Comunicato da Giovani Acli Benevento - "II Forum Europeo Una vita per..."

Nella giornata di sabato si è discusso sì è

Allegati

04/ott/2005 01:34:45 assgentedel2000 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

BENEVENTO

 

 

Si è concluso con successo domenica 2 ottobre il Forum Europeo 2005 “UNA VITA PER…” organizzato dai “Giovani Delle Acli” di Benevento. Durante i 4 giorni dell’iniziativa, i giovani provenienti da tutta Italia hanno discusso di partecipazione alla politica, pace e università.

Durante l’incontro tenutosi con l’Assessore alla Politiche Giovanili del Comune di Benevento Nazzareno Orlando, sì è discusso della partecipazione dei giovani alla politica, intesa come vivere essere protagonisti della società. L’errore commesso negli anni da entrambi gli schieramenti è quello di non aver fatto crescere una nuova classe dirigente con nuove idee. L’educazione alla politica non deve essere esclusiva competenza degli adulti, ma anche dei giovani. Spesso i giovani vengono considerati il futuro, in realtà sono il presente. Oggi i giovani hanno il compito di essere critici con il presente per migliorarlo. E’ necessario che ci sia più dialogo tra associazioni e mondo politico, continuando a tenere i ruoli distinti.

Nella giornata di sabato si è discusso sì è affrontato il tema della Pace con la Tavola Rotonda “Una vita per…creare la Pace”, con testimonianze dal mondo di coloro che hanno prestato volontariato all’estero per le missioni di pace. Presenti alla Tavola: Soana Tortora (Responsabile Progetto Pace Acli), Alfredo Cucciniello (Presidente Nazionale US ACLI), Eleonora Cavallaro (Presidente Regionale Acli), Sergio Tanga (Presidente Acli Benevento) on. Rosa D'Amelio (Assessore Regione Campania alle politiche sociali, politiche giovanili), Dr. Luigi Bellini (medico volontario in Madagascar e presidente dell’associazione NEXT Onlus di Benevento) e Agnese Ginocchio (cantautrice per la pace). Durante il confronto, si è parlato della pace come un obiettivo in cui credere e lottare e, però, è necessario che ci sia una partecipazione anche delle istituzioni, da quelle internazionali a quelle più vicino al cittadino, e i cittadini devono partecipare per il raggiungimento della pace. Grazie alla testimonianza del Dr. Luigi Bellini, si è appreso una realtà in cui le strutture ospedaliere erano totalmente assenti e solo grazie al suo impegno e quello di privati cittadini, ma soprattutto di operai del luogo, oggi in Madagascar c’è un ospedale attrezzato. Per ottenere la pace bisogna impegnarsi in prima persona e avere un dialogo aperto con chi ha una cultura diversa dalla nostra e trovare punti che ci accomunano.

Nella giornata di chiusura del Forum, i giovani hanno avuto un incontro con Don Bruno Stenco, Direttore Ufficio Scuola e Università della CEI, in cui sì è discusso e approfondito il tema del rapporto tra giovani e università. E’ importante che le Università diffondano il sapere non solo per il mero scopo di formare per il lavoro, ma soprattutto deve avere la valenza di crescita umana. Bisogna diffondere una cultura in cui al centro della vita universitaria ci sia lo studente e che possa trovare un dialogo e un punto di riferimento nell’Università e sentirsi parte attiva di una comunità incentrata sulla valenza sociale del sapere. Bisogna esprimere ed evidenziare un’idea possibile di Università che, a fronte di una condizione attuale dell’ambiente accademico, è segnata dall’individualismo relazionale, dalla solitudine e dalla frammentazione specialistica dei saperi, e si devono indicare percorsi possibili e concretamente promuovere la speranza di realizzare l’Università come autentica comunità di studio e ricerca. Si deve diffondere ciò che è alla base dell’esperienza del sapere e cioè la sua interiore motivazione: la passione gratuita, la spiritualità motivata. La persona deve essere posta la centro della vita accademica e soffermarsi sullo studente e durante tutta la sua vita universitaria: dall’inizio del percorso universitario, da quello triennale, dal biennio specialistico, a chi cerca lavoro, fino a cosa fa il ricercatore. L’Assemblea nazionale di G. A. ha nominato la giovane sannita Manuela Fini nel gruppo di formazione nazionale mentre Giampiero Mucci è stato nominato membro del consiglio regionale delle Acli dalla segreteria regionale. Domenica alla conclusione dei lavori l’accompagnatore spirituale delle ACLI don Giancarlo D’Ambrosio e don Bruno Stenco hanno concelebrato la S. Messa.

Il Forum Europeo 2005 “UNA VITA PER…” si è concluso con il voler dimostrare che i giovani di oggi non sono indifferenti alla vita della comunità in cui vive e non vuole essere considerato il futuro della società, ma il presente e impegnarsi nel migliorarlo.

 

www.aclibenevento.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl