Bagnetto al gatto, tutto il necessario

05/set/2017 11.03.53 Grey Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

È risaputo, i gatti (nella maggior parte dei casi) non amano l'acqua e forse è proprio per questo che sono così meticolosi nel pulirsi da soli ogni giorno. Ma da bravi animali domestici, hanno bisogno anche loro di un bagno ogni tanto. Durante la muta per esempio, quando cambiano pelo, oppure perché si nascondo in zone particolarmente sporche e il loro mantello rimane intaccato. Insomma, a seconda dei casi il bagno diventa obbligatorio! Abbiamo scritto una piccola guida sul come provvedere a ciò, quindi ecco come fare il bagnetto al gatto.

 

Bagnetto al gatto, tutto il necessario

Un gatto che esce di casa, magari per andare in giardino, può tornare in condizioni poco rassicuranti. È naturale che se l'animale si macchia il pelo con la terra, la resina degli alberi e altro ancora... non può riaccedere nella abitazione senza un bel "colpo di spugna". Prima di iniziare è bene ricordare che l'abitudine è importantissima. Infatti già quando il gatto è piccolo, dovrebbe cercare di simpatizzare con l'acqua. Quindi sta al padrone a provvedere.Detto questo ecco alcuni suggerimenti utili per il bagnetto al gatto, tutto il necessario:

 

1.      L'acqua non deve essere troppo fredda, come neppure bollente. Una temperatura piacevole renderà questo momento più tranquillo per l'animale. Una regola importante e da collocare al primo posto

 

2.      La bacinella è lo strumento perfetto per il bagnetto accurato del gatto! Questa ovviamente più è spaziosa e meglio si rivelerà. L'animale inoltre deve avere l'impressione che sia un gioco, questo suggerimento semplifica molto le cose. Tuttavia alcuni mici faranno sudare sette camicie lo stesso, prima di giungere alla conclusione del bagno

 

3.      Lo shampoo è un altro oggettino utile e da scegliere con un certo criterio. Quindi indicato per il pelo e il suo colore. Un veterinario saprà cosa consigliare in base all'animale ma comunque per risparmiare un po', è possibile acquistare le cose in un negozio animali online.

 

4.      L'asciugamano è destinato solamente all'uso del gatto. Dunque è bene optare per uno indicato anche che costi un pochino di più di quelli super economici presenti in circolazione. Tanto non si deve lavare tutti i giorni, quindi l'usura è piuttosto relativa sull'oggetto in questione. Solitamente le dimensioni grandi sono quelle più scelte dal pubblico

 

5.      Il pettine e una spazzola sono un'altra carta da usare dopo il bagnetto. Specialmente quando il gatto è a pelo lungo. Le scelte sono le più svariate, tuttavia entrambi se sono di qualità dureranno nel tempo e forniranno dei servizi ottimali

 

6.      Sicuramente il momento più tragico è l'asciugatura indotta dal phon. Nella maggioranza dei casi i gatti (come i cani) non amano affatto il phon. Anche in questo caso è bene abituarli già da cuccioli, in modo che non vi siano problemi in futuro. Alcuni come alternativa fanno uso delle stufette elettriche

 

Da tenere presente che un gatto arrabbiato (o peggio ancora furioso), non è affatto semplice da gestire. Se quest'ultimo è grande e non cucciolo, può anche dimostrarsi pericoloso o comunque una lotta senza tregue. Quindi tutti i possessori di felini dovrebbero abituare l'animale all'acqua, in caso contrario può essere una penitenza il bagnetto per il micio.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl