Alla C. A. della Procura della Repubblica di Prato Denuncio l'odontotecnico Elenco nominativi in allegato pagine 143, per attentato alla salute pubblica e violazione dei diritti di informazione in materia sanitaria, nonché per elusione delle leggi vigenti in ambito della normativa europea per la tutela della salute in campo protesico dentale a danno dell'ignaro Paziente fruitore.

30/lug/2019 15:49:51 Rosario Muto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Alla C. A. della Procura della Repubblica di Prato

Denuncio l'odontotecnico Elenco nominativi in allegato pagine 143, per attentato alla salute pubblica e violazione dei diritti di informazione in materia sanitaria, nonché per elusione delle leggi vigenti in ambito della normativa europea per la tutela della salute in campo protesico dentale a danno dell'ignaro Paziente fruitore.
Tutto in relazione alla incompetenza professionale dell'operatore odontoiatra con cui “prescrive” il tipo di manufatto, in base a pressioni truffaldine e collusive da parte delle aziende produttrici e distributrici dei materiali per la costruzione dei manufatti stessi, in base a rapporti clientelari dei centri stessi dove certificano i materiali stessi.

La normativa EU è chiara e indica precise linee guida, gli odontotecnici eludono tutto, stiamo parlando di impiego di materiali tossici altamente pericolosi cancerogeni e radioattivi.

Per cui la tossicità dei materiali cui sono sempre prodotti chimici altamente pericolosi, da manipolare sempre e solo con le dovute precauzioni ma dopo la manipolazione per la costruzione del suddetto dispositivo protesico l'odontotecnico deve assumersi le responsabilità della propria innocuità.
Le regole comunitarie CE93/42, le linee guide sono abbastanza chiare e impongono l’uso di materiali certificati, marchiati CE ma in associato ogni materiale deve essere accompagnato da una scheda tecnica e di una di sicurezza.

L’odontotecnico dopo aver manipolato, trasformato i materiali per costruire i propri dispositivi protesici dentali deve garantire la propria bontà tecnica e di bio qualità, di non citotossica a favore della l’incolumità, deve rilasciare il detto certificato di conformità! Come fa l'odontotecnico ad assicurare la veridicità di non cito tossicità o come lo può fare visto che non solo non ha le competenze e ne gli strumenti, e non ha nessun tipo di accredito presso le istituzioni competenti ?
Esistono dei centri di sperimentazione accredidati proprio per la valutazione di ricerca biologica cito tossicità e di dati di controllo per la valutazione e per garantire non solo la operatività ma anche e soprattutto come indica la normativa, la tutela della salute del consumatore. Al momento tutti i laboratori di produzione artigianale odontotecnica immettono sul mercato attraverso gli odontoiatri, loro clienti, consapevoli di tutti il malaffare, dispositivi protesici tossici cancerogeni con dichiarazioni false, certificato di conformità falso e non solo, violando, discriminando la salute del cittadino e anche tutto quelle leggi in relazione alla consapevolezza e trasparenza per cui la conoscenza è un diritto.
Cordialmente C.T.U. Rosario Muto Via Dell’Alberaccio 69/f – 59100 –Prato
Tel. 0574 635856 cell. 338 9302983

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl