SAVE THE DATE | Mariella Bettineschi, Silvia Camporesi, Ekaterina Panikanova @NOESI | Mercoledì 11 dicembre, 19-21

05/dic/2019 12:46:22 z2o Galleria - Sara Zanin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
                                    
   
                                                    

                                  

                                                              
 
 
 
 
z2o Sara Zanin Gallery è lieta di annunciare il secondo appuntamento dell'agenda culturale avviata in collaborazione con NOESI Public Affairs, Lobbying & Communication, diretta da Claudio Sestili. La società è dedicata ai settori delle relazioni istituzionali e della comunicazione politica.

La mostra collettiva riunisce le opere di tre artiste rappresentate dalla Galleria: Mariella Bettineschi, Silvia Camporesi e Ekaterina Panikanova.
Filo conduttore del progetto espositivo è l'equilibrio costantemente rinegoziato tra presenza ed evanescenza fantasmatica, evocazione di ricordi, volti e luoghi vissuti o solamente possibili. Questa oscillazione sottile è indagata dalle tre artiste in mostra attraverso mezzi espressivi e dispositivi visivi eterogenei, declinati secondo il linguaggio fotografico nelle opere di Mariella Bettineschi e Silvia Camporesi e pittorico-scultoreo in quelle di Ekaterina Panikanova.

Le fotografie di Mariella Bettineschi subiscono una rielaborazione concettuale che piega il medium ad una rivisitazione contemporanea, aperta alle sperimentazioni del digitale, per ricondurla infine alla classicità del gesto pittorico, che trova conforto in soggetti cari alla tradizione storico-artistica. Celebre la serie di Ritratti femminili immortalati dai grandi maestri della storia dell'arte che l'artista manipola e ricostruisce in quelle che possono essere definite delle "pitture digitali", duplicandone lo sguardo per riformare l'Altro sguardo, quello rivolto all'Arte, in un'epoca storica di crisi qual è quella che viviamo, che ha bisogno di ridefinire la propria identità. Anche nella serie delle Nature e delle Biblioteche l'oggettività cristallina dell'obiettivo fotografico si annebbia in un bagliore che cancella l'immagine e si fa presenza visiva, materica, di un'idea.

Silvia Camporesi scava nelle possibilità formali del linguaggio fotografico, realizzando scatti in cui il dato oggettivo si compenetra di elementi immaginifici, fino a confondere i propri confini con esso. La trama del reale si ottunde ed apre le sue maglie a una narrazione sospesa e atemporale, che obbliga ad una lettura lenta, progressiva, dell'immagine, ad un suo ripensamento in quanto tale. Come sotto l'effetto dell'increspatura di una superficie d'acqua - non a caso l'elemento acquatico è una presenza ricorsiva nei lavori della Camporesi - le sue opere descrivono con poetica delicatezza il senso della fragilità dell'esistenza e dell'abbandono attraverso la reinterpretazione di luoghi e paesaggi spesso dimenticati. Questa distanza, sorta di velo, che l'artista interpone tra noi e l'oggetto osservato sottolinea e denuncia la responsabilità che abbiamo nei confronti dei luoghi mentali.

Ekaterina Panikanova presenta in mostra delle opere scultoree multimateriche dal carattere assemblativo. La sovrapposizione di elementi e tecniche artistiche rispecchia, a livello processuale, l'affastellamento e la stratificazione della memoria su cui si fondano i suoi lavori. Pile di libri, esplicitamente scelti per la tematica di cui trattano, sono accumulati l'uno sull'altro quali oggetti scultorei, segni grafici e riferimenti culturali. Tra le pieghe delle loro pagine, come tra le pieghe della memoria, si inseriscono delicate sculture in ceramica e porcellana che assumono la forma di centrini, simbolo di una quotidianità domestica fatta di cose semplici e autentiche. Lungi dall'essere superfetazioni spurie, questi innesti rimandano ad una dimensione lontana nel tempo che si frappone con tutta la sua fragilità al presente per risalire il crinale di una memoria collettiva. Questa riflessione è ulteriormente indagata dall'intervento pittorico che l'artista esegue su alcune pagine dei libri.
 
 
 
INFORMAZIONI

Artisti: Mariella Bettineschi, Silvia Camporesi, Ekaterina Panikanova
Opening: Mercoledì 11 dicembre, ore 19.00 - 21.00
Durata mostra:11 Dicembre 2019 > 27 Marzo 2020   
Sede: NOESI Public Affairs, Lobbying & Communication, via dei Due Macelli 48, 00187 Roma


z2o Sara Zanin Gallery - Via della Vetrina 21, 00186 Roma T +39 06 70452261
info@z2ogalleria.it z2ogalleria.it 

Opening Hours: Mon - Fri 1 - 7 pm (Saturday by appointment)  

  

FOLLOW US

  

Like us on Facebook   Follow us on Twitter   View on Instagram  View our profile on LinkedIn  

z2o Galleria Sara Zanin, Via della Vetrina 21, Rome, 00186 Italy
Sent by info@z2ogalleria.it in collaboration with
Constant Contact
Try email marketing for free today!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl