Nuovamente aperta la mostra collettiva LES FEMMES @GAMeCPisa

19/mag/2020 18:49:45 GAMeC CentroArteModerna Pisa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte

fino al 3 Giugno 2020

a cura di Massimiliano Sbrana

In collaborazione con la Collezione "Archivio d'Arte" del GAMeC CentroArteModerna di Pisa

Artisti presenti : Annigoni Pietro, Arcadi Cristiano, Ballantini Stefano , Bandini Sirio, Benvenuti Riccardo, Berti Alberto , Bonanni Tiziano, Borin Luciano, Bueno Antonio, Buzi Paolo, Cantatore Giuseppe, Ciardi Duprè Amalia , Cerù Daniele , Costanzo Maria Cristina, Fancelli Vincenzo, Faraoni Ernesto, Gentilini Franco, Imperio Donata, Lapadula Angelina, Lupetti Franca, Magoni Bruno, Martini Uliano, Masini Michela, Mattioli Giorgio, Messina Francesco, Messina Franco, Ramacciotti Lisandro , Rossi Fabio, Salvini Germana , Sbrana Giulio, Siri Luca. Vaccarezza Giancarlo Attilio, Valvani Alessandro , Venuti Giovanni, Volpi Alessandro, Zancanaro Tono.


Sede : GAMeC CentroArteModerna Pisa - Lungarno Mediceo, 26 Pisa - www.centroartemoderna.com - tel. +39 3393961536 (Whatapps, Telegram)


__________________________________________________________________

LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte

Da oggi sarà nuovamente aperta (fino al 3 giugno) la mostra collettiva la mostra "LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte", a cura di Massimiliano Sbrana presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa  (sul Lungarno Mediceo al numero 26)  .

La donna da secoli è infatti elemento fondante dell'arte. A partire dalle rappresentazioni e sculture della preistoria la donna è stata rappresentata nelle sue molteplici sfaccettature: donna come madre, donna come santa, donna come diavolo, donna come amante ecc. Una figura femminile dunque che nelle arti figurative, ha ricoperto di volta in volta una veste simbolica diversa nel corso dei secoli, di pari passo con l’evoluzione delle tecniche artistiche e degli stili, con il variare del gusto estetico e, elemento non meno importante, con il diverso modo di concepire il ruolo della donna nella società.
Fin dagli albori della civiltà la figura femminile, quindi, è stata protagonista della storia umana: gli archeologi hanno rinvenuto numerose sculture di divinità femminili, attribuite all'organizzazione delle tribù di stampo patriarcale, dell'era paleolitica. Presso molte antiche civiltà la donna era il perno della società, era depositaria del principio della vita, della fecondità e, come tale veniva rappresentata.
Per il pittore, però, la donna è anzitutto forma. E' il simbolo della figurazione di tutti i tempi, è l'archetipo della dimensione umana, della sua trasparente profondità, del suo glorioso intelletto, della sua perfezione assoluta, sopra ogni altra forma vivente.
E' alla forma della donna che l'artista consegna il giudizio estetico dell'arte. Un artista, inoltre, spesso cerca il suo ideale femminile nel corpo di una donna e lo confronta con le proprie lacune interiori, così da poter definire, attraverso una personale interpretazione, quella metà di sé che vuole trovare nell'oggetto del suo desiderio.

In esposizione le opere di :
Annigoni Pietro, Arcadi Cristiano, Ballantini Stefano , Bandini Sirio, Benvenuti Riccardo, Berti Alberto, Bonanni Tiziano, Borin Luciano, Bueno Antonio, Buzi Paolo, Cantatore Giuseppe, Ciardi Duprè Amalia, Cerù Daniele, Costanzo Maria Cristina, Fancelli Vincenzo, Faraoni Ernesto, Gentilini Franco, Imperio Donata, Lapadula Angelina, Lupetti Franca, Magoni Bruno, Martini Uliano, Masini Michela, Mattioli Giorgio, Messina Francesco, Messina Franco, Ramacciotti Lisandro , Rossi Fabio, Salvini Germana, Sbrana Giulio, Siri Luca, Vaccarezza Giancarlo Attilio, Valvani Alessandro , Venuti Giovanni, Volpi Alessandro, Zancanaro Tono.

Vorremmo però sottolineare che sulla riapertura sono mancate e mancano ad oggi delle linee guide chiare, a testimoniare la invisibilità presso le Istituzioni del nostro specifico comparto. Ricordiamo comunque che il GAMeC di Pisa riapre nel rispetto di tutte le misure sanitarie, che vanno dall’obbligo di indossare la mascherina, alla sanificazione della mani,  al numero limitato di persone presenti in galleria nello stesso momento visto .

La mostra proseguirà fino al 3 giugno 2020. (ingresso libero) preferibilmente su appuntamento al numero +39 3393961536 (Whatsapp , Telegram, Signal) (festivi telefonare) in  orari 10-12,30 (  chiuso Domenica, Festivi e lunedì) .

Ufficio stampa:
Massimiliano Sbrana
mobile +39 3393961536
e-mail mostre@centroartemoderna.com


Si autorizza la pubblicare testi e immagini relativi alla mostra IN OGGETTO. Si dichiara che per le immagini e per i testi contenuti nel predetto comunicato non esistono  VINCOLI SIAE NE' VINCOLI DI ALCUN TIPO. -




--   Il contenuto di questa è strettamente riservato e non divulgabile a terzi se non previa autorizzazione scritta, dal GAMeC CentroArteModerna di Pisa , in caso si riscontrassero usi impropri dei contenuti, divulgazione a terzi ed in particolare manipolazioni della stessa, saremo autorizzati a procedere per vie legali.  Si informa gli utenti che i loro dati personali, dai medesimi direttamente forniti, sono trattati in osservanza dei presupposti e nei limiti stabiliti dal Regolamento UE e dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, così come modificato e integrato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101, recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679". Il GAMeC CentroArteModerna di Pisa  utilizzerà  i dati forniti esclusivamente per l'erogazione del servizio in oggetto.                  GAMeC CentroArteModerna                        Dal 1976 a Pisa            Lungarno Mediceo,26 - 56127 Pisa               MobilePhone +39 3393961536                                  Web          < http://www.CentroArteModerna.com >                                Youtube         < http://www.youtube/CentroArteModerna >                              Facebook        < https://www.facebook.com/gamecpisa >                                Twitter  < https://twitter.com/GAMeCPISA @GAMeCPisa >                              Instagram      < https://www.instagram.com/gamecpisa/ >                            Copyright 1976 - 2020 GAMeC CentroArteModerna  ________________________________________________


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl