solo il processo per prove fortissime.

Dopo la trasmissione del filmato Francione si trasformerà in presidente di Corte d'Assise assolutamente popolare ed estemporanea per rianalizzare il caso Cogne coi relatori, coi presenti ed emettere il nuovo verdetto col voto di tutti: la Franzoni colpevole, innocente, oppure responsabile ma incapace d'intendere e di volere.

Parteciperanno gli attori del filmato Giuliana Adezio, Alberto Ruocco, Massimo Mirani  e  Monica Porcellato.

Saranno presenti al convegno RTI, televisione che viene direttamente dalla Calabria per interviste e riprese, nonché “Web Radio Colosseum” di Roma.

 

Quando: 14 marzo ore 9,30-18

Dove: Regione Basilicata Via Nizza 56 Roma

 

Per informazioni: 338-6352267     

Mail: leccesedomenico55@gmail.com

Per informazioni ulteriori e aggiornamenti in Face Book

 

[IN] GIUSTO PROCESSO (CONVEGNO CONTRO IL PROCESSO INDIZIARIO)

 

https://www.facebook.com/events/1440157026226152/?fref=ts

 

CONTRO IL PROCESSO INDIZIARIO

 

https://www.facebook.com/groups/100499187072/?fref=ts

 

TEMI DESNUDA (VADEMECUM PER  CREARE UNA GIUSTIZIA GIUSTA)

 

https://www.facebook.com/events/1666599123567708/

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl