Nastro adesivo PVC o PPL, qual è meglio?

18/lug/2019 17:43:06 marketing-seo.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Oggi siamo abituati a usare il nastro adesivo per gli imballaggi sia grandi che piccoli, può essere adesivo solo da un lato o da entrambi, in quest’ultimo caso si dice nastro bioadesivo.

Viene utilizzato anche per incollare oggetti tra di loro sia temporaneamente che in modo permanente, ma chi ha inventato il nastro adesivo?

Comunemente viene chiamato scotch, il primo fu inventato da Richard Drew, ricercatore della 3M che lo mise in commercio nel 1930 per poi arrivare in Europa sette anni dopo, si tratta di un nastro realizzato in plastica su cui viene applicata una sostanza adesiva.

In commercio, esistono tanti tipi di nastro adesivo, tra quelli più venduti ci sono i nastri realizzati in PVC e in PPL, ma quali sono migliori?

Prima di capire qual è la migliore soluzione in base alle tue esigenze di imballaggio, ti spiegheremo le differenze e le caratteristiche dei due materiali utilizzati per il nastro adesivo.

Tipologie di nastro adesivo

Le tipologie di nastro adesivo si distinguono per il tipo di supporto usato e per il tipo di colla, la più versatile è quella in gomma naturale, che è anche più appiccicosa.

Ci sono altri tipi di colla come quella acrilica, che è ideale per utilizzi a lungo termine, mentre la hot melt è perfetta per le nastratrici automatiche.

Se per il tuo imballaggio hai bisogno di uno stendinastro con misura 5 cm per 66 metri, puoi scegliere tra:

-          Nastro adesivo PVC (polivinilcloruro)

-          Nastro adesivo PPL (polipropilene)

Nastro adesivo in PVC

Questo tipo di nastro è realizzato in gomma naturale, è molto più rigido e spesso del PPL, si spezza facilmente con le mani senza bisogno di dover utilizzare qualcosa di tagliente ed è molto silenzioso nello srotolamento.

Nastro adesivo PPL

Questo tipo di nastro è realizzato in gomma naturale, è più economico ma rumoroso allo srotolamento, può essere tagliato con una lama o con uno stendinastro.

Quale nastro adesivo scegliere per il tuo imballaggio?

Sei molto indeciso su quale tipo di nastro adesivo scegliere per il tuo imballaggio? Il nastro adesivo pvc è adatto in ogni tipo di situazione e si attacca su tutti i materiali, per questo motivo è anche più costoso rispetto al PPL, si consiglia di sceglierlo se si lavora in fretta, su materiali difficili o posizioni scomode.

Il nastro adesivo in PPL è elastico, una volta allungato nella fase di applicazione, poi torna alla sua lunghezza originaria, in questo movimento le alette del nastro vengono tirate e le molecole di colla delle alette distaccate dalla scatola, si consiglia di applicare questo tipo di nastro con molta attenzione.

Se l’applicazione del nastro adesivo PPL non avviene nel modo giusto, c’è il rischio che l’imballaggio non si chiuda alla perfezione o che durante il viaggio e i vari spostamenti, si apra.

Se dobbiamo consigliare un tipo di nastro adesivo, ti suggeriamo il nastro adesivo PVC, decisamente migliore in fatto di qualità e di tenuta.  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl