Il trattamento anticorrosione per metalli più resistenti e durevoli

02/ott/2018 16:34:29 Zenzero Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Anche se in apparenza possono sembrare durissimi e resistenti, molti metalli in realtà possono andare incontro a deterioramenti col passare del tempo. Ciò avviene soprattutto quando sono esposti alle intemperie oppure a contatto con spray marino, sostanze aggressive o altre condizioni ambientali “difficili”.

Ringhiera arrugginitaEd è così che un manufatto in acciaio, o di un altro metallo o lega, può essere colpito da fenomeni corrosivi che prima sono solo delle semplici macchie ma che, via via, si allargano fino ad arrivare a interessare l’intero oggetto. Queste alterazioni non solamente compromettono l’estetica del materiale, ma possono anche arrivare a intaccarne la solidità e la resistenza strutturale: occorre perciò correre ai ripari.

Come? Esistono trattamenti che possono essere effettuati in caso di emergenza per mezzo di prodotti da stendere o spruzzare sul materiale in questione, anche se la prevenzione rimane di gran lunga l’arma più efficace e, a conti fatti, conveniente dal punto di vista economico.

Per farlo si può ricorrere a un trattamento anticorrosione sui metalli che, per loro natura, possono cadere vittime di arrugginimento e altri problemi, impiegando appositi sigillanti per uso industriale (es. R68, R100 o Q100, che differiscono in termini di caratteristiche chimiche e di campi di applicazione) che vanno a creare una barriera fra il metallo stesso e tutto ciò che si trova all’esterno.

Per mezzo di questo “scudo” anticorrosivo i metalli potranno durare più a lungo e risulteranno protetti dalle alterazioni superficiali: un ottimo investimento che conviene per le più diverse tipologie di oggetti in metallo, dalla minuteria ai manufatti di grandi dimensioni.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl