La fatturazione elettronica è alle porte: cosa cambia e come adeguarsi

22/giu/2018 13:55:22 Redaclem Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mancano meno di 15 giorni, poi la fatturazione elettronica diventerà realtà. I primi a doverla adoperare in maniera obbligatoria dall’1 luglio 2018 sono gli operatori del settore dei subappalti pubblici e della filiera dei carburanti. Successivamente, dal 1° gennaio 2019, dovranno adeguarsi tutte le imprese, i commercianti e i professionistisiaper le operazioni B2B che B2C effettuate nei confronti di altri titolari di partita IVA. 

Tema che è stato affrontato oggi a Savigliano da Sme.UP, gruppo specializzato nella risoluzione delle complessità del business moderno, da sempre pioniere in fatto di cultura dell’innovazione. L’evento è stato organizzato con il Centro Sviluppo Sistemi S.r.l., realtà che è stata recentemente acquisita del gruppo guidato da Silvano Lancini, entrando in particolare a far parte di Ages SRL, azienda controllata dal Gruppo Sme.UP al 100%, e si è rivolto ai clienti storici dell’azienda cuneese, punto di riferimento nel garantire assistenza e supporto alle imprese che intendono costruire sistemi informativi integrati e adatti alla crescita. 

«Entrando nell’universo Sme.UP– dichiara Bruno Rimonda di CSS– abbiamo creato valore aggiunto in un’ottica di continuità e territorialità, beneficiando a 360° della competenza del Gruppo nel settore applicativo e tecnologico. Abbiamo garantito così continuità di lavoro e supporto a tutti i clienti, mantenendo uno stretto legame con la nostra area di appartenenza, Cuneo. E i plus sono evidenti in diversi ambiti, anche per la fatturazione elettronica: iclienti che utilizzano la soluzione applicativa Firm@, infatti, potranno adeguarsi all’obbligo della nuova fatturazione supportati dalle risorse di CSS – Gruppo Sme.UP unite».

Ma cosa è la Fatturazione Elettronica? «È un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che consente di fare a meno del supporto cartaceo e dei relativi costi di stampa, spedizione e conservazione. Ma per poterlo utilizzare è fondamentale adeguarsi rapidamente, modificando i sistemi informatici in uso e i processi collegati alla realizzazione di ogni transazione commerciale. Insomma, è necessario un vero e prorpio cambiamento della cultura aziendale» – ha spiegato Simona Bonomi, Product Manager AFC Gruppo Sme.UP.

In questo processo sono coinvolte sia la direzione generale che l’area amministrativa. Le modifiche procedurali apportate dalla fatturazione elettronica, infatti, sono tantissime. Per correggere una fattura sbagliata, ad esempio, sarà necessario emettere un nuovo documento, ed è bene, dunque, essere preparati. Il Gruppo Sme.UP mette a disposizione un servizio accreditatoche consente di gestire tutte le fasi di invio e ricezione delle fatture in modalità digitale da e verso aziende private e verso la Pubblica Amministrazione, di archiviare le fatture XML in un’unica piattaforma integrabile ai gestionali in uso, di organizzarle, di firmarle e trasmetterle gestendo le ricevute/notifiche. Con il servizio si potrà anche ricevere le fatture XML e inviare notifiche di accettazione/rifiuto, portare in conservazione a norma le fatture, ricercare e consultare le fatture emesse e corredate dai messaggi e notifiche del SdI, da qualsiasi device mobile. Il tutto, riducendo notevolmente gli archivi cartacei, avendo sempre a portata di mano documenti e fatture e adottando una modalità di business sempre più integrata, smart ed efficiente. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl