Lovecraft Tales di Mary Ferrara: quando il fantasy si può gustare dal vivo

17/lug/2017 16.21.49 Dafne D. D. Contatta l'autore

Cinema, letteratura e anche videogames: siamo abituati ad associare il genere denominato come "fantasy" (termine ampio che comprende tante opere dell'ultimo secolo) a molti prodotti artistici ma raramente lo abbiamo accostato alla rappresentazione teatrale.

Ad accettare questa sfida è la compagnia di Roma TeatroSenzaTempo che porta in scena domenica 23 luglio - in una stagione teatrale capitolina piuttosto scarsa - la sua proposta interessante con "Lovecraft Tales" presso il Cappella Orsini. La regista e ideatrice Mary Ferrara ha attinto alla letteratura americana dei primi del novecento ed in particolare a quello che si ritiene il "capostipite" del genere Fantasy: Howard Phillips Lovecraft. Poco noto da noi ma famoso più di Edgar Alla Poe in patria, l'autore risulta sorprendentemente attuale e godibile per lo spettatore contemoporaneo e la compagnia è riuscita a dare un'impostazione parzialmente cinematografica - di grande effetto costumi e trucco - alla performace teatrale che rende fruibile lo spettacolo anche ai meno esperti del genere.

"Lovecraft Tales" inoltre è rivolto anche al pubblico straniero che passa a Roma o se vogliamo un modo per allenarsi con l'inglese: variando il cast, infatti, la compagnia rappresenta la commedia in due diversi orari, in lingua italiana e lingua inglese. Alessio Chiodini (Un posto al Sole) e Silvia Magazzù interpretano i protagonisti Alexander e Alice Lee nella la messa in scena in italiano mentre ad affiancare l’attrice per le repliche in inglese è l’attore Andrea Famà.

Il pubblico accompagnerà i due personaggi nell’esplorazione del magico ed inquietante mondo dell’immaginazione attraverso le storie tratte da alcuni racconti frutto del genio dell’orrore, a tratti tinti dalla poesia romantica che ne marcava un suo altro aspetto. Alexander, grazie al diario di Alice, entra nella fervida fantasia della ragazza per trovare l’origine della sua condizione: inizia, così, un viaggio a ritroso che lo porterà verso l’orribile conclusione su quanto gli è accaduto.

«Trovo interessante rivivere da adulti le paure che avevamo da bambini attraverso questo genere di rappresentazione, trasformandole in feticci (forse per sempre). Indagare il genere, oltre che apprezzarlo, mi ha dato la possibilità di pensarlo per il teatro, unendo la narrativa alla drammaturgia attraverso il filo conduttore di un soggetto, senza snaturarli entrambi. Operazione non semplice, considerando i contenuti dei racconti dello scrittore, fantastici, onirici, esploratori del mistero nelle varie forme. Ho ricercato un linguaggio adatto ad una platea formata anche da chi non è conoscitore o amante del genere, trattando il materiale a cui ho attinto come se avessi dovuto proiettare un film» (Mary Ferrara).

Domenica 23 Luglio
Ore 18 (Replica in lingua inglese)
Ore 20 (Replica in lingua italiana)
Centro Studi Cappella Orsini
Via di Grotta Pinta, 21 Roma (Centro Storico)
Costo del biglietto: intero € 15 – ridotto € 10 (più tessera del teatro)
Prenotazione TeatroSenzaTempo: Infoline 366 4538808 -  www.teatrosenzatempo.com
Prossime repliche:
Domenica Agosto: 6 - doppia replica in Inglese ore 18 e ore 20
Domenica Settembre: 9 e 17 – ore 18 replica in Inglese e ore 20 replica in Italiano
Domenica Ottobre: 1 - ore 18 replica in Inglese e ore 20 replica in Italiano
Domenica Ottobre: 15 - doppia replica in Italiano ore 18 e ore 20
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl