Comunicato Stampa: LE FRAGOLE BIOLOGICHE ITALIANE DEGUSTATE COME IL VINO CON IL PROGETTO MADE IN NATURE DI CSOITALY AL MACFRUT

Allegati

16/mag/2019 15:21:54 Rp Circuiti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


LE FRAGOLE BIOLOGICHE ITALIANE DEGUSTATE COME IL VINO CON IL PROGETTO MADE IN NATURE DI CSOITALY AL MACFRUT 

 

Continuano le azioni di comunicazione del Progetto Made in Nature: Scopri i valori del biologico europeo per far conoscere le eccellenze dell’ortofrutta biologica italiana.

 

Ferrara, 16/05/2019

 

Il progetto Made in Nature, finanziato dall’Unione Europea e coordinato da CSO Italy, ha presentato a Macfrut un nuovo format di comunicazione per i giornalisti ed esperti nell’ambito dell’azione di Press Lunch prevista tra le attività del triennio promozionale.

Si è scelto di focalizzare l’attenzione sul prodotto fragola per stagionalità e appeal sul consumatore. I giornalisti presenti sono stati coinvolti in un panel test sensoriale per valutare tutti gli aspetti gustativi delle 5 varietà di fragole bio messe a confronto.

Le varietà in valutazione sensoriale sono state: Sibilla, Brilla, Nandi, Premy e Melissa.

Cinque varietà con caratteristiche differenti, coltivate in Veneto, Emilia Romagna e Basilicata.

Dopo la presentazione degli obiettivi del progetto i partecipanti hanno compilato un modulo di valutazione in cui si sono giudicate le differenti caratteristiche dal punto di vista visivo (colore, grandezza), olfattivo (profumo), gustativo (intensità e persistenza, consistenza della polpa, equilibrio degli acidi e degli zuccheri). Il voto finale espresso in sessantesimi ha visto una preferenza dei partecipanti nei confronti di Premy seguita da Nandi, Melissa, Sibilla e Brilla.

Al di là del giudizio finale è interessante valutare le performance delle varietà per i diversi aspetti sensoriali presi in esame: le più belle visivamente e le più profumate sono risultate Premy e Sibilla;

Al di là della valutazione sensoriale, con l’occasione, è stato possibile affrontare approfonditamente il tema del biologico in chiave produttiva, grazie anche alla presenza di un produttore ed un tecnico di campo.

Ascoltare l’esperienza diretta del produttore di Premy e Sibilla, dell’agricoltore veronese Gaetano Zenti fornitore di Brio,  è stato importante e significativo per mettere in evidenza la complessità della produzione biologica che non opera a compartimenti stagni, in azienda, ma valuta nel suo insieme il processo produttivo, dal momento dell’impianto fino alla raccolta.

Il biologico è un metodo produttivo che parte dalla scelta del terreno in cui realizzare l’impianto e nel quale si opera preventivamente una pratica restitutiva di sostanza organica tramite sovescio. La scelta delle piante di fragole, il diserbo meccanico, l’esposizione del terreno sono tutti elementi chiave per ottenere una produzione sana e di qualità considerando soprattutto che la produzione biologica vieta l’uso di qualsiasi tipo di sostanza chimica di sintesi per difesa, concimazione o diserbo.

Le fragole protagoniste della degustazione sono state una occasione per raccontare valori del biologico che non sempre sono comunicati.

I protagonisti del progetto Made in Nature sono intervenuti raccontando gli obiettivi del triennio di attività progettuale con Daniela Ballatore, commerciale estero di RK Growers che ha evidenziato l’impegno di RK su tutto il paniere produttivo piemontese specializzato in produzione biologica e biodinamica, con particolare attenzione a mele, kiwi, piccoli frutti e drupacee.

 

Luca Zocca, Consulente di Marketing di Brio Spa, ha messo in evidenza l’importanza di raggiungere con il progetto il mercato tedesco, francese e italiano con prodotti disponibili per tutta la stagione e con tutti i valori della produzione italiana oggi leader in Europa.

Angelica Batani di Canova del Gruppo Apofruit ha messo in evidenza le attività del progetto che saranno realizzate all’interno delle Isole Almaverde Bio. Già con le fragole è stato possibile attivare promozioni sul prodotto di grande impatto sui consumatori.

Massimo Perotto, Responsabile Commerciale di Lagnasco Group, ha sottolineato l’importanza di una azione comune sul biologico che grazie a Made in Nature offrirà spazio di comunicazione per il triennio prossimo ai prodotti biologici di Lagnasco Group che sono principalmente mele e kiwi ma anche mirtilli.  Infine Antonio Cogo, Direttore di Veritas Biofrutta del Gruppo Mazzoni, ha presentato le attività del Gruppo soprattutto sul mercato estero dove hanno riscontrato un buon apprezzamento del format di progetto. 

Made In Nature proseguirà le iniziative di comunicazione con attività di promozione nella GDO, workshop e incontri b2b con i buyers, attività di comunicazione social e comunicazione pubblicitaria.

Il Progetto sarà attivo fino a gennaio 2022.


Da questo link è possibile scaricare le foto HD dell'evento

https://we.tl/t-BWIJjxVLIf

 

www.madeinnature.org

https://www.facebook.com/madeinnatureeu/


Ufficio Stampa Made in Nature

Alessandra Ravaioli

RP Circuiti Multimedia sas

Via Guerrazzi,1

Bologna

cell 3485241954

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl