Visite a Fidenza alla scoperta di Benedetto Antelami

07/feb/2017 17:44:44 switchup Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Benedetto Antelami: misterioso architetto e sculture italiano vissuto a cavallo tra XII e XIII secolo; poco si conosce di lui e della sua vita, ma è ufficialmente riconosciuto, insieme a Nicola Pisano, come uno degli artisti ad aver diffuso la cultura gotica in Italia, rielaborandola in chiave classica.

 

Proveniente dalla Val d’Intelvi, situata in provincia di Como quasi al confine con la Svizzera, Antelami si è probabilmente formato all’interno della corporazione di lapidici e architetti chiamati magistri antelami (da cui deriverebbe il cognome con il quale è conosciuto).

La sua presenza è certificata solo nell’area di Parma tra XII e XIII secolo, dove firmò nel 1178 la Deposizione della Cattedrale di Santa Maria Assunta e nel 1196 l’architrave del portale nord del Battistero.

 

Fidenza: la Cattedrale è opera dell’Antelami?

Negli anni che intercorrono tra la Deposizione e il Battistero di Parma, Benedetto Antelami è collocato a Fidenza, a pochi chilometri dal capoluogo emiliano. La Cattedrale di Fidenza subì proprio in quegli anni un importante restauro, che ne trasformò la fisionomia interna ed esterna. Vennero infatti aggiunte alla facciata le due torri laterali e gli ingressi furono portati a tre; all’interno invece la cattedrale venne arricchita dalle volte della navata centrale e dalla volta ad ombrello del catino absidale.

Non sappiamo con certezza se le opere di ristrutturazione della chiesa vennero direttamente seguite da Benedetto Antelami o da una scuola di sua derivazione, ma per affinità di stili e di visioni artistiche, i progetti di restauro della Cattedrale di Fidenza possono essere attribuiti senza forzature al genio antelamico.

La Cattedrale di Fidenza è dedicata a San Donnino, patrono della città. Donnino venne ucciso dall’esercito dell’Imperatore Massimiano il 9 ottobre del 299 perché convertitosi al Cristianesimo. Il santo è venerato come fautore di numerosi miracoli e invocato contro il morso di rettili e cani rabbiosi. Sul portone centrale della Cattedrale è presente un prezioso bassorilievo raffigurante la vita del santo; scendendo in basso, nello spazio tra i due portoni minori e il maggiore sono collocate due nicchie con all’interno le statue a tutto tondo dei profeti Ezechiele e Davide; a sorvegliare il portone centrale poi, due maestosi leoni stilofori, simbolo della forza di Dio.

Le visite a Fidenza possono però includere anche altri importanti monumenti: degni di nota sono infatti a che gli scavi di Piazza Grandi e l’antico ponte romano sullo Stirone, Palazzo Omati, le Case Lignee, la torre medievale, il Teatro Municipale “Girolamo Magnani”, la Chiesa di San Giorgio, il Palazzo Comunale e il Palazzo delle Orsoline.

Per conoscere di più sulla Cattedrale di Fidenza e sui monumenti della citta, visitate il sito web: www.cattedralefidenza.it.  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl